Martella chiama all'impresa contro il Milan: «Dobbiamo cercare di fare il colpaccio fuori casa»

Pubblicato in Stadio
Giovedì, 04 Gennaio 2018 18:58

Serie A 20.esima giornata. Milan-Crotone stadio San Siro sabato 6 gennaio ore 15. Tra i pitagorici torna disponibile il difensore Ajeti dopo aver scontato la squalifica. Nalini, Simic, Cabrera non utilizzabili. Tra i lombardi ancora fermo il difensore Abate (problemi al polpaccio) e dubbi sull’utilizzo dell’attaccante Kalic.

Probabili formazioni:

Milan (4-3-3): Donnarumma, Calabria, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez, Kessiè, Montolivo, Bonaventura, Suso, Cutrone, Calhanoglu. All. Gattuso

Crotone (4-3-3): Cordaz, Sampirisi, Ajeti, Ceccherini, Martella, Barberis, Mandragora, Rohden, Trotta, Budimir, Stoian. All. Zenga

Sul terreno dove l’ha visto per lunghi anni protagonista come portiere con la maglia dell’Inter, torna ma come tecnico del Crotone l’ex portiere Walter Zenga. Di fronte si troverà Rino Gattuso, un altro protagonista di San Siro con la maglia del Milan. Come dire: tra i due si rivive il clima del derby della Madonnina con la curiosità che un calabrese, Gattuso, siederà sulla panchina del Milan, mentre un milanese, Zenga, sarà su quella del Crotone. L’incontro sarà diretto da Fabio Maresca di Napoli assistito sulle fasce da Filippo Valeriani di Ravenna e da Stefano Del Giovane di Albano Laziale. Quarto giudice sarà Juan Luca Sacchi di Macerata. Addetti Var e Avar rispettivamente Davide Massa di Imperia e Antonio Rapuano di Rimini. Tra i pitagorici torna disponibile, dopo aver scontato la squalifica, il difensore centrale Ajeti che dovrebbe fare coppia con Ceccherini. La zona destra della difesa se la contendono Faraoni e Sampirisi con quest’ultimo favorito. Difensore sinistro ancora Martella con il compito di scendere più frequentemente lungo la fascia facilitato dal nuovo modulo voluto da Zenga. Linea mediana ancora con Barberis, Mandragora, Rohden ma con qualche possibilità di vedere fin dall’inizio il centrocampista centrale Kragl per un reparto a quattro in considerazione della forza dell’avversario. Se così dovesse essere, Trotta rimarrebbe sulla panchina per un Crotone formato 4-4-2 con Stoian e Budimir in prima linea. Indipendentemente dalle formazioni, sarà una partita delicata per entrambe le squadre che dovranno recuperare punti e posizioni in classifica. Un altro risultato negativo dopo le due precedenti sconfitte allontanerebbe ancora di più il Crotone dal quartultimo posto. In sala stampa il difensore Bruno Martella a proposito della prossima sfida col Milan ha dichiarato: “Una partita dura contro una squadra che arriva da un buon periodo dopo aver superato il turno di Coppa Italia e pareggiato contro la Fiorentina in trasferta. Dobbiamo cercare di fare il colpaccio fuori casa. Con mister Zenga lavoriamo benissimo e stiamo preparando nel modo migliore la partita. Un tecnico che ha trasmesso tranquillità a tutti noi. Dobbiamo affrontare il Milan senza nessun timore. Sapere interdire il loro gioco a centrocampo per evitare di produrre assist a beneficio di Suso e Bonaventura che se entrano in area di rigore possono fare male. Inoltre occorre stare attenti a Bonucci quando lascia la propria metà campo per proiettarsi in avanti. La passata stagione contro il Milan a San Siro potevamo conquistare il risultato positivo se fossimo stati più attenti negli ultimi minuti, sabato prossimo non dobbiamo mai perdere la concentrazione dall’inizio alla fine dell’incontro considerando che il Milan vuole fare sua la partita e lotterà su ogni pallone”.   

Crotone e Udinese in campo lunedì a caccia di punti utili: allo Scida si affrontano le due squadre appaiate in classifica

Pubblicato in Stadio
Sabato, 02 Dicembre 2017 20:18

Serie A 15.esima giornata, Crotone-Udinese stadio Ezio Scida lunedì 4 dicembre ore 19. Assente per squalifica l’attaccante pitagorico Budimir. Ospiti con il dubbio Hallfredsson per motivi fisici.
Probabili formazioni:
Crotone (4-4-2): Cordaz, Sampirisi, Ceccherini, Ajeti, Pavlovic, Rohden, Mandragora, Ceccherini, Nalini, Trotta, Stoian. All. Nicola
Udinese (3-5-1-1): Bizzarri, Larsen, Danilo, Samir, Widmer, Barak, Balic, Fofana, Adnan, Lax Lopez, Lasagna. All Oddo

