SPOGLIATOI│Zenga: «Il Crotone e' zoccolo duro abituato a lottare fino all'ultima partita»

Pubblicato in Stadio
Domenica, 29 Aprile 2018 15:11

"Era una partita che necessitava la nostra prestazione, l'abbiamo fatta e i tre punti sono meritati. I ragazzi hanno fatto una grande prestazione". Walter Zenga fa i complimenti ai suoi dopo il 4-1 al Sassuolo che avvicina il Crotone alla salvezza. "Stiamo bene dal punto di vista della concentrazione, della serenita', questo e' un club, una citta', uno zoccolo duro abituato a lottare fino all'ultima partita e questo conta piu' dell'allenamento fisico stesso - sottolinea ai microfoni di Sky - I ragazzi sono determinati, andiamo sempre in ritiro perche' ci piace stare insieme, siamo sereni, tutto quello che facciamo lo facciamo con determinazione e le cose vanno per il meglio se le fai nella maniera giusta. I ragazzi, poi, mi seguono e ci mettono l'anima per mettere in pratica le mie idee come quella di Trotta esterno nel tridente d'attacco. Quando hai una squadra che ti segue e delle idee, devi solo avere il coraggio di metterle in pratica". Domenica col Chievo potrebbe bastare anche un pari per blindare la salvezza. "Dobbiamo giocarcela fino in fondo e se facciamo una prestazione come si deve possiamo essere quasi arrivati ma ora piedi per terra, attenzione e tanto lavoro. Niente e' finito, niente e' chiuso ma abbiamo dato una bella spallata al campionato".

 

Testacoda di fine anno allo Scida: si affrontano Crotone e Napoli, i rossoblu' sfideranno i numeri e la classifica

Pubblicato in Stadio
Mercoledì, 27 Dicembre 2017 17:54

Serie A 19.esima giornata: Crotone-Napoli stadio Ezio Scida venerdi 29 dicembre ore 20.45. Il Crotone saluterà il 2017 sul terreno dell'Ezio Scida e speriamo sia un bello spettacolo, per squadra e tifosi, nel finale del girone d'andata. La sfida contro la capolista Napoli, imbattuta in trasferta, sarà la cartina tornasole per capire se i pitagorici hanno metabolizzato la cura Zenga dopo la pesante sconfitta subìta a opera della Lazio nella precedente giornata. Una disfatta maturata nella seconda parte della ripresa, quella, quando i pitagori avevano poca autonomia nelle gambe e idee appannate. La squadra di mister Sarri, fino a questo momento, non ha fatto sconti a nessun avversario affrontato in trasferta. Tra le sue vittime anche grosse squadre quali Lazio, Roma e Torino. Di fronte a un tale avversario, che vanta il secondo migliore attacco con 41 gol realizzati, e la migliore seconda difesa con solo 13 reti al passivo, ci sarà il Crotone che ha il peggiore attacco con soli 13 gol realizzati e la peggiore difesa che di gol ne ha subiti 36. Mister Zenga al cospetto di queste cifre pretende dai suoi la massima concentrazione diversamente da ciò che è  avvenuto in precedenza contro la Lazio. Con la capolista occorre giocare con la sua stessa mentalità. Tra le fila dei pitagorici mancherà il difensore centrale Ajeti per squalifica, Simic il più accreditato a scendere in campo al fianco di Ceccherini per formare la coppia centrale. L'attaccante Tonev potebbe fare parte degli undici iniziali al posto di Trotta. Tra gli ospiti l'assente sicuro sarà Mario Rui pure squalificato, il sostituto più accreditato potrebbe essere Maggio. Nessun dubbio, invece, per il tridente partenopeo formato da Mertens (15 gol), Insigne, Callejon, che di gol ne hanno realizzato cinque a testa. Per Budimir quella contro il Napoli è la partita dell'anno che può cambiare in meglio il percorso del Crotone. Contro la Lazio, Budimir e Trotta, hanno avuto la possibilità di segnare in più occasioni, ma non l'hanno fatto per mancanza di concentrazione. Il prossimo incontro dello Scida sarà  dietto dall'arbitro Maurizio Mariani di Aprilia. Assistenti Pasquale De Meo (Foggia) e Federico Longo (Paola). Quarto giudice Federico La Penna di Roma. Var Daniele Doveri (Roma1), Avar Alessandro Giallatini (Roma2).

