#TUTTIALLOSCIDA│Prezzi popolari per l'ultima partita in casa del Crotone contro la Lazio: biglietti a 5 e 10 euro

Pubblicato in Stadio
Lunedì, 07 Maggio 2018 13:48

FC Crotone comunica che «da oggi, Lunedì 7 Maggio, alle ore 16 saranno in vendita i biglietti per la partita Crotone-Lazio, valida per la trentasettesima giornata di Serie A Tim che si svolgerà Domenica 13 Maggio alle ore 15 allo Stadio Ezio Scida. Vista la straordinaria importanza del match, ultimo in casa del campionato 2017-18, la società ha deciso di adottare una politica di prezzi (tabella in alto) che consenta davvero a tutti i tifosi di essere presenti all’evento. I canali di vendita sono le filiali Bper Banca, le ricevitorie LisTicket abilitate, il sito LisTicket e, da Mercoledì 9 Maggio, anche il Ticket Point di via G. Di Vittorio (aperto da Mercoledì a Sabato dalle 9.30 alle 13 e dalle 15.30 alle 19, e Domenica dalle ore 9,30 in poi). La vendita terminerà Domenica 13 Maggio alle ore 15. Per quanto riguarda il settore ospiti l’acquisto dei tagliandi sarà possibile sempre dalle ore 16 di Lunedì 7 Maggio fino alle ore 19 di Sabato 12 Maggio, ma solo presso le ricevitorie LisTicket abilitate (circuito “Ospiti”) e online, sul sito web LisTicket. A seguito delle disposizioni delle Autorità competenti, per questa gara è previsto che per i residenti nella Regione (Lazio) e per l’acquisto dei biglietti del settore ospiti non è necessario essere in possesso della Tessera del Tifoso. Si ricorda che i punti vendita del circuito LisTicket a Crotone sono: Ricevitoria Better – Via Mario Nicoletta, 51; Tommasini Andrea Costantino Antonio – Viale Antonio Gramsci, 216; Rivendita Tabacchi n.25 – Via XXV Aprile, 86; Muoio Sofia Francesca Rita – Via Roma, 2; Brugellis Camillo – Via Pietà, 63; l’elenco completo è comunque consultabile a questo indirizzo».

Come complicarsi la vita... il Crotone rimedia una sconfitta al Bentegodi, servono altri 180 minuti per la salvezza

Pubblicato in Stadio
Domenica, 06 Maggio 2018 17:51

Serie A 36esima giornata│Pericolosa sconfitta del Crotone contro il Chievo davanti ad oltre tremila sostenitori. Salvezza a rischio. Porta subito buoni frutti la cura D'Anna. Al Bentegodi, il suo Chievo ha battuto, per 2-1, il Crotone, conquistando con merito tre punti pesantissimi nell'avvincente lotta per la salvezza di questo campionato. A soli 180 minuti dalla fine delle ostilita' ci sono cinque squadre in due punti: di queste retrocedera' in B solo una formazione. Al momento la Spal e' a quota 35; il Chievo, il Crotone e l'Udinese sono a 34; mentre il Cagliari (che pero' deve giocare questa sera, contro la Roma) e' a 33.

Tabellino.

Chievo     2

Crotone   1

Marcatori: Birsa 12°, Stepinski 82°, Tumminello 94°

Chievo (4-3-3): Sorrentino, Cacciatore (Bani), Tomovic, Dainelli, Gobbi, Rigoni (Bastien), Radovanovic, Hetemaj, Birsa, Inglese (Stepinski), Giaccherini. All. D’Anna

Crotone (4-3-3): Cordaz, Faraoni, Ceccherini, Capuano, Martella, Barberis, Mandragora, Stoian (Ricci), Trotta (Tumminello), Simy, Nalini (Rohden). All.Zenga

Arbitro: Davide Massa (Imperia)

Assistenti: Stefano Alassio (Imperia) – Ciro Carbone (Napoli)

Quarto giudice: Antonio Damato (Barletta)

Var: Paolo Valeri (Roma 2) Avar Mauro Tonolini (Milano)

Ammoniti: Radovanovic, Rigoni, Hetemaj

Angoli: 8 a 5 per il Chievo

Recupero: 2 e 5 minuti

La partita.

