LE PAGELLE│Lavori in corso per mister Stroppa: rossoblu' piu' decisi, ma ancora indietro per la categoria

Pubblicato in Stadio
Domenica, 27 Settembre 2020 22:44

Crotone (3-5-2):

Cordaz, 6 interventi di ordinaria amministrazione, strepitoso su un tiro di Rebic, nulla da fare per le due reti subite.

Mallegan, 5 ha saputo reggere per il primo tempo ma poi ha rallentato nel secondo, incoraggiando lo sfogo degli attaccanti milanisti diventati particolarmente pericolosi.

Marrone, 5 una prestazione dignitosa la sua ma macchiata dal rigore causato su Rebic.

Golemic, 6 affrontare con disinvoltura avversari di tutto rispetto non è da tutti… lui, per tutto il corso della gara, lo ha fatto egregiamente.

Pereira 5 molto movimento poca costruzione a centrocampo, sarà per la prossima partita… la sua sostituzione con Vulic si è resa necessaria.

Messias, 5,5 una prestazione infelice la sua tutta da dimenticare forse è il peggior Messias visto allo Scida.

Cigarini, 5 da calciatore della sua esperienza ci si aspetta molto di più oggi tranne un paio di appoggi non si è visto niente di più. Ha subito il fraseggio milanista.

Zanellato, 5 (Eduardo,) anche lui qualche sussulto da campioncino ma nulla di più non è entrato mai in partita.

Molina, 6 (Rispoli,) ha corso per tutto il tempo rimasto in campo svolgendo il suo compito sulla fascia cercando di fornire traversoni agli avanti rossoblù che purtroppo non sono riusciti ad intercettarli per la bravura della difesa ospite.

Simy.  5 brutta giornata la sua, solo un’azione pericolosa per il resto il suo avversario non gli dato attimo di respiro.

Dragus, 5 (Vulic) mal servito dai suoi compagni non si è ancora integrato per un adeguato dialogo con Simy.

All. Stroppa 6 una predisposizione da tempo collaudata che riscuote un discreto successo oggi tra l’altro ha limitato il Milan a dilagare sul risultato finale. Il Crotone per tutto il primo tempo ha retto bene in difesa e centro campo deludente invece l’attacco.

Milan (4-2-3-1):

Donnarumma, 6 completamente inoperoso per tutta la gara. Un solo tiro in porta da parte del Crotone.

Calabria, 7 tra i migliori in campo specie nel primo tempo ha recuperato palla e impostato un dialogo con Tonali e Kessie

Kjaer, 7 non ha concesso nemmeno un pallone giocabile a Simy lo ha contrastato in maniera impeccabile.

Gabbia, 6 anche se in tono minore ha contribuito a tenere ordinatamente la difesa centrale da lui governata insieme al resto della difesa. Hernandez, 6 particolarmente attivo nelle ripartenze.

Kessiè, 7,5 il migliore uomo in campo. Ha realizzato il rigore portando in vantaggio rossoneri.

Brahim Diaz, 6,5 (Krunic) ottimo il rendimento per tutta la partita. È stato aiutato nell’azione della sua rete grazie a due errori consecutivi compiuti prima da Edoardo e poi da Cegarini, che gli hanno fornito involontariamente sui piedi il pallone che ha portato il raddoppio del Milan.

Tonali, 7 (Bennacer) una prestazione impeccabile, recupero e rilancio, sono state le sue giocate. Un calciatore di sicuro avvenire.

Calhanoglu, 6 (Leao 6) gran movimento con Diaz che hanno messo in serie difficoltà la difesa del Crotone del resto hanno dimostrato di avere un’armonia di gioco da squadra di testa di classifica.

Saelemaekers, 6 (Castillo) insieme a Tonali e Rebic hanno costruito azioni che più volte hanno sfiorato la possibilità di andare a rete.

Rebic. 6,5 un altro pezzo da novanta su cui il Milan può contare elemento valido sia per tecnica che intelligenza calcistica. Pericolosissimo su un tiro sventato dal bravo Cordaz. Vittima di grave infurtunio per una caduta  incidentale che gli ha causato una frattura al braccio.

All. Pioli 7 forte di elementi di alto rango calcistico ha messo in campo uno schieramento da non far soffrire problemi al bravo Donnarumma, addirittura i pitagorici sono stato redarguiti da effettuare in tutta la partita un solo tiro in porta.

