Contro il Monopoli superato il test tra luce ed ombre

Pubblicato in Stadio
Domenica, 28 Luglio 2019 09:31

 

 

FcCrotone, terza amichevole contro il Monopoli termina (2-1) a favore dei pitagorici grazie al gol di Ruggiero sul finire dell’incontro. Partita piacevole e risultato incerto fino al termine.

 

Crotone               2

Monopoli            1

 Marcatori: Barberis 60°;  Mariano 84°; Ruggiero 92°

Crotone (3-5-2): Cordaz, Bellodi, Spolli (Cuomo 42°), Golemic (Gomelt 61°), Rutten (Mustacchio 61°), Benali (Messias 61°), Barberis, Zanellato (Markovic 67°), Molina (Evan’s 67°), Simy (61° Nanni), Kargbo 46° Ruggiero).

Monopoli (3-5-2): Antonino (Menegatti 46°), Ferrara (Cavallari 61°), De Franco, Mercadante, Rota (Antonacci 57°), Giorno (Mariano 70°), Hadzicosmanovic (Carannante 57°), Donnarumma (Arena 67°), Tuttisanti (Ansani 80°), Salvemini (Mendicino 71°), Cuppone (Triarico 57°).

 Arbitro: Rabilotta di Sala Consolina

 Prima vera amichevole stagionale del Crotone contro il Monopoli, formazione che affronterà il campionato di serie C, nel segno di luce e ombre come ha affermato lo stesso tecnico Stroppa a fine partita. Non poteva essere diversamente essendo trascorsi soltanto dodici giorni dall’inizio della preparazione. Da considerare, a proposito di  alcune negatività evidenziate da parte del Crotone nel coso dell’incontro, lo spessore dell’avversario avanti nella preparazione dovendo affrontare a giorni il primo turno di Coppa Italia. Ciò che non ha funzionato alla perfezione nell’undici pitagorico la fascia destra coperta da Bellodi come difensore e da Rutten primo centrocampista esterno. Tra i due si creavano ampi spazi ben sfruttati da Donnarumma. Poco incisivo il reparto offensivo dove Kargbo al fianco di Simy non ha impensierito molto la difesa ospite. Bene il trio di centrocampo con Barberis davanti al reparto basso, Zanellato e Benali a dettare i tempi delle giocate. I tre centrocampisti rappresenteranno nel corso del campionato (calciomercato permettendo) il punto forte della squadra. Nella seconda parte dell’incontro il debutto del neo pitagorico Mustacchio schierato esterno destro. Il primo gol porta la firma di Barberis che ha insaccato il pallone con una perfetta punizione dal limite. Il pareggio degli ospiti al minuto ottantaquattro con Mariano che sfrutta bene un errore difensivo del Crotone, Spolli era già uscito ed il ruolo di difensore centrale era stato occupato da Barberis. Gol del definitivo successo del Crotone al minuto novantadue con Ruggiero che di testa mette dentro il pallone dopo averlo ricevuto da Messias su calcio di punizione. Al settantesimo il pitagorico Itrak ha colpito la traversa. Il calciomercato è sempre frequentato con interesse da parte della società del Crotone e altri arrivi sono previsti nei prossimi giorni. Il commento di Stroppa a fine partita:

“Soddisfatto a sprazzi per come la squadra si è espressa. Ancora troppe gambe pesanti,sono troppo imballate. Il test era si più difficile, però inizialmente non abbiamo risposto bene alle difficoltà, ci siamo innervositi nel volere fare delle giocate che solitamente facciamo ma che non si riusciva a concretizzarle. Questo dipende anche dalla non buona condizione fisica. Nonostante ciò sotto porta ci siamo arrivati spesso. Dobbiamo migliorare, questo è certo, per disputare la partita sotto un altro profilo: fare girare di più la palla quando le gambe ancora non rispondono.