Non ce l’ha fatta il Crotone a conquistare la matematica salvezza davanti agli oltre tremila tifosi giunti da ogni parte d’Italia per sostenerlo. Sul terreno del Bentegodi, contro il Chievo, ha subito una pericolosa sconfitta che pregiudica il lasciapassare per il terzo consecutivo campionato di serie A. Non era facile per gli uomini di mister Zenga uscire imbattuti dalla sfida clou per la salvezza contro un avversario che avevano assoluta necessità del successo per non compromettere la permanenza. Il bel pomeriggio di sport non è stato regalato agli oltre tremila tifosi rossoblù giunti a Verona da ogni parte d’Italia. Anche in questa occasione il tecnico Zenga ha preferito mandare in campo gli stessi undici che hanno sconfitto all’Ezio Scida il Sassuolo la precedente giornata. Il tecnico clivense  D’Anna, prima panchina in sostituzione di Maran esonerato dopo la pesante sconfitta di Roma, ha preferito operare quattro cambi rispetto alla formazione sconfitta a Genova dalla Sampdoria. Dentro Gobbi, Giaccherini, Birsa, Dainelli al posto di Bani, Depaoli, Castro, Pucciarelli. Locali con quattro difensori e Radovanovic ad aggiungersi ai quattro in fase di ripiego. In attacco prima punta Inglese sostenuto da Birsa a destra e Giaccherini a sinistra. Formazioni con due diversi stati d’animo per i punti che sono riusciti a conquistare nelle ultime cinque giornate: due il Chievo, dieci il Crotone. In campo nessun cambio di modulo iniziale da parte di mister Zenga con il quartetto difensivo composta da Faraoni a destra, Ceccherini e Capuano difensori centrali, Martella esterno sinistro con licenza di offendere lungo la fascia. Trio centrale a beneficio di Barberis a destra, Stoian centrale, Mandragora a sinistra. In attacco la punta Simy sostenuta da Trotta a destra e Nalini a sinistra ma scambiandosi i ruoli in corso d’opera. Bene i primi minuti da parte del Crotone. All’ottavo minuto Ceccherini realizza di testa in seguito ad una punizione calciata da Barberis, gol annullato per posizione irregolare dello stesso marcatore secondo l’arbitro. Quattro minuti dopo è il Chievo che si porta in vantaggio con Birsa che di testa capitalizza il cross di Gobbi dalla sinistra. Da questo momento pitagorici inesistenti in campo, in particolare assente la spinta offensiva sulle fasce. Nalini e Trotta poco concreti per la guardia assillante dei rispettivi marcatori. Stoian regista centrale senza idee e Simy ha giocato pochi palloni. Crotone al riposo senza idee e mai pericoloso nei confronti di Sorrentino.  Lenti e poco concreti nelle giocate anche i primi minuti della ripresa da parte dei rossoblù, tant’è che il Chievo si procura quattro calci d’angoli in tre minuti. La sveglia ospite squilla al minuto cinquantasei quando Nalini dalla sinistra crossa per la testa di Simy che manda il pallone a sbattere sul palo alla sinistra di Sorrentino. Ancora Sorrentino devia un pericoloso pallone colpito di testa da Capuano. Qualcosa si deve inventare Zenga per spezzare la supremazia dei locali e manda in campo Ricci al posto dello spento Stoian. Sette minuti dopo è la volta del centrocampista Rohden rilevare Nalini brutta copia del giocatore visto in precedenza. Non è serata per il Crotone, tutto gli diventa difficile e ne approfitta il Chievo che raddoppia al minuto ottantadue con il nuovo entrato Stepinski da dentro l’area, nonostante fosse circondato da tre difensori, disattento anche Cordaz. In precedenza, minuto settantadue, Radovanovic ha colpito il palo. Il giorno della matematica salvezza si è invece trasformato per il Crotone nella incertezza di ciò che può succedere nelle ultime due giornate quando dovrà affrontare la Lazio allo Scida ed il Napoli in trasferta. Il risultato finale è stato reso meno amaro dal gol realizzato sul finire dell’incontro da Tumminello. Non cambia il risultato finale ma non peggiora la classifica avulsa nei confronti del Chievo.    