Anticipata a domenica 20 agosto la prima di campionato tra Crotone e Milan: problemi col calendario di Europa league

Pubblicato in Stadio
Lunedì, 07 Agosto 2017 19:15

Crotone-Milan, match della 1/a giornata di Serie A, inizialmente programmato per lunedì 21 agosto, si giocherà domenica 20 alle ore 20.45. Lo rende noto la Lega di Serie A. Lo spostamento della data è da collegare al playoff di Europa League che vedrà i rossoneri impegnati contro lo Shkëndija a San Siro il 17 agosto, con ritorno in Macedonia il 24 agosto.

Calendario serie A 2017/2018: subito Crotone-Milan nella prima giornata, poi sarà la volta dell'Inter alla quarta di campionato

Pubblicato in Stadio
Mercoledì, 26 Luglio 2017 19:34

Campionato serie A 2017/2018 sorteggiato il calendario. Inizio al cardiopalma per i pitagorici. In casa le prime due partite in casa contro il Milan e Hellas Verona. In trasferta la terza giornata contro il Cagliari e di nuovo in casa alla quarta giornata contro l’Inter. Quando mancano ancora diversi giorni alla chiusura del calciomercato (31 agosto) Il via alla nuova stagione con l’anticipo della prima giornata sabato 19 agosto, ultima giornata 20 maggio 2018. I turni infrasettimanali di mercoledì saranno tre: 20 settembre; 25 ottobre; 18 aprile 2018. Cinque le soste nell’intera stagione: 3 settembre; 8 ottobre; 12 novembre; 14 gennaio e 25 marzo 2018. Si giocherà il 23 e il 30 dicembre, evento storico per la massima serie del campionato italiano. Altra novità il Var (Video assistant reference), costerà 2 milioni di euro e sarà di aiuto all’arbitro per dirimere i casi più spinosi: fuori gioco, rigori, espulsioni dirette, scambi di persona. Saranno eliminati i due collaboratori addizionali di porta. Per quanto riguarda il sorteggio del calendario rispettati alcuni paletti: il Cagliari giocherà le prime due partite fuori casa per sua scelta dovendo completare lo stadio. Ciò ha consentito al Crotone di giocare le prime due partite all’Ezio Scida.

Prima giornata:

Crotone – Milan

Bologna – Torino

Hellas Verona – Napoli

Inter – Fiorentina

Juventus – Cagliari

Lazio – Spal

Sampdoria – Benevento

Sassuolo – Genoa

Udinese – Chievo Verona

 

Seconda giornata:

Benevento – Bologna

Chievo Verona – Lazio

Crotone – Hellas Verona

Fiorentina – Sampdoria

Genoa – Juventus

Milan – Cagliari

Napoli – Atalanta

Roma – Inter

Spal – Udinese

Torino – Sassuolo

 

Terza giornata:

Atalanta – Sassuolo

Benevento – Torino

Bologna – Napoli

Cagliari – Crotone

Hellas Verona – Fiorentina

Inter – Spal

Juventus – Chievo Verona

Lazio – Milan

Sampdoria – Roma

Udinese – Genoa

 

Quarta giornata:

Chievo Verona – Atalanta

Crotone – Inter

Fiorentina – Bologna

Genoa – Lazio

Milan – Udinese

Napoli – Benevento

Roma – Hellas Verona

Sassuolo – Juventus

Spal – Cagliari

Torino - Sampdoria

 

 

 

 

 

 

Il Crotone ha rinnovato l'accordo con lo sponsor tecnico: la Zeus fornirà abbigliamento sportivo alla società per altri due anni

