SPOGLIATOI│Zenga: «Una vittoria di gruppo nata da un ritiro all'antica: abbiamo messo da parte le negativita'»

Pubblicato in Stadio
Domenica, 08 Aprile 2018 18:55

"Una vittoria di gruppo nata da un ritiro all'antica durante il quale abbiamo ritrovato le motivazioni e messo da parte le negatività". Walter Zenga spiega cosi' il segreto della prova vincente contro il Bologna. "Abbiamo avuto infortuni e sfortuna - aggiunge - perche' in alcune gare la prestazione c'era stata ed eravamo usciti sconfitti ma non battuti. Ho parlato di togliere via la negativita' perche' nei problemi vedo sempre soluzioni e opportunita'. Il ritiro a Steccato di Cutro, fatto all'antica, giocando a carte, mangiando insieme e passeggiando ci e' servito per fare gruppo. Piu' che allenarsi conta lo spirito, la voglia di giocare, la forza da mettere in campo. Il risultato e' stato positivo. Ci e' servito, ci serve e ci servira'. Se serve a salvare il Crotone mi trasferisco a Steccato di Cutro". Sulla prova di oggi Zenga parla di un Crotone equilibrato: "ci sono stati - dice - dei cambiamenti nel corso della gara perche' non giochiamo a subbuteo". In evidenza le prove di Stoian: "sa leggere bene le situazioni, ci da' qualità", e di Simy: "e' un ragazzo che lavora tanto. Ci potra' dare grande mano)". Zenga svela anche un segreto su Rodhen in campo con dei 'pizzini' in mano. "C'erano le indicazioni ai compagni - spiega - per disposizione su palle inattive e su come dovevamo schierarci. Volte non riesco a farmi sentire e cosi' mando i messaggi scritti". L'allenatore del Bologna Roberto Donadoni fa autocritica. "Abbiamo interpretato male la gara - dice - e mi prendo io la responsabilita' di non aver saputo trasferire le giuste motivazioni alla squadra. In termini di occasioni abbiamo concesso poco, oltre al gol. I primi 45 minuti non sono stati quelli che dovevamo fare. Era tutta la settimana che si insisteva su questo tasto, che si diceva che doveva essere una partita di lotta: mi prendo le responsabilita' di non aver saputo trasferire questo atteggiamento alla squadra. C'e' stata una reazione nel secondo tempo, ma siamo stati poco lucidi. Ci siamo accentrati troppo e non siamo riusciti a mettere palla in mezzo soprattutto quando e' entrato Avenatti che ha stazza e fa bene il gioco aereo". "Oggi poteva voler dire salvezza certa fare risultato qui ed e' demerito nostro al di la di merito del Crotone. Essere arrabbiati dopo serve a poco. Bisognava avere fame prima. Mi disturba pensare che siamo tranquilli. Io devo andare in campo e dare l'anima perche' sudo tutta la settimana per questo e non c'e' nessuna motivazione che mi puo' far cambiare atteggiamento. Posso giocare bene o male - conclude - ma non ha niente a che vedere con il dare tutto o dare al 70%. Mi dispiace per tifosi giunti fin qui meritavano qualcosa di più".

Zenga alle prese con la formazione: «Col Toro occorrera' una prestazione straordinaria». Infortunio per Niang

Pubblicato in Stadio
Martedì, 03 Aprile 2018 19:25

Serie A recupero 27esima giornata│Torino-Crotone stadio Olimpico Grande Torino mercoledì 4 aprile ore 18.30. Crotone senza gli squalificati Capuano, Mandragora, Stoian ai quali si aggiunge Nalini non ancora in perfette condizioni fisiche. Niente Crotone per M'Baye Niang. L'attaccante del Torino non e' stato convocato da Mazzarri per il recupero di campionato, in programma domani pomeriggio al Grande. Un affaticemnto muscolare in allenamento ha fermato l'attanccante.

Probabili formazioni:

Torino (4-3-3): Sirigu, De Silvestri, Nkoulou, Lyanco, Ansaldi, Baselli, Acquah, Obi, Lago Falque, Belotti, Ljajic. All. Mazzarri

Crotone (4-3-3): Cordaz, Faraoni, Ajeti, Ceccherini, Martella, Sampirisi, Benali, Barberis, Ricci, Crociata, Trotta, . All. Zenga

Arbitro: Marco Guida (Torre Annunziata)

Giudici di linea: Valentino Fiorito (Salerno) – Ante Le Prenna (Molfetta)

Quarto giudice: Juan Luca Sacchi di Macerata

Var: Federico La Penna (Roma1) - Avar: Andrea Crispo (Genova)

Il pre-partita.