 

 

   

 

 

Zenga: «Possiamo regalarci qualcosa di straordinario, ma anche che potrebbero aprirsi scenari differenti»

Pubblicato in Stadio
Sabato, 05 Maggio 2018 18:57

Serie A 36esima giornata│Chievo-Crotone, Ceccherini o Ajeti unico dubbio di mister Zenga a proposito della formazione iniziale. Mister D’Anna lascia fuori Rigoni e Cacciatori per Jaroszynshie e Giaccherini. Convocati Crotone: Cordaz, Festa, Stoian, Rohden, Ceccherini, Nalini, Barberis, Ricci, Izco, Diaby, Pavlovic, Zanellato, Capuano, Trotta, Sampirisi, Tumminello, Simic, Mandragora, Faraoni, Viscovo, Martella, Crociata, Ajeti, Simy. Indisponibili Benali e Budimir. Diffidati Ceccherini, Ricci. I 26 convocati da mister D’Anna: Confente, Seculin, Sorrentino, Bani, Cacciatore, Cesar, Dainelli, Depaoli, Gamberini, Gobbi, Jaroszynshi, Tomovic, Bastien, Birsa, Castro, Gaudino, Giaccherini, Hetemaj, Radovanovic, Rigoni, Inglese, Leris, Meggiorini, Pellissier, Pucciarelli, Stepinski.

Probabili formazioni:

Chievo (3-5-2): Sorrentino, Bani, Radovanovic, Tomovic, Depaoli, Castro, Jaroszynshi, Hetemaj, Giaccherini, Pucciarelli, Inglese. All. D’Anna

Crotone (4-3-3): Cordaz, Faraoni, Sampirisi, Capuano, Martella, Barberis, Mandragora, Stoian, Trotta, Simy, Nalini. All. Zenga

Arbitro: Davide Massa (Imperia)

Assistenti: Stefano Alassio (Imperia) – Ciro Carbone (Napoli)

Quarto giudice: Antonio Damato (Barletta)

Var: Paolo Valeri (Roma 2) Avar Mauro Tonolini (Milano).

“Sappiamo che domenica – ha affermato mister Zenga alla vigilia della prossima trasferta – possiamo regalarci qualcosa di straordinario, ma anche che potrebbero aprirsi scenari differenti. Non penso che per loro la gara con il Crotone sia l'ultima spiaggia. Ogni valutazione sulla formazione la farò a Verona. Ciò che posso affermare con certezza è la certosina preparazione settimanale che facciamo indipendentemente dall’avversario che affrontiamo: stessa concentrazione e cura dei particolari. Sappiamo che giochiamo una partita che ci può dare enormi soddisfazioni, ma che potrebbe crearci anche dei problemi. In ogni caso siamo pronti a tutto, non ci poniamo il problema da dove arriviamo, ma cosa siamo e che futuro possiamo avere dopo l’incontro. Contro il Chievo – ha dichiarato Zenga – sappiamo qual è il nostro obiettivo e scendiamo in campo decisi a tutto pur di centrarlo”. Per quanto riguarda il nuovo tecnico dei clivensi, D’Anna, mister Zenga ha dichiarato: “Un nuovo allenatore trasmette sempre tranquillità all’ambiente e serenità ai giocatori. Il Chievo ha giocatori d’esperienza con più campionati nella massima serie. Tra questi cito Pellissier, un giocatore che avrei allenato con piacere perché incarna i veri valori della categoria. Poi sarà il loro tecnico a decidere la formazione. Io – ha detto Zenza – mi preoccupo della mia squadra. Per il Chievo non sarà l’ultima spiaggia in caso di sconfitta, mancano ancora altre giornate al termine della stagione e si possono conquistare i punti che servono per la salvezza. Per il Crotone, invece, si potrebbe scrivere in anticipo un'altra bella pagina di sport”. Ed a proposito della formazione la risposta di mister Zenga è stata: “I convocati stanno tutti bene, deciderò in quel di Verona chi dovrà giocare inizialmente giacché dovrò fare alcune valutazioni finali, anche se non mancano le certezze. Ormai il campionato volge al termine e non è più tempo di esperimenti. Chiunque scenderà in campo sa che deve dare l’anima per quest’incontro che, ripeto, può darci la gioia di una salvezza anticipata. Una grande soddisfazione per tutta la città che potrebbe disputare un terzo campionato nella massima serie. In tutto questo c’entrano i nostri tifosi che ci hanno sempre seguito con passione grazie anche alle prestazioni di tutta la squadra”. Mister Zenga rimarrà a Crotone anche per il prossimo campionato? Il tecnico ha dichiarato: “Un allenatore per fare un ciclo di lavoro deve avere una continuità, fare delle richieste alla controparte per migliorare ciò che si può. Se ci sarà un terzo campionato di serie A crescono anche le aspettative e quindi devono crescere anche tutto ciò che ruota attorno ad un'altra stagione che deve essere senza particolari preoccupazioni con maggiori qualità”.

