Pari e patta tra Crotone e Torino all'Ezio Scida: il match termina 2-2. La festa rossoblù rovinata per un gol subito allo scadere

Pubblicato in Stadio
Domenica, 15 Ottobre 2017 17:28

Serie A ottava giornata, pari e patta tra Crotone e Torino all'Ezio Scida: il match termina 2-2, con i padroni di casa che recriminano per il gol subito, in pieno recupero, da De Silvestri, che salva i granata e spegne il sorriso ai calabresi, ormai certi di aver fatto uno scalpo eccellente.

Tabellino.

Crotone  2

Torino     2

Marcatori: Rohden 25°, Lago Falque 53°, Martella 63°, Di Silvestri 90

Crotone(4-4-2): Cordaz, Sampirisi, Ajeti, Ceccherini, Martella, Rohden, Mandragora, Barberis, Stoian (Faraoni), Trotta (Nalini), Simy (Budimir). All. Nicola

Torino(4-2-3-1): Sirigu, De Silvestri, NKoulou, Moretti, Molinaro, Rincon (Boye'), Baselli, Lago Falque, Ljalic, Niang, Sadiq. All. Mihajlovic

Arbitro: Paolo Valeri (Roma 2)

Ass. Giob Lo Cicero (Palermo) - Gianmattia Tasso (La Spezia)

Quarto giudice: Livio Marinelli (Tivoli)

VAR: Abisso - Marini

Ammoniti: Ajeti

Angoli: 8 a e per il Torino

Recupero: 4 minuti nella ripresa

Spett. tot. 9.563 € 154.345; biglietti 2.310 € 33.425, abbonati 7.253 rateo € 120.920

La partita.

Continua a sorridere il Crotone e non potrebbe essere diversamente dopo aver conquistato contro Torino il terzo risultato utile consecutivo. Pareggio targato Rohden-Martella e ottenuto in seguito alla buona prestazione di tutta la squadra scesa in campo con i dieci/undicesimi rispetto alla precedente trasferta di Ferrara. Fuori Nalini per motivi fisici, dentro Trotta. Difesa accorta (ottima risposta del pitagorico Ajeti alla sua ex squadra che l'ha utilizzato poco la passata stagione). Buona interpretazione del centrocampo in fase d'interdizione e rilancio con Mandragora e Barberis, gli esterni di fascia Rohden a destra e Stoian a sinistra hanno interpretato bene il ruolo di fare ripartire la squadra lungo le fasce. Il duo d'attacco Trotta-Simy ha sempre tenuto in apprensione la difesa avversaria. Di fronte a questo Crotone nulla ha potuto il Torino per evitare il secondo pareggio stagionale, nonostante sia arrivato all'Ezio Scida con la dichiarata intenzione (affermazione del tecnico granata) di conquistare l'intera posta, dopo aver steccato i due precedenti incontro. Fuori per motivi fisici il difensore Lyanco, il centrocampista Valdifiori, l'attaccante Belotti, sostituiti rispettivamente da Moretti, Baselli, Sadiq, non hanno evitato al Crotone di passare in vantaggio al minuto venticinque con Rohden che metteva dentro dalla sinistra dopo l'assist di Trotta dalla destra. In precedenza, secondo minuto, annullato il gol a Simy per presunto fallo dello stesso giocatore sul difensore avversario. Torino che evidenzia più fisicita', molti falli da parte di De Silvestri, Sadiq, Niang in fase offensiva. Crotone più offensivo sapendo della permeabilità della tifesa granata. Rohden tenta la via del gol al minuto tredicesimo con un tiro scoordinato. Ma, come detto, non sbaglia dopo dodici minuti. La reazione del Torino non si fa attendere creando alcuni pericoli sventari da un ottimo Cordaz. Un primo tempo ben fiocato dai pitagorici che hanno meritato il vantaggio. Non è lo stesso Crotone ad inizio ripresa per merito del Torino  he cambia atteggiamento grazie anche alla opaca prestazione offensiva di Trotta che non riesce a giocare alcun pallone. Di fronte ad una tale situazione i granata pareggiano al minuto cinquantatre con Lago Falque. Un minuto prima Ljalic ha colpito il palo in seguito ad una punizione dal limite. Fuori Trotta dentro Nalini, cambia atteggiamento la partita ed al minuto sessantatre Crotone di nuovo in vantaggio con Martella (primo gol stagionale). Entusiasmo sugli spalti ed in campo. Pitagorici senza affanno controllano bene le giocate sia in difesa che a  centrocampo. Mister Nicola avrbbe dovuto anticipare l'uscita di Simy troppo stanco con Budimir. Il ritardo della sostituzione ha consentito al Torino di rendersi più minaccioso ed al novantesimo minuto in zeguito all' ottavo calcio d'angolo Di Silvestri trova il gol del pareggio.