Pubblicato in Stadio
Giovedì, 01 Giugno 2017 18:27

«Ottenuta la salvezza in Serie A, in casa Crotone è già in programmazione la stagione 2017/2018: la Società pitagorica comunica di aver raggiunto un accordo di durata biennale con l’azienda Zeus, che si conferma sponsor tecnico della squadra rossoblù». Lo rende noto l’Fc Crotone attraverso il sito ufficiale. «L’azienda campana – spiega la società –, specializzata nella produzione di abbigliamento tecnico-sportivo, continuerà dunque a vestire i calciatori e lo staff tecnico rossoblù. La collaborazione tra il club pitagorico e il brand campano è iniziata con reciproca soddisfazione nella stagione 2005/06 (eccezion fatta per le stagioni 2007/08 e 2009/10), sinergia ricca di emozioni e successi. Il nuovo accordo è stato stipulato dal presidente del Crotone, Gianni Vrenna, e da Salvatore Cirillo, ceo Zeus Sport».

 

Orgoglio Crotone, adesso affidati alla "Madonna nera": un gran gol di Tonev tiene i rossoblù agganciati al treno salvezza

Pubblicato in Stadio
Domenica, 07 Maggio 2017 16:53

Serie A 35.esima giornata terza vittoria esterna del Crotone a Pescara. Le vittorie di Empoli e Genoa non chiudono ancora la pratica retrocessione. I rossoblù sono staccati di 4 punti dai toscani e di 5 dai liguri.

Tabellino.

Pescara                0

Crotone               1

Marcatori: Tonev 71°

Pescara (4-3-3): Fiorillo, Zampano, Fornasier, Bovo, Biraghi (Cerri), Verre, Brugman, Memushaj (Coulibalj), Benali, Bahebeck (Mulic), Caprari. All. Zeman

Crotone (4-4-2): Cordaz, Rosi, Ceccherini, Ferrari, Martella, Rohden (Acosty), Capezzi, Barberis, Nalini (Sampirisi), Simy (Tonev), Trotta.

All. Nicola

Arbitro: Carmine Russo di Nola

Coll. Ciro Carbone – Stefano Liberti

Quarto giudice: Valerio Pegorin di Latina

Add.1 Marco Guida – Add.2 Eugenio Abbattista

Ammoniti: Caprari,Capezzi, Brigman, Tonev

Espulso: Benali

Angoli: 7 a 3 per il Crotone

Recupero: 1 e 4 minuti

Il commento.

Quando la vittoria a poche giornate dal termine è l’unico risultato che a una squadra interessa per centrare un determinato obiettivo, non è la prestazione che si giudica a fine partita, ma quanti punti è riuscita a conquistare. Il Crotone contro il Pescara aveva questo compito: essere meno bello e più pratico per tornare a casa con l’intero bottino e continuare così a rincorrere la salvezza. Il terzo successo esterno della stagione, forse il più importante, è stato conquistato dai pitagorici. Non è stato facile, ma lo hanno ottenuto esprimendo anche un buon gioco come sta avvenendo da più partite. La penultima trasferta dell’Adriatico (l’ultima sarà contro la Juventus) era considerata dal tecnico Nicola e dai suoi giocatori la più insidiosa e la conferma è arrivata dal terreno di gioco. Nel corso dei 95 minuti il Pescara non ha mai dato la sensazione della squadra già retrocessa: gli abruzzesi hanno lottato su ogni pallone mettendo spesso in difficoltà gli avversari. Mister Nicola prevedendo una partita simile ha preferito inserire il centrocampista Barberis e l’attaccante Simy al posto degli squalificati Crisetig e Falcinelli, confermando i nove/undicesimi della passata giornata. La novità in assoluto nell’undici iniziale del Pescara è stata la mancata conferma del centrocampista Muntari cui era stata tolta la giornata di squalifica avuta per i fatti di Cagliari. Al suo posto, Zeman ha inserito il centrocampista Verre. Altri inserimenti hanno riguardato Biraghi, Bahereck, Brugman in sostituzione di Milicevic, Coulibaly, Cerri. Trio d’attacco formato da Benali a destra, Bahebeck centrale, Caprari a sinistra sorretti da Verre, Brugman, Memushaj. Primo tempo al piccolo trotto con il Crotone che ha tenuto di più il boccino delle giocate. Nessun intervento particolare da parte dei due portieri. Il tiro in porta è stato l’assente "nobile" della prima parte della partita. In due soli occasioni le rispettive difese avrebbero potuto pagare dazio: al decimo minuto su tiro di Trotta e al trentasettesimo quando Ferrari ha respinto sulla linea il pallone calciato da Bahebeck. In mezzo a queste due giocate ordinaria amministrazione da ambo le parti. Il pareggio non può bastare al Crotone e la ripresa è tutta marca pitagorica dopo le sostituzioni di Rohden per Acosty e di Simy per Tonev. Ed è proprio quest’ultimo che da posizione impossibile mette dentro il pallone del vantaggio tra l’entusiasmo dei suoi compagni e di tutta la panchina. Primo gol stagionale del pitagorico. L’ultimo cambio effettuato da Nicola ha riguardato Sampirisi per Nalini. A questo punto e dopo il vantaggio, al Crotone non rimane che controllare la partita fino al termine. Così è stato e le prossime ultime tre gare saranno un vero “inferno” per decidere la terza retrocessione. Il Crotone ospita l’Udinese, l’Empoli in trasferta a Cagliari, il Genoa a Palermo. Tre incontri che potrebbero far saltare i nervi a qualche allenatore e giocatore. 