Bellodi deve fare di più il difensore e stare sull’uomo. Le sue caratteristiche sono idonee per il gioco del Crotone. Rutten deve migliorare nei tempi, sia offensivi che difensivi. Ruggiero è un giocatore interessante che potrebbe rimanere anche con noi. Barberis ha giocato difensore centrale per l’assenza momentanea di altri difensori, però non bisogna mai dire mai, alcune volte può capitare, in caso di emergenza, di doverlo utilizzare in questo ruolo. Spero di avere la squadra al completo nel breve periodo. Qualcosa si sta muovendo per quanto riguarda l’attacco essendo il reparto con meno disponibili. Nell’assieme l’organico è competitivo, al netto di qualche altro arrivo”.

      

Nicola saluta la squadra e va via senza parlare. Vrenna chiarisce: «Sono solo entrato nello spogliatoio per spronare la squadra»

Pubblicato in Stadio
Mercoledì, 06 Dicembre 2017 17:39

Davide Nicola, dopo l'ufficializzazione delle sue dimissioni, nel primo pomeriggio si è recato al centro sportivo Antico Borgo per salutare la squadra e lasciare Crotone. Il tecnico non ha rilasciato alcuna dichiarazione alla stampa uscendo dallo spogliatoio. L'incontro con la squadra è durato pochi minuti. Quindi Nicola, insieme all'allenatore in seconda Manuele Cacicia, al preparatore atletico Gabriele Stoppino ed al collaboratore tecnico Rossano Berti ha lasciato la citta'. "Rispetto la decisione del mister, ma non la condivido". Gianni Vrenna, presidente dell'Fc Crotone, commenta cosi' le improvvise dimissioni del tecnico Davide Nicola. Vrenna spiega l'episodio accaduto durante Crotone-Udinese che avrebbe causato le dimissioni di Nicola. "Tra il primo ed il secondo secondo tempo - racconta parlando della sconfitta di lunedi' contro l'Udinese - sono entrato negli spogliatoi per spronare la squadra e lui ha ritenuto che questo mio intervento lo avesse delegittimato. Non e' nel mio stile, non sono mai intervenuto sotto l'aspetto tecnico, ne' su come schierare la squadra. Io ho ritenuto come presidente, che ha il diritto e dovere di intervenire quando le cose non vanno, di andare a dare uno sprone alla squadra. Ne sono testimoni i calciatori: ho detto solo 'tirate fuori gli attributi perche' stiamo perdendo contro una squadra che ha fatto un solo tiro in porta'. Questa mattina ci siamo incontrati con Nicola ed ho cercato di dirgli di ripensarci, ma lui ribadito le sue motivazioni". Il massimo dirigente rossoblu' ha incontrato i giornalisti subito dopo avere parlato con la squadra alla ripresa degli allenamenti. "E' accaduta - dice - una cosa inattesa. Nessuno si aspettava questa decisione, ne' io, ne' la squadra, ne' il direttore. Sono andato a parlare con i calciatori per dire loro di compattarsi e che la Serie A e' fondamentale per noi, ma anche per loro. Non condivido la decisione del mister pur rispettando la sua scelta. Noi accettiamo ed andiamo avanti". La societa', adesso, si sta muovendo in cerca di un nuovo tecnico in vista della trasferta contro il Sassuolo. "Il profilo che fa al caso del Crotone - dice Vrenna - e' un allenatore che porti entusiasmo. Ci prendiamo 24-48 ore di riflessione. E' un momento delicato anche per via delle prossime importanti gare in chiave salvezza. Sceglieremo con calma, insieme a Raffaele (il direttore generale figlio del presidente, ndr) ed al ds Ursino: vedremo il profilo che meglio si addice a questa squadra. Ce la metteremo tutta per avere il nuovo tecnico per la gara con il Sassuolo. Non vogliamo affrettare le cose, vogliamo parlargli e vedere se le sue idee si sposano con quelle del Crotone". "La squadra e' rimasta allibita ma sapra' reagire": a parlare dell'addio di Davide Nicola dalla panchina del Crotone e' stato anche il direttore generale del club calabrese, Raffaele Vrenna. "Una societa' che si rispetti - ha detto - deve confrontarsi con la squadra in momento difficili: abbiamo ripetuto ai calciatori le nostre ragioni e detto loro che c'e' uno staff tecnico che continuera' ad allenare la squadra ed al quale va dato il massimo rispetto. La squadra come noi e' rimasta allibita della decisione che e' avvenuta di punto in bianco, ma sono certo che sapra' risollevarsi subito: sono dei professionisti e sanno cosa fare". Intanto è ufficialmente iniziata l'era post-Nicola. Il Crotone oggi ha sostenuto il primo allenamento senza il tecnico. In vista del match delle 18 di domenica in casa del Sassuolo, la squadra si e' allenata sotto la guida di Macri', Moschella e Trombino e sotto gli occhi della dirigenza al completo con in testa il presidente Gianni Vrenna e il dg Raffaele. L'allenamento e' stato basato su core stability, possessi palla e, per chiudere la sessione, una partita a campo ridotto. Kragl ha iniziato a lavorare col gruppo mentre Izco e Nalini hanno lavorato a parte

