Giuseppe Livadoti

Giuseppe Livadoti

Serie A quarta giornata, conquistato dal Crotone il primo punto nella massima serie. Palladino e Falcinelli i migliori.

Tabellino

Crotone               1

Palermo              1

Marcatori: 23° Trotta, 67° Nestoronski

Crotone (3-5-2): Cordaz, Ceccherini, Claiton, Ferrari, Capezzi (Barberis), Rohden, Crisetig, Martella (Sampirisi), Trotta, Falcinelli, Palladino (Stoian). All. Nicola

Palermo (4-3-3): Posavec, Rispoli, Gonzalez, Rajikovic (Goldaniga), Aleesami, Hiljemark, Gazzi, Henrique, Diamanti (Rispoli), Nestoronski, Sallai (Embalo). All. De Zerbi

Arbitro: Domenico Celi di Bari

Coll. Peretti – Gava

Quarto giudice: Carbone

Add. 1 Giacomelli – Add. 2 Abbattista

Ammoniti: Capezzi, Goldaniga

Angoli: 7 a 3 per il Palermo

Recupero: 6 e 2 minuti

Spettatori 510 (70 ospiti), incasso 2100 €

Cronaca.

Non c’è stata la prima vittoria del Crotone contro il Palermo ma è arrivato il primo punto in serie A in seguito ad una buona prestazione. Dopo tre sconfitte consecutive, i punti potevano essere anche tre se in occasione del pareggio dei rosanero ci fosse stata più attenzione nel contendere il pallone ad Alesami nella metà campo. Sul terreno dell’Adriatico Cornacchia di Pescara i pochi spettatori non si sono annoiati, diverse occasioni da gol da parte del Crotone e Palermo. Tra i rossoblù scesi in campo inizialmente mancavano lo squalificato Dussenne, l’esterno Rosi, il centrocampista Salzano sostituiti da Claiton, Trotta, Capezzi (debutto in campionato di quest’ultimo). Un discreto turnover in considerazione della prossima partita ravvicinata (mercoledì 21 settembre) contro la Roma sul terreno dell’Olimpico. Un buon primo tempo come gioco e punteggio a favore dei rossoblù. Centrocampo con la novità Capezzi esterno destro, Grisetig e Rohden frangi flutti, Martella esterno sinistro, Palladino quinto centrocampista sia sulla fascia sinistra, sia al centro, il giocatore finché in campo è stato il migliore in senso assoluto, impegnandosi a tutto campo anche come difensore; Coppia d’attacco Falcinelli, Trotta. Il gol del Crotone è la felice conclusione di un’azione impostata da Palladino per Falcinelli che ha consentito a Trotta (23°) di mettere il pallone dentro (primo gol del giocatore con il Crotone, secondo in serie A). Mister De Zerbi, il tecnico che in estate era sul punto di essere ingaggiato dalla società pitagorica, per questa sua prima panchina in serie A (il turno precedente era squalificato) ha preferito lasciare fuori Goldanica, Jabalo, Embalo ed al loro posto inseriti Nestoronski, Gonzalez, Aleesami. Diamanti l’uomo di punta, Rispoli e Embalo esterni. Si gioca senza particolari tatticismi. Crotone e Palermo si affrontano a viso aperto per conquistare la loro prima vittoria. Diamanti è la punta più pericolosa del Palermo ma non il solo, i pericoli per la porta di Cordaz arrivano anche da Rispoli ed Henrique. Al minuto quarto è Falcinelli che manda alto il pallone. Decimo minuto Diamanti impegna Cordaz ad una difficile parata. Il Crotone è più pimpante ed al diciassettesimo minuto Ferrari da terra impegna il portiere avversario. Il buon momento dei pitagorici si concretizza al 22° minuto con il gol di Trotta. L’azione del momentaneo vantaggio è stata costruita da Palladino e continuata da Falcinelli. Al riposo con il Crotone in vantaggio. Ripresa di marca rossoblù il primo terzo con il trio Palladino, Falcinelli, Trotta. Palermo aggressivo nei minuti successivi ma ben controllato dalla difesa avversaria. La maggiore vivacità dei siciliani si manifesta dopo l’ingresso in campo di Embalo al posto di Diamanti. Il pareggio è subito dal Crotone al minuto 67° e scaturisce da un non controllo di Alesami da parte di due rossoblù. Il palermitano può continuare la sua corsa verso l’area da dove appoggia il pallone per Nestorovski che non ha difficoltà a mettere dentro. Una disattenzione che non consente al Crotone di conquistare la prima vittoria. È un Crotone che dopo quest’ultimo incontro evidenzia di poter competere nel massimo campionato con il ritorno alla migliore forma di Falcinelli, Capezzi, Barberis, Mesbak e la disponibilità di Dussene.      

