SPOGLIATOI│Nicola: «Ci hanno aggredito e non abbiamo sviluppato il nostro solito gioco». Ballardini: «Bene, ma percorso e' lungo»

Pubblicato in Stadio
Domenica, 19 Novembre 2017 16:15

 DAVIDE NICOLA  «Sulla carta il Genoa e' arrivato qui da diretta concorrente, visti i punti in classifica, loro pero' hanno giocatori forti e sono venuti a giocare allo 'Scida' con molta umilta'». Cosi', ai microfoni di Sky Sport, il tecnico dei pitagorici, Davide Nicola, ha commentato la sconfitta dei suoi uomini, in casa, contro il Genoa di Davide Ballardini. «Ci hanno aggredito – ha aggiunto Nicola - e noi non abbiamo sviluppato il nostro solito gioco. Abbiamo concesso agli avversari tre e quattro occasioni importanti nella prima mezzora di gioco. In una di queste ci hanno pure punito. Poi la gara diventata piu' 'sporca'. Inoltre, loro hanno preso, via via, sempre piu' fiducia».

 DAVIDE BALLARDINI  «Il Genoa oggi ha fatto una buona partita, soprattutto nei primi 45 minuti. Poi, nella ripresa, potevamo fare un po' meglio, nel gestire il gioco e nella fase difensiva, ma ci sono anche gli avversari». Le dichiarazioni, sempre ai microfoni di Sky Sport, del tecnico dei liguri, Davide Ballardini, appena tornato (per la terza volta) sulla panchina dei grifoni. «Sono molto contento. Oggi siamo stati bravi ma il percorso davanti a noi e' ancora molto lungo. Quali tasti ho toccato? I soliti: la testa, il cuore, l'allenamento e le idee. Infine, la qualita' dei giocatori», ha aggiunto l'allenatore del Genoa, che ha rimpiazzato Ivan Juric.

 

SPOGLIATOI│Nicola: «Dato continuita' alla prestazione di Roma, avanti così». Pioli: «Troppo poco per fare risultato»

Pubblicato in Stadio
Domenica, 29 Ottobre 2017 19:01

Nicola. "In questo campionato diventa difficile vincere 'in carrozza', almeno per noi. Abbiamo dato continuita' alla prestazione di Roma e siamo riusciti oggi a esercitare a lungo una pressione diversa". Lo ha detto il tecnico del Crotone, Davide Nicola, commentando, ai microfoni di Sky Sport, il meritato e sofferto successo dei calabresi sulla Fiorentina allo Scida. "Chiedo ai ragazzi - ha detto ancora Nicola - di continuare così, avevo detto che quella con la Fiorentina poteva essere un'opportunita' per dimostrare i miglioramenti raggiunti. Ora e' giusto staccare un po' dopo aver fatto tre partite in sette giorni - ha aggiunto Nicola -. Dovremo fare una gran settimana perche' ci aspetta una gara importante sabato a Bologna".

