Giocatore del Venezia positivo al Covid-19, a rischio la partita di sabato in casa del Perdenone In evidenza

Scritto da 
Pubblicato in Stadio
Martedì, 16 Giugno 2020 17:24

Serie BKT│È questione di giorni e poi sarà nuovamente calcio giocato con la ripresa del campionato di serie B. Ma sarà una ripartenza con tutte le squadre, oppure sarà rinviato qualche incontro? Le ultime notizie riferiscono della positività al Coronavirus di un giocatore del Venezia. Ad annunciarlo è la stessa società del Venezia: “confermata lunedì la positività di un nostro giocatore al quinto giro di tamponi e confermata martedì al sesto giro di controllo”.

Di fronte a ciò tutto il gruppo squadra del Venezia «si trova in isolamento fiduciario, gli allenamenti sono stati sospesi in attesa di ulteriori disposizioni delle autorità competenti». Il protocollo attuale prevede ancora la quarantena della squadra visto che non è stato ancora ufficializzato il via libera alla quarantena individuale. Tale situazione pone a forte rischio la disputa dell’incontro di sabato prossimo Pordenone – Venezia.

Se questo dovesse accadere, la decisione della ripartenza dei campionati si rivelerebbe azzardata e decisa soltanto per motivi economici (SKY, Dazn, si erano rifiutati di pagare la sesta rata di 230 milioni di euro in caso di definitivo stop). Solo per questo e non certamente per i tifosi, che in questa fase (ripartenza o non ripartenza), non hanno certo goduto dell’attenzione della Figc, Leghe calcio, Aic, Aiac. Le partite di calcio saranno giocate a porte chiuse per evitare che ci siano tifosi sugli spalti. Sembrerebbe che il Covid-19 sia presente soltanto per gli spettatori che si recano allo stadio. Nessun giornalista in più, infatti, potrà assistere allo stadio oltre alle dieci unità previste per parlare dell’incontro. In una struttura qual è quella di uno stadio con la possibilità di contenere decine di migliaia di spettatori, fa ridere pensare che sia nociva la presenza all’aperto di un migliaio di tifosi durante l’incontro.

Eppure, in occasione della promozione della Reggina in serie B migliaia di cittadini sono scesi in piazza a festeggiare anche senza mascherina ed a stretto contatto l’uno dall’altro e non è successo niente in fatto di contagio da coronavirus. Matteo Salvini da più giorni ha ripreso a frequentare le Piazze d’Italia ed a fare self guancia/guancia con i suoi simpatizzanti. Teatri e cinema hanno ripreso a funzionare, le strutture balneari sono in piena attività con la presenza di tantissimi bagnanti sulle spiagge, dal 18 giugno le discoteche all’aperto saranno nuovamente in attività ed anche in questo caso a frequentarle saranno diverse centinaia di persone.

L’Italia che divide i propri cittadini tra chi può frequentare alcune strutture e tra chi non può assistere ad un incontro di calcio, pur avendolo pagato in largo anticipo, perché portatore di contagio. Nessuno tra gli addetti ai lavori si è mai posto il problema, o ha dichiarato, come deve essere risarcito il tifoso che non potrà utilizzare la tessera abbonamento per le rimanenti partite casalinghe. Con i tifosi si continua a volere spaccare il capello in quattro per la sicurezza del non contagio e per il resto delle attività si sta tornando alla normalità.   

Letto 206 volte

Articoli correlati (da tag)

Corriere dello Sport di oggi - Zoom

Gazzetta dello Sport di oggi - Zoom

Tutto Sport di oggi - Zoom

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}