 

    

Serie A quarta giornata Crotone – Palermo domenica ore 15.00 stadio Adriatico Cornacchia di Pescara. Crotone senza Dussenne squalificato, Claiton il probabile sostituto. Recuperabili Simy e Tonev, sicura l’assenza anche di Mesbak e Rosi.

I convocati rossoblù: Cordaz, Claiton, Festa, Nalini, Palladino, Rohden, Stoian, Barberis, Capezzi, Ceccherini, Cojocaru, Criserig, Cumo, Dussene (squalificato), Falcinelli, Ferrari, Martella, Nwankwo, Salzano, Sampirisi, Tonev, Trotta.

 

Probabili formazioni:

Crotone (3-5-2): Cordaz, Ceccherini, Claiton, Ferrari, Sampirisi, Crisetig, Rohden, Salzano, Martella, Falcinelli, Palladino. All. Nicola

Palermo (4-3-3): Posavec, Rispoli, Goldanica, Rajikovic, Aleesami, Hiljemark, Gazzi, Henrique, Salai, Diamanti, Nestorovski. All. De Zerbi.

Arbitro: Domenico Celi di Bari

Coll. Peretti – Gava

Quarto giudice: Carbone

Add. 1 Giacomelli, add.2 Abbattista

 

Inizia la settimana "terribile" del Crotone con tre difficili appuntamenti in sette giorni. Dopo l’incontro con il Palermo (18 settembre) quello con la Roma (21 settembre) e domenica 25 contro l’Atalanta. Per meglio gestire i tre ravvicinati incontri, i rossoblù non rientreranno a Crotone dopo l’incontro con il Palermo, si fermeranno alla Borghesiana per preparare la difficilissima partita contro i Lupi di Totti.  I numeri autorizzerebbero a dire che la squadra di mister Nicola dopo tre giornate è ancora lontana dalla forma campionato: due soli gol realizzati, sei subiti, ultimo posto in classifica con zero punti. Quantunque le cifre, c'è da dire che il bicchiere è mezzo pieno per il gioco evidenziato dai rossoblù nelle prime uscite. Al termine dei primi tempi il Crotone è tornato negli spogliatoi imbattuto contro Bologna (0-0), Genoa (1-0), Empoli (1-1). Le riprese sono state, invece, disastrose nel punteggio essendo terminate con tre sconfitte. Contro il Palermo (un solo punto in classifica) non è più tempo di prestazioni part-time da parte dei rossoblù, occorre approcciare tutta la partita per non tornare a casa ancora a mani vuote. Mister Nicola come da consuetudine non annuncia mai la formazione, si prende tutto il tempo a disposizione per non lasciare nulla d’intentato circa le scelte degli uomini. In considerazione dei tre incontri ravvicinati ci sarà il turnover e potrebbero giocare chi, fino a ora, non è stato ancora inserito. Uniche certezza l’assenza di Rosi e Mesbak (problemi fisici) e del difensore Dussenne (squalifica). L’assenza del difensore sarà rimpiazzata certamente da capitan Claiton non utilizzato contro l’Empoli. Recuperabili invece sia Tomy che Tonev. Se contro il Palermo Nicola opterà per il 3-5-2 potrebbero scendere in campo Ceccherini, Claiton, Ferrari quali trio difensivo a guardia di Cordaz; Sampirisi, Crisetig, Rohden, Salzano, Martella centrocampisti; Falcinelli, Palladino coppia d’attacco. Così mister Nicola in sala stampa: "Abbiamo lavorato veramente bene. Sono soddisfatto del lavoro svolto dai ragazzi. C’è solo da andare in campo e cercare di raccogliere punti. Conosco il tecnico del Palermo De Zerbi per la sua filosofia di gioco. Avrà sicuramente avuto il tempo di preparare la partita contro il Crotone. Noi dobbiamo essere pronti a contrastare la sua squadra per l’intera partita. Le palle inattive non sono un problema così grave, avendo in queste condizioni subìto un solo gol dall’inizio del campionato. In serie A è normale subìre certi gol. Capezzi giocherà come gli altri componenti della rosa in base alle caratteristiche dell’avversario. Dal versante della preparazione atletica, il Crotone è la settima squadra che corre di più. Qualche deficienza la si può riscontrare soltanto contro il Bologna. Nelle successive partite siamo stati superiori agli avversari. Per i risultati finali delle prime tre gare occorre fare uno step a livello mentale. Sappiamo che ci considerano una squadra non all’altezza del campionato, non condividiamo questa considerazione, ma dobbiamo trovare equilibrio di gioco tra il primo e secondo tempo per quanto riguarda l’approccio alla partita”.    

