Giuseppe Livadoti

Giuseppe Livadoti

Serie A Tim 2^ giornata - Crotone in campo un solo tempo si porta in vantaggio ma poi crolla per la supremazia del Genoa. Doppietta del genoano Pavoletti. Debutto in serie A per il portiere Festa in sostituzione di Cordaz infortunatosi durante la fase di riscaldamento. Rossoblù pitagorici ancora a zero punti dopo due giornate. Genoa capolista insieme alla Juventus.

 

Crotone  1

Genoa    3

Marcatori: Palladino 34°, Gakpè 50°, Pavoletti 54°/63°,

Crotone (3-4-3): Festa; Ceccherini, Clayton (Sampirisi), Ferrari; Rosi (Di Roberto), Rohden (Capezzi), Salzano, Martella; Tonev, Simy, Palladino. All. Nicola.

Genoa (3-4-3): Lamanna: Munoz (Marchese), Burdisso, Izzo; Lazovic, Veloso, Rincon, Laxalt; Ntcham (Rigoni), Pavoletti, Ocampos (Gakpè). All. Juric.

Arbitro: Nicola Rizzoli di Bologna

Coll. Valeriani – Di Meo

Quarto giudice: Barbiranti

Add.1 Pairetto; Add. 2 Di Paolo

Ammoniti: Ferrari, Palladino

Angoli: 7 a 2 per il Genoa

Recupero: 1 e 4 minuti

Il numeroso pubblico pitagorico assente questa sera in segno di contestazione per la scelta "forzata" di disputare allo stadio Adriatico Di Pescara la gara tra Crotone e Genoa. Anche se assenti, i tifosi, non hanno fatto mancare la loro solidarietà ai cittadini delle zone terremotate acquistando ugualmente il biglietto. La società del Crotone calcio ha devoluto il netto dell’intero incasso a quanti sono stati colpiti dall’evento sismico. La notte calcistica è stata invece vissuta dai pitagorici in doppia versione: buon primo tempo, sotto la sufficienza la ripresa. Il Genoa dell’ex Juric anche nella seconda giornata ha dimostrato di saper controllare la gare alla distanza rimontando lo svantaggio. Formazioni con due sole novità per parte rispetto a quelle della prima giornata, ma in fase di riscaldamento il portiere del Crotone Cordaz si è infortunato ad una mano ed è stato sostituito da Festa. Gli altri due cambi hanno riguardato Rosi per Sampirisi sulla fascia, Tonev in sostituzione di Stoian. Mister Juric ha optato per i cambi di Munoz e Ntchan in sostituzione del difensore Gentiletti e dell’attaccante Pandev. Dopo i primi minuti si è ammirato un Crotone che ha tenuto il boccino delle giocate per quasi tutto il primo tempo. La disposizione tattica predisposta da mister Nicola ha avuto la meglio sul Genoa. Ceccherini a sovrapporsi sulla fascia destra con Rosi, Martella a dialogare con Tonev sulla fascia sinistra, Simy al centro dell’attacco, Palladino a fare il pendolino in diverse zone del campo, Rohden e Salzano centrocampisti centrali. I gol avrebbero potuto essere tre nella prima parte se al diciottesimo il palo non avesse respinto il pallone calciato da Rosi e se la traversa non avesse detto no a Palladino al minuto ventidue. L’attaccante crotonese gioisce al minuto trentaquattro quando riesce a mettere dentro il pallone del vantaggio. La reazione del Genova sul finire della prima parte tra il minuto 40 e il minuto 43, quando Pavoletti si è reso pericoloso ma ha trovato sulla via del gol il portiere Festa che ha impedito al pallone di entrare con due autentiche parate da campione. Altra partita ad inizio ripresa. Mister Juric manda in campo Gakpè in sostituzione dello spento Ocampos e dopo appena cinque minuti va in gol portando in parità la sua squadra. Soffre il Crotone in fase difensiva e ne approfitta Pavoletti che raddoppia al minuto cinquantaquattro e poi al minuto sessantatre va ancora in gol per il terzo successo del Genova. I cambi effettuati da Nicola non hanno cambiato il volto all’incontro. La differenza tecnica tra le due formazioni è stata evidente. Giocatori come Pavoletti, Izzo, Burdisso, Lazovic, sono di un altro spessore. Il Crotone dopo due giornate ha dimostrato di non aver metabolizzato la categoria con gli attuali giocatori. Occorre un cambio di passo che deve avvenire anche attraverso il calciomercato. Da stasera mister Juric si gode la vetta della classifica insieme alla Juventus.     