Zenga e giocatori visitano i bimbi dell'ospedale di Crotone: donati gadget, poi tanti autografi e foto

Pubblicato in Stadio
Mercoledì, 21 Febbraio 2018 19:47

Una delegazione della squadra del Crotone guidata da Walter Zenga ha fatto visita al reparto di pediatria dell'ospedale portando doni ai piccoli pazienti. E' stata una esperienza bella sia per bambini e genitori, ma anche per Zenga, Rolando Mandragora, Davide Faraoni e Mariano Izco. Per il secondo anno consecutivo il Crotone ha dato il suo apporto contribuendo all'acquisto di attrezzature per il reparto e con l'appuntamento di oggi. Tecnico e calciatori sono stati accolti dal direttore dell'Unita operativa complessa di Pediatria Francesco Paravati - che ha parlato anche a nome del direttore generale dell'azienda Segio Arena - e dai dottori Giuseppe Frandina e Maurizio Cretella. Il presidente Gianni Vrenna, assente per motivi familiari, ha inviato un messaggio. Ai bambini sono stati donati gadget del Crotone. Il momento piu' significativo per i calciatori e' stato quando hanno raccolto l'abbraccio dei bimbi e dei loro genitori e, visibilmente commossi, non hanno lesinato abbracci, autografi e foto ricordo.

 

Zenga avverto: «Ci aspettano quattordici partite importanti, a Benevento bisogna arrivare determinati»

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 16 Febbraio 2018 17:57

Serie A 25esima giornata│Benevento-Crotone, stadio Ciro Vigorito domenica 18 febbraio ore 15. Ricci in campo dal primo minuto. Stoian assente per lesione di primo grado del muscolo soleo sinistro.

Probabili formazioni:

Benevento (4-3-3): Puggioni, Sogna, Djimsiti, Costa, Venuti, Viola, Sandro, Djuric, Guilherme, Coda, D,Alessandro. All. De Zerbi

Crotone (4-3-3): Cordaz, Faraoni, Ceccherini, Capuano, Martella, Barberis, Mandragora, Benali, Ricci, Trotta, Nalini. All.Zenga

Arbitro: Gianluca Rocchi di Firenze

Coll. Elenito Di Liberatore (Teramo) – Mauro Tonolini (Milano)

Quarto giudice: Daniele Martinelli di Roma 2

Var: Fabrizio Pasqua (Tivoli) Avar: Alessandro Giallatini (Roma 2)