La data di completamento dei lavori per la tribuna Stadio Ezio Scida sono previsti per il 23 ottobre. Ne ha parlato il presidente del Crotone calcio Raffaele Vrenna e il responsabile area stadio Stefano Perrone. Cresce intanto la smania della tifoseria rossoblù in attesa della prima partita casalinga da disputare sul terreno dell’Ezio Scida. Un appuntamento, questo, com’è noto, legato al completamento dei lavori di adeguamento dello stadio. Di sicuro il Crotone giocherà ancora in trasferta contro il Palermo la prossima partita e quella contro l’Atalanta. Ma per quanto riguarda la partita contro il Napoli (che è in calendario in casa per il 23 ottobre), il presidente Raffaele Vrenna ha evidenziato ottimismo in un’apposita conferenza stampa circa la possibilità della fine dei lavori già alcuni giorni prima dell’incontro. «Ho indetto questa conferenza stampa – ha dichiarato il presidente Vrenna – per fare chiarezza sui lavori dello Scida e per affermare quando il Crotone giocherà in casa la prima partita. Innanzitutto una premessa: insieme al Comune di Crotone – ha puntalizzato il patron – ho cercato in tutti i modi di realizzare a nostre spese una tribuna da serie A che faccia sentire orgogliosi i cittadini. Chiedo scusa – ha ammesso il presidente – se non ci sono riuscito nei tempi utili per l’inizio del campionato. Per il ritardo non incolpo nessuna istituzione, tutti hanno collaborato per la realizzazione dell’ampliamento stadio. I lavori – ha reso noto Vrenna – stanno continuando e, ripeto, a spese della società per un importo complessivo di 2.700.000 euro. Non è stata stanziata questa somma – è entrato nel merito – per un solo campionato di serie A, ma anche per le altre stagioni che intenderemo disputare nella massima serie. Sarà uno stadio che dovrà accogliere i tifosi calabresi e quelli provenineti da altre regioni. Abbiamo iniziato i lavori con delle prescrizioni fatte dal ministero dei Beni culturali e archeologici, ma non ci siamo fermati. Non abbiamo scavato, abbiamo rispettato il terreno su cui sorge la tribuna senza alterarlo, spero nell’ultimazione dei lavori per il 23 ottobre, data in cui il Crotone ospiterà il Napoli all’Ezio Scida. Occorre più entusiasmo attorno alla squadra –  ha esortato il patron rossoblù –, i tifosi devono tornare ad essere il dodicesimo uomo in campo. Per quanto riguarda gli abbonamenti ancora da sottoscrivere è stata fatta una convenzione con la Bper (Banca Popolare Emilia Romagna) per rateizzare la somma del costo dell’abbonamento in sei o dodici rate con un basso interesse, la somma che si può rateizzare va da 800 euro a 2.500». Stefano Perrone, responsabile area stadio, ha parlato della questione tecnica inerente ai lavori dello stadio: «Per lo stadio esiste un solo progetto, non esiste un progetto del Comune e uno della società – ha affermato Perrone – esistono due cantieri gestiti in maniera autonoma. Uno è un cantiere pubblico finanziato dal Comune, l’altro è un cantiere privato finanziato dalla società Crotone calcio. Entrambi i cantieri devono ultimare i lavori nella stessa data perché lo stadio sia accessibile. La realizzazione della tribuna rappresenta il cantiere più oneroso e importante giacché sotto la struttura saranno collocati tutti i servizi, spogliatoi compresi. A Crotone –  ha specificato Perrone – non si poteva giocare all’Ezio Scida, in deroga al lodo Treviso per quanto riguardava la capienza, poiché lo stadio era privo di tutti i requisiti idonei (spogliatoi, zona lavoro, zona doping) richiesti dalla Lega per autorizzare le partite. Il Comune nel mese di luglio – ha poi proseguito – ancora non aveva un adeguato progetto per rendere idoneo lo Scida. Oggi si sta completando la ristrutturazione dello stadio in seguito ad un secondo progetto (tribuna e servizi amovibili) approvato dalla Soprintendenza». Perrone ha poi elencato tutti gli accorgimenti tecnici che si sono dovuti apportare per superare il parere negativo della Soprintendenza. Accorgimenti, questi, che hanno ritardato la data consegna lavori. Per quanto riguarda le prescrizioni del Coni, Perrone ha chiarito che: «Ci ha fatto notare che l’omologazione dello Stadio deve riguardare tutti i settori e non soltanto quelli che si stanno ristrutturando». Al termine della conferenza visita guidata sul terreno di gioco dello Scida, con un manto erboso quasi perfetto. La squadra è arrivata munita di elmetto giallo in testa. Tutti insieme hanno potuto valutare di come stia cambiando lo stadio e, a sentire i loro commentio, non vedono l’ora si sentire il fiato sul collo dei propri tifosi.        