Le assenze per squalifica di Capuano (difensore), Mandragora (centrocampista), Stoian (attaccante) e la indisponibilità per motivi fisici di Nalini, costringono il tecnico Walter Zenga a cambiare la formazione in tutti i reparti contro un Torino che sta attraversando un buon momento di forma. La scelta degli undici pitagorici per interrompere la striscia delle sconfitte e conquistare punti importanti in occasione del prossimo recupero è ridotta a poche variabili. In sostituzione del centrale Capuano sarà schierato l’albanese Ajeti insieme a Ceccherini e con Martella a sinistra e Faraoni a destra per completare il quartetto difensivo. Sistemata la difesa, mister Zenga sembra orientato a mandare in campo un centrocampo a quattro con Sampirisi a destra, Barberis e Benali interni, Crociata a sinistra, per una maggiore copertura nel reparto mediano. Duo d’attacco Ricci, Trotta. Indipendentemente da chi scenderà in campo, dovrà essere un Crotone che deve riprendere a fare punti per non perdere il treno del quartultimo posto. In casa del Torino, escluso l'infortunio dell'ultimora a Niamng, nessun problema per il tecnico Mazzarri a proposito della formazione, ma soltanto qualche turno di riposo concesso ai suoi a causa degli incontri ravvicinati. Il trio d’attacco Lago Falque, Ljajic e Belotti sarà in campo. A centrocampo fuori Rincon sostituito da Acquah. Novità anche in difesa con Ansaldi fuori ed al suo posto Molinari. Mister Zenga alla vigilia dell’incontro: “Non mi preoccupano i prossimi avversari per ciò che hanno fatto a Cagliari il precedente turno (vittoria 4-0 a favore dei granata, ndr) – ha dichiarato Zenga –, ma sapere se abbiamo capito gli errori commessi a Firenze e siamo in condizioni di non ripeterli nella prossima partita con un diverso atteggiamento. Subire il gol ci può stare, quello che fa male è fallire le occasioni per segnare”. Pensando al nazionale Belotti, prossimo avversario del Crotone e anche a chi, tra i rossoblù, lo dovrà controllare, mister Zenga ha affermato: “Il Torino non è solo Belotti, si tratta di una squadra che ha ottima organizzazione di gioco in tutti i reparti. La vittoria di Cagliari è la dimostrazione. Di fronte ad un simile avversario il Crotone ha i numeri per dire la sua in campo purché si comporta come in altre occasioni quando ha approcciato bene l’incontro fin dall’inizio. Abbiamo altri difficili incontri ravvicinati dopo Torino – ha detto Zenga – e pensando a questo dobbiamo curare con attenzione ogni minimo particolare. Il gol è importante, sia per il risultato, ma anche per il morale del giocatore e di tutta la squadra. Il Crotone è alla ricerca della prestazione straordinaria che ancora non è arrivata. È arrivata quasi con la Sampdoria, poteva arriva contro la Roma se avessimo messo in campo la giusta determinazione nei momenti clou”.

Zenga lancia l'attacco alla Fiorentina: «In campo voglio squali che aggrediscono e non subiscono»

Pubblicato in Stadio
Giovedì, 29 Marzo 2018 18:58

Serie A 30esima giornata│Fiorentina-Crotone stadio Artemio Franchi sabato 31 marzo ore 15. Viola senza gli squalificati Biraghi (difensore) Benassi (centrocampista). Dubbi sulla presenza dei nazionali Chiesa e Badelj.  Ex l’attaccante Falcinelli. Il pitagorico Nalini nuovamente disponibile dopo l’infortunio subito contro la Roma. 

Probabili formazioni:

Fiorentina (4-3-1-2): Sportiello, Milenkovic, Pezzella, Vitor Hugo, Olivera, Cristoforo, Badelj, Veretout, Saponara, Simeone, Chiesa. All. Pioli

Crotone (4-3-3): Cordaz, Faraoni, Ceccherini, Capuano, Martella, Stoian. Mandragora, Benali, Ricci, Trotta, Nalini. All. Zenga

Arbitro: Paolo Valeri di Roma 2

Giudici di linea: Matteo Bottegoni (Terni) – Antonio Santoro (Catania)

Quarto giudice: Davide Ghersini di Genova

Var: Daniele Doveri (Roma1) – Avar: Matteo Passeri (Gubbio)