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La seconda giornata del campionato di Serie A Tim tra Crotone e Genoa si disputerà questa domenica alle ore 20.45 presso stadio lo Adriatico di Pescara. La società pitagorica devolverà l’incasso netto dell’incontro alle persone delle zone terremotate. Sul versante del calciomercato l’ultimo acquisto si riferisce al ventiquattrenne difensore belga Noe Dussene con un contratto triennale scadenza 30 giugno 2019. L’arrivo dell’attaccante Falcinelli dal Sassuolo si va concretizzando e a breve potrebbe essere annunciato il suo arrivo nella città di Milone. Per quanto riguarda la prossima giornata si tratta di una sfida che vede di fronte gli allievi contro il maestro, pitagorici contro mister Juric. L’ultima volta di Crotone – Genoa è stata nel campionato 2006/2007 (serie B 31^ giornata) incontro terminato 0-3 a favore dei liguri poi promossi in serie A, fu l’occasione del ritorno allo Scida di Ivan Juric da avversario dopo essere stato pitagorico il precedente campionato. Casualità vuole che anche la prossima partita il croato Juric sia avversario del Crotone, questa volta come tecnico, dopo averlo diretto la scorsa stagione. Tutto questo sarebbe stato un motivo in più per riempire le gradinate dello Scida, se lo stadio fosse stato disponibile fin dall’inizio del campionato. L’incontro sarà disputo sul terreno dello stadio Adriatico Giovanni Cornacchia in quel di Pescara. Non ci saranno i tifosi della curva Sud in segno di protesta per la scelta della sede ma acquisteranno comunque il biglietto per solidarietà nei confronti delle persone colpiti dal terremoto. Amarcord a parte, per questo secondo scontro mister Nicola ed i suoi giocatori si troveranno di fronte una squadra che dopo la prima giornata è stata giudicata tra le più avanzate nella preparazione, la vittoria (3-1) in rimonta contro il Cagliari è la dimostrazione.  A favore di mister Juric anche la conoscenza tecnica dei suoi ex calciatori, alcuni dei quali potrebbero essere schierati inizialmente. Incontro difficile per il Crotone che dopo il debutto in chiaroscuro di Bologna deve iniziare ad accumulare punti per non rimanere a quota zero.  Arbitro: Nicola Rizzoli di Bologna / Coll. Valeriani – Di Meo / Quarto giudice: Barbiranti / Add.1 Pairetto; Add. 2 Di Paolo.

 

 

 

 

Lavori stadio Ezio Scida, il sindaco Pugliese visita il cantiere. Spasmodica attesa dei tifosi pitagorici per il completamento dei lavori d’ampliamento dello stadio Ezio Scida. Non vedono l’ora di tifare Crotone dalle mitiche gradinate dello stadio che ha visto la squadra attraversare tutte le categorie, dai dilettanti alla massima serie sotto l’egida dei fratelli Raffaele e Giovanni Vrenna e Salvatore Gualtiere. A turno i tifosi seguono i lavori da fuori il cantiere e nell’osservare come procedono sono fiduciosi di poter gridare forza Crotone dalle gradinate dello Scida in occasione della sfida contro il Palermo in calendario il 18 settembre. Come i tifosi anche il sindaco Ugo Pugliese e il responsabile della task force Enrico Pedace seguono i lavori portandosi sul cantiere dello stadio. A proposito dei lavori della tribuna il sindaco ci ha dichiarato: «Sto seguendo direttamente i lavori per rendermi conto di persona se i tempi di realizzazione sono in linea con le previsioni in fase di progetto. La certezza che i tempi saranno rispettati arriva dalla commissione operativa che si riunisce ogni tre giorni per fare il punto. Al netto di qualche intoppo la data di consegna dei lavori sarà rispettata». Per quanto riguarda i lavori di competenza del Comune (curva sud e illuminazione) il sindaco ha dichiarato: «Le torri faro sono state già smontate e si sta procedendo per rifare l’illuminazione. In queste ore stanno iniziando anche i lavori della curva sud e, facendo gli scongiuri del caso, proseguiranno al meglio: ci tengo a vedere Crotone – Palermo all’Ezio Scida il diciotto settembre». Stessa affermazione a proposito della curva sud anche da parte del consigliere comunale e responsabile della task force Enrico Pedace. Insomma, per il sindaco Pugliese e il consigliere Pedace si giocherà all’Ezio Scida Crotone – Palermo il 18 settembre.