 

Arbitro: Luca Pairetto di Nichelino 7

 

Milan piu' cinico che bello a Crotone, finisce 0-2: rossoblu' mostrano carattere, ma non basta

Pubblicato in Stadio
Domenica, 27 Settembre 2020 20:22

Serie A seconda giornata│Seconda sconfitta del Crotone con un Milan ben organizzato in ogni reparto. Crotone distratto in difesa e assente in attacco. Pitagorici bene nella prima mezzora.

Il Milan atterra a Crotone, mister Stroppa: «Ho chiesto ai miei di avere piu' cazzimma»

Pubblicato in Stadio
Sabato, 26 Settembre 2020 19:01

Serie A seconda giornata│Crotone-Milan stadio Ezio Scida domenica 27 settembre ore 18. Cuomo, Benali, Gigliotti e Riviere, gli Squali sicuri assenti. Tra gli ospiti non ci saranno l’attaccante Zlatan Ibrahimovic (positivo al coronavirus), Duarte, Musacchio, Romagnoli.

Crotone-Milan si disputera' a porte chiuse, la societa'

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 25 Settembre 2020 12:39

Il Football club Crotone comunica che «la gara di serie A Tim in programma domenica prossima 27 settembre alle ore 18 presso lo stadio Ezio Scida contro il Milan si disputerà senza l’accesso, anche parziale, del pubblico: una volta ricevuta l’autorizzazione da parte del governo regionale – della quale al momento si risulta in attesa –  sarebbero infatti necessari una serie di ulteriori adempimenti burocratici e organizzativi per i quali non sussistono purtroppo le condizioni temporali».

Il Crotone senza l'attaccante Riviere contro il Milan: probabile rientro contro la Juve

Pubblicato in Stadio
Mercoledì, 23 Settembre 2020 20:18

Serie A seconda giornata│Il Crotone torna all’Ezio Scida domenica prossima per affrontare il Milan. Pitagorici impegnati in doppie sedute di allenamento. Riviere si aggiunge agli altri indisponibili.

C'e' l'accordo tra Milan e Crotone per il centrocampista Zanellato: previsto per inzio settimana prossima l'arrivo del giocatore

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 26 Gennaio 2018 20:53

Non c’è ancora l’annuncio ufficiale ma sarebbe fatta: il Milan ha ceduto in prestito il giovane Niccolò Zanellato al Crotone. Lo rivela l’Ansa tra le notizie di calciomercato. La società rossoblù avrebbe quindi trovato l’accordo, sia col club rossonero, che con Giuseppe Riso, manager del centrocampista classe '98. Bisognerà però attendere l’inizio della prossima settimana per il suo trasferimento. Il giocatore non era ancora sceso in campo con la maglia rossonera in Serie A in questa stagione, ma vanta due gare in Europa League. 

Terza sconfitta consecutiva del Crotone: nessun miracolo a San Siro, al Milan basta la prima rete di Bonucci in rossonero

Pubblicato in Stadio
Sabato, 06 Gennaio 2018 17:13

Serie A 20.esima giornata terza sconfitta consecutiva dei pitagorici su errore di Cordaz.

Tabellino.

Milan        1

Crotone    0

Marcatori: Bonucci 54°

Milan (4-3-3): Donnarumma, Calabria, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez, Kessie (Locatelli), Biglia, Bonaventura, Suso, Cutrone (Kalinic), Calhanoglu. All. Gattuso

Crotone (4-3-3): Cordaz, Sampirisi, Ajeti, Ceccherini, Martella, Rohden (Crociata), Barberis (Gragl), Mandragora, Trotta, Budimir (Simy), Stoian. All. Zenga

Arbitro: Fabio Maresca di Napoli

Ass. Filippo Valeriani (Ravenna)- Stefano Del Giovane (Albano Laziale)

Quarto giudice: Juan Luca Sacchi di Macerata

Var: Davide Massa (Imperia) Avar: Antonio Rapuano (Rimini)

Ammoniti: Mandragora, Biglia, Martella, Kalinic

Angoli: 13 a 0 per il Milan

Recupero: 2 e 7 minuti

La partita.