 

 

Mandragora in forse per il match di domenica col Torino. Mihajlovic senza Belotti, lontano dai campi di calcio per oltre un mese

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 13 Ottobre 2017 18:28

Serie A ottava giornata Crotone-Torino stadio Ezio Scida domenica 15 ottobre ore 15. Ex di turno il difensore Ajeti, dubbi sull’utilizzo di Nalini e Mandragora, l’attaccante granata Belotti assente per infortunio, al suo posto Sadiq.
Probabili formazioni:
Crotone (4-4-2): Cordaz, Sampirisi, Ajeti, Ceccherini, Martella, Rohden, Kragl, Barberis, Stoian, Trotta, Simy. All. Nicola
Torino (4-2-3-1): Sirigu, Ansaldi, N’Koulou, Lyanco, Molinaro, Rincon, Baselli, Lago Falque, Ljajic, Niang, Sadiq. All. Mihajlovic
Arbitro: Paolo Valeri (Roma 2)
Ass. Giob Lo Cicero (Palermo) – Gianmattia Tasso (La Spezia)
Quarto giudice: Livio Marinelli (Tivoli)
VAR: Rosario Abisso (Palermo) – AVAR: Maurizio Marini (Aprilia)
Il pre-partita.
Quattro punti nelle ultime due gare; quintultimo posto che significa stare fuori dalla zona retrocessione; il duro lavoro fatto svolgere da Nicola durante la pausa del campionato; l’entusiasmo di un’intera tifoseria che in massa occuperà le gradinate dello Scida anche domenica prossima. Tutto ciò rappresenta il biglietto da visita del Crotone nei confronti del Torino. La passata stagione (13.esima giornata) la squadra del tecnico Mihajlovic, pur non evidenziando una buona prestazione, si portò a casa i tre punti. Vittoria ottenuta con un gol realizzato da Belotti (80°) in netta posizione di fuori gioco (il Var non esisteva ancora) e raddoppiò lo stesso attaccante al 90°. Al Crotone invece, fu negato un evidentissimo rigore sul risultato di parità. In occasione del prossimo incontro Belotti non sarà della partita a causa di un infortunio che lo terrà lontano dai campi di calcio per oltre un mese. Non scontata la presenza del difensore Barreca e dei centrocampisti Joel Obi e Acquah le cui condizioni fisiche sono ancora sotto osservazione. In casa pitagorica ancora dubbi sul possibile impiego di Mandragora, il centrocampista aveva accusato un fastidio al ginocchio nel riscaldamento pre gara (Under 21) contro l’Ungheria, e di Nalini. Le condizioni fisiche di entrambi saranno valutate nel corso dell’ultima rifinitura pre-partita. Se per motivi precauzionali mister Nicola decidesse di lasciarli a riposo, il ruolo di centrocampista al fianco di Barberis se lo contenderanno Izco e Crociata. Trattandosi di una sfida contro una squadra con all’attivo dodici gol, esiste anche l’ipotesi Gragl o Faraoni (entrambi ottimi marcatori in fase difensiva). In attacco disponibili Budimir, Trotta, e Simy, se Nalini non dovesse recuperare. Gli ultimi due per come si sono comportati contro la Spal sembrano avere la precedenza per essere in campo fin dall’inizio. Mister Mihajlovic in attacco sembra essere orientato su Sadiq a lposto di Belotti. La difesa granata sarà ancora a quattro con Ansaldi (in sostituzione di De Silvestre), N’Koulou, Lyanco, Molinaro. Duo di centrocampo Rincon e Baselli (se Valdifiore non ce la farà). Alle spalle della punta Sadiq agiranno Lago Falque, Ljajic, Niang. Il commento di Stoian e del tecnico Nicola a proposito del prossimo incontro. Stoian: «L’obiettivo del Torino è l’Europa league – ha dichiarato – e quindi di fronte ad un simile avversario sarà una partita tosta, come a Ferrara in occasione dell’ultima trasferta. Il pubblico dell’Ezio Scida anche in quest’occasione ci sosterrà dall’inizio al termine della sfida ed insieme al “dodicesimo uomo in campo” lotteremo per portarci a casa i tre punti. Sto bene fisicamente – ha detto Stoian – e sta bene tutta la squadra che continua a migliorarsi col passare delle partite. L’assenza del gol è un fatto personale, l’importante è vincere indipendentemente da chi segna. La passata stagione di gol ne ho fatto tre, voglio battere questo personale record». Il Torino, a parte la pesante sconfitta subita contro la Juve non ha mai perso, all’attivo dodici gol segnati e undici subiti. Cosa pensa di questo Torino il tecnico pitagorico Nicola?  «Speriamo che segni di meno e subisca di più – ha dichiarato –. È una squadra che ha ottime qualità ed è migliorata ancora rispetto alla passata stagione. Abbiamo già affrontato la squadra del tecnico Mihajlovic lo scorso campionato all’Ezio Scida disputando un’ottima gara che non meritavamo di perdere, in casa loro il Crotone ha saputo soffrire e conquistare un ottimo punto grazie al gol di Simy. In occasione della prossima sfida occorre stare concentrati al massimo perché vorranno recuperare quanto non hanno raccolto nelle ultime due partite». A proposito della formazione mister Nicola ha detto: «Per il Crotone è stato una settimana particolare a causa della sosta per gli impegni delle varie Nazionali che devono qualificarsi per i Mondiali. I tre giocatori impegnati Mandragora (Under 21), Ajeti (Albania), Rohden (Svezia), sono rientrati un po’ acciaccati e quindi occorre valutare le loro condizioni fisiche prima di impiegarli. A tutto ciò – ha dichiarato Nicola – esiste qualche problema per Nalini che spero recuperi prima dell’incontro. In sua assenza ci sono disponibili altri tre attaccanti».