Fiorentina sabato prossimo e Torino (recupero 27esima giornata) dopo quattro giorni, il doppio turno ravvicinato lontano dall’Ezio Scida che obbliga i pitagorici ad incamerare punti salvezza. Non potrebbe essere diversamente in considerazione del terzultimo posto in classifica e con le partite che diminuiscono. Contro i viola, imbattuti nelle ultime quattro giornate (3 vittorie, 1 pareggio), l’impresa non è proibitiva avendo i pitagorici superato indenni ostacoli più grossi, ma la parola d’ordine deve essere: le azioni da gol che si producono durante l’incontro vanno concretizzate. Contro la Roma all’Ezio Scida l’imprecisione in fase offensiva è stata la causa della sconfitta. All’Artemio Franchi sarà una sfida a distanza anche nei confronti della Spal, Chievo, Sassuolo impegnati rispettivamente con Genoa, Sampdoria, Napoli. Dal risultato di queste gare si determinerà la parte bassa della classifica. La Fiorentina vuole i tre punti per non perdere di vista l’Europa League e per “vendicare” la sconfitta (2-1) subita all’andata sul terreno dell’Ezio Scida. Una battuta d’arresto, dopo tre consecutive vittorie, che provocò molte polemiche nei confronti del tecnico Pioli da parte dei propri tifosi. Un Crotone compatto in ogni reparto e con la giusta concentrazione nelle giocate più delicate dovranno essere le armi che mister Zenga dovrà pretendere dai suoi sabato prossimo per rientrare imbattuti negli spogliatoi. La prima nota positiva a proposito della formazione è la disponibilità di Nalini, uscito per infortunio contro la Roma. Se l’attaccante sarà della partita potrebbe essere schierato insieme a Trotta e Ricci. Alle loro spalle il trio Stoian, Mandragora, Benali, ma ci potrebbe essere anche il ritorno del nazionale Ajeti per un centrocampo a quattro affinché garantisca una maggiore copertura alla difesa. Se così sarà, il sacrificato iniziale sarebbe Stoian il cui posto verrebbe occupato da Ricci. Quartetto difensivo con Faraoni a destra, Ceccherini e Capuano difensori centrali, Martella difensore sinistro. Cordaz tra i pali. Mister Pioli dovrà rivedere alcuni reparti per la squalifica del difensore Biraghi e del centrocampista Benassi. Altre probabili assenze quelle degli azzurri Chiesa e Badelj usciti acciaccati dopo l’ultimo incontro della Nazionale contro l’Inghilterra. In sostituzione dei primi due spazio a Olivera e Cristoforo, se Chiesa non dovesse farcela largo all’ex pitagorico Falcinelli. Modulo tradizionale da parte di Pioli con quattro difensori, tre centrocampisti, due attaccanti sorretti da Saponara trequartista.

Le dichiarazioni pre-partita.

“L’atteggiamento in campo da parte dei miei giocatori – ha dichiarato il tecnico pitagorico Zenga – dovrà fare la differenza in campo e da sabato prossimo dobbiamo stare in apnea e non soffocare di fronte ai difficili impegni che ci aspettano. Ma la partita più importante da giocare è sempre la prima che per l’occasione si chiama Fiorentina che sta facendo bene sotto le direttive del tecnico Pioli e che può contare su giocatori in quota Nazionale quali Badelj e Chiesa, quest’ultimo figlio d’arte di un campione con cui sono stato assieme ai tempi della Sampdoria. Ma i miei uomini hanno le giuste motivazioni per fare bene contro questa squadra che possiede tenacia e voglia di combattere. Il Crotone è uno “Squalo” – ha affermato Zenga – e come tale aggredisce e non subisce. Fino al termine della stagione queste saranno le caratteristiche dei miei giocatori”. Prima ancora di parlare del prossimo incontro, mister Zenga ha ricordato il tecnico Emiliano Mondonico morto all’alba. “E’ stato un maestro del calcio, il suo carattere l'ha portato a lottare con determinazione per un male incurabile. Nonostante la malattia non ha mai fatto notare la sua sofferenza tenendola nascosta dietro il suo solito sorriso. È una perdita molto sentita specie tra noi che lo conoscevamo da diverso tempo come giocatore e tecnico avversario. Nel calcio ha scritto cose importanti”.        