 

Il Football club Crotone comunica che il tecnico Davide Nicola ha presentato in mattinata le sue dimissioni

Pubblicato in Stadio
Mercoledì, 06 Dicembre 2017 13:55

"Il Football Club Crotone comunica che il tecnico Davide Nicola ha presentato, in data odierna, le sue dimissioni da allenatore della prima squadra". Lo ha reso noto la societa' con un comunicato sul proprio sito. "Insieme al tecnico piemontese - prosegue la nota - hanno rassegnato le dimissioni i componenti del suo staff: l'allenatore in seconda Manuele Cacicia, il preparatore atletico Gabriele Stoppino e il collaboratore tecnico Rossano Berti. La Societa' ringrazia il tecnico e il suo staff per il lavoro svolto e augura loro le migliori fortune in campo professionale ed umano". L'allenamento di oggi pomeriggio, conclude la nota, "verra' condotto da Antonio Macri', Ivan Moschella e Elmiro Trombino", rispettivamente preparatore dei portieri, allenatore e preparatore atletico che hanno collaborato con Nicola ma non facevano parte del suo staff.

 

Ore difficili tra Nicola e il Crotone: il tecnico intenzionato a rassegnare le dimissioni dopo la sconfitta con l'Udinese

Pubblicato in Stadio
Martedì, 05 Dicembre 2017 21:35

Ore difficili tra il tecnico del Crotone Davide Nicola e la società. Sarebbe infatti in corso un confronto serrato tra l’allenatore i massimi dirigenti della società. Al centro sicuro le sconfitte e il cattivo rendimento della squadra, ma forse anche i rapporti tra tecnico e società. Davide Nicola, infatti, sarebbe pronto a rassegnare le sue dimissioni dalla guida tecnica del Crotone. L'allenatore piemontese pare abbia gia' comunicato verbalmente le sue intenzioni al team manager ed alla societa' del presidente Gianni Vrenna. Le ragioni potrebbero risiedere in alcuni confronti che ci sarebbero stati al termine della partita contro l'Udinese, la terza sconfitta consecutiva in campionato. Al momento, dalla societa' del Crotone non trapela nulla, ma novita' ufficiali potrebbero esserci questa sera stessa, se Nicola dovesse formalizzare le sue dimissioni.

 

Tutto in poche ore, Gianni Vrenna annuncia: «Sarò il nuovo presidente del Crotone, avvierò rinnovamento generazionale»