 

 

Nicola vuole punti contro il Torino: rossoblù sotto pressione in allenamento, a segno Burdimir. Rohden si è unito al gruppo

Pubblicato in Stadio
Giovedì, 12 Ottobre 2017 19:47

 CROTONE  A tre giorni dalla sfida contro il Torino, in programma domenica nello Scida alle 15, l'allenatore del Crotone, Davide Nicola, ha messo sotto pressione la squadra. I calciatori hanno lavorato tanto, soprattutto sulla parte tattica, con una partitella finale (tre tempi da 8') in cui e' andato a segno Budimir e durante la quale Nicola ha mischiato come sempre le carte. Oggi e' rientrato anche lo svedese Rohden, ultimo dei calciatori del Crotone impegnati con le rispettive Nazionali. Lavoro ancora a parte, a scopo precauzionale, per Nalini e Mandragora. Domani si replica al mattino.

 TORINO  Con capitan Belotti infortunato, Mihajlovic deve scegliere la punta centrale del suo 4-2-3-1. Possibile l'impiego in quel ruolo di Niang, con l'inserimento di Berenguer accanto a Ljajic e Iago Falque sulla trequarti. Non sono pero' escluse anche le opzioni Sadiq, che non ha ancora debuttato in granata, e Boye, provato in amichevole nei giorni scorsi. A centrocampo torna Baselli, che ha smaltito la squalifica rimediata nel derby. Ancora in infermeria il terzino Barreca e i centrocampisti Acquah e Obi. In difesa Ansaldi dovrebbe essere preferito a Molinaro, con De Silvestri recuperato per la fascia destra.

 

Ripresa degli allenamenti per il Crotone in vista del match interno contro il Torino: lavoro differenziato per Mandragora, Nalini e Sulijc

Pubblicato in Stadio
Martedì, 10 Ottobre 2017 19:49

Ripresa della preparazione per il Crotone di Nicola in vista del match casalingo di domenica contro il Torino. Seduta pomeridiana per gli squali tra riscaldamento, possessi palla e partite a campo ridotto. Hanno lavorato a parte, a scopo precauzionale, Mandragora, Nalini e Sulijc. Presenti il ds Ursino il d Raffaele Vrenna che ha assistito a tutta la sessione di lavoro degli squali. Ajeti rientrera' in serata dopo gli impegni con la sua Albania, mentre Rohden sara' di scena stasera con la Svezia contro l'Olanda. "Abbiamo iniziato nel migliore dei modi la settimana. Contro il Torino sara' sicuramente una battaglia, giocheremo allo Scida e il nostro pubblico ci dara' quella spinta in piu' come sempre", le dichiarazioni di Bruno Martella al termine dell'allenamento di oggi. Allenamento pomeridiano per il Torino che ha ripreso la preparazione in vista del match di domenica in casa del Crotone. Dopo il riscaldamento sul campo principale, Sinisa Mihajlovic ha diretto una seduta tecnico-tattica sul terreno secondario. Berenguer ha usufruito di un giorno di permesso e si aggreghera' ai compagni domani, al pari di Ljajic reduce dagli impegni con la sua Nazionale. Differenziato per Acquah, Barreca e Obi, mentre Belotti ha continuato il suo iter fisioterapico. Domani doppia seduta a porte chiuse