Zenga: «Il Crotone non merita questa posizione in classifica, e' squadra che prova sempre a giocare le partite»

Pubblicato in Stadio
Lunedì, 26 Marzo 2018 17:43

"Il Crotone aveva gia' un'identita' ben precisa, erano allenati bene da un allenatore molto bravo ed io ho messo solo quelle che sono le mie idee. A mio modo di vedere giochiamo bene e siamo una squadra che prova sempre a giocare le partite". Lo ha detto il tecnico del Crotone, Walter Zenga, parlando con i giornalisti a margine dell'assegnazione della 'Panchina d'oro' per la stagione 2016-2017, avvenuta quest'oggi a Coverciano. "A mio modo di vedere meritavamo di essere in una posizione differente - ha aggiunto Zenga - pero' questo non deve essere un alibi, ma deve essere un dato di fatto che dobbiamo accettare per di tirarci fuori da questa posizione prima della fine del campionato". Alle porte per il Crotone sabato prossimo la sfida a Firenze contro la Fiorentina. "La Fiorentina e' una bella squadra, allenata benissimo da un grande tecnico e soprattutto diventa difficile parlare dopo quello che e' successo, perche' sono stati bravi loro a compattarsi, a prendere forza da una tragedia. Io personalmente non penso ad Astori ma penso a tutto quello che e' il contorno: la famiglia, i compagni di squadra, quando entrano negli spogliatoi. La gente che non conosce il calcio non puo' capire cosa avviene dentro ad uno spogliatoio dal primo giorno ed anche il fatto che fanno quel saluto in ricordo di Astori e' molto bello". In chiave lotta scudetto fra Napoli e Juventus, Zenga ha dichiarato che:"Io ho sempre detto da inizio stagione che l'avrebbe vinto il Napoli e non e' che cambio idea. Sto con il Napoli". Infine in chiave Nazionale, Zenga ha sottolineato:"Non si puo' valutare l'Italia per due o tre partite. E' vero che tutti dicono che bisogna ripartire, bisogna fare ma le soluzioni quali sono? Buffon? E' un'icona del calcio ed una leggenda ed ha tutto il diretto di decidere quando smettere, e non devono essere gli altri a farlo smettere. Quando sara' il momento sara' lui che lo decide, e' un grande professionista e fara' come ha sempre fatto".

 

Giudice sportivo, ammenda da 10mila euro a mister Zenga per «atteggiamento irridente» verso l'arbitro

Pubblicato in Stadio
Martedì, 20 Marzo 2018 20:02

Un'ammenda di 10mila euro - con diffida - e' stata inflitta dal giudice sportivo, Gerardo Mastrandrea, all'allenatore del Crotone, Walter Zenga, "per avere, al 4' del secondo tempo, contestato platealmente una decisione arbitrale assumendo un atteggiamento irridente nei confronti del direttore di gara e per avere proseguito detto atteggiamento dopo il provvedimento di allontanamento; nonche' per aver assunto un atteggiamento irrispettoso nei confronti di un collaboratore della Procura federale nell'esercizio delle sue funzioni; recidivo".

 

Zenga chiede ai suoi una nuova ''impresa'': «Nessun timore reverenziale contro la Roma»

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 16 Marzo 2018 17:34

Serie A 29esima giornata│Crotone-Roma stadio Ezio Scida domenica 18 marzo ore 15. Ex di turno il centrocampista Florenzi. Tra gli ospiti assente De Rossi squalificato.

Probabili formazioni:

Crotone (4-3-3): Cordaz, Faraoni, Ceccherini, Capuano, Martella; Barberis, Mandragora, Benali, Ricci, Trotta, Nalini. All. Zenga.

Roma (4-3-3): Alisson, Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov, Nainggolan, Pellegrini, Strootman, Under, Dzeko, El Shaarawy. All. Di Francesco.

Arbitro: Luca Banti di Livorno

Ass. Rodolfo Di Vuolo (Castell. di Stabia) – Alessio Tolfo (Pordenone)

Quarto  giudice: Lorenzo Illuzzi (Molfetta)

Var: Gianpaolo Calvarese (Teramo) Avar: Salvatore Longo (Paola)