Pioli. Scuro in volto il tecnico della Fiorentina a fine partita. "Ha funzionato troppo poco per poter ottenere un risultato positivo". Cosi' Stefano Pioli, ai microfoni di Premium Sport, commenta la sconfitta di Crotone arrivata dopo tre vittorie di fila. "Abbiamo provato - ha proseguito il tecnico - a rimediare ai nostri errori ma abbiamo sbagliato troppo a livello tecnico per ottenere un risultato positivo. Dopo una prestazione del genere giustificare tutto con l'assenza di Thereau, anche se e' un giocatore importante, e' un errore che non dobbiamo fare. Noi non abbiamo reso per quello che possiamo, abbiamo mancato un'occasione ma se lavoreremo bene ne avremo altre. Oggi ci abbiamo provato ma abbiamo commesso troppi errori tecnici. Se rifarei le stesse scelte? La squadra stava bene ed era giusto dare continuita' alle nostre prestazioni. Non siamo stati precisi e attenti, abbiamo commesso degli errori che nelle altre partite non avevamo commesso. Se sono normali alti e bassi in squadre rivoluzionate come la nostra e il Milan? Sono situazioni e ambizioni diverse, non sono molto attento a quello che succede da altre parti, quella di oggi per noi - dice ancora il tecnico della Firoentina - era un'occasione per dare continuita' di risultati e soprattutto di prestazioni, ma non ci siamo riusciti. I nostri mezzi sono certamente superiori a quelli messi in campo oggi, dobbiamo insistere nel lavoro quotidiano per ritrovare quella continuita' che abbiamo normalmente e che invece abbiamo smarrito". In campo si e' vista una Fiorentina un po' disunita: "Sono d'accordo, abbiamo perso lucidita' - conferma Pioli -. Il Crotone gioca un calcio particolare, molto fisico, noi abbiamo vinto pochi duelli e abbiamo recuperato poche seconde palle. C'e' stata l'occasione di pareggiarla con Chiesa ma non siamo stati cosi' compatti ed equilibrati come le altre volte. Abbiamo fatto confusione, accentrato un po' troppo il gioco, favorendo i nostri avversari. Siamo stati poco lucidi e poco precisi, e' stata una prestazione al di sotto delle nostre possibilita' e quando succede questo vai in difficolta'". A chi gli chiede se il contributo di Giovanni Simeone sia sin qui quello atteso, Pioli replica che l'ex Genoa "ha tutti i mezzi per continuare a far bene, per crescere sicuramente, individualmente puo' essere nei tempi. E' riduttivo parlare solo di Simeone oggi, dobbiamo recuperare energie e mettere in campo prestazioni diverse".

 

SPOGLIATOI│Nicola: «Bravi a sorprendere Spal a inizio ripresa». Semplici: «Condannati da nostri errori»

Pubblicato in Stadio
Domenica, 01 Ottobre 2017 17:59

Nicola. "Credo che questa partita sia stata simile nell'interpretazione di entrambi i tempi ma con atteggiamenti tattici diversi - la sua analisi ai microfoni di RadioUno - Nei primi 25 minuti non abbiamo fatto bene, poi sono stati bravi loro a farci abbassare e a farci perdere le distanze. Nel secondo tempo non si aspettavano un cambio di atteggiamento tattico, siamo andati a prenderli quando il loro portiere costruiva e abbiamo fatto bene i primi 25 minuti. Dopo il pari, pero', ci siamo abbasati di nuovo troppo e quando siamo cosi' bassi dovremmo essere piu' aggressivi".

Semplici. "La squadra ha dimostrato di esserci ma dobbiamo stare piu' attenti, essere piu' scaltri in certe situazioni". Per Leonardo Semplici e' una questione di esperienza. Anche oggi la sua Spal ha ben figurato ma contro il Crotone e' arrivato solo un punto. "Credo che la squadra abbia dimostrato anche oggi di giocare con una certa personalita' e intraprendenza ma a inizio secondo tempo abbiamo cambiato atteggiamento, ci siamo abbassati, eravamo meno aggressivi e abbiamo lasciato campo al Crotone che ha pareggiato - l'analisi del tecnico dei ferraresi ai microfoni di 'RadioUno' - Peccato, perche' avevamo fatto una gran partita, la squadra c'e', sta crescendo, ma ogni volta commettiamo degli errori che ci condannano. Questi 15 giorni ci serviranno per pensare per poi ripartire nella maniera giusta".

 

SPOGLIATOI│Nicola torna a sorridere: «Soddisfatto perche' questa era una partita per nulla facile»