Il pre-partita.
E' chiamato a scuotersi il Crotone nello scontro diretto che giochera' in casa contro l'Udinese. La squadra di Davide Nicola e' reduce da tre sconfitte consecutive, due in campionato e una in Coppa Italia, e in vista di un finale di girone estremamente complesso, deve cercare di racimolare piu' punti possibile con le squadre dirette concorrenti nella corsa alla salvezza. Lunedì sarà, dunque, proprio spareggio salvezza tra due squadre in ritardo con la vittoria da due giornate e appaiate in classifica al quindicesimo posto con dodici punti. Nota positiva in favore del tecnico friulano Oddo, subentrato alla guida della squadra alla 14.esima giornata al posto di Del Neri, l’accesso agli ottavi di Tim Cup dopo aver sconfitto il Perugia con una goleada (8-3). Il campionato è però tutt’altra cosa, una vittoria in più contro una diretta concorrente per la salvezza significa conquistare punti pesanti. L’incontro sarà diretto da Davide Massa di Imperia assistito da Vivenze e Cecconi, quarto giudice sarà Ivano Pezzuto di Lecce. Addetti Var e Avar saranno Di Bello e Nasca. La passata stagione (36.esima giornata) grazie al primo gol stagionale del centrocampista esterno Rohden, i pitagorici conquistarono la seconda vittoria consecutiva (settimo risultato utile di seguito) contro i bianconeri guidati del tecnico Del Neri. Tre importanti punti che ampliarono la speranza della salvezza. Ed è proprio Rohden che dopo l’allenamento pomeridiano di sabato, Gragl e Izco si sono allenati ancora a parte, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni a proposito della prossima sfida: “La prossima partita contro l’Udinese mi ricorda il primo gol segnato in serie A la passata stagione – ha dichiarato il pitagorico – un successo che ci consentì di salvarci. Ora è tutt’altra cosa, la stagione è ancora lunga e lunedì affronteremo una diversa Udinese che si trova insieme a noi in classifica. Se sarò in campo, il mio pensiero non è realizzare il gol a tutti i costi, ma contribuire al successo, indipendentemente da chi mette dentro il pallone. Torniamo a giocare davanti al nostro magnifico pubblico – affermato Rohden – che ci incita dall’inizio alla fine della partita con molto calore. Parlando di come vive a Crotone, Rohden ha detto: “Insieme alla mia compagna ci troviamo abbastanza bene in una bella città dove vive gente fantastica”. Mister Oddo dopo il successo in Tim Cup contro il Perugia, quasi certamente confermerà in formazione l’attaccante Max Lopez autore di quattro degli otto gol realizzati dall’Udinese. Altra possibile conferma quella di Lasagna che bene ha fatto al fianco di Lopez mettendo a segno un bel gol. L’entusiasmo accumulato in Coppa Italia sarà, quindi, l’arma in più dell’Udinese sul terreno dello Scida.

La probabili formazioni di Bologna-Crotone. Al Dall'Ara previsto massiccio afflusso di tifosi pitagorici

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 03 Novembre 2017 12:31

Serie A dodicesima giornata Bologna-Crotone stadio Dall’Ara sabato 4 novembre ore 18. Tra i locali assenti i centrocampisti Pulcar (squalificato), Poli infortunato, ancora fuori Mirante (portiere), probabile ritorno dell’attaccante Palacio. Tra i pitagorici incerta la presenza dell’esterno Rohden per motivi fisici.

Probabili formazioni:

Bologna (4-3-3): Da Costa, Krafth, Gonzales, Helander, Masina, Nagy, Taider, Donsah,Verdi, Palacio, Di Francesco. All. Donadoni

Crotone (4-4-2): Cordaz, Sampirisi, Simic, Ceccherini, Pavlovic, Nalini, Mandragora, Barberis, Stoian, Trotta, Budimir. All. Nicola

Arbitro: Fabrizio Pasqua (Tivoli)

Ass. Schenone – La Rocca

Quarto giudice: Francesco Fourneau (Roma1)

VAR: Mazzoleni - AVAR: Tegoni

La classica sfida tra due squadre che non si sono mai perse di vista nei campionati di serie A e B. L’incontro Bologna-Crotone, definito il derby rossoblù in ragione dei colori sociali, ma anche per i tanti crotonesi residenti nella città delle due Torri, sabato prossimo farà registrare il tutto esaurito sulle gradinate del Dall’Ara. Alla tifoseria locale si aggiungerà quella pitagorica proveniente, anche, da altre città. Il dodicesimo uomo in campo, anche a favore della formazione di mister Nicola, sarà quindi presente. La passata stagione fu proprio la sfida con il Bologna ad inaugurare la storica stagione della massima serie del Crotone. Un debutto che poteva concludersi con il risultato positivo se l’attaccante Destro non avesse bucato Cordaz a quattro minuti dal termine. Amara conclusione di una partita che il Crotone non meritava di perdere. L’incontro di sabato prossimo potrebbe essere anche un revival per molti giocatori dell’una e dell’altra formazione. Cordaz, Sampirisi, Ceccherini, Rohden, Stoian, Martella, Simy, Barberis, se in campo potrebbero scontrasi ancora con Krafth, Masina, Verdi, Destro, Di Francesco e riprendersi la rivincita dello scorso campionato. Bologna per il Crotone sarà il primo di quattro impegnativi scontri nel mese di novembre. Dopo la partita del Dall’Ara pausa del campionato (11 novembre) per l’impegno della Nazionale (Play-Off  con la Svezia per la qualificazione ai Mondiali 2018 in Russia). Alla ripresa del campionato (19 novembre) pitagorici all’Ezio Scida per affrontare il Genoa per poi (26 novembre ore 20.45) la proibitiva  trasferta di Torino contro la Juventus ma, come si dice in gergo, il pallone è rotondo. Quattro giorni dopo (30 novembre) pitagorici impegnati sul terreno del Marassi nel quarto turno di Tim Cup ancora contro il Genoa. Nell’immediato c’è, però, la sfida di Bologna che mister Nicola ed i suoi stanno preparando per dare continuità all’ultimo risultato positivo contro la Fiorentina. In fase di pieno recupero Rohden ma la sua presenza non è scontata, il suo apporto alla squadra è sempre sopra la sufficienza sia in fase offensiva che di rientro. Trotta e Budimir, a segno per la prima volta in questo campionato, la coppia d’attacco potrebbe essere l’arma vincente del Crotone nelle prossime partite. Reparto difensivo ancora con il duo Simic, Ceccherini al centro e con Sampirisi a destra e Pavlovic a sinistra ma non è da escludere la presenza iniziale di Martella difensore sinistro essendo tornato in piena forma fisica. Stessa considerazione a proposito della conferma per quanto concerne il reparto mediano dove al centro dovrebbe manovrare Mandragora e Barberis, esterni di fascia Nalini a destra, Stoian a sinistra. Tra i felsinei iniziali che non vogliono perdere la quarta partita consecutiva, non ci saranno i centrocampisti Pulcar (squalificato), Poli infortunato il cui posto dovrebbero occuparlo Taider e Donsah. Manovre anche in attacco da parte del tecnico Donadoni con il probabile ritorno di Palacio in prima linea nonostante Destro sia disponibile. Così mister Nicola alla vigilia dell’incontro: “Rohden si è allenato in maniera differenziata ma verrà con noi a Bologna – ha dichiarato mister Nicola - a proposito del pitagorico. Per quanto riguarda la formazione vedrò al momento se è il caso di qualche cambio. Il Crotone ha un ampio organico che non mi preoccupa qualche assenza forzata perché metto sempre in preallarme (tre o quattro) possibili soluzioni, indipendentemente se saranno attuate”. Del Bologna mister Nicola ha detto: “Del Bologna so benissimo che si tratta di una squadra molto qualitativa che non va sminuita per gli ultimi tre risultati negativi. I nostri prossimi avversari non lottano per la salvezza poiché hanno molta qualità capace di tornare a vincere contro chiunque. È una squadra che va affrontata con la dovuta attenzione e “intelligenza” tattica - ha dichiarato Nicola”. Sulla conferma dell’undici che ha sconfitto la Fiorentina mister Nicola non si sbilancia: “non ci sono titolari pianta stabile – ha dichiarato il tecnico – squadra che vince se è il caso va anche cambiata giacché ogni partita è diversa e va affrontata secondo le caratteriste dell’avversario”.      