Walter Zenga e' pronto con il suo Crotone ad affrontare la Roma che arriva allo Scida sull'entusiasmo della qualificazione ai quarti di Champions League. Non rallenta Il tour de force del Crotone dopo la precedente vittoria casalinga contro la forte Sampdoria. Domenica prossima è la volta dei giallorossi, terzi in classifica e, non per caso, metteranno sotto pressione i pitagorici di mister Zenga. Nelle ultime sei giornate i giallorossi capitolini hanno subìto una sola sconfitta casalinga contro il Milan (0-2) e conquistato cinque successi tra cui quello di Napoli. In chiave salvezza sarà una giornata difficile anche per la Spal che riceverà la capolista Juve; il Sassuolo in trasferta se la vedrà con l’Udine; il Chievo giocherà a San Siro contro il Milan; il Verona affronterà l’Atalanta, ed il Cagliari farà visita al fanalino Benevento che intende regalare qualche altra vittoria al proprio pubblico. Un turno che costringerà le squadre che si trovano in basso alla classifica a mettere in campo il massimo sforzo per conquistare punti importanti. Chi si ferma potrebbe pagare dazio nella lotta per non retrocedere. Il Crotone di certo non lo vorrà fare e mister Zenga, nel corso della settimana, ha disegnato quella che dovrebbe essere la formazione in grado di ripetere quanto fatto contro la Sampdoria. Cordaz tra i pali, Faraoni terzino destro, Ceccherini e Capuano difensori centrali, Martella difensore sinistro. Linea mediana con Barberis fin dall’inizio insieme a Mandragora e Benali. Trio d’attacco composto da Ricci, Trotta, Nalini. Non manca l’interrogativo a proposito del reparto avanzato con un possibile utilizzo di Stoian fin dal primo minuto al posto di Ricci. Mister Di Francesco non potrà utilizzare il centrocampista Daniele De Rossi squalificato al cui posto giocherà Pellegrini. Oltre all’ex nazionale non faranno parte dell’undici iniziali Juen Jesus e Schick ma ci sarà Fazio in difesa e Dzeko, autore del gol che ha consentito alla Roma di superare il turno in Champons League. «Nessun timore reverenziale – chiede Zenga ai suoi – contro la Roma. Stiamo facendo bene e dobbiamo continuare a farlo. Mi fido della qualità dei miei giocatori che non mollano mai nemmeno durante gli allenamenti – ha dichiarato Walter Zenga – subito dopo l’incontro con la Sampdoria abbiamo rivolto il pensiero alla Roma e su come affrontarla. Ogni partita è importante e deve passare attraverso il buon gioco per ottenere il risultato. Non mi considero, né un bravo allenatore quando vinco, né un allenatore scarso se perdo. Il mio lavoro – ha detto Zenga – è sempre rivolto al miglioramento della squadra per centrare l’obiettivo della salvezza. Domenica prossima, contro la Roma il Crotone deve giocare in maniera semplice, con grande serenità e deve porre attenzione alle sue qualità. Rispettare la squadra avversaria e, col passare dei minuti, i miei giocatori si devono convincere che hanno le stesse possibilità di quelli degli avversari in fatto di risultato positivo. Queste le caratteristiche che domenica dobbiamo mettere in campo». Per quanto riguarda scelta degli uomini che inizialmente scenderanno in campo, mister Zenga ha dichiarato: «Dipende da come si allenano nel corso della settimana e come si propongono pensando alla partita. Domenica affrontiamo giocatori che in Europa farebbero la felicità di grosse squadre. Il Crotone scenderà in campo convinto di sapere come comportarsi di fronte a questo avversario»

 

         

 

 

SPOGLIATOI│Zenga: «Bravi i ragazzi a reagire dopo le sconfitte: pensiamo a noi stessi e giochiamo con coraggio»

Pubblicato in Stadio
Domenica, 11 Marzo 2018 18:00

Dopo due sconfitte si rialza il Crotone di Walter Zenga tornato alla vittoria senza troppi patemi contro la Sampdoria. "Sono stati bravi i ragazzi, io ho fatto poco e niente - dice il tecnico del Crotone a Sky - sono stati bravi a capire che le prestazioni c'erano state ma gli episodi ci avevano penalizzati nelle partite precedenti. Non si sono depressi e oggi hanno ottenuto una bella vittoria. Dopo il Benevento e la Spal abbiamo sistemato piccoli errori, dobbiamo pensare a noi stessi, giocare con coraggio, divertendoci. Stoian? l'equilibrio e' la cosa piu' importante in una squadra: lui ha carisma, carattere, personalita', sapevamo che non poteva reggere 90' ma e' stato bravo ad aggredire e a far girare la squadra".