Il duo Gianni Vrenna-Giuseppe Ursino mette a segno un altro importante colpo quando mancano alcuni giorni alla seconda di campionato contro il Genoa che il Crotone avrebbe dovuto giocare all’Ezio Scida e che, per la indisponibilità della struttura, dovrà disputare in quel di Pescara. Si tratta del difensore destro Aleandro Rosi, nato a Roma il 17 maggio 1987, ingaggiato con la formula del prestito secco dal Genova. Il neorossoblù può essere impiegato anche come centrocampista ed esterno. Vanta un’ampia esperienza nella massima serie avendo giocato diversi campionati tra le fila della Roma, Fiorentina, Genoa, Parma, Siena, Frosinone per un totale di 275 partite ed all’attivo dieci gol. Diverse presenze anche in Coppa Italia, Supercoppa Italia, Champions League. Il giocatore è già a disposizione del tecnico Nicola e, insieme ai suoi nuovi compagni, si sta preparando per la prossima sfida.

 

 

 

Bologna               1

Crotone               0

Marcatori: Destro 86°

Bologna (4-3-3): Mirante, Kraft, Gastaldello, Maietta (Marios 55°), Masina, Taider, Pulgar, Nagy, Verdi (Rizzo 55°), Destro, Krejci. All. Donadoni

Crotone (3-4-3): Cordaz, Ceccherini, Claiton, Ferrari, Sampirisi, Rohden, Salzano, Martella (Fazzi 83°), Stoian (De Giorgio 80°), Samy, Palladino. All. Nicola

Arbitro: Claudio Gavillucci di Latina

Coll. De Pinto (Bari) – Liberti (Pisa)

Quarto giudice: Di Vuolo (Castellammare di Stabia)

Ammoniti: Rohden, Pulgar

Angoli: 5 a 3 per il Bologna

Recupero: 2 e 4 minuti  

 