 

 

 

      

Guerrieri! Il Crotone ferma il Milan sull'1-1 e tiene aperte le speranze salvezza. Sconfitte interne per Empoli e Genoa

Pubblicato in Stadio
Domenica, 30 Aprile 2017 17:34

Serie A 34.esima giornata ridotta di un punto la distanze dall’Empoli sconfitto in casa dal Sassuolo. Il Crotone ferma il Milan sull'1-1 e tiene aperte le speranze di salvezza con le contemporanee sconfitte interne dell'Empoli col Sassuolo (-1-3) e del Genoa col Chievo (1-2). I calabresi, con 25 punti, sono a 4 lunghezze dai toscani e a 5 dai rossoblù genovesi. Il pareggio allo Scida lascia la squadra di Montella a cinque punti dall'Atalanta e a rischio aggancio da parte dell'Inter se stasera i nerazzurri battessero il Napoli.

Tabellino.

Crotone    1

Milan        1

Marcatori: 8° Trotta, 49° Paletta

Crotone (4-4-2): Cordaz, Rosi, Ceccherini (Dussenne), Ferrari, Martella, Rohden (Capezzi), Crisetig, Barberis, Nalini (Stoian), Trotta, Falcinelli. All. Nicola

Milan (4-3-3): Donnarumma, Zapata, Calabria, Vangioni (Gomez), Deulofeu (Bacca), Kucka, Locatelli, Fernandez, Suso, Fernandez (Ocamps), Lapadula, . All. Montella

Arbitro: Luca Banti di Livorno

Coll. Fabiano Preti - Gianluca Vuoto

Quarto giudice: Michele Pinto di Bari

Add.1 Paolo Valeri - Add.2 Davide Ghersini

Ammoniti: Ceccherini, Crisetig, Lapadula

Angoli: 9 a 6 per il Milan

Recupero: 1 e 5 minuti

Spett. tot. 14.518 € 470.826; biglietti 8.297 € 349.940; abbonati 6.221 rateo 120.886 €

Il commento.