 

 

 

 

Serie A terza giornata, ancora una sconfitta del Crotone punito dai calci piazzati. Primi punti per l’Empoli. Rossoblù in dieci gli ultimi quindici minuti.

Tabellino.

Empoli  2

Crotone               1

Marcatori: Bellusci 30°, Sampirisi 46°, Costa 56°,

Empoli (4-3-2-1): Skorupski, Zambelli, Mauri (Diousse), Bellusci, Maccarone (Marilungo), Saponara (Gilardino), Croce, Costa, Pucciarelli, Pasqual, Tello Munoz. All. Martusciello

Crotone (3-4-3): Cordaz, Ceccherini, Dussenne, Ferrari, Rosi (Sampirisi), Rohden, Crisetig (Nalini), Martella (Trotta), Salzano, Falcinelli, Palladino. All. Nicola

Arbitro: Paolo Valeri (Roma 2)

Coll. Preti - Bindoni

Quarto giudice: Alfonso Marrazzo (Tivoli)

Add. 1 Claudio Gavillucci – Add. 2 Gian Luca Manganiello

Ammoniti: Dussenne, Crisetig,

Espulso: Dussenne (doppia ammonizione)

Angoli: 5 a 1 per l’Empoli

Recupero: 1 e 4 minuti.

Il Commento. Le maglie indossate dai giocatori delle due squadre sono state ritirate alla fine del primo tempo e messe all’asta, il ricavato sarà totalmente devoluto alle popolazioni del centro Italia colpite dal terremoto. La decisione è stata presa dalle due società in accordo con la Lega di serie A che ha dato il suo assenso. Le maglie porteranno una patch a forma di cuore con il logo delle due società e la scritta “Empoli e Crotone”. Ancora un Crotone distante dalla massima serie nelle prime tre giornate. Contro l’Empoli accumulata la terza sconfitta consecutiva che tradotta in cifre significa ultimo posto in classifica a zero punti. La volontà da parte dei rossoblù non è mancata, ma non è stata assecondata da un’adeguata impronta tecnica in grado di avere la meglio contro un avversario alquanto modesto. I locali hanno sfruttato bene le uniche occasioni a sua disposizione (due gol ottenuti in seguito a palle inattive). Il campionato è appena iniziato e non manca il tempo per rivedere ciò che non va. Palladino troppo “sfruttato” a tutto campo. In difesa qualche leggerezza di troppo in occasione della marcatura ad uomo sulle palle inattive. Centrocampo non aggressivo in fase di contrasto. Tutto questo ha consentito all’Empoli, prestazione dei locali non