Pochissimi dubbi assillano i due tecnici a proposito delle rispettive formazioni. In casa pitagorica il ritorno dell’esterno Ricci sulla fascia destra fin dall’inizio è scontato, unico dubbio il dualismo tra gli attaccanti Trotta e Budimir, ma il primo sembra essere favorito per un trio d’attacco composto da Ricci a destra, Trotta centrale, Nalini a sinistra come già avvenuto la precedente trasferta contro l’Inter. Una soluzione azzeccata che ha messo in difficoltà la retroguardia neroazzurra del tecnico Spalletti. Per il resto della formazione nessun altro cambio. Cordaz tra i pali, Faraoni terzino destro, Ceccherini e Capuano difensori centrali, Martella terzino sinistro. Linea mediana con Barberis, Mandragora, Benali. Mister De Zerbi, non potendo schierare ancora l’ex centrocampista pitagorico Cataldi, continuerà a dare fiducia al reparto pesantemente sconfitto dalla Roma all’Olimpico. Cambio invece per quanto riguarda la prima linea con Coda fin dall’inizio al fianco di D’Alessandro. Decisione che il tecnico sannita ha maturato dopo le ultime quattro sconfitte consecutive avvenute con tredici gol subiti e soltanto due realizzati. Una sfida tra due squadre che al momento rappresentano due diverse facce, Crotone imbattuto da quattro giornate e fuori dalla zona retrocessione, Benevento ultimo in classifica con soli sette punti. Ma per quanto riguarda la classifica e ciò che gli avversari dei pitagorici stanno facendo nelle ultime partite non viene sottovalutato da mister Zenga che pretende dai suoi la massima concentrazione come nelle precedenti sfide. “Ci aspettano quattordici partite importanti. Dico anche che il Benevento, da quando io sono al Crotone, ha totalizzato sei punti e noi nove, questo significa che tra le due squadre non c’è molta differenza – ha affermato mister Zenga – Noi prepariamo tutte le patite alla stessa maniera senza guardare la posizione che occupa in classifica l’avversario e non considerando quante sconfitte ha subito o vittorie ottenute. Invece dobbiamo preoccuparci di come preparare la partita e come approcciarla. La continuità dei risultati positivi rimane un fatto acquisito che deve continuare con l’ottima prestazione futura. Benevento sarà per il Crotone un’altra tappa per la salvezza”. Per quanto riguarda le condizioni fisiche dei suoi uomini, il tecnico pitagorico ha dichiarato: “confermo la sola indisponibilità di Stoian, mentre torna disponibile Sampirisi che però andrà in panchina e questa è una buona notizia”. E per quanto riguarda le difficoltà, mister Zenga ha affermato: “sono superabili con la passione sul lavoro e la convinzione di essere capace di dare tutto contro chiunque, questa è la serie A e noi in questa categoria stiamo dimostrando che non è facile giocare contro il Crotone”. Per quanto riguarda il trio d’attacco, il tecnico pitagorico ha rivelato: “sto lavorando ad una soluzione che vede Trotta, Budimir, Simy, schierati assieme. Non è una follia ma prima della fine del campionato si potrebbe avverare”. Anche per Benali, l’imbattuto centrocampista insieme a Ricci e Capuano da quando sono arrivati al Crotone, a proposito della prossima trasferta di Benevento ha dichiarato: “Non è una partita decisiva per la salvezza, per noi è una normale partita da vincere, come lo era quella contro l’Atalanta e prima ancora contro l’Inter. Nel corso della settimana abbiamo preparato bene quest’incontro per dare continuità ai risultati positivi. Questo sta avvenendo e la nostra classifica si muove sempre. Al momento non ho ancora segnato, ma ciò che è importante è vincere, indipendentemente da chi mette il pallone dentro. A Crotone mi sono sentito subito a casa, dentro e fuori lo stadio”. Per quanto riguarda il suo ruolo, Benali ha dichiarato: “ho sempre giocato da centrocampista a tutto campo ma sono a disposizione del tecnico per essere impiegato anche attaccante se dovesse chiedermelo. L’unico ruolo che non è confacente alle mie caratteristiche è portiere o difensore centrale, in considerazione del fisico”.

Quattro risultati utili consecutivi e sei punti conquistati: il Crotone trascinato da Zenga e dai nuovi acquisti