 

 

 

 

 

  

Nicola dovrebbe recuperare sia Martella che Ajeti. Pioli intenzionato a operare un po' di turnover

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 27 Ottobre 2017 20:10

 QUI CROTONE.  Per la gara interna contro la Fiorentina, Davide Nicola dovrebbe recuperare sia Martella che Ajeti. Il centrale dovrebbe, dunque, tornare a occupare il suo posto da titolare al fianco di Ceccherini in mezzo alla difesa; e anche l'esterno basso dovrebbe rientrare dal primo minuto. Il Crotone deve riscattare le due sconfitte esterne di Genova e Roma, provando a far valere ancora una volta il fattore campo. Tanti impegni a distanza cosi' ravvicinata hanno lasciato qualche strascico tra le fila rossoblu, ma il turnover effettuato contro la Roma dovrebbe aver rimesso tutti nelle condizioni migliori. Domani la rifinitura e, al termine, le convocazioni. Probabile formazione (4-4-2): Cordaz; Sampirisi, Ajeti, Ceccherini, Martella; Rohden, Mandragora, Barberis, Stoian; Budimir, Trotta.

 QUI FIRENZE.  Seduta di allenamento incentrata su esercitazioni tecnico-tattiche sul 4-3-3 e lavoro sul possesso palla per la Fiorentina in vista del match di domenica a Crotone. Solo fisioterapia e potenziamento in palestra per il trequartista Riccardo Saponara (metatarsalgia) e per l'attaccante Cyril Thereau, uscito dal campo al 18' del primo tempo della sfida di mercoledi' scorso contro il Torino per una lesione al bicipite femorale della coscia destra. Pioli sembra intenzionato a operare un po' di turnover in vista delle ultime gare. In 'rampa di lancio' l'impiego di Bruno Gaspar nel ruolo di esterno destro difensivo, con Eysseric che dovrebbe sostituire Thereau mentre a centrocampo possibile un turno di riposo per uno fra Benassi e Veretout, con Carlos Sanchez pronto a essere impiegato dal 1'. Domani mattina allenamento e partenza per la Calabria nel primo pomeriggio che fara' saltare la conferenza stampa della vigilia di Stefano Pioli. Probabile formazione (4-3-3): Sportiello; Bruno Gaspar, Pezzella, Astori, Biraghi; Benassi, Badelj, Carlos Sanchez; Chiesa, Simeone, Eysseric.

 

C'e' anche Aleksandar Tonev tra i 25 calciatori convocati da Davide Nicola in vista della doppia trasferta contro Sampdoria e Roma

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 20 Ottobre 2017 18:14

C'e' anche Aleksandar Tonev tra i 25 calciatori convocati da Davide Nicola in vista della doppia trasferta contro Sampdoria e Roma. L'attaccante bulgaro in settimana aveva ripreso ad allenarsi con la squadra; evidentemente Nicola ritiene di poterlo recuperare, se non per la gara contro la Samp, per quella contro la Roma. Perche' il Crotone, partito oggi per Genova, non rientrera' a casa; dopo il match contro i blucerchiati pernottera' nella citta' della Lanterna e domenica sera raggiungera' Roma dove restera' fino alla partita di mercoledi'. Con impegni cosi' ravvicinati contro avversari tanto temibili, e con qualche strascico fisico lasciato dall'intensa gara pareggiata contro il Torino, e' lecito attendersi qualche novita' in formazione, anche se Nicola su quest'argomento e' sempre estremamente restio a fornire informazioni. Intanto la societa' rossoblu ha fatto sapere di aver rinnovato il contratto con Andrea Barberis; il centrocampista, in rossoblu dal 2015, si lega al Crotone fino al 2019. Restano indisponibili Kragl e Tumminello, che probabilmente sara' in tribuna all'Olimpico per assistere al confronto tra la sua squadra attuale e quella in cui e' cresciuto.