eccezionale, di conquistare la prima vittoria stagionale ed i primi punti. In campo un Crotone rispetto diverso alla precedente partita persa contro il Genoa. Debutto del difensore Dussenne, del centrocampista Crisetig, dell’attaccante Falcinelli, in sostituzione rispettivamente di Claiton, Tonev, Simy. Empoli con sette novità dalla precedente formazione sconfitta a Udine. Dentro Skorupski, Zambelli, Mauri, Maccarone, Costa, Pasqual, Tello in sostituzione di Pelagotti, Laurini (squalificato), Barba, Di Marco, Krunic, Diousse, Gilardino. È stato un primo tempo poco convincente da parte dei pitagorici schierati con il 3-5-2. La coppia Falcinelli-Palladino al centro dell’attacco a poca distanza l’uno dall’altro per nulla offensivi. È stato l’Empoli in più occasioni a mettere in difficoltà Cordaz con Maccarone e Pucciarelli. Il vantaggio dei locali al minuto trenta per merito di Bellusci che sfrutta bene di testa un’azione iniziata da calcio d’angolo. Dal trentesimo in poi il Crotone cerca il gol del pareggio. L’equilibrio del risultato al 46° con Sampirisi (subentrato a Rosi al 30°) che di testa sfrutta bene l’assist di Rohden in area di rigore. La ripresa è stata equilibrata per i primi quindici minuti. Poi il secondo gol realizzato da Costa ancora di testa in seguito ad una punizione dal limite ha mandato in crisi il Crotone. L’espulsione di Dussenne al minuto 68 ha complicato ancora di più la serata ai suoi compagni. Da rivedere in altra occasione le prestazioni di Falcinelli e Crisetig ancora lontani dalla forma campionato. Non tutto è stato negativo, qualche indicazione positiva per Nicola c’è stata ed è da questo che occorre ripartire fin dalla prossima partita per un diverso cammino. Da parte dell’Empoli è stata ottenuta la massima resa con il minor sforzo, ma ha meritato il successo. Entrambe le squadre devono rivedere qualcosa per affrontare il campionato. Nicola: “complessivamente abbiamo fatto bene. Abbiamo fatto fatica a ripartire con gli esterni che non hanno sfruttato il loro modo di essere in campo. Il trio d’attacco messo in campo per necessità (rimontare lo svantaggio) è stato pericoloso ma non tale da recuperare il risultato”.  