Pubblicato in Stadio
Giovedì, 23 Marzo 2017 14:06

Tutto in poche ore. Neanche il tempo del commiato per Raffaele Vrenna (dopo 25 anni ha lasciato questa mattina la presidenza e la società) che il fratello Gianni annuncia: «Sarò il nuovo presidente del Crotone». Lo si apprende in una lettera che l’ad ha diramato sul sito ufficiale dell’Fc Crotone. «Nei prossimi giorni – scrive Gianni – sarò il nuovo presidente del Crotone calcio e nei prossimi mesi acquisirò l’intera proprietà delle quote, nell’ambito di una complessiva riorganizzazione delle nostre aziende che prevede la separazione di alcuni asset societari. E’ un cambiamento all’insegna sia della continuità che della novità. Della continuità perché sono sempre stato titolare della metà delle quote, sono a tutt’oggi l’amministratore delegato e, fra il 2008 e il 2009, ho assunto anche la presidenza. Della novità perché assumo direttamente la guida della società, accettando personalmente la sfida dell’ultima parte della stagione calcistica in serie A, della programmazione del prossimo futuro, delle scelte per rafforzare sempre di più il progetto Crotone Calcio che riguarda i nostri straordinari tifosi, l’intera comunità crotonese, l’intera regione Calabria. Il Crotone è una realtà solida e vincente con un bilancio sano. Ora avvierà un rinnovamento generazionale. Guarderà sempre di più al territorio, non solo cittadino, e ai giovani e alle centinaia di ragazzini che sognano di vestire la maglia rossoblù popolando il nostro vivaio. Farà scelte coraggiose in questo settore, che condividerò appena i tempi saranno maturi. Nel frattempo, avvierò una accurata “politica” di consultazione e ascolto della squadra, dei dirigenti, dello staff, dei tifosi, dei rappresentanti delle Istituzioni, dei giornalisti, delle associazioni di categoria. Il Crotone Calcio è un’azienda e deve continuare ad esserlo, ma è anche un tesoro di tutti coloro i quali vi si riconoscono, fanno sacrifici per vedere una partita, affrontano viaggi per le trasferte, sono felici quando vinciamo e tristi quando perdiamo. Lavorerò molto su questo tema e, cioè, sull’amore che ci ha sempre circondato ed è esploso l’anno scorso nella straordinaria festa che ha salutato la promozione e ha coinvolto per giorni, settimane, mesi tutti i crotonesi. Ripartiamo da lì con entusiasmo, attaccamento ai colori rossoblù, voglia di vincere. Ringrazio mio fratello per il generoso impegno profuso nel rappresentare la società e nel condividere con me una storia che ci ha condotto fino a raggiungere traguardi inimmaginabili».

(Foto: FC Crotone)

 

Davide Nicola rimarrà alla guida tecnica del Crotone fino a fine stagione: lo annuncia un comunicato del club rossoblù

Pubblicato in Stadio
Martedì, 28 Febbraio 2017 20:27

Davide Nicola rimarrà alla guida tecnica del Crotone fino a fine stagione. Lo annuncia un comunicato del club calabrese. Questa presa di posizione della società mette a tacere le voci di un possibile esonero del tecnico che erano circolate subito dopo la gara persa in casa contro il Cagliari domenica scorsa, quinta sconfitta consecutiva. "La società Fc Crotone - è scritto nel comunicato - conferma massima fiducia a mister Davide Nicola che rimarrà alla guida tecnica del Crotone fino a fine stagione". Nelle ultime cinque gare il Crotone ha segnato un solo gol, subendone otto. In classifica i rossoblù sono penultimi con 13 punti con un distacco di nove dall'Empoli quartultimo.

Lo sfogo di Gualtieri: «Ho lasciato perché non mi sentivo più utile al Crotone, la mia presenza era di troppo...»