 

Zenga si aspetta la reazione con la Sampdoria: «Episodi ci remano contro, ma non sono preoccupato»

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 09 Marzo 2018 18:43

Serie A 28esima giornata│Crotone-Sampdoria stadio Ezio Scida domenica 11 marzo ore 15. Assenti Budimir (frattura del terzo metatarso piede sinistro) e Izco. Recupera il portiere Cordaz. Ex il tecnico Zenga e il difensore Gianmarco Ferrari.

Probabili formazioni:

Crotone (4-3-3): Cordaz, Faraoni, Ceccherini, Capuano, Martella, Benali, Barberis, Mandragora, Ricci, Trotta, Nalini. All. Zenga

Sampdoria (4-3-1-2): Viviano, Sala, Silvestre, Ferrari, Murru, Barreto, Torreira, Linetty, Caprari, Quagliarella, Zapata. All. Giampaolo

Arbitro: Paolo Silvio Mazzoleni (Bergamo)

Giudici di linea: Alessandro Lo Cicero (Brescia) – Lorenzo Gori (Arezzo)

Quarto giudice: Marco Serra (Torino)

Var: Rosario Abisso (Palermo) Avar: Giulio Dobosz (Roma1)

Ripartire dalla prossima partita interna contro la Sampdoria per risalire la classifica e abbandonare la terzultima posizione è l’obiettivo dichiarato dai pitagorici. Conoscendo la loro determinazione nell’affrontare qualsiasi avversario, la conquista dei tre punti è una meta non proibitiva anche contro i blucerchiati sesta forza del campionato e in piena lotta per l’Europa league. La passata stagione la doppia sfida si concluse abbondantemente a favore dei pitagorici: pareggio (1-1) allo Scida e vittoria (1-2) in rimonta sul terreno del Luigi Ferraris con gol di Falcinelli e Simy. Nell’attuale campionato è stata la Sampdoria ad aggiudicarsi l’incontro d’andata contro il Crotone, bucando per cinque volte la porta difesa da Cordaz.  Il fermo della precedente giornata (il Crotone recupererà mercoledì 4 aprile alle ore 18.30), dovuto al lutto che ha colpito il mondo del calcio per la morte di Davide Astori, ha permesso a mister Zenga di recuperare qualche acciaccato, ma ha perso Budimir che si è procurato nel corso dell’allenamento la frattura del terzo metatarso del piede sinistro. Altro indisponibile sarà Izco infortunatosi durante l’amichevole col Sersale.  L’attaccante pitagorico Budimir, ex blucerchiato, rimane fermo quando stava attraversando un buon momento di forma evidenziato dalla doppietta messa a segno contro la Spal. Domenica prossima sarà la volta di Trotta a essere schierato inizialmente primo attaccante dopo due giornate. Al suo fianco Nalini metronomo lungo la fascia sinistra e Ricci a destra, formeranno il trio d’attacco. L’interrogativo più grosso, quello riguardante la disponibilità di Cordaz, è stato annullato visto che il numero uno pitagorico è tornato in buona forma. Faraoni terzino destro in sostituzione di Sampirisi sarà l’altra novità. Per il resto della formazione niente di nuovo con riferimento all’undici sconfitto in casa dalla Spal. Sampdoria con gli stessi nove/undici che hanno battuto l’Udinese prima del rinvio della ventisettesima giornata. Le uniche varianti riguardano il difensore destro Bereszynski e il trequartista Ramirez al cui posto mister Giampaolo schiererà Sala in difesa e Zapata dietro le due punte Quagliarella, Caprari. Per mister Zenga sarà l’incontro dell’ex come tecnico di una squadra della quale ha conservato un buon ricordo. “Come ex allenatore della Sampdoria ho un buon ricordo anche se il rapporto con la squadra si è interrotto in anticipo. Essere ritornato a distanza di anni in quell’ambiente è stato fantastico. Se poi non c’è stata una continuità lavorativa ho le mie colpe. Mi conforta anche che il presidente Ferrero ha ammesso di aver commesso qualche errore di valutazione. Da prossimo avversario della Sampdoria nessuna rivalsa per quello che è stato il passato”. Del Crotone mister Zenga ha affermato: “Tre pareggi e due sconfitte nelle ultime cinque giornate non derivano da una crisi della squadra. Alcune casualità negative ci hanno penalizzato nel risultato. Adesso dobbiamo ripartire e bene avendo il Crotone le giuste qualità per farlo. Agli attuali problemi occorrono le giuste soluzioni lavorando bene nel corso della settimana – ha detto Zenga – e con maggiore attenzione durante la partita. Il Crotone è la stessa squadra che in precedenza ha messo sotto Cagliari, Inter e Atalanta. Poi – ha continuato Zenga – ci sono partite che si perdono per variabili imprevedibili che pregiudicano la classifica. Il Crotone, come sostengo da tempo, non gioca male, ha mollato in due sole occasioni: contro la Lazio e dopo il terzo gol subito nell’incontro con la Spal”. A proposito degli avversari il tecnico pitagorico ha dichiarato: “La Sampdoria è una squadra paziente che non ha fretta di andare in gol nel corso della partita, sa sfruttare il momento opportuno. Aggredisce bene la profondità con uomini come Quagliarella, Zapata, Caprari. Di fronte a un simile avversario nessuna paura da parte del Crotone. I miei uomini devono giocare con la convinzione di potercela fare. In campo voglio il bel gioco che è propedeutico al successo e fa divertire il pubblico”. Poi un richiamo a ciò che è stato il suo trascorso da giovane giocatore prima di raggiungere il successo: “Il lavoro al mattino, gli allenamenti col settore giovanile nel pomeriggio, la scuola di sera”.       