Anno nuovo all’insegna di una nuova sconfitta del Crotone di Walter Zenga contro il Milan di Rino Gattuso. Lo spessore tecnico e la decisa volontà dei lombardi di tornare a fare punti sul proprio terreno, hanno impedito ai pitagorici di rientrare negli spogliatori con il primo risultato positivo fuori casa sotto l’egida del tecnico Zenga. Sarebbe stato un importantissimo risultato dovendo il Crotone recarsi in trasferta a Verona dopo il riposo. È stata una sfida che ha evidenziato ancora molta difficoltà dei pitagorici in fatto di concentrazione difensiva, lucidità a centrocampo, pericolosità in attacco. Non è un successo esterno che allontana i mali di una squadra, ma giocare alla pari contro una formazione competitiva qual è il Milan significava imboccare la giusta strada che conduce alla salvezza. È evidente cha, come ha dichiarato la società, altri elementi dovranno essere ingaggiati nel corso del calciomercato affinché il traguardo della salvezza sia raggiunto con qualche giornata d’anticipo. Al momento, il distacco dalla quartultima continua a crescere. Tutto questo è il futuro, l’attualità è la partita di Milano disputata inizialmente dal Crotone con due novità rispetto alla precedente formazione sconfitta dal Napoli. In sostituzione dei difensori Faraoni e Simic inseriti Sampirisi a destra e Ajeti al centro. Due le novità presentate anche da mister Gattuso con riferimento alla formazione che ha pareggiato a Firenze: Biglia regista al posto di Montolivo e, in sostituzione di Borini, dentro Calhanoglu esterno sinistro nel trio d’attacco con Cutrone al centro e Suso a destra. Disposizione tattica pitagorica con Martella che deve controllare Suso lungo la fascia, Ajeti e Ceccherini con il compito di non perdere di vista Cutrone. Primo tempo senza alcuna preoccupazione per entrambi i portieri. Le preoccupazioni per Cordaz arrivano nella seconda parte del primo tempo. Al venticinquesimo minuto il portiere pitagorico deve rinviare con i piedi un pericoloso pallone calciato da Calabria in area di rigore. Il centrocampista Kessiè al minuto trentacinque manda il pallone oltre la traversa da ottima posizione. Subito dopo è Bonaventura a mandare oltre la traversa il pallone dopo averlo colpito di testa. La migliore occasione per il Milan arriva al minuto quaranta con Biglia che si vede respingere il pallone in angolo da Cordaz. Due minuti dopo è Suso che costringe ancora Cordaz a rinviare il pallone di quel tanto che colpisce il palo alla sua destra evitando al Crotone di capitolare. La parità del primo tempo è stata meritata dai pitagorici che hanno saputo resistere alle bordate offensive dei rossoneri. Qualche deficienza da parte del centrocampo non sempre efficace negli affondi e nei contrasti aerei.  Stoian deve evitare il prolungato possesso del pallone. Ottimo il lavoro di rientro da parte di Budimir e Trotta. La ripresa non si addice al Crotone come in altre circostanze. Tra i pitagorici s'intravede la solita lentezza nei disimpegni e la poca spinta offensiva come testimoniano i continui calci d’angolo a sfavore. Ed è proprio in seguito al decimo angolo che Cordaz compie l’unico errore della giornata non trattenendo il pallone che si insacca dopo aver colpito la spalla di Bonucci. Cinque minuti dopo il Milan raddoppia con Kessie ma il gol è annullato dopo la consultazione del Var. Il Crotone si ricorda che si deve tirare in porta per cercare di pareggiare. Lo fa al minuto sessantatre prima con Trotta, respinge il pallone Donnarumma e sulla ribattuta Crociata non riesce a mandarlo dentro. Qualche sprazzo di gioco offensivo nei minuti finali da parte dei pitagorici per tentare di raggiungere il pareggio non ha prodotto l’effetto sperato. Il Crotone subisce contro il Milan la terza sconfitta consecutiva e si allontana il distacco dalla quartultima.       

 

 

Martella chiama all'impresa contro il Milan: «Dobbiamo cercare di fare il colpaccio fuori casa»

Pubblicato in Stadio
Giovedì, 04 Gennaio 2018 18:58

Serie A 20.esima giornata. Milan-Crotone stadio San Siro sabato 6 gennaio ore 15. Tra i pitagorici torna disponibile il difensore Ajeti dopo aver scontato la squalifica. Nalini, Simic, Cabrera non utilizzabili. Tra i lombardi ancora fermo il difensore Abate (problemi al polpaccio) e dubbi sull’utilizzo dell’attaccante Kalic.