Probabili formazioni

SAMPDORIA (4-3-1-2): Puggioni; Bereszynski, Silvestre, Regini, Strinic; Barreto, Torreira, Praet; Ramirez; Caprari, Quagliarella. Allenatore: Giampaolo

CROTONE (4-4-2): Cordaz; Sampirisi; Ajeti, Ceccherini, Martella; Rohden, Barberis, Mandragora, Stoian; Budimir, Trotta. Allenatore: Nicola

ARBITRO: Calvarese di Teramo

 

Mandragora in forse per il match di domenica col Torino. Mihajlovic senza Belotti, lontano dai campi di calcio per oltre un mese

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 13 Ottobre 2017 18:28

Serie A ottava giornata Crotone-Torino stadio Ezio Scida domenica 15 ottobre ore 15. Ex di turno il difensore Ajeti, dubbi sull’utilizzo di Nalini e Mandragora, l’attaccante granata Belotti assente per infortunio, al suo posto Sadiq.
Probabili formazioni:
Crotone (4-4-2): Cordaz, Sampirisi, Ajeti, Ceccherini, Martella, Rohden, Kragl, Barberis, Stoian, Trotta, Simy. All. Nicola
Torino (4-2-3-1): Sirigu, Ansaldi, N’Koulou, Lyanco, Molinaro, Rincon, Baselli, Lago Falque, Ljajic, Niang, Sadiq. All. Mihajlovic
Arbitro: Paolo Valeri (Roma 2)
Ass. Giob Lo Cicero (Palermo) – Gianmattia Tasso (La Spezia)
Quarto giudice: Livio Marinelli (Tivoli)
VAR: Rosario Abisso (Palermo) – AVAR: Maurizio Marini (Aprilia)
Il pre-partita.
Quattro punti nelle ultime due gare; quintultimo posto che significa stare fuori dalla zona retrocessione; il duro lavoro fatto svolgere da Nicola durante la pausa del campionato; l’entusiasmo di un’intera tifoseria che in massa occuperà le gradinate dello Scida anche domenica prossima. Tutto ciò rappresenta il biglietto da visita del Crotone nei confronti del Torino. La passata stagione (13.esima giornata) la squadra del tecnico Mihajlovic, pur non evidenziando una buona prestazione, si portò a casa i tre punti. Vittoria ottenuta con un gol realizzato da Belotti (80°) in netta posizione di fuori gioco (il Var non esisteva ancora) e raddoppiò lo stesso attaccante al 90°. Al Crotone invece, fu negato un evidentissimo rigore sul risultato di parità. In occasione del prossimo incontro Belotti non sarà della partita a causa di un infortunio che lo terrà lontano dai campi di calcio per oltre un mese. Non scontata la presenza del difensore Barreca e dei centrocampisti Joel Obi e Acquah le cui condizioni fisiche sono ancora sotto osservazione. In casa pitagorica ancora dubbi sul possibile impiego di Mandragora, il centrocampista aveva accusato un fastidio al ginocchio nel riscaldamento pre gara (Under 21) contro l’Ungheria, e di Nalini. Le condizioni fisiche di entrambi saranno valutate nel corso dell’ultima rifinitura pre-partita. Se per motivi precauzionali mister Nicola decidesse di lasciarli a riposo, il ruolo di centrocampista al fianco di Barberis se lo contenderanno Izco e Crociata. Trattandosi di una sfida contro una squadra con all’attivo dodici gol, esiste anche l’ipotesi Gragl o Faraoni (entrambi ottimi marcatori in fase difensiva). In attacco disponibili Budimir, Trotta, e Simy, se Nalini non dovesse recuperare. Gli ultimi due per come si sono comportati contro la Spal sembrano avere la precedenza per essere in campo fin dall’inizio. Mister Mihajlovic in attacco sembra essere orientato su Sadiq a lposto di Belotti. La difesa granata sarà ancora a quattro con Ansaldi (in sostituzione di De Silvestre), N’Koulou, Lyanco, Molinaro. Duo di centrocampo Rincon e Baselli (se Valdifiore non ce la farà). Alle spalle della punta Sadiq agiranno Lago Falque, Ljajic, Niang. Il commento di Stoian e del tecnico Nicola a proposito del prossimo incontro. Stoian: «L’obiettivo del Torino è l’Europa league – ha dichiarato – e quindi di fronte ad un simile avversario sarà una partita tosta, come a Ferrara in occasione dell’ultima trasferta. Il pubblico dell’Ezio Scida anche in quest’occasione ci sosterrà dall’inizio al termine della sfida ed insieme al “dodicesimo uomo in campo” lotteremo per portarci a casa i tre punti. Sto bene fisicamente – ha detto Stoian – e sta bene tutta la squadra che continua a migliorarsi col passare delle partite. L’assenza del gol è un fatto personale, l’importante è vincere indipendentemente da chi segna. La passata stagione di gol ne ho fatto tre, voglio battere questo personale record». Il Torino, a parte la pesante sconfitta subita contro la Juve non ha mai perso, all’attivo dodici gol segnati e undici subiti. Cosa pensa di questo Torino il tecnico pitagorico Nicola?  «Speriamo che segni di meno e subisca di più – ha dichiarato –. È una squadra che ha ottime qualità ed è migliorata ancora rispetto alla passata stagione. Abbiamo già affrontato la squadra del tecnico Mihajlovic lo scorso campionato all’Ezio Scida disputando un’ottima gara che non meritavamo di perdere, in casa loro il Crotone ha saputo soffrire e conquistare un ottimo punto grazie al gol di Simy. In occasione della prossima sfida occorre stare concentrati al massimo perché vorranno recuperare quanto non hanno raccolto nelle ultime due partite». A proposito della formazione mister Nicola ha detto: «Per il Crotone è stato una settimana particolare a causa della sosta per gli impegni delle varie Nazionali che devono qualificarsi per i Mondiali. I tre giocatori impegnati Mandragora (Under 21), Ajeti (Albania), Rohden (Svezia), sono rientrati un po’ acciaccati e quindi occorre valutare le loro condizioni fisiche prima di impiegarli. A tutto ciò – ha dichiarato Nicola – esiste qualche problema per Nalini che spero recuperi prima dell’incontro. In sua assenza ci sono disponibili altri tre attaccanti».

