Giuseppe Livadoti

Giuseppe Livadoti

La prima sfida europea dell’Italia contro il Belgio (lunedì 13 ore 21.00), ma anche tutte le altre che gli azzurri disputeranno in questo torneo europeo, saranno seguite con maggiore enfasi dai tifosi del Crotone. Soprattutto quando si annunceranno i nomi degli azzurri che faranno parte della formazione e di quelli che siederanno sulla panchina. Un applauso in più, infatti, i crotonesi lo dedicheranno agli azzurri che sono degli ex del Crotone e che oggi sono tra le fila della Nazionale. forse il nome del primo giocatore che ascolteranno dal commentare (in quanto difensore) sarà Ogbonna, poi ascolteranno via via il nome del centrocampista Florenzi e degli attaccanti Pellè e Bernardeschi. Quattro giocatori che da rossoblù hanno lasciato a Crotone un buon segno al saldo delle loro prestazioni allo Scida. Ogbonna, arrivato a Crotone dal Torino in occasione del campionato di C1 stagione 2006/2007 (tecnico Indiani), è stato impiegato in 26 partite (24 di campionato, 2 play-off). Al termine di quella stagione il difensore di colore ha spiccato il volo per la massima serie. Il centrocampista Florenzi venne in prestito dalla Roma al Crotone campionato serie B 2011/2012. Registrò trentacinque presenze e undici gol realizzati. Anche per lui si segnalò il ritorno alla Roma da titolare nella massima serie durante la stagione successiva. Pellè al Crotone arrivò nel campionato 2005/2006 della serie B. Proveniva dal Lecce e realizzò con la maglia rossoblù sei gol in diciassette partite. La presenza di Bernardeschi, proveniente dalla giovanile della Fiorentina, tra le fila del Crotone è di recente memoria, avendo vestito la maglia rossoblù nel campionato 2013/2014. Ha accumulato trentotto presenze in rossoblù e realizzato dodici gol. La Fiorentina, a fine stagione, non ha esitato un solo istante a richiamarlo nella propria rosa. Dopo di loro la storia di calciatori che dal Crotone sono approdati in Nazionale potrebbe continuare. Oggi l’attenzione della massima serie è rivolta ai vari Ricci, Ferrari, Martella, Capezzi, Cordaz, al croato Budimir, a Yao, tutti giocatori che la società rossoblù vorrebbe trattenere anche per il prossimo campionato. Non solo loro, all’attenzione del presidente Raffaele Vrenna ci sono giovani in forza ad altre squadre e tra questi si fa il nome del centrocampista austriaco Gucher (Frosinone) e dell’attaccante nigeriano Sadiq (Roma).

Le nuove regole del calciomercato rendono più difficile il lavoro delle società, anche del Crotone. Non solo la "questione" stadio, dunue, tiene alta la discussione tra tutti i tifosi rossoblù, ma anche e soprattutto il calciomercato. In primis c'è da stabilire chi sarà il nuovo tecnico. La società pitagorica sull’argomento calciomercato non conferma né smentisce per quanto riguarda tecnico e giocatori, in entrata e uscita. La promozione del Pescara in serie A ha significato anche la conferma di Oddo sulla panchina degli abruzzesi. Il Foggia tramite il suo presidente ha fatto sapere che in caso di promozione in serie B il tecnico De Zerbi rimarrà ancora sulla panchina della sua squadra per tentare la scalata nella massima serie. Mister Gattuso tecnico del Pisa impegnato nella finale play-off con il Foggia ha dichiarato che al momento non ha ricevuto nessuna offerta da altre squadre. Sul fronte calciatori le notizie su eventuali affari già conclusi sono ancora più riservati. I contratti scadano il trenta giugno e fino ad allora nulla si può dichiarare. Il Crotone per la prossima stagione non parte da zero per quanto riguarda l’organico. Tra coloro che sono proprietà della società ci sono giocatori richiesti da squadre della serie A. Il presidente Raffaele Vrenna ha dichiarato che li vorrebbe confermare tutti, ma qualche pezzo pregiato lo dovrà sacrificare in nome del potenziamento della prossima squadra. Cordaz, Ferrari, Budimir, Martella i più richiesti. Per quanto riguarda alcuni prestiti della passata stagione la società ha dichiarato che sarebbe sua intenzione avere al proprio servizio ancora l’attaccante Ricci (proprietà Roma), il centrocampista Capezzi (proprietà Fiorentina) e il difensore Yao (proprietà Inter). Ma a complicare le operazioni di calciomercato le nuove regole che devono essere applicate dalle società in questo campionato. La rosa non deve superare le 25 unità e tra i venticinque giocatori in forza quattro devono essersi formati nel proprio vivaio e quattro nel vivaio di un'altra squadra italiana. Questo significa che tutte le società prima ancora di procedere all’ingaggio di altri giocatori devono snellire la propria rosa per dare seguito alle nuove regole. Il capitano del Perugia Lorenzo Del Prete pare sia stato richiesto in queste ore dal Crotone come confermatao anche dal Nuovo Corriere nazionale. Per il trentenne esterno romano sarebbe un ritorno in Calabria dopo l’ottima stagione disputata nel campionato 2013-14. La trattativa è in fase di sviluppo e il Perugia, che aveva resistito alle avances di gennaio del Verona (che avrebbe offerto 600.000 euro per il cartellino) potrebbe accettare una valutazione analoga proposta dal Crotone.