Probabili formazioni:

Milan (4-3-3): Donnarumma, Calabria, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez, Kessiè, Montolivo, Bonaventura, Suso, Cutrone, Calhanoglu. All. Gattuso

Crotone (4-3-3): Cordaz, Sampirisi, Ajeti, Ceccherini, Martella, Barberis, Mandragora, Rohden, Trotta, Budimir, Stoian. All. Zenga

Sul terreno dove l’ha visto per lunghi anni protagonista come portiere con la maglia dell’Inter, torna ma come tecnico del Crotone l’ex portiere Walter Zenga. Di fronte si troverà Rino Gattuso, un altro protagonista di San Siro con la maglia del Milan. Come dire: tra i due si rivive il clima del derby della Madonnina con la curiosità che un calabrese, Gattuso, siederà sulla panchina del Milan, mentre un milanese, Zenga, sarà su quella del Crotone. L’incontro sarà diretto da Fabio Maresca di Napoli assistito sulle fasce da Filippo Valeriani di Ravenna e da Stefano Del Giovane di Albano Laziale. Quarto giudice sarà Juan Luca Sacchi di Macerata. Addetti Var e Avar rispettivamente Davide Massa di Imperia e Antonio Rapuano di Rimini. Tra i pitagorici torna disponibile, dopo aver scontato la squalifica, il difensore centrale Ajeti che dovrebbe fare coppia con Ceccherini. La zona destra della difesa se la contendono Faraoni e Sampirisi con quest’ultimo favorito. Difensore sinistro ancora Martella con il compito di scendere più frequentemente lungo la fascia facilitato dal nuovo modulo voluto da Zenga. Linea mediana ancora con Barberis, Mandragora, Rohden ma con qualche possibilità di vedere fin dall’inizio il centrocampista centrale Kragl per un reparto a quattro in considerazione della forza dell’avversario. Se così dovesse essere, Trotta rimarrebbe sulla panchina per un Crotone formato 4-4-2 con Stoian e Budimir in prima linea. Indipendentemente dalle formazioni, sarà una partita delicata per entrambe le squadre che dovranno recuperare punti e posizioni in classifica. Un altro risultato negativo dopo le due precedenti sconfitte allontanerebbe ancora di più il Crotone dal quartultimo posto. In sala stampa il difensore Bruno Martella a proposito della prossima sfida col Milan ha dichiarato: “Una partita dura contro una squadra che arriva da un buon periodo dopo aver superato il turno di Coppa Italia e pareggiato contro la Fiorentina in trasferta. Dobbiamo cercare di fare il colpaccio fuori casa. Con mister Zenga lavoriamo benissimo e stiamo preparando nel modo migliore la partita. Un tecnico che ha trasmesso tranquillità a tutti noi. Dobbiamo affrontare il Milan senza nessun timore. Sapere interdire il loro gioco a centrocampo per evitare di produrre assist a beneficio di Suso e Bonaventura che se entrano in area di rigore possono fare male. Inoltre occorre stare attenti a Bonucci quando lascia la propria metà campo per proiettarsi in avanti. La passata stagione contro il Milan a San Siro potevamo conquistare il risultato positivo se fossimo stati più attenti negli ultimi minuti, sabato prossimo non dobbiamo mai perdere la concentrazione dall’inizio alla fine dell’incontro considerando che il Milan vuole fare sua la partita e lotterà su ogni pallone”.   

Zenga: «Veniamo da due sconfitte, ma con buone prestazioni: contro il Milan voglio un Crotone con attitudine a fare punti»

Pubblicato in Stadio
Giovedì, 04 Gennaio 2018 12:46

C'e' aria di derby per Walter Zenga che si appresta ad affrontare con il suo Crotone quel Milan che e' stato rivale di decine di stracittadine negli anni 90. "Mi aspetto che il Crotone - dice l'ex portiere dell'Inter - faccia la gara a San Siro con la stessa attitudine di voler far punti che ho visto nelle ultime tre gare. Vero, veniamo da due sconfitte, ma con buone prestazioni che sono sempre migliorate. Dobbiamo focalizzarci sulle positivita' perche' alla lunga la continuita' da' i suoi frutti". Sa bene Walter Zenga cosa aspettarsi dal Milan che pare abbia imboccato la strada per uscire dalla crisi. "Rino Gattuso sta facendo delle cose interessanti. Lui e' calabrese - scherza Zenga - per questa gara si metta una mano sul cuore... A parte le battute e' un rivale leale e sta mettendo a regime il Milan. Hanno giocato tante gare e non ha avuto molto tempo per mettere a punto gli schemi. Si vede che stanno crescendo e lo si e' visto nella partita di Coppa Italia. Hanno fatto una gara notevole contro l'Inter e penso che in campionato non abbiano la classifica che meritano. Gli auguro il meglio, ma non da questa gara pero', dalla prossima". Clima derby per Zenga, dunque, che a San Siro e' pronto a schierare un Crotone che vuole comunque giocarsela, come ha fatto con la capolista e con la Lazio. "Il lavoro piu' importante - dice - e' mentale. Bisogna affrontare tutte le squadre considerandole al tuo livello; pensare che una cosa e' difficile la rende davvero difficile". L'allenatore del Crotone parla anche del prossimo calciomercato e rivela di aver gia' contattato alcuni calciatori. "La societa' - afferma - qui lavora in modo interessante: non vogliamo portare dei nomi, vogliamo portare dei calciatori che hanno fame, voglia di lottare, di mettersi in gioco, di rilanciarsi. Ho gia' parlato con alcuni ed ho detto loro in modo chiaro: se hai un dubbio non venire".