 

 

 

 

Zenga: «Responsabilita' e' mia, ma ci vuole piu' concentrazione: certi errori in serie A non si possono fare...»

Pubblicato in Stadio
Domenica, 25 Febbraio 2018 15:21

"Principalmente la responsabilita' e' mia. Nel primo tempo non abbiamo fatto quello che abitualmente sappiamo fare. Mi ero affidato a quelli che avevano fatto benissimo all'inizio del girone di ritorno per avere fluidita' di gioco, invece non l'abbiamo mai trovata". Cosi', ai microfoni di Sky Sport, al termine di Crotone-Spal, il tecnico dei pitagorici, Walter Zenga. "Il gol del 3-1 e' l'emblema della confusione che c'era oggi. Anche dopo il 3-2, negli ultimi minuti, ci sono state troppe giocate individuali. Questo non va bene ma, ripeto, la responsabilita' e' mia, non dei giocatori", ha aggiunto Zenga. "Bisogna ripartire normalmente, facendo le cose che abbiamo sempre fatto. Serve grande attenzione negli allenamenti. Ci vuole piu' concentrazione: certi errori in serie A non si possono fare. Oggi eravamo stati bravi nel recuperare lo svantaggio iniziale; poi abbiamo incassato un gol su calcio di punizione dalla distanza e quello strano 3-1. Adesso voglio vedere grande attenzione a tutti i piccoli particolari", ha spiegato ancora il tecnico dei pitagorici.

 

Sale l'adrelina per il match interno con la Spal, Zenga: «Vincere per riprenderci i punti persi nelle altre partite»