 

Domani mister Nicola parte in biciletta per Torino: il viaggio sarà seguito da Sky Sport e La Gazzetta dello Sport

Pubblicato in Stadio
Giovedì, 08 Giugno 2017 19:47

Partirà domani dallo Stadio Comunale Ezio Scida mister Davide Nicola per attraversare l’Italia in bici da Crotone a Torino per pagare il “fioretto” alla salvezza della sua squadra. L’Italia intera parla di questa promessa fatta a amrgine di una conferenza stampa del 7 aprile scorso e adesso mantenuta dal tecnico pitagorico. In maniera ufficiosa, mister Nicola ha già dichiarato che sarà ancora il tecnico del Crotone anche in futuro. Domani (9 giugno), quindi, in tarda mattinata, mister Davide Nicola insieme ad un team di altri tre ciclisti: Mirko, Alessio e Paolo (suo cognato), partirà dallo stadio Ezio Scida alla volta di Torino. Le tappe saranno: Bari, Pescara, Ancona, poi Livorno e verso Genoa e Torino. Un itinerario non casuale voluto dal tecnico per toccare città a lui care conosciute come giocatore e allenatore. L’assistenza sul percorso sarà garantita  dai tecnici Irenova, start-up indipendente con sede a Crotone attiva nel settore delle soluzioni innovative. In sala stampa mister Nicola, alquanto soddisfatto, non ha smentito la continuità del rapporto con il Crotone per la prossima stagione. «Sto parlando da allenatore del Crotone», ha dichiarato Nicola. Circa la traversata in bicicletta ha dichiarato: «Benedetta promessa sportiva per la salvezza, è valsa tantissimo. Ho ricevuto oltre cinquemila mail. Fare questa traversata è un piacere, all’inizio erano in tanti a volermi accompagnare ma alla fine siamo rimasti in quattro. Sono curioso di sapere quante persone raccoglieremo durante il percorso. Per me – ha continuato Nicola – è stato gratificante poter contare anche sull’apporto della federazione nazionale della bicicletta. Questa iniziativa della traversata veicolerà anche il messaggio del buon senso sul modo di viaggiare lungo le strade rispettando le regole». E qui il pensiero di Nicola è rivolto a coloro che da ciclisti hanno perso la vita sulla strada. L’iniziativa ha infatti ricevuto il patrocinio di Aifvs (Associazione italiana familiari vittime della strada) e di Fiab (Federazione italiana amici della bicicletta): due onlus in prima linea, tra l’altro, anche nella promozione della mobilità sicura e sostenibile su strada. Fra le molte iniziative in essere, Aifvs è impegnata in un’opera di sensibilizzazione tesa all’ufficializzazione della la Giornata Onu del ricordo delle vittime della strada. «Non vado in bicicletta da quasi un anno – ha dichiarato il tecnico – la cosa non mi spaventa perché ci sarà da parte mia lo stesso impegno che ho messo nell’allenare il Crotone l’intera stagione». Insomma, mister Davide Nicola non si è tirato indietro nel mantenere la promessa fatta quando il Crotone era in fondo alla classifica. Negli annali del calcio, l’impresa di Nicola che da tecnico ha attraversato l’Italia in bici per la salvezza della sua squadra sarà sempre commentata insieme all’impresa dei pitagorici che sono riusciti a conquistare venti punti nelle ultime nove partite contro le prime della classe. Prima della conferenza di Nicola, il Sindaco Ugo Pugliese gli ha consegnato la pergamena dell’onorificenza data al tecnico per ciò che ha fatto con il Crotone. Nel suo percorso in bici mister Nicola indosserà una speciale tuta firmata Zeus che esporrà in evidenza gli hashtag #crotonedascoprire e #volerevolare, quest’ultimo slogan a rimarcare l’importanza strategica dell’aeroporto di Crotone per favorire il flusso turistico, vero e proprio volano per l’economia locale. Il viaggio di mister Nicola sarà seguito in tutta la sua durata da Sky Sport e La Gazzetta dello Sport: le due testate sono media partner dell’iniziativa e saranno presenti durante tutto il tour con propri inviati specializzati nel ciclismo. Suddiviso in nove tappe il tour terminerà a Vigone con arrivo previsto entro il 17 giugno.

 

   

   

Il Crotone adesso crede nella remuntada: la società chiede la vicinanza dei tifosi in aereo per la trasferta di Torino

Pubblicato in Stadio
Mercoledì, 12 Aprile 2017 19:04

Serie A 32.esima giornata Torino-Crotone stadio olimpico sabato 15 aprile ore 15. Torino senza Molinaro, Castan, Iturbe ai quali si aggiunge lo squalificato Acquah. Nessuna assenza forzata tra i pitagorici, futti disponibili.