La voglia di fare bene, attraverso l’impegno costante senza alcun timore reverenziale nei confronti del più quotato avversario, sono state le caratteristiche del Crotone contro il Bologna nella prima di serie A sul terreno del Dall’Ara. Il Crotone non paga alcun pegno al noviziato della categoria dal versante dell’emozione e torna negli spogliatoi a testa alta. Il ritorno nella serie A di mister Nicola e di alcuni suoi giocatori è stato bagnato dalla buona prestazione collettiva. Pitagorici un po’ impacciati in difesa quando erano costretti a difendersi su pressione degli avversari, ma ordinati quando dovevano impostare la ripartenza. Mister Nicola ha preferito schierare sette undicesimi della passata stagione con l’aggiunta di Ceccherini difensore destro a comporre il trio con Claiton e Ferrari. Le altre novità hanno riguardato i centrocampisti Sampirisi a destra, Rohden centrale insieme a Salzano, Martella a sinistra. Trio d’attacco con Palladino e Stoian senza fissa dimora (cambiavano continuamente posizione) Nwankwo l’uomo nuovo dell’attacco rossoblù. Allo schieramento del Crotone mister Donadoni ha opposto un 4-3-3 con il quartetto difensivo composto da Krafth, Gastaldello, Maietta, Masina. Reparto mediano con il trio Taider, Pulgar, Nagy. In attacco schierato Verdi a destra, Krejci a sinistra, Destro al centro. Ai punti avrebbe meritato la vittoria il Bologna nei primi quarantacinque minuti. Gli emiliani si sono resi pericolosi in più occasioni colpendo due pali al settimo ed al trentaseiesimo minuto rispettivamente con Nacy e Taider. Annullati anche due gol per posizione di fuorigioco  a Destro e Verdi. La differenza tra le due squadre sta proprio in queste giocate che hanno visto i difensori del Crotone poco reattivi nel contrastare gli attaccanti avversari. In fase offensiva gli uomini di Nicola si sono affacciati spesso in area avversaria ma non sono mai riusciti a liberare l’uomo per il tiro. Simy ha impegnato il suo diretto avversario Maietta ma non ha mai tirato in porta. Palladino e Stoian controllati bene anche loro in fase d’attacco. Un Crotone che nel primo tempo ha suscitato un’ottima impressione per essere una matricola della serie A. Ripresa sfortunata per il cirotano del Bologna Maietta uscito dopo appena dieci minuti per infortunio, al suo posto Marios. In contemporanea sostituito anche l’attaccante Verdi con il centrocampista Rizzo. Bologna formato 4-4-2  per contrastare le giocate sulle fasce del Crotone dove hanno sempre la meglio Martella, Palladino a sinistra; Ceccherini, Sampirisi a destra. Un migliore Crotone nel primo terzo del secondo tempo che controlla bene gli avversari in difesa ed a centrocampo dove primeggia il duo Salzano, Rohden. L’azione pericolosa il Bologna la costruisce al minuto 73 con Destro che da dentro l’area manda il pallone a sorvolare di poco la traversa. La stanchezza e la voglia di non subire il gol costringono il Crotone a rinchiudersi in area con più frequenza. La tattica non sortisce l’effetto sperato. Al minuto ottantacinque Destro palla al piede s'invola in contropiede, favorito da un errore di Palladino, fino all’area del Crotone e fulmina Cordaz. Delusione dei pitagorici che si stavano difendendo bene e con ordine dopo l’ingresso di De Giorgio e Fazzi in sostituzione rispettivamente di Stoian e Martella. Per il Crotone, pur sconfitto, si è trattato di un debutto onorevole che ha dato tante indicazioni positive a mister Nicola per il prosieguo del campionato. Il Bologna dopo otto campionati riesce a vincere una partita alla prima giornata ma per mister Donadoni c’è ancora tanto lavoro da fare.   

 

 

Il tanto atteso debutto del Crotone nella massima serie è alle porte e miglior palcoscenico dello stadio Dall’Ara non poteva esserci per questo primo, importantissimo esame. L’intera Emilia è la residenza per lavoro, o studio di migliaia di crotonesi che in occasione del prossimo incontro invaderanno le varie gradinate dello stadio per sostenere la squadra del cuore. Non solo dall’Emilia, sugli spalti del Dall’Ara ci sarà anche la presenza di tantissimi tifosi rossoblù provenienti da altre Regioni del Nord. Sarà festa grande contro un avversario già conosciuto in serie B in più occasioni i cui risultati finali sul terreno del Dall’Ara sono stati anche favorevoli ai pitagorici. Stagione 2005/2006 vittoria (1-2) del Crotone, stesso risultato (1-2) campionato 2014/2015, vittoria del Bologna (2-0) stagione 2006/2007. In occasione della prossima sfida sarà l’inizio di un'altra storia che le due squadre vorranno iniziare a scrivere a proprio favore. Il Crotone si porta dietro l’eliminazione dalla Tim Cup per opera del Verona mentre il Bologna ha superato il turno battendo (2-0) il Trapani. In occasione della prossima sfida entrambi i tecnici non schiereranno la stessa formazione vista in Tim Cup. Nel Crotone tornano disponibili Sampirisi e Capezzi e nel Bologna potrebbe debuttare il centrocampista Dzemaile neo acquisto. Ex di turno sarà il portiere Mirante, i difensori Gastaldello e Maietta, il centrocampista Crisetig. Tra i rossoblù certo l’impiego di Samy in attacco.