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 23 Febbraio 2018 17:39

Serie A 26esima giornata│Crotone-Spal domenica 25 febbraio ore 12.30 stadio Ezio Scida. Pitagorici motivati al massimo per conquistare tre importantissimi punti salvezza. Antenucci (sei gol) l’avversario pericoloso.
Probabili formazioni:
Crotone (4-3-3): Cordaz, Faraoni, Ceccherini, Capuano, Martella, Ajeti, Mandragora, Benali, Nalini, Trotta, Budimir. All. Zenga
Spal (3-5-1-1): Merit, Salamon, Vicari, Simic, Lazzari, Schiattarella, Viviani, Grassi, Mattiello, Kurtic, Antenucci. All. Semplici
Arbitro: Daniele Orsato di Schio
Coll. Gianluca Vuoto (Livorno) – Lorenzo Manganelli (Valdarno)
Quarto giudice: Daniele Chiffi di Padova
Var: Michael Fabbri (Ravenna) - Avar: Rodolfo Di Vuolo (C. di Stabia)
Domenica all’ora di pranzo, per i tifosi pitagorici e per i tanti sostenitori della squadra emiliana che giungeranno a Crotone dopo un viaggio stressante (da e per Crotone non si vola più), non sarà il consueto momento di sedersi a tavola, ma sarà l’orario per varcare i cancelli dell’Ezio Scida e assistere a uno degli incontri clou in chiave salvezza. Per l’una e per l’altra squadra, la conquista dei tre punti sarà un obiettivo irrinunciabile. E lo sarà ancor più per i locali per i quali si presenta l’occasione di portarsi a sette lunghezze dagli ospiti, terzultimi in classifica dopo le ultime tre sconfitte consecutive. Sarebbe anche la vittoria che farebbe dimenticare ai pitagorici l’inaspettata battuta d’arresto di Benevento e ricaricherebbe le batterie per un prosieguo di campionato più tranquillo. Dopo l’incontro con la Spal la trasferta per affrontare il Torino ed a seguire il doppio confronto casalingo contro Sampdoria e Roma. Domenica prossima sarà un Crotone che ancora una volta scenderà in campo con una formazione diversa rispetto alla precedente giornata. Tra gli undici iniziali ci sarà il ritorno degli attaccanti Trotta, al posto di Crociata, e Budimir in sostituzione di Ricci. La scelta per dare più centimetri al gioco aereo, sia in fase d’attacco che di ripiegamento. Non scontato il ritorno del centrocampista Barberis giacché Ajeti è stato considerato da Zenga tra quelli che hanno fatto bene contro il Benevento. Nessuna novità per quanto riguarda la linea difensiva che, salvo cambi dell’ultima ora, comprenderà Cordaz tra i pali; Faraoni (difensore destro) Martella (difensore sinistro); Ceccherini e Capuano difensori centrali. Il tecnico degli emiliani, Semplici, in sostituzione dello squalificato difensore Felipe schiererà Lorenco Simic. Altra assenza per motivi fisici quella del centrocampista Dramè al cui posto sembra essere favorito Mattiello. Modulo ospite con Salamon, Vicari e Simic terna dei difensori; Lazzazi, Schiattarella, Viviani, Grassi, Mattiello sulla linea mediana; Kurtic dietro la punta Antenucci (sei gol all’attivo) spauracchio dei portieri avversari. Mister Walter Zenga nella conferenza pre-partita ha dichiarato: "C'e' voglia di vincere per riprenderci i punti sfumati nelle ultime partite. Abbiamo preparato la prossima partita in maniera normale, come avviene di solito contro qualsiasi avversario. Il traguardo della salvezza è l’obiettivo che ci impone di essere sempre concentrati durante gli allenamenti e nel corso della partita – ha dichiarato il tecnico pitagorico – e questo avviene anche attraverso il dialogo tra gli addetti ai lavori per cercare altre possibilità al fine di migliorare o eliminare qualche negatività creatasi durante l’incontro e perché non si ripeta in occasione della partita successiva. Però ripeto: il mio atteggiamento e quello della mia squadra non cambia mai pensando al tipo di avversario che dobbiamo affrontare”. Con riferimento alla partita di Benevento persa il tecnico ha detto: “abbiamo corso per novanta minuti onorando la maglia per portare a casa un successo”. Un pensiero del tecnico sul ritorno di Tumminello a Crotone per la fase finale della preparazione dopo l’infortunio: “Ho voluto che Tumminello venisse a Crotone per continuare la preparazione giacché manca ancora tanto alla fine del campionato ed è bene che stia in gruppo e respiri l’area dello spogliatoio in modo da essere già ambientato quando potrà scendere in campo”. Un accenno sui gol subiti da palle inattive: “Sui gol presi negli ultimi minuti contro Atalanta e Benevento – ha dichiarato Zenga – da calci piazzati non è vero che i miei non sono intervenuti, il pallone l'hanno respinto i miei giocatori, è il prosieguo della giocata che ha determinato il gol subito. Il vero problema è che il Crotone non riesce a fare gol su palle inattive. A parte qualche eccezione”. E di come possa giocare in attacco la Spal, Zenga prevede un modulo avversario con due punte. Il difensore pitagorico Ceccherini a proposito del prossimo incontro: “Contro il Benevento – ha dichiarato il pitagorico – venivamo da quattro risultati utili consecutivi ed eravamo preparati psicologicamente e tecnicamente per continuare a fare bene. Abbiamo preso tre gol evitali su palle inattive come ci succede spesso. In previsione della prossima partita abbiamo lavorato con maggiore intensità proprio su queste negatività. Ci è dispiaciuto aver perso un punto, addirittura tre, in queste condizioni, contro avversari che hanno effettuato pochissimi tiri in porta. A proposito della Spal giochiamo in casa contro una diretta avversaria per la salvezza e vogliamo conquistare i tre punti. La Spal basa il suo gioco sugli esterni, ed aggredisce l’avversario con un solo uomo, effettua molti cross ed aggredisce bene l’area avversaria con più uomini. In fase di ripiegamento dobbiamo stare molto attenti. All’andata ci hanno messo in difficoltà ma siamo riusciti a pareggiare. All’Ezio Scida con la massiccia presenza dei nostri tifosi vogliamo conquistare l’intero bottino”.

 

 

 

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}