Probabili formazioni:

Torino(4-3-3): Hart, Zappacosta, Moretti, Rossettini, Barreca, Lukic, Benassi, Baselli, Ljajic, Belotti, Lago Falque. All. Mihajlovic

Crotone(4-3-3): Cordaz, Rosi, Ceccherini, Ferrari, Martella, Rohden, Crisetig, Barberis, Stoian, Trotta, Falcinelli. All. Nicola

Arbitro: Daniele Doveri di Volterra

Coll. Matteo Passeri - Claudio La Rocca

Quarto giudice: Gianmattia Tasso di La Spezia

Add.1 Paolo Tagliavento Add.2 Livio Marinelli

Sette partite al termine che rappresentano la volata finale per la salvezza di Crotone ed Empoli. Quest'ultima puo' contare adesso soltanto su tre punti di vantaggio nei confronti della squadra di mister Nicola. Il finale di campionato assegna a entrambe le squadre tre partite casalinghe e quattro in trasferta. Tra le mura amiche i toscani riceveranno la visita del Sassuolo, Bologna, Atalanta ed in trasferta dovranno affrontare Fiorentina, Milan, Cagliari, Palermo. I pitagorici sul terreno amico dell'Ezio Scida se la dovranno vedere con Milan, Udinese, Lazio mentre fuori casa faranno visita al Torino, Sampdoria, Pescara e Juventus. I due prossimi incontri, Crotone ed Empoli, li giocheranno in trasferta ed i risultati di queste due partite potebbero gia' dire chi ha piu' titoli per rimanere nella massima serie. Per mister Nicola la prossima trasferta di Torino sara' un felice ritorno a casa anche se da avversario. Campionato 2005/2006, con la maglia granata l'attuale tecnico pitagorico mise a segno contro il Mantova il gol della sicura promozione del Torino in serie A. Sabato prossimo dovra', invece, fare lo sgambetto alla sua ex squadra per incamerare altri punti salvezza. Per la terza volta l'undici che scendera' inizialmente in campo dovebbe essere lo stesso. L'arma vincente sarà l'entusiasmo e la voglia di tutti, da parte di chi gioca e chi dovra' subentrare in corso d'opera, per confermae che non c'è due senza tre ed il Crotone contro il Torino cerca la terza vittoria consecutiva. Mister Mhajlovic dovrà fare a meno del difensore sinistro Molinaro, del centrocampista Acquah squalificato, dell'attaccante Iturbe. I piu' quotati a prendere il posto degli assenti dovrebbero essere Barreca difensore sinistro, Lukic centrocampista esterno, Lago Falque punta esterna. Il Torino dopo l'ultimo successo (2-3) esterno in quel di Cagliari cerca la conferma a spese del Crotone e si affida come sempre al suo bomber Belotti con all'attivo 24 gol (1 rig.) realizzati fino ad ora. Il compito di bloccarlo sara' affidato sicuramente a Ceccherini che bene ha fatto contro Icardi dell'Inter tant'è che il neroazzurro e' stato innoque l'intera partita. Potrebbe essere anche un'altra giornata felice di Falcinelli che con nundici centri tallona l'alta classifica dei goleador. In occasione della prossima trasferta di Torino, la Societa' metterà a disposizione per itifosi che vorranno recarsi a vedere la partita all'olimpico alcuni posti sull'aereo utilizzato dalla squadra. L'offerta è limitata ad alcune decine di posti e comprende: partenza venerdì 14 aprile ore 12.30 dallo stadio Ezio Scida di Crotone con trasferimento aeroporto Lamezia Terme in pullma GT, volo charter a/r Lamezia Terme - Torino Caselle, in compagnia della squadra. Trasferimento aeroporto Lamezia Terme Crotone. Un gadget firmato FcCrotone. L'offerta che ha un costo di 200 € per ciascuna persona non comprende: trasferimento dall'aeroporto di Torino Caselle al centro citta' nella giornata di venerdì 14 aprile, vitto e alloggio tutto quanto non indicato in questo comunicato. Per prenotare il posto è possibile recarsi nella sola giornata di domani, giovedi 14, presso la sede Fc Crotone di Via Ercole Scalfaro n.13 dalle ore 9.00 - 13.00/15.00 - 20.00 

Crotone battuto ancora nel finale, ma gravi disattenzioni arbitrali: i rossoblù incassano due gol in casa col Torino