 

Alla fine degli anni 60, nella Crotone del boom dello sviluppo industriale, la povertà era comunque ed ancora una piaga che colpiva un bel pezzo di società.

Ed in quel contesto, uno degli svaghi principali e più amati, era indubbiamente rappresentato dal calcio.

Fontanesi: quel doppio confronto col Catanzaro

Pubblicato in Vecchie Glorie
Martedì, 24 Maggio 2016 16:15

Brenno Fontanesi, portiere detto “tenaglia”, non gli sfuggiva mai il pallone dalle mani. Tre campionati con il Crotone negli anni 50/51/52, proveniente dai giovani del Milan quando aveva appena compiuto 18 anni. Tra i suoi ricordi di quegli anni uno in particolare, il doppio confronto col Catanzaro (1952) vinto dai rossoblù, ma che non servì a scavalcare in testa alla classifica i giallorossi che si aggiudicarono il campionato con un punto di vantaggio.

Centrocampista negli anni60 in serie C, quando la formazione del Crotone era formata da: Giannattasio, Paolini, De Togni, Fino, Cherubino, Pisoni, Ravelli, Forin, Marcos, Castaldi, Rampazzo. Prima d’approdare a Crotone ha giocato nell’Alessandria insieme a Rivera, nella Mestrina e nel Padova, di Nereo Rocco. Tra i suoi compagni, nell’anno in cui la squadra della città del Santo si piazzò terza, Hamrin, Rosa, Brighenti. Dopo Crotone di nuovo a Mestre, serie C, dove ha concluso la carriera all’età di 32 anni.

Roberto Golfarini, Il geometra dell’area di rigore

Pubblicato in Vecchie Glorie
Martedì, 24 Maggio 2016 16:14

Terzino sinistro, dal 1962 al 1969. La grinta nell’affrontare gli attaccanti gli valse l’appellativo di “roccia”.     

Prima d’arrivare nella squadra della città di Pitagora, presidente Francesco Pizzuti, ha giocato due anni nella Fiorentina in serie A; tre anni con l’Arezzo e due anni con la Maceratese in serie C.

Lotito, insieme a Silipo, Geremicca, Petrucci, i crotonesi di quella formazione vincente composta da: Chirico, Brigante, Fini, Colangelo, Borgo, Silipo, Barbato, Lotito, Costa, Geremicca, Cavallaio. Allenatore Politzer, sostituito da Lamberti nel corso del campionato. Oltre alla formazione sopra citata, facevano parte anche:

Affermatosi nella squadra della propria città, quando militava in serie C, ha girovagato per i campi di mezza Italia mettendosi sempre all’attenzione della critica per essere un terzino vincente come marcatore e fluidificante, così si chiamava allora il difensore che era solito scendere sulla fascia.

La vita calcistica di Gabriele Messina non è stata una passeggiata sui campi di calcio per il semplice gusto di giocare al pallone, negli anni della giovinezza, quando si è nell'attesa di una sistemazione.

È stato un percorso fatto con tantissime squadre di diverse città ed ovunque i suoi gol hanno fatto la felicità dei tantissimi tifosi, in particolare di quelli le cui squadre sono state promosse nella categoria superiore.

Damiano Milone: Il politico prestato al calcio

Pubblicato in Vecchie Glorie
Martedì, 24 Maggio 2016 16:11

La carriera calcistica di Milone, classe 1949, inizia appena dodicenne, fine anni 60 con la “Dinamo”, squadra crotonese diretta da Luigi Savoia, per poi giocare l’anno successivo con la “Stella Rossa” nel ruolo di difensore.

Quattordicenne, passa con il Crotone nelle formazioni giovanili.

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}