 

  

Sale l'adrelina per la sfida salvezza contro il Chievo, Capuano: «Siamo carichi, non vediamo l'ora di scendere in campo»

Pubblicato in Stadio
Giovedì, 03 Maggio 2018 18:45

Seria A 36esima giornata│Chievo-Crotone meno tre giorni alla sfida della stadio Marcantonio Bentegodi (domenica 6 maggio ore 15). Giornata decisiva per alcune squadre in testa ed in coda alla classifica. Centinaia di tifosi al seguito del Crotone, provenienti da tutto il Nord, per sostenerlo nella decisiva sfida salvezza. Il difensore Capuano: “Siamo carichi, non vediamo l’ora di scendere in campo”. Arbitro dell’incontro Davide Massa (Imperia). Assistenti: Stefano Alassio (Imperia) – Ciro Carbone (Napoli). Quarto giudice: Antonio Damato (Barletta). Var: Paolo Valeri (Roma 2) Avar Mauro Tonolini (Milano). La sfida clou per la salvezza che si giocherà sul terreno del Bentegodi tra il Crotone (34 punti), reduce da tre risultati utili consecutivi, e il Chievo (31 punti), si avvicina e in casa pitagorica si lavora per meglio presentarsi a quest’incontro. L’appello del presidente Gianni Vrenna ai propri tifosi a essere numerosissimi sugli spalti, sta raccogliendo centinaia di adesioni, sia da cittadini crotonesi residenti al Nord, che da parte di chi vive nel territorio. In tanti vogliono poter dire: «Ero presente anch’io alla sfida salvezza!». La cabala parla a favore del Crotone e di mister Zenga. La passata stagione, furono sei i punti conquistati nei due incontri, nell’attuale campionato il primo successo del tecnico rossoblù è arrivato contro i veneti allo Scida. Tre vittorie dei rossoblù si contano invece nelle tre precedenti sfide che significano Crotone mai sconfitto in serie A dal Chievo. Sul terreno del centro sportivo la preparazione continua secondo consuetudine: torello, allenamento caratterizzato dal lavoro tattico ed a seguire una partitella a campo ridotto. Venerdì, dopo il pranzo, è previsto il trasferimento a Steccato di Cutro (ormai una consuetudine fin dalla vigilia dell’incontro col Bologna) dove, alle ore 13, è convocata la solita conferenza stampa pre-partita. Il difensore Capuano a proposito della prossima difficilissima sfida ha dichiarato: «Un mese fa sembrava tutto più difficile, gli ultimi risultati ci hanno rimesso in carreggiata per una salvezza a portata di… piede – ha dichiarato il pitagorico ai microfoni di Fctv – Contro il Chievo è una sfida importante ci arriveremo nel migliore dei modi, i nostri avversari hanno tanta esperienza ed il cambio del tecnico lo vogliono fare coincidere con il ritorno al successo, ma dobbiamo pensare a noi stessi e daremo sicuramente filo da torcere. Durante la partita non dobbiamo avere frenesia, stare attenti e concentrati dall’inizio alla fine e tentare il colpo gobbo nei primi minuti come contro il Sassuolo per poi giocare in discesa. Il nostro pubblico ci darà una marcia in più perché sarà ancora numeroso sugli spalti a sostenerci». Per quanto riguarda le altre sfide, saranno ancora gli anticipi del sabato ad aprire la terzultima giornata con due incontri che potrebbero essere decisivi per alcuni obiettivi. Alle ore 18 in campo il Milan vs Verona. Per i rossoneri di mister Gattuso il traguardo Europa League non può prescindere dal successo che, se conquistato, significherà anche matematica retrocessione per i veneti di mister Pecchia. La logica pitagorica si potrebbe pronunciare anche a favore della Juventus per quanto riguarda la conquista del settimo scudetto consecutivo se contro il Bologna (ore 20.45) conquisterà i tre punti. Ma per i festeggiamenti bisognerà aspettare il risultato dell’incontro di domenica tra Napoli e Torino sul terreno del San Paolo con i partenopei senza lo squalificato Koulibay. Il lunch match (ore 12.30) della domenica riguarderà lo scontro tra l’Udinese (34 punti), in piena lotta salvezza, e l’Inter (66 punti) senza gli squalificati Vecino e D’Ambrosio, alla ricerca di un difficile traguardo Champions League che deve passare essenzialmente dal prossimo successo. Ore 15sfida salvezza anche per la Spal (31 punti) in casa contro il già retrocesso Benevento (18 punti) che sta dimostrando grande orgoglio sportivo senza nulla concedere agli avversari di turno. L’incontro notturno (ore 20.45) sarà un’altra battaglia per la salvezza e la Champions League tra il Cagliari (33 punti) privo degli squalificati Cigarini (appiedato per due giornate) e Castan, contro la Roma (70 punti) amareggiata per essere stata eliminata con qualche rimpianto dalla Champions ad opera del Liverpool.

