L'EDITORIALE│Vrenna pronto a ritirare la squadra: forse il Crotone paga lo scotto del ricorso mosso nel ''caso Chievo''? In evidenza

Scritto da 
Pubblicato in Stadio
Martedì, 19 Febbraio 2019 17:16

Il presidente dell’Fc Crotone, Gianni Vrenna, si è detto pronto a ritirare la squadra qualora la compagine rossoblù sia ancora vittima di torti arbitrali. È quanto affermato dal patron rossoblù, “a caldo”, nel post partita di lunedì scorso contro il Pescara. «Oggi si è toccato il fondo – ha sbottato Vrenna in conferenza stampa – hanno deciso che in questa categoria siamo scomodi. Non è il primo episodio che ci vede vittima di torti arbitrali clamorosi. Ho parlato con l’arbitro e mi ha detto che il mancato rigore su Spolli è da attribuire al fatto che ha concesso la regola del vantaggio: sono rimasto basito! Sono amereggiato – ha poi ribadito il presidente Vrenna – perché non vogliono il Crotone in questa categoria. Adesso preparerò con i “miei” un dossier e lo invierò a chi di competenza, mi farò sentire con tutte le mie forze. Sono pronto ad azioni eclatanti, anche ritirare la squadra al prossimo torto arbitrale». L’amarezza da parte della dirigenza pitagorica e di tutta la tifoseria ha raggiunto il massimo livello nel corso dell’ultimo incontro casalingo per colpa di un arbitro dal comportamento indecifrabile per alcune decisioni che hanno condannato il Crotone alla sconfitta. Certe decisioni lasciano un grosso interrogativo: avvengono per scelta contestuale al gioco, o perché dettate da chi occupa i vertici della Lega calcio? In effetti c’è chi vorrebbe che il Crotone stesse pagando in corso d’opera per la tesi sostenute a inizio campionato quando si contestavano plusvalenze fittizie al Chievo Verona del presidente Luca Campedelli. Per questo reato amministrativo il Tfn (Tribunale federale nazionale) Sezione disciplinare, presieduta da Cesare Mastrocchia, ha condannato il Chievo a tre punti di penalizzazione e un’ammenda di 200.000 euro. In precedenza la richiesta penale nei confronti del Chievo era di 15 punti di penalizzazione e quindi retrocessione in serie B. Il Crotone di fronte alla situazione del Chievo e come terzultima retrocessa ha inteso seguire in maniera dettagliata la vicenda per un eventuale ripescaggio. Questo interessamento da parte della società pitagorica è stato forse mal digerito da alcuni settori federali?

Troppe le congiunture negative a scapito dei rossoblù in campo e l’indulgenza eccessiva degli arbitri sfoggiata in molte partite. Quasi fossero queste, messe tutte insieme, il “messaggio” lampante e oggettivo che il Crotone non doveva tutelarsi all’epoca dei fatti per un eventuale ripescaggio: meglio non creare scossoni! Lunedì scorso con il Pescara si è visto di tutto e di più da parte dell’arbitro. Ammonizioni ingiustificate a iosa nei confronti degli squali, e questo è già un preciso segnale. L’allontanamento di Stroppa dalla panchina senza alcuna giustificazione. Il capolavoro della serata, però, il signor Rapuano di Rimini lo ha realizzato non concedendo due rigori ai rossoblù: prima, per fallo su Pettinari e, successivamente, per azione fallosa nei confronti di Spolli. La trattenuta è stata talmente violenta che al pitagorico gli è stata strappata la maglietta. C’è un altro evento che il signor Rapuano ha camuffato nel corso dell’incontro: perché ha evitato di ammonire ufficialmente per la seconda volta il portiere Fiorillo dopo aver estratto il cartellino giallo? In sala stampa il presidente Gianni Vrenna ha ancora dichiarato: «È la prima volta che contesto le decisioni dell’arbitro, adesso basta perché il campionato sta finendo e noi non possiamo continuare a giocare in queste condizioni. Con la presenza del Var avremmo disputato un altro tipo di campionato». Ma il patron del Crotone ha offerto un altro spunto alla controversia ina atto con la Lega di B. «I vertici della Lega calcio – ha reso noto Vrenna – hanno chiesto il mio deferimento con l’aggiunta di 10.000 euro di multa per me e la società per aver intaccato l’onorabilità del Chievo durante un’intervista ad una radio romana. Anche in questo caso sto difendendo la mia posizione attraverso i miei legali». Quasi fosse una persecuzione! Del resto, il caso Chievo è sempre stato una questione politica e non sportiva. Certi personaggi politici non consentiranno mai che dal Sud si possa mettere in dubbio l’operato amministrativo di qualche presidente di calcio del Nord. Poi trattandosi del Crotone che, in caso di retrocessione della squadra di Campedelli sarebbe risalito in serie A, la sentenza di soli tre punti di penalizzazione emessa dal Tfn in estate nei confronti del Chievo è la conferma del rammarico del presidente Gianni Vrenna, divenuto ancora più grosso in seguito ai continui torti arbitrali che sta subendo la sua squadra.         