Pubblicato in Stadio
Martedì, 25 Ottobre 2016 17:16

«Una decisione molto sofferta quella di lasciare il Crotone calcio, condivisa come ho sempre  fatto con i miei fratelli e che ha anche sancito la fine del rapporto della famiglia Gualtieri con la storica squadra fondata da mio padre  e che abbiamo avuto l'onore di contribuire a portarla fino a dove nessuno avrebbe mai pensato». Così Sasà Gualtieri il giorno dopo le sue dimissioni da vicepresidente del Crotone, arrivate a distanza di 25 anni di collaborazione inziata con la prima categoria e culminata con la storica promozione in serie A della squadra rossoblù. «Una decisone molto sofferta – spiega Gualtieri – perché per me significa lasciare quello che ho dentro da quando sono nato. I motivi della mia decisione – prosegue Gualtieri – sono certamente intimi e personali, ma per rispetto dei tifosi degli appassionati, sportivi e sostenitori del Crotone, nonché per l'amore verso la mia città ed il territorio, devo almeno qualche piccola spiegazione. Quello che la mia persona ha rappresentato per il Crotone calcio – sottolinea Gualtieri - e quello che ho fatto per questa società certamente non sta a me dirlo anche perché è scolpito nella storia stessa del Crotone calcio e della mia famiglia e la storia non si cancella. Ho lasciato – rivela Gualtieri – perché mi sono sentito estraneo nella società alla quale ho dato tutto e più di quello che potevo nel corso di 20 anni, mettendo in secondo piano ogni cosa a favore della passione e sempre per il bene del Crotone. Spesso – sottolinea l’ex vicepresidente – sono andato oltre, sempre sostenuto dai sentimenti, dal credere nelle persone e dalla voglia di portare avanti progetti che sembravano impossibili. La mia passione  è stata sempre incondizionata e senza interessi di nessun tipo se non quello di mettere al servizi degli altri le mie idee ed il mio modo di essere. Ho lasciato perché – rivela ancora Gualtieri – non mi ritrovavo più e non mi sentivo più utile al Crotone, le mie idee non servivano più e la mia presenza era di troppo: ho scelto seguendo ancora una volta i miei sentimenti, come sono abituato a fare, per il rispetto della gente e dei tifosi che mi hanno manifestato sempre grande stima. Rimango con la mia passione e le mie idee del calcio e della vita. Gli uomini – commenta Gualtieri – è molto difficile che ti diano gratificazioni e riconoscenze però restano per sempre le cose che hai fatto. Mi sento di ringraziare chi mi ha sempre sostenuto, i nostri grandi tifosi, maturi e sportivi come nessuno. La spettacolare curva sud e quella nord, il gruppo Kroton 710 a.c. e i tifosi che ci raggiungono in trasferta da tutta Italia e dall'estero, tutti gli appassionati del Crotone, questi sì che saranno per sempre nel mio cuore. Questi mi mancheranno, lo devo ammettere, mi mancherà' tantissimo la Curva Sud. Mi scuso con tutti sia quelli che condividono la mia scelta e soprattutto con quelli che non la condividono perché sono certo capiranno con il tempo. Un ultimo pensiero e saluto è per la squadra, per i nostri ragazzi, mi scuso tanto anche con loro. Molti di loro – confessa Gualtieri – mi hanno regalato la gioia più grande lo scorso anno e sono indimenticabili e mitici, i nuovi sono ragazzi straordinari e uomini veri, riusciranno a uscire dal tunnel: un grosso in bocca al lupo al Crotone, ai suoi addetti e alla dirigenza. Ovviamente sempre forza Crotone, il tifo e la fede rossoblù sono una cosa a parte e vanno oltre ogni vicenda personale. C'è' solo il Crotone – conclude Gualtieri – grazie a tutti!».

Dalla prima categoria alla serie A: Gualtieri divorzia dalla società rossoblù dopo 25 anni dimettendosi da vicepresidente

Pubblicato in Stadio
Lunedì, 24 Ottobre 2016 19:22

La crisi del Crotone non è solo di risultati, ma anche societaria. Salvatore Gualtieri si è dimesso dalla carica di vicepresidente. Con lui ha lasciato il cda anche il fratello Pierpaolo. Il divorzio arriva dopo 25 anni di successi, 9 promozioni a partire dalla prima categoria e la serie A. Tutto era iniziato con la prima categoria a inizio anni '90. La notizia è stata confermata da ambienti interni alla società e va ad aggravare l'attuale situazione del Football club Crotone che nella sua prima storica stagione di Serie A sta collezionando solo record negativi: solo un punto ottenuto finora in nove gare. Personali le motivazioni che hanno spinto Gualtieri a lasciare la società della quale faceva parte sin dalla fondazione, ma alla base ci sarebbero anche divergenze su alcune scelte del presidente Raffaele Vrenna come quella dell'ampliamento dello stadio. Salvatore Gualtieri - da sempre punto di unione tra la società ed i tifosi - era stato anche presidente del Crotone dal 2008 al 2011 quando prese il posto di Vrenna che era rimasto coinvolto in un'inchiesta giudiziaria. Sotto la sua gestione il Crotone tornò in Serie B nel 2009.