 

 

 

Chievo-Crotone, il presidente Vrenna: «Gara importantissima, servirà una grande prestazione da parte di tutti, tifosi compresi»

Pubblicato in Stadio
Mercoledì, 02 Maggio 2018 19:10

Serie A 36esima giornata│Chievo-Crotone decisiva per la salvezza matematica dei pitagorici. Passa dal Bentegodi il visto per il terzo campionato di serie A della prossima stagione. Sarà un incontro spareggio salvezza tra due squadre che non intendono abdicare alla massima serie. I pitagorici affronteranno il prossimo impegno in uno stadio che, stando a ciò che sta preparando la tifoseria locale, prezzi del biglietto al costo di un euro, sarà una bolgia. Il presidente degli Squali, Gianni Vrenna, invita tutta la tifoseria del Crotone a controbilanciare quella locale in gran parte per non fare sentire il proprio calore e il tifo dei grandi avvenimenti ai propri giocatori. “La gara di domenica contro il Chievo Verona – ha dichiarato il presidente – sarà per noi importantissima, servirà una grande prestazione da parte di tutti, tifosi compresi. Il mister ed i calciatori stanno dando tutto e abbiamo bisogno assolutamente del vostro sostegno, del vostro calore e della vostra passione, da Nord a Sud. Ci sono tanti calabresi emigrati e sono sicuro che il Bentegodi sarà colorato di rossoblù. Intanto presso il centro sportivo c’è stato il secondo allenamento in previsione del prossimo incontro (6 maggio ore 15). Tutti i pitagorici hanno lavorato intensamente (Tumminello e Ceccherini a parte) con il solito impegno pensando alla difficilissima sfida che li attende. Chiudere la pratica salvezza con due giornate d’anticipo sarebbe il secondo “miracolo” che i pitagorici concretizzerebbero nella massima serie. Barberis ha dichiarato: “Vogliamo i tre punti per la salvezza, sarà una battaglia giacché anche il Chievo aspetta quest’incontro per fare punti e continuare a sperare nella permanenza. Stiamo attraversando un buon momento e vogliamo sfruttarlo al massimo”.       

Poker del Crotone contro il Sassuolo: doppiette per Trotta e Simy, il duo d'attacco trascina la squadra

Pubblicato in Stadio
Domenica, 29 Aprile 2018 14:58

Serie A 35esima giornata│Il Crotone batte 4-1 il Sassuolo nel 'lunch match' della 35esima giornata di Serie A e compie un passo importante verso la salvezza. I calabresi salgono a quota 34 in classifica e si portano in 14esima posizione a tre lunghezze proprio dai neroverdi che restano al 13° posto con 37 punti. Le reti dei padroni di casa portano la firma di Trotta e Simy, entrambi autori di una doppietta; inutile per gli ospiti il gol su rigore di Berardi.

Tabellino.

Crotone   4

Sassuolo  1

Marcatori: 3° Trotta, 15° Simy, 30° Trotta, 45° Berardi (r ), 88° Simy.

Crotone (4-3-3): Cordaz, Faraoni, Ceccherini (Ajeti), Capuano, Martella, Barberis (Rohden), Mandragora, Stoian, Trotta, Simy, Nalini (Sampirisi). All. Zenga

Sassuolo (3-5-2): Consigli, Lemos, Acerbi, Peluso, Ragusa (Babacar), Missiroli, Magnanelli (Mazzitelli), Duncan, Rogerio, Berardi, Politano. All. Iachini

Arbitro: Antonio Damato di Barletta

Ass. Giulio Dobosz (Roma 2) - Fabrizio Posado (Bari)

Quarto giudice: Eugenio Abbattista (Molfetta)

Var: Marco Di Bello (Brindisi) - Avar: Alfonso Marrazzo (Roma 1)

Ammoniti: Mandragora, Ajeti, Trotta

Angoli: 7 a 5 per il Sassuolo

Recupero: 2 e ? minuti

Spett. tot. 13.600 € 187.140; biglietti 6.347 € 66.220; abbonati 7.253 rateo € 120.920.