 

 

 

Letto 1015 volte Ultima modifica il Martedì, 19 Febbraio 2019 18:07

Articoli correlati (da tag)

  • Crotone ''corsaro'' a Chiavari: successo esterno contro la Virtus Entella, Molina assistman

    Serie BKT 26esima giornata│Quinta vittoria stagionale del Crotone in trasferta. Armenteros, Simy la coppia del gol.

    Tabellino.

    Entella                  1

    Crotone               2

    Marcatori: Armenteros 10°, Simy 83°, Pellissier 94°

    Entella (4-3-2-1): Contini, De Col (Crialese), Coppolaro, Pellizzer, Sala, Settembrini, Morra (Mancosu), Mazzitelli, Dezi, Schenetti, De Luca. All. Boscaglia

    Crotone (3-5-2): Cordaz, Golemic, Marrone, Cuomo, Gerbo (Mazzotta), Benali, Barberis, Messias (Gomelt), Molina, Armenteros (Crociata), Simy.

    All. Stroppa

    Arbitro: Gianluca Aureliano di Bologna

    Ass. Soricano – Bercigli

    Quarto giudice a bordo campo: Michele Giordano di Novara

    Ammoniti:Boscaglia 38°, Sala 42°, Cuomo 67°

    Espulsi: Mazzitelli

    Angoli:

    Recupero 3 e 4 minuti

    La partita. Notte fredda all’interno dello stadio Comunale e non poteva essere diversamente, sia per motivi climatici, sia per la totale assenza di tifosi inibiti a vedere la partita per colpa del coronavirus. Hanno pensato i protagonisti in campo a renderla più calda fin dal calcio d’inizio che è avvenuto da parte dell’Entella  con buone giocate per intensità di scambi e capovolgimento di fronte. Difesa sempre a tre per il Crotone con Gerbo che si sostituisce a Marrone quando questo si sposta sulla linea mediana. Centrocampo pitagorico gestito da Barberis in ripiegamento e da Benali in fase offensiva. Molina sulla fascia sinistra si rivelerà il migliore dei suoi nel primo tempo. Ed è proprio l’esterno sinistro che al decimo minuto, ricevuto il pallone da Simy, lo depone in area di rigore dove Armenteros lo insacca (terzo gol stagionale e di seguito dell’attaccante con la maglia del Crotone). Pitagorici prudenti nei minuti successivi ben organizzati a centrocampo e pericolosi in fase offensiva. Qualche pericolo di bassa entità in fase offensiva ma senza alcuna preoccupazione per Cordaz.

    Meno bello il Crotone nella ripresa. Troppi errori nei disimpegni a centrocampo per la fretta di liberarsi dal pallone. Corre di più l’Entella ma accusa la stanchezza dello sforzo. Fuori l’esterno Morra poco propositivo in attacco, dentro Mancosu per dare più freschezza alla fase offensiva. Non sta a guardare Stroppa e toglie l’esterno destro Gerbo per fare posto a Mazzotta che si schiera sulla fascia sinistra con Molina a destra. Fuori anche Armenteros, dentro il centrocampista Crociata. Crotone che abbandona le tre punte e si posiziona con due uomini in attacco: Simy, Crociata. Si vede un'altra squadra che cerca il raddoppio e sarebbe potuto arrivare al minuto ottanta se Contini con una difficile respinta su tiro di Messias non l’avesse impedito.  È questione di minuti per il secondo gol. Al minuto ottantatre un perfetto cross dalla fascia destra ad opera di Molina trova pronto Simy che di testa insacca il pallone (dodicesimo gol stagionale del nigeriano). Al minuto novantaquattro Pellizzer accorcia le distanze con il gol segnato di testa.  