Pubblicato in Stadio
Lunedì, 12 Febbraio 2018 17:43

Quattro risultati utili consecutivi, sei punti conquistati (1 vittoria, 3 pareggi) sei gol realizzati, tre subiti. Questo il percorso dei pitagorici nelle ultime quattro giornate contro Verona, Cagliari, Inter e Atalanta. Sarà stata una coincidenza, ma il tutto è iniziato alla ventunesima giornata in quel di Verona (21 gennaio 2018) quando il tecnico Walter Zenga non ha esitato a fare scendere in campo i neo pitagorici Capuano, Benali, Ricci, arrivati a Crotone da pochi giorni. Mai scelta fu così felice considerando il nuovo corso ed i risultati ottenuti con il loro inserimento. Cancellata la sterilità del gol, nelle ultime quattro partite cinque diversi giocatori (Barberis, Stoian, Ricci, Trotta, Mandragora) hanno esultato per aver insaccato il pallone. Risultati utili ottenuti anche in rimonta come sul terreno del Meazza contro l’Inter. La classifica al momento non rende giustizia agli uomini del tecnico Zenga per ciò che producono in campo nel corso dei novanta minuti più recupero. Sabato scorso, contro l’Atalanta, la vittoria è mancata nei minuti finali ma il gol di Palomino è stato realizzato da una posizione di fuori gioco. In precedenza contro il Cagliari, sempre all’Ezio Scida, il signor Tagliavento ha annullato al Crotone il regolare gol del successo ad un minuto dal termine. Contro l’Inter a Milano la prestazione dei pitagorici meritava più del pareggio. Gli uomini giusti nella giusta posizione per la migliore resa è quello che sta mettendo in pratica mister Zenga. Facilitato dal materiale umano che la società gli ha messo a disposizione in occasione del calciomercato invernale. Un giusto mix con chi già faceva parte del Crotone che darà continuità alle buone prestazioni. Contro l’Atalanta tutti oltre la sufficienza. Benali, il migliore in senso assoluto, ha giocato a tutto campo in fase difensiva e facendo ripartire i suoi compagni con precisi appoggi. Ricci subentrato in corsa d’opera, era febbricitante, ha dato il suo importante contributo. Capuano ormai è una sicurezza in difesa e la difficoltà che incontrano gli attaccanti avversari è la dimostrazione (Petagna l’attaccante bestia nera del Crotone è stato sostituito). Dove potrà arrivare questo Crotone si saprà partita dopo partita. Di sicuro è una squadra dove ognuno lotterà per scendere in campo come ha affermato l’attaccante Ante Budimir: “Contro l’Atalanta ho giocato fin dall’inizio  dopo tre giornate e non ho accusato alcuna difficoltà grazie alla preparazione settimanale che ci impone mister Zenga. Continuiamo a conquistare punti e questo è ancora più importante perché dobbiamo raggiungere la salvezza prima dell’ultima giornata. Peccato per la mancata vittoria contro l’Atalanta ma dobbiamo essere contenti per come abbiamo giocato. Domenica prossima in quel di Benevento senza alcun timore. Siamo usciti indenni dopo aver affrontato squadre come l’Inter in trasferta, succederà la stessa cosa anche in occasione della prossima trasferta”.    

Zenga: «Va bene cosi', i ragazzi hanno fatto una prestazione importante contro una squadra tosta»

Pubblicato in Stadio
Sabato, 10 Febbraio 2018 20:40

"I ragazzi hanno fatto una prestazione importante contro una squadra tosta, in un campo al limite della praticabilita'. Siamo stati bravi a gestire questo genere di partita. Prestazione perfetta, va bene cosi', muoviamo la classifica e pensiamo al lavoro quotidiano". Con queste parole il tecnico del Crotone, Walter Zenga, ha commentato ai microfoni di Sky Sport l'1-1 casalingo di oggi contro l'Atalanta di Gian Piero Gasperini.

 

Zenga alle prese con acciacchi e dubbi in formazione prima dell'incontro casalingo di sabato con l'Atalanta

Pubblicato in Stadio
Giovedì, 08 Febbraio 2018 19:49

Serie A 24esima giornata│ Crotone-Atalanta sabato 10 febbraio ore 18 Stadio Ezio Scida. Pitagorici senza i difensori esterni Sampirisi e Martella e con il dubbio della presenza di Ricci. Budimir potrebbe giocare fin dall’inizio al posto di Trotta. Presentato Moussa Diaby. Ospiti con il problema Caldara e Gomez e la probabile assenza di Spinazzola.

Probabili formazioni:

Crotone (4-3-3): Cordaz, Faraoni, Ceccherini, Capuano, Pavlovic, Barberis, Mandragora, Ricci, Benali, Budimir, Nalini. All. Zenga

Atalanta (3-5-1-1): Berisha, Toloi, Palomino, Masiello, Hateboer,  Cristante, Freuler, De Roon, Gosens, Ilicic, Petagna. All. Gasperini

Arbitro: Davide Massa di Imperia

Coll. Alessandro Giallatini (Roma 2) – Fabiano Preti (Mantova)