La partita.

Una battuta d'arresto contro il Sassuolo in questo scorcio di fine campionato, quando si lotta per rimanere in serie A, non era e non doveva essere nell'alveo delle cose possibili a detta dei pitagorici alla vigilia dell'incontro. E contro gli emiliani il successo è stato inseguito dal Crotone fin dal primo minuto col "coltello" tra i denti. Il risultato finale è stato il giusto riconoscimento per ciò che gli uomini di mister Zenga hanno fatto durante la partita. La posta in palio era troppo alta per lasciarsela sfuggire, l'hanno conquistata e da stasera hanno ridotto notevolmente la distanza verso la salvezza. Altro merito dei rossoblù: aver sfatato il tabù che voleva il Sassuolo (imbattuto negli ultimi otto incontri) mai sconfitto dal Crotone in serie A. Pitagorici inizialmente in campo con una sola novità rispetto a quella che ha sconfitto l'Udinese la precedente giornata: fuori il centrocampista Rohden per fare posto a Nalini schierato a sinistra. Non è da meno mister Iachini in fatto di fiducia per chi ha vinto contro la Fiorentina ed ha confermato i dieci/undicesimi con la sola variante di Ragusa in difesa per compensare l'assenza dello squalificato G. Adjpong. Nessun cambio per quanto riguarda il modulo con tre difensori, cinque centrocampisti e il duo d'attacco Berardi, Politano. Il Crotone inizia la partita schierandosi sotto la curva Sud. Il primo affondo sulla fascia sinistra con Martella per Nalini. Al terzo minuto arriva il vantaggio con Trotta dopo aver ricevuto l'assist di Faraoni sulla fascia sinistra. Quinto gol stagionale del pitagorico che non esulta in qualità di ex. Ancora Trotta al minuto quattordicesimo porge un buon pallone a Simy che lo calcia alto. Il quinto gol stagionale di Simy è rimandato di poco. Al minuto quindicesimo Nalini (tra i migliori del primo tempo), ricevuto il pallone sulla fascia sinistra da Martella, lo crossa in area dove trova bene appostato Simy che col petto lo mette dentro (anche per lui quinto gol stagionale). È un Crotone che produce frequenti azioni da gol. Trentesimo minuto Trotta mette dentro il terzo gol e si porta a quota sei gol stagionali. Sassuolo sotto, i continui colpi offensivi potrebbero portare a segnare ancora con Trotta e Simy. È però il Sassuolo che accorcia le distanze su calcio di rigore calciato da Berardi. La massima punizione concessa dopo la visione del Var per fallo su Politano. L'attaccante emiliano assente per tutto il primo tempo come seconda punta. Il doppio svantaggio costringe il tecnico Iachini a potenziare la spinta offensiva, fuori il centrocampista Ragusa, dentro l'attaccante Babacar. Sassuolo col 3-4-3 che fa soffrire il Crotone. Fuori anche lo spento centrocampista Magnanelli, dentro Mazzitelli pure centrocampista ma più offensivo. Nonostante i cambi il Sassuolo non passa. È il Crotone con Martella a sbagliare il quarto gol. Il pitagorico dopo una sgroppata sulla fascia sinistra e lo scambio con Nalini calcia il pallone addosso a Consigli da dentro l'area piccola. Primo cambio per mister Zenga, fuori Barberis (insuffciente la prova del centrocampista) dentro Rohden. Esce per motivi fisici Ceccherini, entra Ajeti. Un altro attaccante in campo per il Sassuolo, dentro Matri, fuori il centrocampista Missiroli che significa modulo 4-2-4. Nel  Crotone fuori Nalini, dentro Sampirisi. Simy non ci sta a farsi superare dal compagno Trotta come marcatore della giornata e realizza anche lui la doppietta al minuto 83 e sesto gol stagionale. Sette punti nelle ultime tre giornate rappresentano media scudetto ma il Crotone si accontenta di aver ipotecato la salvezza.