 

 

La terza giornata del campionato serie A tra Empoli e Crotone stadio si disputerà al Carlo Castellani lunedì 12 settembre alle ore 20.30. I rossoblù sono alla ricerca dei primi punti storici nella massima serie. Dubbia la presenza di Simy per motivi fisici. Toscani senza lo squalificato Laurini, l’ex Maiello e potrebbe non recuperare l’attaccante Maccarone

Probabili formazioni:

Empoli (4-3-2-1): Pelagotti, Zambelli, Bellusci, Barba, Buchel, Cosic, Mauri, Croce, Saponara, Pucciarelli, Gilardino. All. Martusciello

Crotone (3-4-3): Cordaz, Ceccherini, Claiton, Ferrari, Rosi, Rohden, Crisetig, Martella, Tonev, Falcinelli, Palladino. All. Nicola

Arbitro: Paolo Valeri (Roma 2)

Coll. Preti - Bindoni

Quarto giudice: Alfonso Marrazzo (Tivoli)

Add. 1 Claudio Gavillucci – Add. 2 Gian Luca Manganiello

Due sconfitte e tre pareggi il bilancio degli ultimi cinque confronti in serie B tra Empoli e Crotone. Nel campionato 2009-2010, terza giornata, ci fu la vittoria (3-1) dei toscani con gol di Saudati (28°), Antonazzo (78°), Coralli (92°), per il Crotone a segno Cutolo (61°). Successivamente finì con tre pareggi (0-0) – (1-1) – (0-0) rispettivamente nei campionati 2010/2011 – 2011/2012 – 2012/2013. Nella stagione 2013/2014 l’ultima volta di Empoli – Crotone, l'incontro è terminato (3-1) in favore dei toscani grazie alla doppietta di Maccarone (19° e 35°) e gol di Verdi (92°), il Crotone a segno con Cataldi (52°). Lunedì prossimo le due squadre saranno di nuovo avversarie e questa volta in serie A nel posticipo della terza giornata. La sfida è già uno spareggio per lasciare l’ultima posizione che entrambe occupano a zero punti. In occasione della prossima trasferta mister Nicola potrà disporre anche di Falcinelli e Trotta (attaccanti); Mesbak (difensore); Crisetig (centrocampista); Cojcaru (portiere) ingaggiati dal Crotone qualche ora prima della chiusura del calciomercato. Non è scontata la presenza di tutti i sopracitati rossoblù tra gli undici che scenderanno inizialmente in campo, di sicuro ci sarà quella di Falcinelli in attacco (Simy non è in perfette condizioni fisiche) e di Crisetig a centrocampo. Trotta invece dovrà vincere la concorrenza del nazionale bulgaro Tonev. Insieme con loro dovrebbero essere schierati il portiere Cordaz, il difensore esterno destro Ceccherini, i difensori interni Claiton a destra e Ferrari a sinistra, l’esterno destro Rosi, il centrocampista Rohden, l’esterno sinistro Martella, l’attaccante Palladino. Mister Martusciello non potrà disporre del difensore Laurini squalificato, del centrocampista ex rossoblù Maiello per motivi fisici e per lo stesso motivo incerta la presenza dell’attaccante Maccarone. Altre incertezze che il tecnico empolese si porta dietro è la scelta tra Dioussi – Mauri; Buchel - Croce. Così mister Nicola in conferenza stampa a due giorni dall’incontro: «Abbiamo allargato la rosa con elementi validi che fanno al caso del Crotone. Siamo numericamente consistenti per affrontare il campionato. Il gruppo è definitivo, ora dobbiamo continuare a crescere. Per quanto riguarda le gerarchie a proposito degli inserimenti (dualismo tra chi era già a Crotone e chi è arrivato a chiusura del calciomercato, ndr) le determino io e poi sarà il campo a stabilire l’idoneità della scelta. Trotta ha delle ottime qualità come punta centrale e seconda punta. Crisetig ha esperienza e tecnica per stare in serie A. Dal versante della preparazione atletica non siamo secondi a nessuna squadra, ma durante la partita dobbiamo correre meglio senza sfilacciarci nei momenti clou. Contro il Genoa abbiamo pagato dazio per questo motivo. In serie A si è puniti al minimo errore. L’Empoli è una squadra con più campionati nella massima serie ed ha elementi come Gilardino e Maccarone che fanno la differenza. I nostri prossimi avversari sono pericolosi negli attacchi in profondità. Li abbiamo studiati e preparate anche le contromosse. Chi avrà più aggressività per l’intera partita potrà conquistare i tre punti. Il sostegno della nostra tifoseria ci manca. È una tifoseria matura e noi dobbiamo dimostrare che si possono fidare della loro squadra».   