Missione compiuta a meta'. Contro il Milan, il Crotone ha inanellato il quinto risultato positivo che significa un altro importante passo per raggiungere la salvezza. Un mezzo successo arrivato non per pura casualita', ma grazie ad una prestazione con la "P" maiuscola da parte di tutti i pitagorici, soprattutto nel primo tempo. Non c'era altro modo per avere ragione di una squadra arrivata nella citta' di Pitagora con l'intento di recuperare punti e credibilita' dopo la precedente sconfitta casalinga. La mancata vittoria rende ora tutto precario nel Milan per quanto riguarda l'Europa League e anche a proposito della conferma di Montella per il prossimo campionato. Crotone con la stessa formazione che ha sconfitto in trasferta la Sampdoria. Rossoneri senza gli squalificati De Sciglio e Sosa a cui si è aggiunto, per volonta' del tecnico, Posalic. Formazione diversa dunque per i rossoneri, ma con la conferma di Lapadula in attaco. Il previsto rientro di Bacca non c'è stato. Nessun timore reverenziale dei pitagorici fin dall'inizio e non poteva essere altrimenti vista la posta in palio. Al primo minuto Barberis, in seguito a una punizione dal limite, costringe Donnarumma a respingere il pallone in angolo. Il Crotone capisce che deve continuare a dettare i tempi della giocate e al settimo minuto Trotta da dentro l'area calcia il pallone che centra lo specchio della porta. E' l'anteprima del gol che arriva un minuto dopo. È lo stesso Trotta su assist di Martella a trafiggere Donnarumma (terzo gol stagionale dell'attaccante pitagorico). E' sempre Trotta a mettersi in evidenza in area avversaria e, al venticinquesimo minuto, si ripete mettendo a segno il secondo gol, ma l'arbitro annulla per un fuorigioco inesistente. Milan nervoso con il passare dei minuti. Il piu' acceso contestatore fra gli ospiti è Lapadula che è, al contempo, tra i peggiori del Milan nel primo tempo. Il miglior momento del Milan si aggancia al quarantesimo ed al quarantatreesimo minutoquando, quando Suso he impegnato Cordaz a effettuare due difficili respinte in angolo. Unico neo del Crotone le ammonizioni di Ceccherini e Crisetig che salteranno la prossima partita perche' diffidati. A inizio ripresa il Milan riesce a pareggiare. In seguito a un calcio d'angolo, Paletta mette dentro il pallone al minuto quarantanove con una deviazione di mano. E' la giornata dei gol annullati al Crotone per fuorigioco inesistenti. Al minuto cinquantacinque tocca ancora a Trotta vedersi annullare un altro gol che avrebbe portato di nuovo in vantaggio la sua squadra. Fuori Nalini nel Crotone per fare posto a Stoian e successivamente dentro anche Dussenne per l'infortunato Ceccherini. Cala il ritmo del Crotone e ne approfitta il Milan che avanza il baricentro e in piu' occasioni, mettendo in difficolta' la difesa pitagorica. Montella cerca di approfittarene e manda in campo Bacca per il difensore Vangioni. Niente da fare e fischio finale. Un punto guadagnato dai pitagorici che smuove ancora la classifica. Non è stata, infatti, una giornata gioiosa per Empoli e Genoa che perdono in casa. Continua il sogno salvezza dal Crotone.

 

 

 

 

Crotone ancora Ko: sonfitta casalinga contro la Fiorentina, il gol-vittoria dei viola arriva oltre il 90esimo con Kalinic

Pubblicato in Stadio
Domenica, 19 Marzo 2017 17:12

Serie A 29.esima giornata altra sconfitta casalinga e questa volta veramente decisiva per la salvezza. Cordaz migliore in campo in senso assoluto. Stoian il peggiore. Negato un rigore al Crotone. Colpito un palo per parte.

Tabellino.

Crotone        0

Fiorentina     1

Marcatore: Kalinic 92°

Crotone (4-4-2): Cordaz, Rosi, Ceccherini (Dussenne), Ferrari, Mesbah, Rohden, Barberis (Barberis), Crisetig, Stoian, Tonev (Trotta), Falcinelli. All. Nicola

Fiorentina (3-4-1-2): Tatarusanu, Astori, Gonzalo, Ilicic (Babacar), Vecino, Badelj (Olivera), Tello, Borja Valero, Kalinic, Chiesa (Saponara), Sanchez. All. Sousa)

Arbitro: Luca Pairetto di Nichelino

Coll. Alessandro Costanzo - Luca Mondin

Quarto giudice: Pasquale De Meo di Foggia

Add.1 Daniele Orsato - Add.2 Aleandro Di Paolo

Ammoniti: Cordaz, Gonzalo

Angoli: 5 a 3 per il Crotone

Recupero: 1 e 3 minuti

Spett. tot. 7997 € 142; biglietti 1.776 € 21.505; abbonati 6.221 rateo € 120.886

Il commento.