Pubblicato in Stadio
Domenica, 24 Settembre 2017 18:33

 Nicola  "L'anno scorso ci abbiamo impiegato piu' tempo per fare la prima vittoria". E' ovviamente molto contento Davide Nicola al termine della delicatissima sfida contro il Benevento. "Scherzi a parte - dice - sono soddisfatto perche' questa era una partita per nulla facile, soprattutto dal punto di vista nervoso. Arrivava dopo la pessima prestazione di Bergamo, e abbiamo avuto solo tre giorni per prepararla. Nonostante questo oggi ho visto la prestazione che il Crotone doveva fare, e non era facile". Sulla lettura della partita, Nicola spiega: "Nel primo tempo abbiamo avuto l'occasione di andare piu' volte e piu' copiosamente in vantaggio. Ci ha penalizzato la troppa frenesia nel voler fare gol a tutti i costi. E poi bisogna dire che nel finale abbiamo anche saputo soffrire, aiutandoci tutti. Con prestazioni come queste le possibilita' di fare risultato contro le piu' dirette concorrenti si fa piu' alta". Prima vittoria, due reti e tre punti, aumentano la fiducia? "Io sono sempre fiducioso, anche quando sbagliamo qualcosa in alcune partite, che e' fisiologico. Certo, dobbiamo ancora crescere, apprendere diverse cose, integrare e memorizzare alcuni elementi, ma oggi sono contento soprattutto per i ragazzi, che hanno fatto una buonissima partita ed e' giusto si godano la vittoria". Poco si sa ancora sulle condizioni di Tumminello, uscito a pochi secondi dal fischio d'inizio per una problema al ginocchio. Fara' gli esami strumentali a Roma, "dov'era gia' previsto che tornasse dopo la partita".

 Baroni  E' l'aspetto mentale a preoccupare piu' di ogni cosa Marco Baroni. Per il Benevento e' notte fonda, e anche la partita di Crotone, che avrebbe potuto essere quella del riscatto, si e' trasformata in una brutta sconfitta. "Era importante trovare luce, entusiasmo, prestazione. E invece abbiamo pagato la veemenza del Crotone, nonostante la prima palla importante della partita l'abbiamo avuta noi. In questo momento e' importante trovare compattezza, e anche qualche episodio che giri a nostro favore. Dovremmo scrollarci di dosso le tensioni, i timori, e riuscire a restare dentro le partite con la testa, la voglia e l'attenzione". Un primo tempo opaco e da dimenticare, e la reazione arrivata solo dopo il doppio svantaggio. "La questione mentale e' diventata importantissima. Ci sono successe situazioni che ti minano proprio la tenuta mentale, la fiducia. E ora dobbiamo recuperarla, dobbiamo credere di piu' nella possibilita' di fronteggiare da subito gli avversari, perche' se la squadra e' quella delle prime tre partite allora se la puo' giocare". Manca il risultato, insomma, "i punti o l'episodio che ti ridia fiducia, entusiasmo. Perche' sono queste le cose che alimentano le prestazioni. Il profilo tecnico e tattico aiuta, ma e' la testa che fa la differenza, e' li dentro che si gioca la partita". Zero punti ed ultimo posto in classifica. Cosa puo' fare Baroni per convincere la societa' a continuare a credere nel suo progetto? "Non sono qui a difendere la mia panchina, sto cercando di trovare soluzioni per tirare i ragazzi fuori da questa situazione, che poi frutto di infortuni, assenze, mancanza di amalgama tra i tanti calciatori nuovi che sono arrivati. Il mio obiettivo e' non far mollare l'entusiasmo. Dobbiamo pensare a recuperare giocatori, a costruire, a creare una squadra che abbia veemenza, corsa, entusiasmo, partita dopo partita".

 

SPOGLIATOI│Nicola furioso con i suoi a fine gara: «Scesi in campo come se la prestazione con l'Inter ci avesse fatto diventare grandi»