Pubblicato in Stadio
Domenica, 20 Novembre 2016 17:12

Serie A tredicesima giornata, un gol realizzato da Belotti in posizione irregolare e un rigore non concesso dall’arbitro Celi, condannano il Crotone alla decima sconfitta stagionale. Mister Nicola deve anche preoccuparsi del perché la sua squadra non regge il ritmo dell’intera partita. Partita difficile, nonostante il risultato, con i rossoblù in gara fino all'80' e vicini al vantaggio in un paio di occasioni su cui Hart è stato bravo a non farsi sorprendere. Possesso palla ben gestito dalla squadra di Mihajlovic, ma il gol arriva soltanto a 10' dalla fine grazie ad una bella verticalizzazione di Ljajic che Belotti butta in rete in sospetta posizione di fuorigioco. Il vantaggio premia la scelta di Mihajlovic, che mette in campo tutte le punte a sua disposizione. Il raddoppio è merito di Boyè, appena entrato, che insegue in modo caparbio, vince un rimpallo e serve sulla corsa Belotti, che di sinistro trafigge per la seconda volta Cordaz sul suo palo. Il Torino sale così a 22 punti e vede l'Europa al termine di una partita non brillantissima contro una squadra che meriterebbe qualcosa in più dei cinque punti in classifica.

Tabellino.

Crotone  0

Torino    2

Marcatore: Belotti 80° e 90°

Crotone (4-4-2): Cordaz, Rosi, Ceccherini, Ferrari, Mesbak, Capezzi, Rohden (Stoian), Berberis (Crisetig), Trotta (Simy), Falcinelli,  Palladino. All. Nicola

Torino (4-3-3): Hart, Zappacosta, Rossettini, Castan, Moretti, Benassi (Bye), Valdifiore, Baselli (Oby), Belotti, Ljajic, Falque (Martinez). All. Mihajlovic

Arbitro: Domenico Celi di Bari

Coll. De Giovane – Di Vuolo

Quarto giudice: La Rocca

Add. 1 Maresca – Add. 2 Ros

Ammoniti: Palladino, Martinez

Angoli: 6 a 5 per il Crotone

Recupero: 3 minuti nella ripresa

Il commento.

L’ultimo posto in classifica e i pochi punti conquistati (cinque) dopo dodici giornate, obbligavano il Crotone a incamerare il secondo successo stagionale per non distaccarsi ulteriormente dalla quartultima posizione. Impresa non facile, considerando lo spessore del Torino che vanta il secondo miglior attacco del girone. Per controllare un simile avversario il Crotone non doveva accusare calo di tenuta atletica e di concentrazione nel corso dell’intera partita. In campo identica formazione rispetto a quella schierata in trasferta contro l’Inter. La novità ha riguardato l’inserimento di Trotta punta al fianco di Falcinelli e Palladino esterno sinistro come quarto centrocampista. Mister Mihajlovic ha cambiato due sole pedine. Assente per motivi fisici il difensore Barreca e non ancora recuperabile Vives e Molinari, le novità iniziali hanno riguardato Moretti e Falque al posto di Barreca e Martinez. Confermati i nazionali Zappacosta difensore destro e Belotti attaccante. Crotone aggressivo fin dall’inizio con Palladino che tiene basso Zappacosta. Non sono mancate le occasioni da gol a favore dei pitagorici in più occasioni non concretizzati per imprecisione o fretta nel concludere. Al minuto dodicesimo è stato Berberis da fuori area ad impegnare con un perfetto  destro il portiere Hart ad una difficile respinta. Al trentesimo è Trotta a sbagliare una facile occasione da rete ed al trentaduesimo minuto non si chiude il triangolo Rosi, Falcinelli, Palladino. Tutto questo ha messo in evidenza la buona prestazione del Crotone nei primi quarantacinque minuti. Nella ripresa non cambia la musica, è sempre il Crotone che si mette in evidenza con ottime giocate fino al fatidico minuto ottanta. Da questo minuto in poi si incomincia a vedere una diversa squadra locale e arriva il gol degli ospiti con Belotti dal lato sinistro mentre agiva indisturbato per l’assenza del suo marcatore Rosi. Il gol era da annullare per netta posizione di fuori gioco da parte di Belotti. L’arbitro Celi "compie l’opera" quando un minuto dopo nega un netto rigore al Crotone. Da questo minuto in poi si rivede il solito volto della squadra locale con cali di concentrazione e della tenuta atletica. Giocatori distratti che si sbilanciano in attacco lasciando ampi spazi ai granata che dopo cinque minuti raddoppiano con lo stesso Belotti. Da stasera tutto diventa più difficile per la squadra del presidente Raffaele Vrenna. Sulla salvezza anche mister Nicola in sala stampa ha dichiarato che tutto rimane invariato e ci sono le condizioni per non retrocedere. Le dichiarazioni del tecnico croato Mihajlovic in sala stampa: «Abbiamo vinto meritatamente contro una squadra che sapevamo quanto vale e che non merita l’attuale posizione in classifica. Dobbiamo ancora crescere partita dopo partita se vogliamo raggiungere determinati traguardi. Positivi i tre punti ma non sono contento per come abbiamo giocato. Belotti ha “dormito” tutto il primo tempo come non mi è piaciuta tutta la squadra. La vittoria di oggi non cambia niente a proposito del prosieguo del campionato. Ancora c’è molto da lavorare, ma avendo uomini di un certo spessore, il Torino dirà la sua per quanto riguarda il piazzamento per entrare in Europa».