 

 

Verso Spal-Crotone: Nicola orientato a schierare il duo d'attacco Simy-Trotta, Budimir e Nalini non sono ancora al meglio

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 29 Settembre 2017 18:26

Serie A settima giornata Spal – Crotone stadio Paolo Mazza domenica primo ottobre ore 15. Non scontata la presenza fin dall’inizio di Budimir e Nalini. Locali con gli indisponibili Merit, Della Giovanna, Oikonomou, Floccari. Mister Nicola: «Sarà una partita difficile e delicata contro un avversario tosto».

Probabili formazioni:

Spal (3-5-2): Gomis, Salamon, Vicari, Felipe, Lazzari, Schiattarella, Viviani, F. Mora, Costa, Antenucci, Borriello. All. Semplici

Crotone (4-4-2): Cordaz, Sampirisi, Ajeti, Ceccherini, Martella, Rohden, Mandragora, Barberis, Stoian, Simy, Trotta. All. Nicola

Arbitro: Paolo Silvio Mazzoleni (Bergamo)

Ass. Giorgio Peretti (Villafranca) – Marco Zappatore (Taranto)

Quarto giudice: Luca Pairetto (Nichelino)

VAR: Pasqua - Meli

Il pre-partita.

Spal e Crotone, al momento, sono l’una fotocopia dell’altra. Stessi punti in classifica (4), un pareggio, una vittoria, quattro sconfitte, undici gol subiti. Dopo sei giornate, non è il massimo del rendimento, ma è quanto basta per fare dire ai rispettivi tecnici che stanno meglio di chi si trova nella zona rossa della classifica. Pitagorici con un ritrovato entusiasmo dopo il primo successo stagionale che ha interrotto la striscia negativa delle tre sconfitte consecutive; di fronte, gli emiliani con il rammarico in gola per la sconfitta subìta in casa contro il Napoli. Sono queste le pregiudiziali che fanno della prossima sfida uno spareggio per il centro classifica. Nessun cambio di modulo in previsione da parte di mister Nicola, il 4-4-2 dà garanzie di buon rendimento in ogni reparto. La collaudata difesa a quattro con Sampirisi a destra, Ajeti e Ceccherini difensori centrali, Martella a sinistra si sta rivelando la soluzione tattica più ermetica. Mandragora e Barberis al centro della linea mediana con Stoian e Rohden, rispettivamente esterno sinistro e destro, stanno suscitando le attenzioni della critica nazionale. Trotta in coppia con Simy al centro dell’attacco hanno dimostrato di saper tenere la squadra alta tant’è che le occasioni da gol create dai pitagorici non sono mancate contro il Benevento. Un vero peccato l’infortunio di Tumminello che si è dovuto sottoporre ad un intervento chirurgico al ginocchio (ne avrà per 4/5 mesi). Manca ancora il gol di Ante Budimir (pure lui fuori squadra per motivi fisici, ma ora tra i convocati per Ferrara) che non tarderà ad arrivare. In serie B con la maglia rossoblù ne ha realizzati sedici ed è stato il trascinatore della promozione in A. Un attaccante di razza non dimentica come si realizzano i gol. Mister Nicola dispone inoltre di altro materiale umano idoneo a disputare un buon campionato: Faraoni, Tonev, Nalini, Kragl, Aristoteles, Simic. Al momento, ognuno sta recitando la propria parte. Se qualcuno non ha reso per come avrebbe dovuto, il tempo non manca per riscattarsi e dimostrare quanto vale. Dopo sei giornate ogni giudizio sul singolo giocatore potrebbe non trovare riscontro nel prosieguo della stagione. Ogni partita ha una storia a sé che va commentata per ciò che è successo nel corso dei novanta minuti più recupero. Intanto la società pitagorica e i tifosi si godono il buon rendimento della squadra dimostrato dalla convocazione di tre giocatori in Nazionale: il difensore Ajeti convocato dall’Albania, Rohden dalla Svezia, Mandragora dall’Under 21 azzurra. In quel di Ferrara, in occasione della settima giornata, mister Nicola sembra orientato sulla conferma dei dieci/undicesimi che hanno sconfitto il Benevento. Unica variante potrebbe essere l’ingresso fin dall’inizio di Simy in attacco al fianco di Trotta. Il tecnico Semplici non potrà disporre di Merit, della Giovanna, Oikonomou, Floccari e la formazione più accreditata da opporre al Crotone è la stessa sconfitta contro il Napoli. Alla vigilia della trasferta di Ferrara mister Nicola ha dichiarato: «E’ una squadra tosta che viene da due anni vincenti, con alla guida un allenatore che stimo molto – ha dichiarato Nicola – con giocatori di qualità assieme ad altri inseriti nei ruoli che servivano. Tra gli attaccanti ci sono giocatori che in serie A hanno più di duecento gol. È una squadra ben messa in campo – ha continuato a dire Nicola – dal carattere tignoso che sanno come affrontare squadre anche forti e dare loro fastidio. Non hanno mai sfigurato contro nessuno e hanno perso disputando ottimi incontri fino al termine. In casa godono del grande ambiente amico che sostiene i propri giocatori sempre». Di fronte a questi avversari che Crotone sarà? «Se la mia squadra gioca con la mentalità e l’organizzazione che sta dimostrando – ha dichiarato Nicola – sarà competitiva. Questo è il nostro intento e la voglia che ci portiamo in campo contro la Spal». Come ha preparato la squadra nel corso della settimana? «Abbiamo lavorato duramente perché dopo Ferrara ci sarà la sosta per l’impegno della Nazionale e quindi ci siamo portati avanti il lavoro». Per quanto riguarda le condizioni di Budimir il tecnico pitagorico ha dichiarato: «Budimir si è allenato per la prima volta ieri dopo l’infortunio di sabato scorso. Da escludere un suo impiego fin dall’inizio ma farà parte dei convocati. Nalini si sta allenando da più giorni e valuterò un suo probabile impiego».