Quarto giudice: Daniele Ghiffi di Padova

Var: Piero Giacomelli (Trieste) Avar: Alessandro Costanzo (Orvieto)

Ventiquattresima giornata ancora all’insegna dello “spezzatino” per quanto riguarda giorno e ora delle partite. Un evento ormai consolidato da più campionati e dalla prossima stagione i diversi orari degli incontri passeranno da cinque a otto con le seguenti modalità: sabato 15,00 – 18,00 – 20,30; domenica 12,30 – 15,00 (tre partite) – 18,00 -20,30; lunedì 20,30. Intanto, per il secondo sabato consecutivo, il Crotone scenderà in campo contro l’Atalanta del tecnico Gianpiero Gasperini che, da ex allenatore pitagorico, torna all’Ezio Scida a distanza di undici anni (campionato di serie B 2006/2007). Per il Crotone si tratta di confermare il buon momento che sta attraversando contro un avversario che nelle ultime cinque trasferte ha conquistato tredici punti (4 vittorie, 1 pareggio) contro Torino, Genoa, Milan, Roma, Sassuolo. Un viatico che sta consentendo ai neroazzurri bergamaschi di poter centrare per il secondo anno consecutivo l’Europa League. L’undici pitagorico sotto la guida tecnica di Walter Zenga sta dimostrando di non temere nessun avversario, la partita contro l’Inter è stata la dimostrazione. Ciò significa che sabato prossimo sul terreno dello Scida nessun protagonista potrà tirare il fiato finché non arriverà il triplice fischio. Tra i locali potrebbero mancare i difensori esterni Sampirisi e Martella ed esiste anche il dubbio sulla presenza dell’esterno Ricci (out nell’allenamento di giovedì). Questi i dubbi per quanto riguarda l’undici iniziale, per il resto scontata la conferma degli otto/undicesimi che hanno pareggiato a San Siro contro l’Inter. Mister Gasperini dovrà fare a meno di Caldara e Gomez ed al loro posto i più accreditati sono Ilicic come trequartista e Palomino difensore. Esiste anche la possibilità di un turno di riposo per Spinazzola. Nessun problema per quanto riguarda la presenza dell’attaccante Petagna di essere della partita. Alla vigilia dell’incontro il tecnico Walter Zenga ha dichiarato: «Mancano ancora due giorni all’inizio della prossima partita e c’è tempo per recuperare qualche acciaccato. Dobbiamo presentarci in campo nelle migliori condizioni tecniche/fisiche per affrontare una squadra che lotta. L’Atalanta sta disputando due grossi campionati – ha affermato Zenga – sotto la guida di Gasperini, un tecnico che i tifosi locali conoscono molto bene e che ha fatto un girone di Europa League fantastico. Inoltre – ha dichiarato Zenga – la squadra di mister Gasperini si compone di giocatori con elevato spessore tecnico. Per un qualsiasi allenatore è stimolante affrontare un simile avversario». Sull’affollamento in infermeria dei suoi giocatori mister Zenga è stato scaramantico: «L’ultima volta che ho affermato di avere disponibili tutti i giocatori poi nel corso dell’incontro alcuni si sono infortunati e li ho persi per alcune partite. Non parlerò più dell’ottimo stato di salute dei giocatori. Ad oggi, oltre Sampirisi e Martella, esiste anche il problema di Ricci che ha dovuto disertare l’allenamento. In ogni caso – ha affermato il tecnico pitagorico – i miei uomini durante gli allenamenti lavorano con entusiasmo e voglia di prepararsi bene per l’incontro, anche dopo alcune sconfitte di seguito». Sui dubbi per la prima punta da impiegare sabato prossimo contro l’Atalanta, Zenga non ha escluso l’impiego di Budimir fin dall’inizio: «Budimir, come pure Nalini, Trotta e Simy, sono in condizioni di poter giocare inizialmente da prima punta, dipende dalle caratteristiche degli avversari, Ante Budimir è in condizioni di poter essere impiegato fin dall’inizio contro l’Atalanta». Nel corso della conferenza stampa è stato presentato l’ultimo arrivato in ordine di tempo, il diciannovenne Moussa Diaby, esterno che può giocare sia a destra che a sinistra, proveniente dal Psg in prestito. Il giocatore (parla pochissimo l’italiano) era stato contattato anche dal Pescara ma lui ha preferito venire al Crotone per conoscere e giocare nella massima categoria.          