La lunga astinenza di vittorie del Crotone (ultimo successo contro l'Empoli 22.esima giornata) non si arresta. Contro la Fiorentina gli uomini di mister Nicola non sono riusciti a conquistare il quarto successo stagionale e così incamerare i tre punti importantissimi per rincorrere la salvezza. Un traguardo quasi irragiungibile dopo l'ennesima battuta d'arresto e quando mancano nove giornate al termine del campionato. La vittoria contro una squadra che lotta per un posto in Europa non e' stata conquistata dal Crotone. La vittoria doveva essere conquistata minuto dopo minuto con un'attenta strategia preparata dal tecnico Nicola nel corso della settimana. La diversa formazione schierata da quella che ha affrontato in trasferta il Napoli la scorsa partita non ha cambiato così il corso delle sconfitte. Fuori Sampirisi, Dussenne, Martella, Capezzi, Trotta, dentro i difensori Rosi, Ceccherini, Mesbah schierati rispettivamente a destra, centrale, esterno sinistro; centrocampo con il rientrante Barberis al fianco di Crisetig; in attacco Tonev, altra novita' della giornata, insieme a Falcinelli. Mister Sousa non potendo schierare il difensore Tomovic squalificato, l'attaccante Bernardeschi infotunato, ha preferito non utilizzare anche il difensore Rodriguez e il centrocampista Saponara, in sostituzione degli assenti Gonzalo, Ilicic, Badeli, Sanchez. Cambi a parte, di fronte al Crotone di oggi non e' stato per niente difficile per i viola, e anche se manca la controprova, oggi qualsiasi altra squadra avrebbe avuto ragione del Crotone. Nessun timore reverenziale da parte dei pitagorici al cospetto dei piu' quotati avversari inizialmente. Il trio difensivo predisposto dal tecnico Sousa con Gonzalo, Sanchez, Astori ed il folto centrocampo con cinque uomini per contrastare quello locale non ha impedito a Falcinelli in due occasioni (10°e 19°) di rendersi pericoloso al punto tale da far gridare al quasi gol. Altra occasione per il Crotone al minuto sedicesimo con Ferrari che in seguito a calcio d'angolo manda il pallone poco oltre la traversa dopo averlo colpito di testa. A favore degli ospiti il palo colpito da Kalinic al minuto trenta. Piu' attiva la Fiorentina nel reparto mediano che ha sempre piazzato l'uomo in piu' per impostare le giocate in ripartenza. Meno lucidi in attacco i gigliati ma per merito del quartetto difensivo pitagorico composto da Rosi, Ceccherini, Ferrari, Mesbah. Il suo vero volto il Crotone lo evidenzia nella ripresa dopo qualche minuto dall'inizio, quando esce Tonev (sotto la sufficienza la sua prestazione) ed entra Trotta. Fuori anche il difensore Ceccherini per motivi fisici rimpiazzato da Dussenne. È un continuo botta e risposta da una parte e dall'altra alla ricerca del gol. Falcinelli al quarantanovesimo non centra la porta da posizione favorevole. Al minuto sessantuno, lo stesso giocatore rossoblù colpisce il palo a portiere battuto. Un minuto dopo l'arbitro nega un evidente rigore al Crotone per fallo del portiere su Falcinelli. Le sostituzioni operati da Sousa: Saponara al posto di Chiesa, Babacar per Ilicic e Olivera per Badelj, non hanno per nulla impensierito il Crotone. Sembra consolidarsi il nulla di fatto a rete inviolate, ma a pochi minuti dal termine la solita ingenuita' costringe il Crotone alla resa con il gol di Kalinic. Niente da fare non e' l'annata giusta per il Crotone in zerie A.

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}