 

 

  

 

 

 

 

 

    

Nicola vuole una reazione in campo col Benevento: «Cadere serve a rialzarsi ancora piu' forti, nello sport come nella vita»

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 22 Settembre 2017 17:28

Serie A, sesta giornata, Crotone-Benevento, stadio Ezio Scida, domenica 24 settembre ore 15. Torna il duo Trotta, Budimir in attacco. Rischio esonero per il tecnico Baroni. Ex Belec (portiere) e Cataldi (centrocampista).

Probabili formazioni:

Crotone (4-4-2): Cordaz, Faraoni, Sampirisi, Ceccherini, Martella, Rohden, Mandragora, Barberis, Stoian, Trotta, Budimir. All. Nicola

Benevento (4-4-2): Belec, Venuti, Lucioni, Costa, Lazaar, Letizia, Cataldi, Memushaj, Parigini, Iemmello, Coda. All. Baroni

Arbitro: Daniele Orsato  (Schio)

Ass. Alessio Tolfo (Pordenone) – Elenio Di Liberatore (Teramo)

Quarto giudice: Antonio Di Martino (Giulianova)

VAR: Calvarese – Di Paolo

Ritrovare l’entusiasmo dopo la sconfitta di Bergamo e fare risultato nella prossima partita interna contro il Benevento. Il Crotone riparte da qui. Anche a parere di mister Davide Nicola. Dopo appena cinque giornate, nessuna squadra d’alta e bassa classifica è sicura di centrare l’obiettivo prefissato ad inizio stagione. Ma è anche vero che occorre meditare su ciò che è avvenuto nel primo scorcio di campionato. La “batosta” rimediata dal Crotone contro l’Atalanta è stata, sicuramente, oggetto di riflessione da parte del tecnico e dei suoi uomini. La metamorfosi subita dai pitagorici sul terreno del “Atleti Azzurri d’Italia” dopo appena tre giorni dalla buona prestazione contro l’Inter, non ha nessun precedente come risultato e gioco. Tutto questo ormai è alle spalle e c’è da pensare al Benevento, fanalino di coda distante un solo punto dal Crotone. Il percorso d’entrambe nelle prime cinque partite non è invidiabile. Peggiori difese (11 gol subiti dal Crotone, 14 dal Benevento) pessimo attacco con un solo gol all’attivo. Domenica pitagorici e sanniti, con queste referenze, si scontreranno per rimettersi in carreggiata. Sarà una sfida che richiamerà alla mente delle due tifoserie i precedenti in serie C e Lega Pro con riferimento in particolare agli spareggi per la promozione. L’ultima volta di Crotone Benevento fu nel campionato 2008/2009, finale play-off, per la promozione in serie B. Una doppia sfida al cardiopalma, giacché allo Scida i sanniti pareggiarono (1-1) ma furono sconfitti (1-0) al ritorno, gol di Calil. Domenica è altra storia e si tratta di conquistare punti da accumulare per la permanenza nella massima serie. Un altro risultato negativo del Benevento potrebbe costare la panchina al tecnico Baroni. La curva Sud del Benevento si è scagliata contro il manager Salvatore Di Somma per ciò che sta accadendo alla squadra, ma nello stesso tempo invitano tutta la tifoseria a mobilitarsi per la trasferta di Crotone. Per quanto riguarda le formazioni non mancano le novità nei due schieramenti, mister Baroni sembra orientato a riportare in formazione Costa sulla linea difensiva, Letizia e Parigini esterni di centrocampo, Iemmello in attacco. Crotone con il ritorno di Martella difensore esterno sinistro, Sampirisi spostato difensore destro, Mandragora centrocampista centrale, Stoian esterno di centrocampo fin dall’inizio, Trotta e Budimir di nuovo in campo assieme. «Cadere serve a rialzarsi ancora piu' forti, nello sport come nella vita». Davide Nicola vuole gettarsi alle spalle la brutta sconfitta di Bergamo, la piu' sonora rimediata dal Crotone in Serie A. «Contro il Benevento dobbiamo continuare a fare la partita che di solito siamo abituati a fare – ha dichiarato Nicola – con la nostra mentalità e il modo di stare in campo. Riappropriarci della compattezza che non abbiamo avuto a Bergamo, con sacrificio e umiltà di squadra». Su eventuali cambi in formazione rispetto a quella schierata a Bergamo, il tecnico pitagorico ha detto: «Tonev non ci sarà per infortunio e la scelta del sostituto la deciderà dopo la rifinitura di sabato». Non ottimali le condizioni fisiche di Aristoteles per un eventuale impiego in formazione: «Non solo Aristoteles, ma anche altri giocatori (Simic) non sono ancora pronti per essere impiegati. Hanno bisogno di più tempo rispetto agli altri perché sono arrivati sul finire del calciomercato, In ogni caso esiste la possibilità che vengano convocati». Che tipo di partita si aspetta Nicola? «Noi faremo la nostra partita – ha affermato Nicola – sapendo che è importante per entrambe. Il Crotone ha una identità ben precisa e sa adattarsi a qualsiasi avversario. La voglia di mantenere alto l’entusiasmo e di riscattarci dopo una brutta sconfitta è insito in tutti noi. Lavoriamo con intensità durante gli allenamenti sapendo che poi durante l’incontro c’è un pubblico che ci sostiene sempre. Una partita si può anche sbagliare ed è giusto fare le dovute considerazioni analizzando ciò che è successo a Bergamo».                       