   

 

 

Crotone, continua la preparazione a Steccato di Cutro. L'entusiasmo manifestato dai tifosi rossoblu' alla notizia degli ultimi acquisti effettuati dalla dirigenza a poche ore dalla chiusura del calciomercato trova conferma dopo la prestazione di Alexsander Tonev, Marcos Rohden, Valentin Cojocaru, con le rispettive Nazionali. Tonev, in campo al 62°, contribuisce a fare vincere la Bulgaria (4-3) segnando al 92° il quarto gol al Lussemburgo. Rohden in campo fin dall'inizio tra gli undici della Svezia contro l'Olanda ha contribuito con una buona prestazione a non fare perdere la sua Nazionale, partita terminata in parita' (1-1). Il portiere Valentin Cojocaru ha difeso la porta della Romania Under 21 contro la Danimarca, risultato finale (1-3). Nell'attesa del rientro dei nazionali e' continuata la preparazione a Steccato di Cutro in previsione del posticipo del 12 settembre contro l'Empoli. Prima dell'inizio della preparazione festeggiato il capitano Claiton per il trentaduesimo compleanno. 

Crotone calcio, si lotta contro il tempo per ultimare lo stadio entro il 18 settembre. Si lavora perché altre partite casalinghe da giocare in trasferta a Pescara, dopo quella giocata contro il Genoa, non ce ne siano. I lavori di ristrutturazione dell’Ezio Scida procedono a ritmi serrati per non fare slittare la data della prossima partita casalinga contro il Palermo in calendario il 18 settembre. Vincere questa sfida non è impossibile a giudicare dallo stato di avanzamento dei lavori. Il cantiere è operativo dall’alba al tramonto e la nuova tribuna cresce a vista d’occhio compresi i nuovi spogliatoi. Osservarla dall’esterno fa già un certo effetto e si nota come stia cambiando l’Ezio Scida dopo diversi decenni. Si sta passando da uno stadio di un piccolo centro, ad uno stadio di una grossa città la cui squadra milita nella massima serie. Indipendentemente dai tempi di consegna, quando l’Ezio Scida sarà completato rappresenterà un altro fiore all’occhiello della città ed uno schiaffo morale a coloro che nel tempo avrebbero dovuto consegnare alla città un stadio adeguato e non l'hanno mai fatto. L’altra sfida da vincere a breve, e ci sono buone possibilità perché ciò avvenga, è quella sul campo fin dalla prossima giornata in quel di Empoli. Per questo terzo appuntamento mister Nicola sta continuando a torchiare a dovere tutti i suoi giocatori, in particolare i nuovi arrivati per metterli al passo con i confermati. Sul terreno di Margherita è iniziata, dopo la domenica di riposo, la settimana di preparazione alle ore 15.30 in previsione del posticipo della terza giornata. Prossimi allenamenti in quel di Steccato di Cutro dove mister Nicola dovrà iniziare a preparare la formazione anti Empoli. In Toscana mister Nicola avrà disponibile la nuova coppia d’attacco Falcinelli, Trotta. In difesa potrà contare sull’eventuale utilizzo di Mesbak ed a centrocampo di Grisetig.    