 

 

 

 

Il Crotone chiama in massa i tifosi contro il Sassuolo: settori a prezzi ridotti e in Tribuna l’abbonato porta un amico gratis

Pubblicato in Stadio
Lunedì, 23 Aprile 2018 18:46

«#RiempiAMOLoScida, sosteniamo il Crotone, alziamo il muro di sciarpe rossoblù». Il Football Club Crotone chiama a raccolta i suoi tifosi per l’importante sfida di Serie A Tim contro il Sassuolo di domenica 29 aprile alle ore 12.30 allo Stadio Ezio Scida: tutti i settori a prezzi ridotti e in Tribuna l’abbonato porta un amico gratis. La Curva costerà 10 euro, mentre in Tribuna si potrà accedere con un tagliando unico da 25 euro. 50 euro il prezzo per la Tribuna Vip. I biglietti saranno in vendita da domani, martedì 24 aprile, alle ore 10:00. I canali di vendita sono le ricevitorie LisTicket abilitate, il sito LisTicket e, a partire da Mercoledì 25 aprile, anche il Ticket Point di via G. Di Vittorio (aperto da mercoledì a sabato dalle 9.30 alle 13 e dalle 15.30 alle 19, e domenica dalle ore 9,30 in poi). La vendita terminerà domenica 29 aprile alle ore 12.30. Tutti gli abbonati del settore Tribuna avranno la possibilità di portare allo Scida un amico gratis. Come fare è semplice: basta recarsi solo ed esclusivamente al Ticket Point di via G. Di Vittorio muniti di abbonamento e copia del documento in corso di validità della persona che si intende invitare gratis alla partita. La promozione è valida fino ad esaurimento della disponibilità dei posti. Per quanto riguarda il settore ospiti l’acquisto dei tagliandi sarà possibile sempre dalle ore 10 di martedì 24 aprile fino alle ore 19 di sabato 28 aprile, ma solo presso le ricevitorie LisTicket abilitate (circuito “Ospiti”) e online, sul sito web LisTicket. A seguito delle disposizioni delle Autorità competenti, per questa gara è previsto che per i residenti nella Regione (Emilia Romagna) e per l’acquisto dei biglietti del SETTORE OSPITI non è necessario essere in possesso della Tessera del Tifoso. Si ricorda che i punti vendita del circuito LisTicket a Crotone sono:

Ricevitoria Better – Via Mario Nicoletta, 51

Tommasini Andrea Costantino Antonio – Viale Antonio Gramsci, 216

Rivendita Tabacchi n.25 – Via XXV Aprile, 86

Muoio Sofia Francesca Rita – Via Roma, 2

Brugellis Camillo – Via Pietà, 63

 

Vrenna resta con i piedi per terra: «Vittoria di Udine e' un tassello per la salvezza, contro il Sassuolo riempiamo lo Scida»

Pubblicato in Stadio
Lunedì, 23 Aprile 2018 18:13

Lunedì all’insegna del buon inizio di settimana su due fronti per il Crotone calcio ed il presidente Gianni Vrenna. La prima bella notizia a proposito del sociale, settore che vede la Fc Crotone da sempre impegnata, e riguarda la somma di 13.576,00 euro raccolta attraverso l’incontro di calcio a sfondo benefico giocato l’11 aprile tra due formazioni miste composte da giocatori pitagorici, avvocati e giudici. La somma è stata devoluta per intero alla parrocchia di San Domenico (parroco Lino Leto) per ristrutturare il campetto di calcio. La cerimonia della consegna dell’assegno è avvenuta presso la sala stampa dello Scida nella giornata di oggi. L’altra bella notizia la vittoria (1-2) del Crotone in trasferta contro l’Udinese. Successo che ha ampliato la possibilità di raggiungere il traguardo della salvezza con qualche giornata d’anticipo, come vorrebbe il tecnico Zenga. Del successo sull’Udinese e cosa rappresenterà abbiamo parlato col presidente Gianni Vrenna:

Presidente, dopo il successo di Udine il Crotone si avvia a tagliare il traguardo della salvezza?

Continuiamo a rimanere con i piedi per terra, è presto per affermare che siamo già salvi. A Udine il Crotone ha messo un importante tassello sul mosaico della salvezza contro una diretta concorrente, ma ci sono ancora quattro prove difficilissime da superare e la classifica è corta nella parte bassa della classifica.

Eravate convinti che a Udine il Crotone avrebbe fatto bene?

Il segnale che l’incontro di Udine l’avremmo giocato alla pari è arrivato dall’incontro precedente contro la Juventus. Aver costretto i campioni d’Italia uscenti a subire il pareggio dopo essere passati in vantaggio è stata la dimostrazione della compattezza di tutta la squadra. Contro l’Udine c’è stata la conferma.