Cori, striscioni e l'abbraccio caloroso di San Siro, Zenga vero protagonista del match: «E' il riconoscimento piu' bello»

Pubblicato in Stadio
Sabato, 03 Febbraio 2018 23:27

Cori, striscioni e l'abbraccio caloroso di San Siro che saluta Walter Zenga, uno dei portieri piu' importanti della storia dell'Inter. Un amarcord per il tecnico del Crotone, rimasto nerazzurro nel Dna. "C'e' solo un Walter Zenga", lo striscione esposto dalla Curva Nord, accompagnato dal coro che coinvolge tutto lo stadio. Poi da tifoso vero, Zenga saltella anche al coro “chi non salta rossonero è”. L'allenatore del Crotone ringrazia i tifosi, Luciano Spalletti dalla panchina applaude il collega e la Curva Nord. "Ogni volta che vengo a San Siro tutto lo stadio mi riconosce qualcosa e questo penso che per un uomo e' il riconoscimento piu' bello". Lo ha detto Walter Zenga, tecnico del Crotone, ai microfoni di Sky Sport al termine del pareggio strappato all'Inter a San Siro, commentando gli applausi tributatigli dal pubblico interista. A proposito invece del buon momento del Crotone, Zenga ha detto: "Giochiamo cosi' da un po'. Siamo questi, cerchiamo sempre di giocarcela. Questa e' la strada per poterci salvare. Stiamo facendo bene, ma dobbiamo essere piu' attenti nella qualita' dei passaggi. E' qui che dobbiamo migliorare ed essere piu' cattivi per crescere ulteriormente". "Prima della partita ai ragazzi ho detto di divertirsi e di fare la partita perche' questo e' uno stadio bellissimo. Questo grandissimo gruppo lo ha fatto e i risultati si sono visti" ha aggiunto.

 

Zenga ''sfida'' il suo passato: «Per l'Inter non sara' facile se il Crotone mettera' in campo il lavoro di preparazione al match»

Pubblicato in Stadio
Giovedì, 01 Febbraio 2018 17:11

Serie A 23esima giornata Inter-Crotone sabato 3 febbraio ore 20.45. Pitagorici senza l’infortunato Sampirisi e il dubbio Stoian. In casa neroazzurra probabile assente l’attaccante Icardi. Per mister Zenga si tratta del terzo ritorno a San Siro come allenatore avversario dell’Inter.  

Probabili formazioni:

Inter (4-2-3-1): Handanovic, D’Ambrosio, Skriniar, Miranda, Cancelo, Brozovic, Vecino, Candreva, Valero, Perisic, Eder. All. Spalletti

Crotone (4-3-3): Cordaz, Faraoni, Ceccherini, Capuano, Martella, Nalini, Barberis, Mandragora, Zanellato, Benali, Budimir. All. Zenga

Arbitro: Daniele Orsato di Schio

Coll. Alfonso Marrazzo (Roma1) – Matteo Bottegoni (Terni)

Quarto giudice: Marco Guida di Torre Annunziata

Var: Eugenio Abbattista (Molfetta) Avar: Gianluca Vuoto (Livorno)