Mister Nicola in conferenza stampa: «Vogliamo i primi tre punti contro un avversario che si è salvato dalla retrocessione la passata stagione ed è guidato da un ottimo allenatore. Noi – ha affermato Nicola – abbiamo lavorato assiduamente nel corso della preparazione. In campo sarà schierata - ha detto il tecnico rossoblù -una formazione che comprenderà i confermati e qualche nuovo arrivato, quelli che hanno più minuti nelle gambe. I miei giocatori dovranno essere capaci di approcciare l’intera partita senza alcuna pausa. Dovranno essere in grado di saper soffrire minuto dopo minuto. Il gruppo a mia disposizione ha qualità morale, fisiche, tecniche per competere contro tutti. Contro il Bologna cerco di recuperare chi non ha giocato in Tim Cup a Verona. Palladino sarà impiegato nel ruolo di esterno non essendo una punta centrale, il suo utilizzo in questo ruolo per necessità, ora è arrivato Simy e sarà lui l’attaccante, anche se, al momento, accusa un po’ di ritardo con la preparazione. La mia squadra non deve sentirsi inferiore a nessun avversario e con il passare delle giornate deve scoprire i propri valori e da questo versante deve essere aiutata da tutto l’ambiente che la circonda. Il Crotone può contare su una solida difesa che da sicurezza e questo rappresenta un valore aggiunto per affrontare il Bologna che ha qualcosa in più potendo contare su giocatori che conoscono da più campionati la serie A».

Le probabili formazioni: Crotone: Cordaz, Ceccherini, Claiton, Ferrari, Tonev, Capezzi, Barberis, Martella, Stoian, Samy, Palladino; All. Nicola. Bologna: Mirante, Kraft, Gastaldello, Maietta, Masina, Taider, Nagy, Donsah, Verdi, Brienza, Di Francesco; All. Donadoni.
Arbitro: Claudio Gavillucci di Latina Coll. De Pinto (Bari) – Liberti (Pisa). Quarto giudice: Di Vuolo (Castellammare di Stabia)   

Giusto il tempo di annunciare l'apertura della campagna abbonamenti per la serie A che il punto vendita delll’Fc Crotone è stato invaso da gran parte dei 3.676 “fedelissimi” della passata stagione. La lunga coda si è andata a formare fin dal primo mattino di oggi e più esattamente dalle ore 4 del mattino. Sono stati i tifosi col diritto di prelazione come vecchi abbonati che hanno diritto a prezzi ridotti sugli abbonamenti. Persone d'ambo i sessi, ragazzi e ragazze maggiorenni, ma anche under 14. L'enorme presenza di tifosi è dovuta al poco tempo disponibile per fare valere il loro diritto di prelazione che, iniziato il 13 agosto termina il 18 dello stesso mese. La curva sud è il settore con piu' richieste essendo da sempre quello degli ultras. È anche il settore che costa meno. «Siamo stanchi per la lunga attesa - hanno dichiarato alcuni tifosi in coda - ma sopportiamo con piacere questo disagio sotto il sole pur di arrivare in tempo e sottoscrivere l'abbonamento per essere presenti sugli spalti durante le partite e tifare forza squali». Da una prima stima sarebbero già un migliaio gli abonamenti sottoscritti. E mentre i tifosi facevano la fila per l'abbonamento, in un noto albergo della costa crotonese, mister Davide Nicola ha indetto la conferenza stampa per la prima sfida ufficiale di Tim Cup in quel di Verona. «Nessuna emergenza – ha dichiarato il tecnico –  considerando alcuni probabili disponibili. La squadra ha gia' metabolizzato il mio modo di pensare il gioco. Andiamo a Verona – ha affermato il tecnico – con l'intento di superare il turno e sono fiducioso che avverrà sapendo di poter contare su giocatori con la voglia di fare bene. L'ossatura del nuovo Crotone – ha proseguito Nicola – si basera' sui dieci/undicesimi della passata stagione che hanno le capacita' per continuare a fare bene. A questi – ha quindi aggiunto il tecnico – stiamo affiancando giocatori di categoria capaci di farci fare il salto di qualità. La società sta lavorando bene sul mercato – ha concluso –, arriveranno altri con determinati profili, non grossi nomi ma in grado di sposare la causa del Crotone». Ed a chi afferma che il Crotone difficilmente si salverà, mister Nicola risponde: «Se questo è il messaggio che sta passando, affermo che questa sfida ci carica ancora di più e faremo di tutto per smentirla». A proposito della formazione e del modulo che mister Nicola attuerà in corsa d'opera si rimanda alla partita. I convocati per l'incontro con l'Hellas Verona sono: Cordaz, Festa, Ceccherini, Claiton, Ferrari, Zampano, Di Roberto, Fazzi, Rodhen, Capezzi, Salzano, Barberis, Gnahore', Palladino, Stoian, De Giorgio, Nalini, Tonev, Martella, Simy, Mazzarani.