 

Nicola pensa al turnover in vista del match con l'Atalanta: probabile il debutto di Aristotoles, ballottaggio Budimir-Tumminello

Pubblicato in Stadio
Martedì, 19 Settembre 2017 14:48

Serie A quinta giornata, Atalanta-Crotone, stadio “Atleti azzurri d’Italia”, mercoledì 20 ore 20.45. Martella potrebbe non farcela, probabile Tumminello fin dall’inizio e debutto di Aristoteles.

Probabili formazioni:

Atalanta (3-4-1-2): Beriska, Masiello, Caldara, Toloi, Hateboer , de Roon, Cristante, Castagna, Kurtic, Gomez, Petagna. All. Gasperini

Crotone (4-4-2): Cordaz, Faraoni, Ceccherini, Sampirisi, Pavlovic, Rohden, Aristoteles, Barberis, Stoian, Tumminello, Tonev. All. Nicola

Arbitro: Marco Piccinini di Forlì

Ass. Federico Longo (Paola) – Rodolfo Di Vuolo (Castellamare di Stabia)

Quarto giudice: Fabio Maresca di Napoli

Addetti VAR: Valeri – Balice

Il pre-partita. Crotone in quel di Bergamo alla ricerca del primo gol e della prima vittoria stagionale. La buona prestazione di tutti i pitagorici contro l’Inter sarà il biglietto da visita nei confronti degli uomini di mister Gasperini. La classifica (un solo punto conquistato contro il Verona allo Scida) non esprime il vero valore del Crotone. In occasione della prossima trasferta, ed in considerazione dei tre incontri ravvicinati, il turnover tra i pitagorici non è da escludere. In sostituzione di Martella, uscito anzitempo contro l’Inter per motivi fisici, sarà Pavlovic a prendere il suo posto quale difensore sinistro. Altre sostituzioni potrebbero riguardare il debutto del centrocampista Aristoteles in sostituzione di Mandragora. In attacco Tumminello sembra dover vincere la concorrenza nei confronti di Budimir. Mister Nicola, anche se non evidenzia alcuna preoccupazione per l’assenza del gol da parte dei suoi uomini, sa che tale situazione non può andare oltre e cerca di interrompere il digiuno con l’inserimento di qualche pedina in grado di mettere dentro il pallone anche dalla lunga distanza. Aristoteles e Tumminello hanno queste caratteristiche. Il turnover in casa dell’Atalanta riguarda il ritorno di Toloi in difesa al posto di Palomino, Cristante e Gomez a centrocampo ed in attacco in sostituzione rispettivamente di Freuler e Ilicic. Quest’ultimo al fianco del confermato Petagna.

Le dichiarazioni di Davide Nicola: «Gli infortunati hanno recuperato, a parte Martella le cui condizioni fisiche sono da accertare qualche ora prima dell’incontro – ha dichiarato Nicola a proposito dell’infermeria –. Per noi la partita più importante è sempre quella che si gioca. Farò giocare chi dà maggiore garanzia sulla tenuta atletica/tecnica e mentale. Anche se ci sono stati pochi giorni a disposizione, abbiamo lavorato molto e questo è stato possibile grazie alla disponibilità del nuovo centro che ci consente di stare in città senza perdere tempo a raggiungere altra destinazione per allenarci. L’Atalanta è una squadra con un gioco consolidato con giocatori importanti e forti tra i quali molti giovani. Il gioco dell’Atalanta non è difficile da leggere, ma si fa fatica a contrastarlo avendo ottimi interpreti. La loro arma è saper aggredire in ogni zona del campo. Sulle fasce sono ancora più forti. Non sempre abbiamo la forza necessaria per tirare da quella distanza per fare male all’avversario. È un percorso (tirare da lontano) che dobbiamo costruire attraverso il lavoro. Nel Crotone non esistono giocatori che hanno già assegnato questo compito. Nell’assieme ho grande fiducia perché so che nel tempo dimostreranno le loro qualità».  

Mister Nicola avverte i suoi per il match di sabato con l’Inter: «Dovremo essere coraggiosi, abili e umili per tutti e 90 i minuti»

Pubblicato in Stadio
Giovedì, 14 Settembre 2017 17:25

Serie A quarta giornata Crotone-Inter stadio Ezio Scida sabato 16 settembre ore 15. Tra i pitagorici Nalini ancora assente, improbabile l’impiego di Aristoteles, Ajeti ha recuperato e potrebbe essere della partita. 