Chiuso il tormentone del calciomercato invernale, la dirigenza pitagorica molto attiva fino all’ultimo minuto con l’ingaggio del diciannovenne esterno offensivo Moussa Diaby proveniente dal Paris San-Germain con la formula del prestito, si torna a parlare soltanto di calcio giocato. Il Crotone dovrà affrontare una grande del campionato, l’Inter, senza successi nelle ultime sette giornate. Contro un simile avversario è d’obbligo per i pitagorici continuare ad esprimere un calcio senza alcun timore reverenziale. Diventare la vittima sacrificale per il successo degli uomini di mister Spalletti significherebbe interrompere la mini-striscia positiva e rimanere bloccati nella bassa classifica. L’Inter ha uomini in grado di cambiare in qualsiasi momento il volto alla partita ma il nuovo Crotone voluto dal tecnico Walter Zenga sta dimostrando di essere in grado di contrastare qualsiasi avversario. Sabato prossimo in quel di Milano sulle gradinate dello stadio “Peppino Meazza” saranno ancora numerosi i sostenitori pitagorici che arriveranno da altre città della Lombardia e anche dall’Emilia. Il “dodicesimo” uomo in campo col Crotone in trasferta è un ormai fatto consolidato. Speiamo non ci metta ancora del suo la conduzione arbitrale che penalizza il regolare svolgimento della gara anche dopo avere visionato il Var. Tra gli undici iniziali che mister Zenga farà scendere in campo non sarà presente il difensore destro Sampirisi avendo subito un intervento allo zigomo. Il sostituto naturale potrebbe essere Faraoni, già impiegato in precedenza in molte partite. In dubbio anche la presenza dell’esterno sinistro Stoian per motivi precauzionali, essendo stato sostituito in corsa d’opera contro il Cagliari per infortunio. Elevata anche la possibilità dell’impiego immediato del ventenne centrocampista Niccolò Zanellato prelevato dal Milan giorni addietro e presentato alla stampa questa mattina. Lui si è dichiarato disponibile se mister Zenga lo dovesse schierare. Tra i neroazzurri non ci sarà il bomber (18 gol realizzati) Icardi al cui posto dovrebbe giocare Eder. Ballottaggio a centrocampo tra Rafinha e Brozovic con quest'ultimo favorito. Per quanta riguarda il prossimo incontro, mister Zenga dopo aver ricordato la figura del tecnico Azeglio Vicini, ha affermato: «Torno da allenatore e da avversario a San Siro per la terza volta dopo esserci stato con Catania e Palermo. Sono certo che il Crotone è in grado di disputare la sua partita per mettere in difficoltà gli avversari, ma solo se saprà mettere in essere il lavoro svolto nel corso della settimana. Se a Milano ci portiamo dietro la consapevolezza dell’ottima preparazione fatta, sarà dura per l’Inter». A proposito dei punti in classifica che riguardano le ultime sette partite (il Crotone ne ha conquistati due in più dell’Inter) il tecnico pitagorico ha dichiarato: «Sono importanti e bisogna tenere conto che si possono anche interrompere. L’Inter è condannata a vincere sempre per il traguardo che è obbligata a centrare». Sulla possibilità dell’esordio di Zanellato contro l’Inter Zenga ha detto: «Un suo impiego non è da escludere come non è da escludere l’impiego di Simic terzino destro o quello di Nalini prima punta, tutto può accadere in fatto di formazione avendo disponibili giocatori che possono essere impiegati in più ruoli senza dover cambiare il modulo di gioco». Parlando degli avversari Walter Zenga ha precisato: «Alcuni sono dei campioni come pochi ce e sono in giro per il mondo. Non dovesse giocare Icardi, c’è disponibile Eder che non è da meno». E per quanto riguarda Eder mister Zenga ha ricordato: «Ai tempi della Sampdoria, con me allenatore, ha realizzato nove gol in dodici partite».

  

L'addio di Zenga al Ct di Italia '90: «Ciao grande mister, anche da lassu' continuerai a seguirci e a darci insegnamenti»

Pubblicato in Stadio
Mercoledì, 31 Gennaio 2018 11:07

"Ciao grande mister". Cosi' Walter Zenga ha salutato Azeglio Vicini, suo allenatore nella Nazionale Azzurra dei mondiali del '90. Il messaggio e' stato postato dal tecnico del Crotone sul suo profilo Instagram insieme ad una foto in bianco e nero in cui si vede Vicini mentre parla ai calciatori azzurri nel ritiro della Nazionale. Zenga era molto legato al ct scomparso oggi. "Voglio pensare - aggiunge nel post - che da lassu' continuerai a seguirci a guidarci e a darci quegli insegnamenti che, solo tu, sapevi infonderci".