Domenica il Crotone affronta (14 agosto) l’Hellas Verona al Bentegodi (campo invertito). Sul versante calciomercato il duo Gianni Vrenna-Giuseppe Ursino in piena attività per completare l’organico. Da sabato tredici agosto è calcio ufficiale anche per dodici squadre di serie A (le prime otto della classifica scenderanno in campo solo dopo agli ottavi) che insieme alle tre di Lega Pro (Bassano, Lecce, Cremonese) e alle diciassette di serie B si giocheranno in un’unica partita il passaggio al quarto turno. Il Crotone, al debutto in assoluto come squadra della massima serie, dovrà vedersela con l’Hellas Verona (domenica 14 agosto) sul terreno del Bentegodi a causa dell’indisponibilità dell’Ezio Scida. A questo primo importante appuntamento i pitagorici del tecnico Nicola arrivano dopo aver affrontato in partite amichevole squadre dilettanti, l’ultima in ordine di tempo l’Asd Roccella, martedì 9 agosto, terminata in parità (1-1) ma anche il Cagliari e la vice campione d’Europa Atletico Madrid. In località Margherita, sede del dopo Moccone, mister Nicola sta curato gli ultimi dettagli a proposito della formazione da schierare contro i veneti. Nessun annuncio ufficiale degli undici che inizialmente scenderanno in campo, ma sarà certamente un Crotone con diversi rossoblù della passata stagione: Cordaz tra i pali, Claiton difensore centrale, Capezzi e Salzano centrocampisti interni, Martella centrocampista esterno sinistro, Palladino finta punta centrale, Stoian esterno sinistro, mancherà Ferrari in non perfette condizioni fisiche per una botta subita nell’amichevole contro l’Atletico Madrid. Per la tifoseria rossoblù la sfida Crotone – Hellas Verona non rappresenterà certamente una novità, l’ultima volta di un incontro ufficiale risale alla stagione 2012/2013, l’anno della promozione in serie A dei veneti. In quell’occasione rossoblù sconfitti (3-2) al Bentegodi, pareggio (3-3) all’Ezio Scida in un incontro al cardiopalmo: terzo gol del Verona al 90°, pareggio del Crotone al 93°. Stagione al via e calciomercato in piena attività per tutto il mese di agosto ed i primi giorni di settembre. In casa rossoblù il duo Gianni Vrenna, Giuseppe Ursino non rallenta l’attività per completare l’organico. Le ultime notizie affermano del continuo interessamento nei confronti dell’attaccante Diego Falcinelli del Sassuolo, la conclusione della trattativa è legata all’arrivo di Matri tra le fila degli emiliani. Altro interessamento del Crotone nei confronti del difensore centrale, classe 1998, Riccardo Marchizza della Roma.
Partite terzo turno
Palermo – Bari
Udinese – Spezia
Chievo – Entella
Torino – Pro Vercelli
Atalanta – Cremonese
Pescara – Frosinone
Bologna – Trapani
Crotone – Verona (la vincente affronta la vincente di Bologna-Trapani)
Genoa – Lecce
Empoli – Vicenza
Sampdoria – Bassano
Cagliari – Spal
Perugia – Carpi
Novara – Latina
Pisa – Salernitana
Ternana – Cesena

       