Simy fa pochi gol ma importanti?

È vero. I gol importanti Simy li ha fatti nella passata stagione e li sta facendo in questo campionato contro la Spal a Ferrara, il Bologna, la Juventus ed a Udine in occasione del pareggio e poi ci ha messo anche lo zampino per il gol del successo di Faraoni. Lo abbiamo definito il “Gigante” buono e dimostra di esserlo in campo evidenziando professionalità e serietà. Si tratta di un ragazzo che si allena con attaccamento e quando è chiamato a scendere in campo dà il massimo. L’ha fatto contro la Juve e si è ripetuto a Udine.  

La prossima sfida casalinga del Crotone contro il Sassuolo un’altra battaglia da superare”

Per l’occasione l’Ezio Scida deve essere una “bolgia” all’insegna del tifo rossoblù. La società abbasserà i prezzi per consentire a tutti  di recarsi allo stadio domenica prossima, 29 aprile ore 12.30, per essere il dodicesimo uomo in campo. Un appello non soltanto a chi risiede in città, ma a tutti i cittadini della provincia. Il traguardo della salvezza potrebbe passare veramente dal prossimo incontro casalingo con il Sassuolo. 

 

SOGLIATOI│Zenga: «Bisogna essere folli per cercare di salvarsi, i ragazzi hanno fatto una partita sopra le righe»

Pubblicato in Stadio
Domenica, 22 Aprile 2018 18:24

Una vittoria importante per il Crotone che passa a Udine e ottiene tre punti importanti in chiave salvezza. "Sono felice per i ragazzi che hanno fatto una partita sopra le righe - afferma il tecnico Walter Zenga ai microfoni di Sky - non era facile vincere qui a Udine anche se loro venivano da 10 sconfitte consecutive. I ragazzi hanno mostrato grande carattere e determinazione. Frutto del punto strappato alla Juve? Si' e anche delle prestazioni che abbiamo fatto prima, abbiamo cercato sempre di giocare e di fare la partita. Ovvio che non abbiamo fatto ancora nulla ma queste due partite ci hanno dato grande spinta e domenica in casa ne avremo una ulteriore dal nostro pubblico perche' ne abbiamo bisogno". Zenga chiamato anche a metterci del suo dopo aver perso un giocatore importante come Budimir. "Sono abituato a guardare soluzioni e non a piangermi addosso. Stava crescendo Simy e quando abbiamo capito che era arrivato il momento lo abbiamo messo dentro e lui ha dato grandi risposte. Marcello Trotta poi ci ha dato una grande mano da centravanti". Zenga spiega la rinuncia a meta' ripresa a un attaccante come Nalini, sostituito da Ricci: "Loro avevano cambiato diversi giocatori, avevano preso forza e a mio avviso in quel momento c'era da rinforzare il centrocampo, magari se perdevo sarei stato criticato ma io conosco bene la mia squadra". Per quel che riguarda il gol di Faraoni che ha deciso la partita Zenga spiega: ""Io non voglio che le cose accadano da sole, bisogna essere folli per cercare di salvarsi e questa giocata di Faraoni e' una giocata da folle".

 

Momenti di tensione a Udine: irruzione di due tifosi bianconeri riusciti ad arrivare negli spogliatoi per chiedere chiarimenti

Pubblicato in Stadio
Domenica, 22 Aprile 2018 18:16

Centinaia di tifosi friulani bloccano i cancelli: un gruppo sfonda la sicurezza ed entra dentro. Momenti di tensione a Udine al termine della gara con il Crotone, undicesima sconfitta per i friulani. Due tifosi bianconeri sono riusciti a raggiungere la porta degli spogliatoi della squadra per chiedere chiarimenti. C'e' stata anche una colluttazione con uno steward. I due tifosi hanno poi anche tentato di raggiungere la sala delle interviste allo stadio "Dacia Arena" ma grazie all'intervento degli steward la situazione e' tornata alla normalita'. Fuori dallo stadio, invece, e' iniziata la contestazione da parte di circa 300 tifosi davanti all'ingresso dei pullman. Nel mirino dei tifosi non c'e' l'allenatore ma la societa' e i giocatori. Il tecnico Massimo Oddo non si e' presentato in sala stampa e la sua posizione resta in bilico.

 

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}