 

Zenga sul gol annullato di Ceccherini: «Errore grossolano a questi livelli, possono aver influito decisioni precedenti...»

Pubblicato in Stadio
Domenica, 28 Gennaio 2018 17:51

Un errore grossolano che "mi fa venire da ridere. E' chiaro che era gol. Non capisco perche' l'assistente alzi la bandierina. L'unica spiegazione che mi viene e' che forse hanno confuso i colori delle maglie". Walter Zenga non ci sta e il gol annullato al Crotone al 92' per fuorigioco dopo la consultazione della Var lo manda su tutte le furie: "Non si puo' commettere un errore del genere - dice a Sky - forse possono aver influito decisioni precedenti", spiega forse riferendosi all'espulsione di Pisacane "che non c'era”. “Vorrei fare i complimenti alla mia squadra – ha sottolineato Zenga – perche' ha giocato una grande partita. Abbiamo creato tante occasioni giocando un buon calcio e facendo divertire i nostri tifosi. Poi pero' gli episodi diventano determinanti e ti chiedi perche' l'arbitro alza la bandierina sul gol di Ceccherini. Noi la partita l'avevamo vinta e il mio rammarico e' pensare che le decisioni precedenti alla rete possano aver influenzato in qualche modo il film della partita - ha infine concluso -. Noi accettiamo l'1-1 e andiamo avanti. Resta comunque il fatto che il Crotone ha giocato una grande gara e che avrebbe meritato di vincere. Io sono sicuro che se continueremo a giocare cosi' le cose andranno per il meglio”.

Il Crotone cerca il sorpasso in classifica contro il Cagliari, Zenga: «Non e' gara facile, ma mi aspetto il meglio dai miei»