Saranno diciotto e non diciannove il numero totale delle partite inserite nell'abbonamento: la prima parita casalinga (seconda di campionato) contro il Genoa si giocherà infatti a Pescara per indisponibilita' dell'Ezio Scida. Anche in occasione della massima serie la societa' ha praticato prezzi bassi rispetto al costo degli abbonamenti di altre societa'. Questa mattina i vertici della scoietà hanno tenuto una conferenza stampa di presentazione sia della campagna abbonamenti che delle nuove maglie. «Il ritardo con l'inizio della campagna abbonamenti e' dovuta alla questione dello Stadio Ezio Scida a proposito dell'ultimazione dei lavori di adeguamento alla serie » ha dichiarato il presidente Raffaele Vrenna. Sui prezzi praticati, il patron rossoblù ha precisato come si sia tenuto conto di molti fattori tra cui il diritto di prelazione e lo sconto cul costo dell'abbonamento per i vecchi abbonati se confermeranno lo stesso settore del precedente campionato. Il diritto di prelazione inizia il 13 agosto e termina il 18 dello stesso mese. Dal 19 agosto al al 10 settembre saranno applicate le tariffe della normale campagna abbonamenti. Non saranno fatti abbonamenti e nemmeno biglietti nel settore curva nord giacche' sara' riservata totalmente agli ospiti. I vecchi abbonati di tale settore potranno abbonarsi alla curva sud. La capienza totale dell'Ezio Scida sara', a lavori terminati, di 17.000 posti ma, come ha detto il presidente, una soluzione non definitiva giacche' Crotone dovra' avere un nuovo stadio. Per i diversamenti abili e' stato previsto un progetto organico a 360° per meglio gestirsi nel corso della partita. La nuova tribuna sara' divisa in tre settori  che comprendera' la tribuna vip, tribuna centrale bassa, tribuna centrale alta, tribuna laterale bassa, tribuna centrale alta. La tribuna scoperta (ex distinti) sara' divisa in due settori: tribuna scoperta centrale, tribuna scoperta laterale. La costruenda tribuna coperta sara' dotata del settore tribuna stampa nella parte alta e dotata anche di monitor se si fara' in tempo ad installarli. Non e' mancata da parte del presidente Vrenna la precisazione sul perche' della scelta di Pescara come secondo stadio dovuta per necesita' in quanto la Calabria non ha stadi adeguati per la sere A. Tornando agli abbonamenti, un'altra novita' riguarderà coloro che, in possesso di abbonamento, non possono assistere per ovvii motivi a qualche incontro, questi abbonati possono avvisare preventivamente la societa' che provvedera' a rimettere in vendita quel posto rimborsando poi l'abbonato del costo. Campagna abbonamenti Fc Crotone stagione 2016/17

Zeus Sport, in veste di sponsor tecnico dellʼ Fc Crotone, ha presentato le nuove maglie da gioco ufficiali della stagione sportiva 2016/2017. I giocatori affronteranno il Campionato indossando esclusivamente tessuti di Serie A, che si distinguono rispetto a quelli utilizzati gli anni precedenti, per lʼutilizzo di caratteristiche tecniche di massimo livello. Tessuti elasticizzati e altamente performanti mixati al mesh, permetteranno ai nostri campioni di mantenere il corpo sempre asciutto proprio nelle zone di massima concentrazione del calore corporeo. Alla prima maglia, sviluppata in rosso e blu, accostamento cromatico distintivo della squadra, è stato aggiunto il bianco. La maglia che accompagnerà i rossoblù in trasferta è lʼintramontabile bianco/blu/rossa. La terza maglia invece, abbandona il giallo fluo dei due anni precedenti per fare spazio al verde fluo. La novità che caratterizza lʼoriginalità oltre che tecnica, anche stilistica, di tutte le maglie da gioco è la soluzione embossed dello squalo posta sul fronte delle stesse. La dicitura “Q D O”, acronimo arcaico greco per “KRO”, posta sul retro sotto al colletto invece porta avanti i tratti distintivi fortemente iconici dʼappartenenza alla città.