Pubblicato in Stadio
Mercoledì, 20 Settembre 2017 23:53

BERGAMO - "E' stata una partita storta in cui abbiamo sbagliato soprattutto nell'atteggiamento e nella compattezza che di solito abbiamo. Non siamo riusciti a vincere molti duelli individuali, siamo venuti a giocare qui come se fossimo una squadra diversa da quella che siamo. Sconfitta giusta, c'e' molto da raccogliere per quanto riguarda quello che non bisogna fare". Davide Nicola fa autocritica dopo il pesante ko di Bergamo. Decisamente scuro in volto Davide Nicola nel post-partita: "Vi aspettavate un Crotone diverso? Anch'io. Abbiamo sbagliato tutto cio' che si poteva sbagliare, aiutando l'Atalanta ad esprimere tutta la sua forza. La nostra invece sarebbe di rimanere aggressivi e compatti, cosa che non abbiamo mai fatto", ha detto. Il j'accuse alla squadra e' netto: “Siamo scesi in campo come se la bella prestazione con l'Inter ci avesse fatto diventare grandi, cosi' l'atteggiamento tattico non e' stato quello giusto. Ci sta proprio bene. Una sconfitta meritatissima", rimarca. Non manca l'elogio agli avversari, apparsi comunque superiori sul piano tecnico: "Avevamo di fronte una squadra forte e qualitativa, ma noi coi nostri errori abbiamo amplificato queste qualita'. In molti devono ancora integrarsi dando il giusto ritmo e la giusta aggressivita'. Passare dalla difesa a tre al 4-4-2 non e' servito, proprio perche' non abbiamo capito nulla di questa partita finendo per subire l'impossibile". Il Crotone provera' a riscattarsi ora col Benevento "ma per noi tutte le partite hanno valore. Eravamo venuti qui convinti di averla preparata bene - fa sapere ai microfoni di Radio Rai - ma l'80-85% delle cose le abbiamo fatte male. Giusto aver perso, resettiamo e ripartiamo dalla prossima". Il 5-1 al Crotone rende invece Gian Piero Gasperini raggiante, perche' per l'Atalanta la seconda vittoria in campionato vale lo sblocco psicologico: "Intorno a noi c'e' un clima fantastico e cerchiamo di prolungarlo il piu' possibile. Spero di poterlo ripagare coi risultati: per prestazioni siamo piu' avanti dell'anno scorso. In questa vittoria c'e' anche molto merito nostro, perche' il Crotone spesso fa giocare male tanti. La gara non era semplice, l'abbiamo resa agevole noi - analizza Gasperini -. Le proporzioni del punteggio sono figlie della qualita', soprattutto dei tre davanti: Ilicic, Petagna e Gomez hanno fatto una partita importante". Il tecnico nerazzurro riesce a non prendersela per aver fatto schiodare gli avversari da quota zero gol segnati: "Lo abbiamo subi'to per eccesso di confidenza ma dal mio punto di vista e' meglio proporsi e cercare l'intesa".

 

 

 

Nicola: «Abbiamo tenuto testa al Napoli che è una grossa squadra, nessuno ci ha ridicolizzati»

Pubblicato in Stadio
Domenica, 23 Ottobre 2016 18:40

«Credo nella salvezza». Ha risposto così, con molta tranquillità, mister Nicola alle domande "a caldo" dei giornalisti durante le interviste dagli spogliatoi. Nicola ha detto di crederci nonostante la sua squadra abbia racimolato un solo punto in classifica dopo nove giornate. Situazione, questa, che rende la sua panchina non più tanto sicura, anche se il tecnico ha sempre potuto contare, almeno fino a questo momento, sulla fiducia più volte rinnovatagli dalla società. E poi difficilmente potrebbe cambiare qualcosa sulla panchia dei rossoblù visto il turno infrasettimanale a Firenze e poi l’altro match domenicale in casa col Chievo. «Non mi importa – ha proseguito Nicola nel merito – ciò che dicono gli altri. Abbiamo tenuto testa al Napoli che è una grossa squadra. Ci davano sconfitti – ha sottolineato il tecnico – con più gol di scarto ed invece potevamo pareggiare. Nessuno ci ha ridicolizzato». Tira un sospiro di sollievo invece mister Sarri dopo tre confitte consecutive del suo Napoli che oggi a Crotone ritrova la vittoria. «A Crotone – ha sottolineato il tecnico dei partenopei – è difficile vincere, io non avevo mai vinto in precedenza. Il Crotone – ha detto il tecnico – non merita la classifica attuale. Abbiamo giocato in dieci per molto tempo e questo ha inciso sul nostro modo di gestire la partita Cordaz ci ha negato la possibilità di segnare altri gol. Gabbiadini sarà multato per l' espulsione».

 

 

Pagina 2 di 2

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}