Cordaz premiato migliore portiere di serie B per la scorsa stagione. Prima dell’inizio del match col Torino sul terreno dell’Ezio Scida c’è stato il tempo per la cerimonia di assegnazione del premio “Apport”, ottava edizione, conferito dall’associazione nazionale preparatori portieri al miglior numero uno della serie A, serie B e del campionato nazionale Primavera. Per quanto riguarda la cadetteria, il premio per il 2015/2016 è stato conferito al pitagorico Alex Cordaz. Il guardiano della porta rossoblù ha contribuito in maniera determinante alla storica promozione del Crotone nella massima serie. La valutazione è stata espressa dai soci APPORT e da tutti i preparatori dei portieri professionisti di serie A, B e Lega Pro. Un particolare ringraziamento ad una menzione di merito sono inoltre stati dedicati ad Antonio Macri che si è aggiudicato la piazza d’onore nella classifica generale dei migliori preparatori portieri della serie B. Il riconoscimento ad Alex Coedaz è stato consegnato dal presidente di Apport Claudio Rapaccioli e da Luigi Borrelli, responsabile area sud dell’associazione.

 

      

 

«Crotone resta concentrato fino al triplice fischio»: Davide Nicola chiede concentrazione in vista del match col Toro

Pubblicato in Stadio
Sabato, 19 Novembre 2016 18:17

Crotone-Torino (tredicesima giornata serie A). Fare punti. É questa per Davide Nicola la missione principale del Crotone nella gara interna di domani contro il Torino. Partita particolare per il tecnico dei calabresi, che nel 2006, quando militava nella formazione granata, segnò il gol decisivo che permise al Torino, battendo per 3-1 nella finale dei play off di serie B il Mantova, di tornare in A. "Quella - dice Nicola - é preistoria. Adesso devo pensare al Crotone e a proseguire nella nostra crescita. Il Torino è in gran forma, ha la sua forza nella capacità di attaccare gli spazi, ma anche noi siamo in un buono stato di forma ed abbiamo dimostrato di poter mettere chiunque in difficoltà. Noi conclude Nicola - dobbiamo giocare per i punti. Le prossime tre gare casalinghe saranno importanti per restare agganciati alle altre squadre che lottano per la salvezza". (ANSA)

Il parere di mister Davide Nicola: «Affrontiamo il Torino tenendo conto delle qualità che i miei giocatori stanno evidenziando nell’ultimo periodo, in particolare contro l’Inter fino a pochi minuti dal termine. I nostri avversari sono in forma e alcuni di loro fanno parte della Nazionale maggiore. Giochiamo in casa e dobbiamo sfruttare al massimo l’occasione. Nella singola partita ognuno può tirare fuori il meglio. Il Torino è una squadra i cui giocatori in campo si cambiano spesso posizione, sanno attaccare gli spazi ed il loro punto di forza sono le ripartenze. Ci ripetiamo spesso tra noi che le partite durano novanta minuti più recupero e questo deve significare mantenere sempre alta la concentrazione finché l’arbitro non emette il triplo fischio. Ma questo è un problema che coinvolge tante squadre. Le statistiche affermano che nei minuti finali cala la concentrazione e la tenuta atletica. Noi, è vero, siamo tra le squadre che negli ultimi quindici minuti pagano pegno al risultato finale. Dobbiamo leggere meglio la partita in questo spazio di tempo. Abbiamo due partite casalinghe consecutive e dobbiamo credere nella possibilità di raccogliere il massimo del bottino. Indipendentemente dalla classifica stiamo rendendo la vita difficile a tutti e questo ci conforta per il futuro. Questo campionato ha al suo interno un altro campionato rappresentato da quelle squadre in grado di giocarsi la salvezza e il Crotone è tra queste per ciò che sta dimostrando sul campo. Non saranno disponibili Claiton, Nalini, Tonev, Stoian è recuperato fisicamente. Contro il Torino utilizzerò giocatori meno impegnati in precedenza». I 23 convocati da mister Nicola: Cordaz, Festa, Cojocaru, Ceccherini, Dussenne, Ferrari, Mesbah, Rosi, Sampirisi, Berberis, Capezzi, Crisetig, Fazzi, Martella, Rohden, Salzano, Sulijc, Borello, Falcinelli, Palladino, Simy, Stoian, Trotta. I 24 convocati da mister Mihajlovic: Cucchetti, Hart, Padelli (portieri). Ajet, Bovo, Castan, De Silvestri, Moretti, Rossettini, Zappacosta (difensori). Acquan, Boselli, Benassi, Gustafson, Lukic, Obi, Valdifiori (centrocampisti). Aramu, Belotti, Boyè, Falque, Ljajic, Lopez, Martinez (attaccanti). Probabili formazioni: Crotone (4-4-2): Cordaz, Rosi, Ceccherini, Ferrari, Mesbak, Capezzi, Rohden, Barberis, Trotta, Falcinelli, Palladino. All. Nicola. Torino (4-3-3): Hart, Zappacosta, Rossettini, Castan, Silvestri, Benassi, Valdifiori, Baselli, Falque, Belotti, Martinez. All. Mihajlovic     