 

 

 

Salva

Salva

Crotone        0

Atl. Madrid  2

Marcatori: 59° Gaitan 93° Diago Jota

Crotone (3-4-3): Cordaz, Ceccherini, Claiton, Ferrari (Di Roberto), Sampirisi, Capezzi (Rhoden), Salzano (Gnahore'), Martella, Tonev, Palladino (De Giorgio), Stoian (Nwankwo). All. Nicola

Atl. Madrid (4-4-2): Oblak, Gobin, Filipe, Vrsaljko (Juanfran), Tiago (Koke), Saul (Diogo Jota), FernandoTorres (Hector), Savic (Lucas), Gabi (Augusto), Santon Bore' (Gaitan), Thomas (Carrasco). All. Simeone

Arbitro: Maresca di Napoli

Coll. Carboni di Napoli - La Rocca di Ercolano

Ammoniti: Godin

Angoli: 5 a 1 per l'Atletico

Recupero: 2 e 4 minuti

Notte magica al San Vito-Gigi Marulla di Cosenza e pubblico entusiasta che ha invaso ogni ordine di posto per assistere a quello che sara' ricordato come l'incontro clou dell'ultimo decennio. E perche' ogni tifoso potesse dire: anche io c'ero, ha fatto lunghe code ai botteghini nei giorni che hanno preceduto l'incontro. La lunga attesa non e' andata delusa. Grazie alla prestazione di chi e' sceso in campo nel corso dei novanta minuti piu' recupero e' sembrato di vedere in alcuni momenti l'Atletico Madrid che ha disputato la finale di Champions League contro il Real Madrid, ed un Crotone gia' con la mente rivolta alla massima serie che ha tenuto testa al piu' quotato avversario. Formazioni schierati con i migliori uomini ad eccezzione di qualche acciaccato o in debito con la preparazione. Rossoblu' con il trio difensivo Ceccherini a destra, Claiton e Ferrari centrali; Sampirisi, Capezzi, Salzano, Martella a difendere il reparto mediano; Tonev esterno destro, Stoian esterno sinistro, Palladino punta centrale. Gli spagnoli in campo con i sette/undicesimi della finale champions. Gli uomini di Diego Simeone fin dal primo minuto hanno fatto capire che volevano vincere l'incontro e con i vari Borre' e Thomas hanno cercato di continuo la via del gol. Il primo affondo degli ospiti al dodicesimo minuto con Thomas che manda il pallone a sfiorare il palo alla destra di Cordaz. Il numero uno pitagorico compie il miracolo al minuto ventiquattro respingendo un pericoloso pallone. Il Crotone ha risposto alle pericolose giocate avversarie con Palladino in piu' occasioni e con Stoian che sulla fascia sinistra ha fatto soffrire il suo diretto avversario. Un Crotone che chiude bene il primo tempo evidenziando compattezza difensiva, ordine a centrocampo con Capezzi e Salzano, pericolosita' in attacco specie sulle fasce con Stoian e Tonev. L'unico neo l'uscita per infortunio di Ferrari sostituito da Di Roberto che ha  comportato lo spostamento di Sampirisi difensore centrale. Il vantaggio dell'Atletico al minuto cinquantanove. L'azione che ha consentito a Gaitan (subentrato a Borre') di mettere dentro il pallone e' scaturita da una giocata in contropiede dopo che il Crotone ha perso il pallone a centrocampo. Alla distanza si e' notata la differenza tra le due formazioni nonostante i continui cambi. Rossoblu' che ancora hanno da lavorare per presentarsi al via della stagione ma sono sulla buona strada. Atletico Madrid che guarda alla prossima  competizione di Champions con l'intento di arrivare ancora in finale. Raddoppio sul finire della gara (93°) quando i rossoblu' avevano dato tutto.Il sabato notte del 6 agosto 2016 difficilmente scomparira' dalla mente di coloro che hanno occupato ogni ordine di posto del San Vito. Doveva essere per la citta' di Pitagora l'evento finale della festa per la promozione dei rossoblu' in serie A che per l'occasione avrebbe fatto registrare l'arrivo di tifosi da ogni parte della Calabria ed invece, anche in questo caso, i crotonesi hanno dovuto emigrare. Grazie a quanti si sono prodigati, in primis il presidente Raffaele Vrenna, le autorita' istituzionali di Cosenza, perche' l'evento si concretizzasse nella vicino Cosenza. Le Istituzioni crotonesi ancora una volta si sono fatti trovare impreparati di fronte ai grandi eventi e la promozione in serie A del Crotone era cosa fatta gia' dopo la trentanovesima giornata (29 aprile 2016). I lavori di ristrutturazione dell'Ezio Scida iniziati il 2 agosto 2016.

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}