Da oggi al via la sessione invernale del calciomercato, Crotone a caccia di rinforzi: il dg Vrenna guarda ai campionati esteri

Pubblicato in Stadio
Martedì, 02 Gennaio 2018 17:57

Da oggi 2 gennaio e per tutto il mese sarà calciomercato. La società pitagorica in piena attività per consegnare a mister Zenga altri elementi. Intanto c’è da pensare al prossimo difficile incontro di sabato 6 gennaio contro il Milan. Come accade sempre, il calciomercato invernale non fa registrare troppe emozioni per quanto riguarda spostamenti di grossi giocatori da una società all’altra. Chi il campione già lo possiede, difficilmente lo cede ad altra squadra magari concorrente per lo stesso obiettivo. In ogni caso, al momento, si parla soltanto d'ipotetici ingaggi che non trovano nessuna conferma, sia da parte di chi lo possiede, che da chi lo dovrebbe ingaggiare. La società pitagorica nella persona del Dg Raffaele Vrenna non sarà semplice spettatore in occasione dell’attuale calciomercato. Ha già manifestato l’intenzione di rafforzare la squadra in ogni reparto con giocatori che contribuiscano a centrare l’obiettivo della salvezza senza troppo affanno. Gli elementi idonei dovrebbero arrivare dal mercato estero giacché, come dicevamo prima il mercato italiano in questo periodo è inavvicinabile. I nomi sono ancora top secret per non allarmare la concorrenza con il rischio che salti la trattativa. E se la società è alle prese col calciomercato, mister Zenga è in piena attività insieme a tutti i pitagorici per preparare la prossima trasferta in quel di San Siro dove affronterà il Milan sabato 6 gennaio 2018 ore 15. Da San Siro parte il tour de force del Crotone con quattro difficilissimi impegni che metteranno a dura prova i pitagorici. Contro il Milan il primo appuntamento del nuovo anno, a seguire sempre in trasferta al Bentegodi (14 gennaio) contro il Verona, ritorno allo Scida (28 gennaio) dove sarà di scena il Cagliari e poi di nuovo in trasferta e sempre a San Siro per affrontare l’Inter. Contro il Milan di Rino Gattuso, nelle ultime tre giornate di campionato ha accumulato altrettante sconfitte, i pitagorici cercano il primo risultato utile in trasferta sotto la guida tecnica di Walter Zenga. Sarà un incontro che farà rivivere nella mente di Ante Budimir il campionato di serie B 2015/2016 quando, Milan e Crotone si scontrarono al quarto turno di Tim Cup per il passaggio al turno successivo. In quell’occasione l’attaccante pitagorico al minuto sessantasettesimo gelò lo stadio San Siro realizzando il gol del momentaneo pareggio. Una rete importante che costrinse i rossoneri a disputare i tempi supplementari per avere ragione dei rossoblù. Presenti a quell’incontro (terminato 3-1 a favore del Milan dopo i tempi supplementari) anche Cordaz, Martella, Barberis, Stoian, gli stessi che sabato (sei gennaio 2018) potrebbero far parte degli undici iniziali che affronteranno il Milan. Se così sarà, per i cinque pitagorici si tratterebbe di una doppia rivincita da consumare: aver perso immeritatamente quell’incontro di Tim Cup, ed aver subito una pesante sconfitta casalinga contro il Milan alla prima dell’attuale campionato per colpa dell’arbitro Maurizio Mariani che al quarto minuto ha concesso un rigore a favore del Milan e, dopo aver consultato la Var, mandò negli spogliatoi Ceccherini costringendo il Crotone a giocare l’intero incontro in dieci. Lo stesso arbitro Maurizio Mariani è stato ancora protagonista in negativo nei confronti del Crotone la scorsa giornata non consultando la Var dopo il fallo di mano in area di rigore da parte del napoletano Mertes. E pensare che in questi giorni si sta discutendo molto sull’utilità della Var per aver diradato i dubbi su decisioni arbitrali che avrebbero potuto innescare molte polemiche. Per il Crotone la regola della Var vale soltanto quando si presume sia punitiva nei suoi confronti.

Pagina 1 di 3

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}