Da martedì 4 a sabato 15 ottobre il Crotone rimborserà agli abbonati il costo delle partite non godute allo Scida

Pubblicato in Stadio
Lunedì, 03 Ottobre 2016 12:17

«La Società FC Crotone comunica – attraverso il suo sito ufficiale – che da martedì 4 a sabato 15 Ottobre coloro che hanno sottoscritto l’abbonamento alla stagione 2016/17 potranno ottenere il rimborso delle quote rateo abbonamento relative alle partite non godute. Le attività di rimborso avranno luogo esclusivamente presso il Crotone Point di Via Paternostro. Dal punto di vista operativo i richiedenti dovranno compilare l’istanza di rimborso [scaricabile qui] – o disponibile presso il Crotone Point – e consegnarla agli addetti alla biglietteria che procederanno all’annullamento dell’abbonamento originario e all’emissione di uno nuovo, valido per 16 gare. Contestualmente si procederà al rimborso della differenza rispetto alla cifra versata in sede di prima sottoscrizione. Per accedere al rimborso – unitamente all’istanza correttamente compilata – è necessario presentare: il titolo dell’abbonamento originariamente acquistato (“Segnaposto”); la carta di identità; e la tessera del tifoso (in versione definitiva o provvisoria cartacea). Previa esibizione degli stessi documenti, inoltre, sarà possibile chiedere il rimborso per conto di figli minori o di terze persone (in quest’ultimo caso, non oltre 3 richieste), presentando delega sottoscritta dal richiedente. Il periodo in cui sarà possibile ottenere il rimborso va da martedì 4 a sabato 15 ottobre compresi. Coloro che non riusciranno ad usufruire di questa finestra avranno comunque accesso ad un sistema di compensazione – attualmente in fase di studio – e potranno ricevere, in luogo del rimborso economico, gadget o biglietti per assistere a partite (da definire). In ogni caso gli abbonamenti a 18 gare per cui non è stato chiesto il rimborso continueranno ad avere corso di validità e consentiranno all’abbonato di accedere allo stadio. Gli abbonati non residenti a Crotone potranno verificare le modalità di rimborso scrivendo una email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Considerando l’ampio margine a disposizione per accedere al rimborso, la Società invita i signori abbonati a verificare personalmente il giorno più idoneo per recarsi al Crotone Point (preferibilmente) con l’istanza di rimborso già compilata ed evitare di incorrere in code ed ulteriori disagi.  Al fine di agevolare le operazioni si comunica che nel periodo indicato lo Store effettuerà orario continuato dal Lunedì al Venerdì, dalle ore 9.00 alle 18.00 e il Sabato dalle ore 9.00 alle 13.00. La Società FC Crotone si scusa con il pubblico per il disagio arrecato e invita tutti i tifosi a continuare a sostenere la squadra in questo difficile inizio di stagione».

 

Questa sera la presentazione del Crotone in piazzale Ultras. Il Comune: «Entro il 18 settembre pronto lo stadio»

Pubblicato in Stadio
Giovedì, 18 Agosto 2016 19:25

È prevista per questa sera alle ore 21.00 in "Piazzale Ultras" la presentazione dell’Fc Crotone per la stagione di serie A 2016/17. Conducono la serata Marina Presello, giornalista Sky, Massimo Proietto giornalista Rai accompagnati dal presidente del F.C. Crotone Raffaele Vrenna.Intanto proseguono i lavori d’adeguamento dello Scida. L’amministrazione comunale fa sapere che lo stadio sarà pronto per il 18 settembre in occasione dell'incontro col Palermo, valido per la quarta giornata di campionato. La conferma è arrivata da un incontro del tavolo tecnico istituito dal sindaco Ugo Pugliese, in accordo con la società calabrese, che sta seguendo l'andamento dei lavori di adeguamento dello stadio ai parametri della massima serie. Dalla riunione è emerso che si sta rispettando il crono programma dei lavori e che non ci sono, al momento, criticità che potrebbero fare slittare la conclusione dei lavori. L'unico incontro casalingo che il Crotone sarà costretto a giocare a Pescara, a causa dell'indisponibilità dello Scida, sarà dunque quello del 28 agosto con il Genoa, per la seconda giornata di campionato. I rossoblu esordiranno il 21 agosto a Bologna, mentre nel terzo turno di campionato, l'11 settembre, la squadra sarà impegnata ad Empoli.

 

 

Pagina 1 di 2

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}