 

 

 

Crotone e Torino si incontrano dopo tre anni: unico indisponibile è Claiton. Curva nord aperta alla tifoseria rossoblù

Pubblicato in Stadio
Giovedì, 17 Novembre 2016 17:49

Serie A, tredicesima giornata Crotone-Torino, stadio "Ezio Scida" domenica 20 novembre ore 15. La curva Nord, solitamente a disposizione della tifoseria ospite, in occasione della partita di domenica prossima potrà essere utilizzata invece da quella locale. I biglietti sono già in vendita presso la biglietteria di via G. Di Vittorio, ma anche presso i punti vendita del circuito Listicket e on-line. Costo del biglietto per la curva nord è 25 euro (ridotto a 14 euro per gli under 14). L’incontro sarà diretta dall’arbitro Domenico Celi di Bari coadiuvato dagli assistenti Del Giovane – Di Vuolo. Quarto giudice La Rocca (Add.1 Maresca. Add.2 Ros). La sfida si ripete tra due squadre che si incontrano ormai con una certa frequenza dal primo storico campionato in serie B del Crotone (2000/20001). Il Torino ha calpesta il terreno dell’Ezio Scida ufficialmente in sei occasioni. Quegli incontri terminarono con una sola vittoria (0-1) in favore dei granata (2000/2001). Nei campionati successivi i pitagorici conquistarono due vittorie (2004/2005 per 2-1 e 2009/2010 per 1-0) e tre pareggi (2005/2006 col risultato di 0-0; 2010/2011 per 1-1; e 2011/2012 finale 0-0). Domenica prossima, le due compagini saranno nuovamente avversarie dopo tre stagioni. La squadra del tecnico Sinisa Mihajlovic vanta, con 27 gol realizzati, il secondo miglior attacco dopo quello della Juventus che di gol ne ha messo a segno 29. Dal fronte, opposto c'è il Crotone con la seconda peggiore difesa (24 gol subiti). Nonostante l’ottimo attacco, in trasferta la squadra del presidente Urbano Cairo non è un fulmine di guerra a guardare ciò che ha raccolto: una sola vittoria (1-4) in quel di Palermo alla quarta giornata, due pareggi, tre sconfitte. Tra le mura amiche gli uomini del presidente Raffaele Vrenna hanno disputato due sole gare (le altre tre sul neutro di Pescara) terminate con una sconfitta (1-2) contro il Napoli ed un successo (2-0) a spese del Chievo. In occasione del prossimo incontro il tecnico di casa non potrà disporre di capitan Claiton che dovrà rimanere fermo trenta giorni (trauma distorsivo collaterale del flessore sinistro), ma potrà disporre di tutti gli altri e, questo, gli consente di schierare la formazione più idonea. La scelta degli undici iniziali non dovrebbe discostarsi da quella schierata a Milano contro l’Inter, ma potrebbero esserci delle novità per quanto riguarda alcuni ruoli: difesa, fascia sinistra a causa della presenza tra gli ospiti di uomini quali i due azzurri il difensore destro Zappacosta e l’attaccante Belotti. Sorvegliare questi due e renderli innocui non è facile, specie l’attaccante. Nella mattinata di oggi il normale allenamento presso la struttura del Park Jonio di Steccato di Cutro. Terapia per Claiton e Nalini. Assenti il romeno Cojocaru e Mesbah per un attacco febbrile.

 

 

Pagina 2 di 2

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}