 

 

 

Calciomercato, cala il sipario sulla sessione estiva ed arrivederci a gennaio 2017 quando aprirà quella invernale. Il Crotone tra le società più attive. Nelle ultime ore conclusa la trattativa per il trentaduenne terzino sinistro Djamel Eddine Mesbah, algerino proveniente dalla Sampdoria. Dal Bologna torna il centrocampista Lorenzo Crisetig già al Crotone stagione 2013/2014. In uscita l’esterno di fascia Nunzio Di Roberto passato al Cesena. Andrea Mazzarani, arrivato a luglio, ha rescisso il contratto. Adesso sarà soltanto calcio giocato per i prossimi quattro mesi ma sottotraccia le varie società continueranno a trattare in previsione del calciomercato invernale per concludere le trattative rimaste inevasi. Il Crotone calcio è stato tra le più attive della sessione estiva avendo incrementato con diversi arrivi i vari reparti della squadra. Valentin Cojocaru (prestito con diritto di riscatto) portiere dalla Steaua Bucarest. Federico Ceccherini (proprietà) difensore. Mario Sampirisi (proprietà) difensore. Eddy Ghahorè (prestito) centrocampista. Andrea Mazzarani (proprietà) centrocampista ha rescisso il contratto. Christer Rohden (proprietà) centrocampista. Aleandro Rosi (prestito) centrocampista. Alexander Tonev (proprietà) centrocampista. Andrea Nalini (proprietà) attaccante. Simeon Nwankwo (proprietà) attaccante. Diego Falcinelli (prestito) attaccante dal Sassuolo. Marcello Trotta (prestito) attaccante dal Sassuolo. In uscita l’attaccante Giuseppe Torromino al Lecce (Lega Pro), il difensore Michele Cremonesi alla Spal (B), Nunzio Di Roberto al Cesena (B), Andrea Mazzarani, centrocampista, ha rescisso il contratto.

Calciomercato: dopo Diego Falcinelli prelevato anche Marcello Trotta. Rispettivamente prima e seconda punta arrivano dal Sassuolo e saranno la prossima coppia d’attacco del Crotone. Marcello Trotta non rappresenta una novità per la tifoseria pitagorica avendolo conosciuto come avversario tra le fila dell’Avellino stagione 2015/2016 (trentottesima giornata terminata 2-0 a favore del Crotone). Stagione fortunata per il neo giocatore del Crotone avendo disputato trentasei partite e messo a segno tredici gol attirando l’attenzione di molte squadre della massima serie tra cui il Sassuolo che lo ha voluto in serie A la passata stagione. Sono le ultime battute del calciomercato ed il Crotone è sempre tra le società più attive. Conclusa anche la trattativa per la cessione di Gian Matteo Ferrari al Sassuolo ma rimarrà ancora rossoblù fino al termine della stagione.

Crotone calcio, continua il pressing della società per accaparrarsi l’attaccante Falcinelli. La trattativa per l’arrivo di Valentin Cojocaru, portiere dello Steaua Bucarest, prestito con diritto di riscatto sembra essere andata in porto. Continua il pressing della società nei confronti dell’agente di Falcinelli (Patrich Bastianelli) affinché convinca il suo “assistito” a trasferirsi nella città di Pitagora. La trattativa per Diego Falcinelli dal Sassuolo sarebbe alle battute finali se non allo scambio dei documenti. Quanto fatto dal Crotone nelle prime due gare ha evidenziato la mancanza di un vero bomber in grado di mettere dentro il pallone. Simy, schierato al centro dell’attacco contro Bologna e Genoa ha dimostrato di non possedere ancora le giuste qualità dell’uomo gol a differenza di Falcinelli. Altro obiettivo del Crotone che in queste ore potrebbe concretizzarsi è quello di Valentin Cojocaru, ventunenne portiere dello Steaua Bucarest. In queste ore è in corso un incontro tra i dirigenti del portiere e quelli del Crotone per definire il prestito con diritto di riscatto del giocatore.

 

 

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}