    Vietato sbagliare nel momento clou del campionato per la squadra che deve centrare un determinato obiettivo e così è stato. In quel di Chiavari contro l’Entella, il Crotone ha messo da parte ogni polemica della vigilia (caso Lopez di cui si è parlato in maniera ampia) e sul terreno di gioco ha pensato a come conquistare il risultato positivo. Reduce dalla brillante vittoria della giornata precedente, gli Squali hanno bissato il successo con i gol di Armenteros e Simy.  Formazione vincente non si cambia e così è stato per quella del Crotone. Il turno ravvicinato di martedì prossimo non ha condizionato mister Stroppa ad effettuare cambi. Una sola sostituzione iniziale da parte del tecnico ligure Boscaglia, Morra al posto del trequartista Paolucci.  

    Per l’Entella è stata una serata doppiamente amara: assenza del proprio pubblico e seconda sconfitta consecutiva che di sicuro provocherà qualche scossone nell’ambiente bianco-celeste per aver fallito la scalata nella zona play-off. Di fronte alla forza nulla si può, ed il Crotone visto contro l’Entella ha evidenziato tanta forza e volontà da incutere timore a qualsiasi avversario. Stasera è capitato all’Entella fare i conti con il buon momento che stanno attraversando i pitagorici, la precedente giornata è toccato al Pescara e, sicuramente, non saranno queste ultime squadre ad avere sofferto al cospetto del Crotone, altre ne soffriranno nel prosieguo del campionato. La polemica sorta per il caso Lopez non ha condizionato il positivo percorso della squadra del presidente Gianni Vrenna e questo è un buon segnale nei confronti della tifoseria.    

  • Maxi Lopez pronto a rescindere il contratto con il Crotone?

    Serie BKT 26esima giornata│Il Crotone in quel di Chiavari con alle spalle il caso Maxi Lopez.

  • Entella-Crotone, Stroppa: «Giocare a porte chiuse e' sempre svantaggio, sara' scontro diretto»

    Serie BKT 26esima giornata│Entella vs Crotone stadio Comunale di Chiavari “Aldo Gastaldi” venerdì 28 febbraio ore 21, la partita sarà senza la presenza del pubblico.

  • Virtus Entella-Crotone si disputera' a porte chiuse causa emergenza Coronavirus

    Le gare Cittadella-Cremonese (sabato ore 15), Chievo Verona-Livorno (sabato ore 18), Venezia-Cosenza (sabato ore 15) e Virtus Entella-Crotone (venerdi' ore 21), valide per la 7a giornata di ritorno della serie B in programma tra venerdi' 28 e sabato 29 febbraio, si svolgeranno a porte chiuse.

  • Poker del Crotone in casa contro il Pescara: i rossoblu' tornano nella parte alta della classifica

    Serie BKT 25esima giornata│La notte della goleada pitagorica riporta il Crotone a lottare a ridosso della zona promozione diretta. Il Crotone la chiude con un primo tempo pirotecnico e al termine di un match vivacissimo e piacevole, riprendendosi il quarto posto in classifica dopo aver battuto 4-1 il Pescara.

    Tabellino.

    Crotone    4

    Pescara    1

    Marcatore: Simy 9°, Messias 33°, Armenteros 35°, Benali 52°, Galano 75°

    Crotone (3-5-2): Cordaz, Golemic, Marrone, Cuomo, Gerbo (Mazzotta), Benali, Barberis, Messias (Crociata), Molina, Armenteros (Jankovic), Simy. All. Stroppa

    Pescara (3-5-2): Fiorillo, Bettella, Drudi, Del Grosso (Borrelli), Zappa, Memushaj (Busellato), Palmiero, Melegoni, Crecco, Bicic (Clemenza), Galano. All. Enrico Battisti (Le Grottaglie squalificato).