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 26 Gennaio 2018 18:43

Serie A 22esima giornata │ Crotone-Cagliari stadio Ezio Scida domenica 28 gennaio ore 15. Gli ex di turno saranno il difensore pitagorico Capuano. Ospiti senza gli squalificati Barella e Pavoletti. Nell’attesa dell’arrivo del centrocampista offensivo Nicolò Zanellato, proprietà Milan, la trattativa dovrebbe chiudersi ad inizio della prossima settimana, al centro sportivo l’Antico Borgo continua la preparazione dei pitagorici in vista della prossima impegnativa sfida contro il Cagliari. L’incontro sarà diretto da Paolo Tagliavento della sezione di Terni. Collaboratori di linea Andrea Crispo di Genova e Valentino Fiorito di Salerno. Quarto giudice sarà Luigi Nasca di Bari, addetti Var e Avar rispettivamente Antonio Damato di Barletta e Fabrizio Posado di Bari.  Crotone dunque di nuovo in casa a distanza di un mese dall’ultimo incontro (29 dicembre 2017) per ospitare il Cagliari in un altro difficile spareggio salvezza. La vittoria conquistata dai pitagorici in trasferta a spese del Verona, con l’utilizzo dei nuovi arrivati, ha rappresentato il nuovo volto della squadra. Di sicuro la prestazione di una sola partita non consente di pronosticare il finale di stagione, al momento però è un Crotone capace di conquistare il risultato positivo contro chiunque avendo trovato il giusto assetto in ogni reparto. La conferma del nuovo corso dovrà arrivare domenica prossima contro il Cagliari reduce da due consecutive sconfitte casalinghe. Batterlo significherebbe scavalcarlo al quintultimo posto e guardare con più fiducia al prosieguo della stagione. La probabile formazione che affronterà i sardi non dovrebbe subire variazioni rispetto alla precedente. L’unica novità potrebbe interessare il reparto difensivo con l’esclusione del centrale Capuano e l’impiego di Ajeti che è tornato in perfette condizioni fisiche. In buone condizioni anche l’esterno Nalini ma che difficilmente sarà utilizzato fin dall’inizio essendo assente dai terreni da diverse giornate, esattamente dalla partita interna contro l’Udinese. Altre incognite non dovrebbero essercene, al netto della strategia del tecnico pitagorico che è solito alle sorprese dell’ultima ora per non dare alcun vantaggio agli avversari. Pertanto un Crotone con Cordaz tra i pali, Sampirisi terzino destro, Ajete e Ceccherini difensori centrali, Martella terzino sinistro. Centrocampo con la conferma del trio Barberis, Mandragora, Benali. Conferma anche per il trio d’attacco che sarà composto da Ricci a destra, Trotta centrale, Stoian a sinistra. Mister Lopez non potrà schierare il centrocampista Barella e l’attaccante Pavoletti entrambi squalificati. E per lo stesso motivo non avrà disponibile il centrocampista Joao Pedro fermo da più giornate. Al posto dei primi due saranno schierati Dessena centrocampista interno e Giannetti punta al fianco di Sau se quest’ ultimo sarà a posto fisicamente. Non dovesse farcela il sostituto più naturale sarà Farias. Diego Lopez ha però potuto riaccogliere in gruppo Marco Sau, messo ko domenica scorsa dopo appena un quarto d'ora di gioco nel corso della sfida contro il Milan. L'altra buona notizia della
giornata e' l'arrivo del transfer di Lykogiannis che ha potuto cosi' completare il suo iter burocratico ed e' stato tesserato. Sul prossimo incontro mister Zenga Ha affermato: «Il Cagliari ha sempre vinto contro il Crotone in serie A e quindi basta questa precisazione per dire che domenica prossima ci aspetta un difficile incontro. Sono sempre convinto – ha detto Zenga – che di fronte alle difficoltà i giocatori tirano fuori il loro meglio. Doti che, accompagnate alla buona preparazione nel corso della settimana, sono essenziali per affrontare meglio gli avversari. Poi ci sono anche gli episodi, fortunati e non, che contribuiscono a determinare il risultato. Però la fortuna va da chi la cerca e non da chi l’aspetta, mettendo in essere una buona prestazione durante la partita e nel corso della stagione». Per quanto riguarda la probabile formazione mister Zenga ha proseguito: «Non la dico mai in anticipo per rispetto ai miei giocatori che sanno chi di loro gioca solo poche ore prima dell’incontro. Ma solo per questo. Tenerla riservata per non farla conoscere agli avversari è inutile. Ogni tecnico sa come gioca l’avversario di turno e quali giocatori ha in organico e prepara l’incontro». Di fronte l’alternarsi di risultati positivi o negativi, il tecnico pitagorico ha detto: «Non bisogna esaltarsi in caso di vittoria e deprimersi di fronte alla sconfitta. Ma focalizzare cosa deve ancora migliorare il gruppo pensando al prossimo incontro». Poi la nota sul calciomercato da parte di Zenga: «Ho chiesto alla società giocatori utili al nostro modulo di gioco (4-3-3) e ciò è avvenuto. Un grazie alla società anche per com'è vissuto il nostro rapporto, un continuo contatto diretto con il presidente Gianni Vrenna e il direttore sportivo Giuseppe Ursino che ti fa sentire in una famiglia e ti consente di lavorare bene». Mario Sampirisi (difensore): «Il Cagliari è una grossa squadra con ottimi giocatori. Indipendentemente dal posto che occupano in classifica. Contro il Cagliari sarà ancora peggio che a Verona. Noi dobbiamo disputare il nostro incontro così come sappiamo fare per conquistare altri tre importantissimi punti. Contro il Cagliari non dobbiamo commettere l’errore di vincere fin da subito giacché ci troviamo di fronte ad un avversario che intende uscire imbattuto dallo Scida per non farsi scavalcare in classifica».      

 

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}