Probabili formazioni:

Crotone (4-4-2): Cordaz, Faraoni, Ceccherini, Cabrera, Pavlovic, Rohden, Barberis, Mandragora, Stoian, Trotta, Budimir. All. Nicola

Inter (4-2-3-1): Handanovic, Skriniar, Miranda, Dalbert, Candreva, Valerio, Gagliardini (Vecino), Candreva, Joao Mario, Perisic, Icardi.

All. Spalletti

Arbitro: Luca Banti di Livorno

Ass. Giulio Dobosz (Genova) – Luca Giallantini (Civitavecchia)

Quarto giudice: Ivano Pezzuto di Lecce

Addetti alla Var: Damato - Morini

Terzo appuntamento casalingo dei pitagorici in questa stagione contro l’Inter che è capolista insieme a Juve e Napoli. Nove punti conquistati, otto gol realizzati, uno subìto, il rendimento dei neroazzurri. Un viatico che evidenzia la fretta degli uomini di mister Spalletti quali antagonisti dei bianconeri di Allegri per la conquista dello scudetto. Di fronte il Crotone al penultimo posto con un solo punto, quattro gol subiti, nessuno segnato. Sabato prossimo l’una e l’altra squadra scenderanno in campo per confermare e smentire le attuali posizioni: l’Inter rimanere leadership della classifica, il Crotone tornare a fare punti. La passata stagione il sogno salvezza dei pitagorici si concretizzò grazie anche al successo (2-1) ottenuto allo Scida contro l’Inter, del tecnico Pioli, alla 31.esima giornata con la doppietta di Falcinelli. Tre importantissimi punti conquistati da giocatori che in occasione della prossima sfida potrebbero essere presenti: Cordaz, Ceccherini, Martella, Rohden, Barberis, Stoian, Trotta, Sampirisi. I dubbi per quanto riguarda la formazione di sabato l’impiego di Faraoni o Sampirisi difensore destro; Martella o Pavlovic difensore sinistro; Kragl o Rohden esterno destro; Crociata o Stoian esterno sinistro. Indisponibili ancora, Nalini, Tonev e, per poco allenamento, Aristoteles. L’unico interrogativo in casa dell’Inter l’inserimento di Vecino al posto di Gagliardini a centro campo. Per il resto della formazione certa la conferma sulla tre/quarti di Joao Mario con al fianco Candreva a destra, Perisic a sinistra. In attacco Icardi non sembra avere concorrenti. Sicura conferma anche per i quattro della difesa, Skriniar difensore destro, Miranda e Dalbert difensori centrali, Candreva difensore sinistro. Il neroazzurro Vecino “Il Crotone è una squadra imprevedibile che sa come affrontare ogni avversario indipendentemente dalla posizione di classifica, la passata stagione l’Inter ha subito una pesante sconfitta all’Ezio Scida”. Mario Sampirisi, difensore pitagorico con all’attivo un gol contro l’Empoli la passata stagione, nell’attuale campionato due presenze su tre incontri dice alla vigilia: «Affrontiamo grandi campioni che vogliono arrivare primi a fine stagione. Per quanto ci riguarda dobbiamo essere in grado di sapere interpretare una partita difficile e nello stesso tempo bella per il tutto esaurito dello stadio». Per quanto riguarda alcuni avversari Sampirisi ha dichiarato: «Se dovessi controllare un giocatore come Icardi che è un grandissimo attaccante, occorrerà mantenere la massima concentrazione sempre. In serie A, di fronte a certi giocatori, non è consentito il minimo sbaglio per evitare di essere puniti». Mister Davide Nicola: «L’Inter ha un allenatore, che conoscono e stimo in modo particolare: ha allestito e preparato una squadra molto competitiva. Sarà l’antagonista di Juve e Napoli per la conquista dello scudetto. Mi aspetto un avversario molto forte – ha dichiarato ancora Nicola – che sta bene». Per quanto riguarda la formazione del Crotone Nicola ha puntualizzato: «Qualche pedina sarà cambiata, ho lavorato molto in questa direzione sempre con lo spirito di fare una partita dove occorre un grandissimo coraggio e correre tanto, ma diversamente da come abbiamo corso contro il Cagliari. Contro l’Inter dobbiamo essere coraggiosi, abili, umili nel corso dei novanta minuti più il recupero». La momentanea sterilità dell’attacco pitagorico non preoccupa Nicola: «Al momento l’assenza del gol non è un problema. Le occasioni da gol non sono mancate e questo in parte mi tranquillizza per il futuro perché so di poter contare su un attacco che sa come arrivare al cospetto del portiere avversario. È anche vero però – ha dichiarato Nicola – che il Crotone non possiede attaccanti con oltre dieci gol a stagione. Diventeranno bravi durante il campionato». Sugli indisponibili il tecnico rossoblù ha detto: «Rimane ancora la lunga assenza di Nalini, Izco è rientrato e si sta allenando pur con qualche fastidio al tallone. Tonev ha recuperato, si stava allenando la scorsa settimana poi non si è sentito sicuro per giocare, è da valutare un suo eventuale impiego. Aristoteles  ha nelle gambe soltanto due allenamenti con il gruppo, ma non si tratta di infortunio ma deve trovare il ritmo partita. Ajeti ha recuperato». Sul rendimento delle gare precedenti, il tecnico pitagorico ha dichiarato: «Il Crotone non sta facendo bene né in difesa, né in attacco per lunghi tratti dell’incontro. Non può concedere tanto vantaggio a nessun avversario. Si vince con difficoltà quando si è perfetti, figurarsi quando non si gioca al meglio. Dobbiamo diventare una squadra che in campo evidenzia compattezza e ordine in tutti i settori».

 

 

 

 

           

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}