    Arbitro: Ivan Rabilotta di Sala Consilina

    Assistenti: Muto - Schirru

    Quarto giudice bordo campo: Alessandro Prontera di Bologna

    Ammoniti: Golemic, Marrone, Memushaj

    Espulsi: Bojinov dalla panchina

    Angoli: 5 a 4 per il Crotone

    Recupero: 4 minuti

    Spett.tot. 5.629 € 36.100; biglietti 1.330 € 7.722; abbonati 4.299 rateo € 28.378

    La partita. Calcio d'inizio a favore del Crotone con Simy che inizia le ostilità. Subito un pericolo per la porta di Cordaz con giocata sulla fascia sinistra. Rispondono gli Squali con la mezzala destra Messias, ma subito dopo ancora un pericolo per il Crotone, e sempre da sinistra zona che inizialmente non è ben coperta da Molina in prima battuta e da Cuomo in difesa. Nessun altro pericolo per la porta pitagorica. Il tandem Messias, Gerbo, lungo la fascia destra è una spina nel fianco per il reparto arretrato pescarese. Ottavo minuto Messias impegna Fiorillo ad una difficile respinta. Il primo gol pitagorico arriva quindi al nono minuto e lo costruisce Armenteros con l'assist per Simy che mette dentro l'undicesimo gol stagionale. Dilaga nel primo tempo il Crotone con ripartenze che vedono protagonisti Benali, Barberis, Gerbo, Armenteros. Quest'ultimo al minuto undici manda il pallone a sfiorare il palo. È un Crotone d'assalto che potrebbe raddoppiare con Simy scattato in profondità e con un perfetto pallonetto salta il portiere, ma sulla linea respinge il pallone un difensore pescarese. Il raddoppio arriva al minuto trentatre e lo realizza Messias (terzo gol stagionale). Non finisce qui, viene da dire, in fatto di gol, giacché al minuto trentacinque Armenteros mette dentro il terzo pallone (secondo gol consecutivo dopo quello di Stabia). Il palo colpito da Messias al ventunesimo minuto è la conferma dell'ottimo primo tempo pitagorico. Bene la difesa dopo un inizio incerto. Cambia schieramento il Pescara con l'ingresso della punta Borrelli in sostituzione del difensore Del Grosso, modulo 4-4-2. Non c'è modulo avversario che possa contrastare la forza degli Squali. Al minuto cinquantadue Benali dopo una triangolazione con Simy e Gerbo, mette dentro il quarto gol (quinto gol stagionale). Crotone che si conferma secondo migliore attacco del girone con quarantuno centri. Pescara terza sconfitta consecutiva e mister Le Grottaglie dovrà a questo punto rivedere il modo di stare in campo dei suoi ed evitare qualche brutta sorpresa nella parte finale del campionato. Pescara in gol al minuto settantacinque con Galano, ed in questa occasione è emersa la distrazione difensiva del Crotone. Paga dazio alla tenuta atletica il Crotone sul finire dell'incontro, atteggiamento giustificato per il troppo correre in ottantacinque minuti.

    Il commento. La goleada (0-4) del Benevento in trasferta contro l'Entella. La vittoria (0-2) anche questa fuori casa contro il Cosenza. Il successo (3-0) del Cittadella nei confronti della Juve Stabia. Erano i risultati che obbligavano gli uomini di mister Stroppa a dare la giusta risposta contro gli abruzzesi nel posticipo della venticinquesima giornata per non rimanere in sesta posizione. Risposta positiva doveva esseci da parte del Crotone dopo alcuni scivoloni pesanti nelle ultime quattro giornate e così è stato contro il Pescara. Il caloroso e appassionato tifo amico si è confermato ancora una volta dodicesimo uomo in campo a sostegno della propria squadra. La buona prestazione degli Squali è stato il modo migliore per ringraziarli. Ogni partita ha una propria storia, contro gli abruzzesi sono stati messi al bando da parte dei difensori locali gli errori precedenti causa di alcune sconfitte pesanti, ultima quella di Stabia. Se l'attenzione difensiva evidenziata contro il Pescara non rimarrà un caso isolato, il Crotone potrà dire la sua per un posto nella massima serie giacché possiede il secondo migliore attacco. Gli errori difensivi commessi la precedente giornata non hanno indotto Stroppa a cambiare in toto il trio. Unica sostituzione il rientro di Golemic al posto di Curado assente per attacco febbrile. Stessi undici delle precedente giornata confermati dal tecnico abruzzese e predisposti a specchio con identico modulo (3-5-2) del collega. In quel di Chiavari contro l'Entella venerdi prossimo la conferma dei pitagorici

Corriere dello Sport di oggi - Zoom

Gazzetta dello Sport di oggi - Zoom

Tutto Sport di oggi - Zoom

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}