Nicola fa il calcolo dei punti in vista della trasferta di Bergamo: «Le prossime tre partite decisive per il nostro futuro» In evidenza

Scritto da 
Pubblicato in Stadio
Giovedì, 16 Febbraio 2017 19:38

Serie A 25.esima giornata Atalanta - Crotone sabato 18 febbraio ore 18. Ex Konko, se sara' della partita, e mister Gasperini. Dubbi sull'utilizzo di Martella esterno sinistro.

Probabili formazioni:

Atalanta (3-4-1-2): Berisha, Toloi, Caldara, Masiello, Conti, Kessie', Freuler, Spinazzola, Kurtic, Petagna, Gomez. All. Gasperini

Crotone (4-4-2): Cordaz, Rosi, Ceccherini, Ferrari, Mesbah, Acosty, Barberis, Crisetig, Stoian, Nalini, Falcinelli. All. Nicola

Arbitro: Luca Banti di Livorno

Coll. Costanzo - Mondin

Quarto giudice: Schenone

Add.1 Damato Add.2 Minelli

E' d'obbligo, in occasione della prossima traferta del Crotone in Lombardia, mettere in evidenza la mancanza di collegamenti diretti da e per Crotone. Così come sono stati soppressi I treni a lunga percorrenza, dal primo novembre 2016, anche l'aeroporto Sant'Anna e' stato chiuso ed e' inutile ripetere cosa sta significando questa decisione per l'intera provincia crotonese. Da notizie che di continuo giungono da vari settori istituzionali tutti vogliono ripristinare i voli. Al momento soltanto continui incontri e viaggi a Roma. Non ci sara', quindi, un volo diretto da Crotone che avrebbe consentito alla squadra pitagorica, qualora lo avesse voluto, di recarsi a Bergamo addiritura sabato mattina cosiderando l'inizio partita alle ore 18 della stessa giornata. Ma indipendentemente dalle modalita' del trasporto, l'incontro contro i neroazzurri bergamaschi, dell'ex tecnico Gian Piero Gasperini, si fara' e sara' una tappa importantissima. L'Atalanta, dopo un'inizio di stagione non esaltante (l'inversione di rotta e' avvenuta contro il Crotone nell'incontro d'andata sul neutro di Pescara) e' ora in lotta per l'Europa League, un traguardo che si sta conquistando a suon di vittorie (5  vittorie, 2 pareggi, 1 sconfita, il rendimento delle ultime otto giornate). Il tecnico Davide Nicola nel commento post gara con la Roma e alla vigilia della trasferta ha affermato: «La prossima sfida contro l'Atalanta, e poi a seguire quelle con Cagliari e Sassuolo allo Scida, saranno decisive per il nostro futuro». Ancora una volta scendera' in campo una formazione pitagorica diversa rispetto a quella che ha affrontato la Roma. L'impiego di Stoian esterno sinistro e' scontato, stessa cosa per quanto riguarda il trio difensivo Rosi, Ceccherini, Ferrari, ma non e' certo l'utilizzo del quarto difensore sinistro, il posto se lo contendono Mesbah (il favorito) e Sampirisi, Martella non disponibile per motivi fisici. Qualche interrogativo anche a proposito della scelta tra Capezzi e Barberis da impiegare insieme a Crisetig nel reparto mediano. In attacco la presenza di Falcinelli non e' in discussione (il giocatore dovrebbe essere impiegato un po' meno nella fase di rientro nella propria area), l'incognita riguarda chi lo dovra' affiancare tra Nalini e Trotta. Nella speranza che questulimo, qualora fosse utilizzato, sia piu' altruista e trattenga di meno il pallone tra i piedi quando si trova nell'area avversaria. Mister Gasperini dovra' ancora fare a meno dell'ex Konko e di Migliaccio sottoposti ad un lavoro differenziato. Qualche dubbio sulla conferma di Spinazzoli, ma per sabato dovrebbe farcela. Di fronte a tutto cio' appare scontata la conferma iniziale degli undici neroazzurri che la settimana precedente hanno sconfitto (1-3) il Palermo in trasferta. Il commento di mister Nicola a proposito della prossima sfida: «Incontriamo una squadra forte. Gasperini sta facendo un grosso lavoro. Rispetto all'incontro d'andata noi siamo cresciuti tanto, anche se in quella partita abbiamo gestito bene le giocate con ottimo possesso palla, ma siamo stati puniti in contropiede. Il primo gol l'abbiamo subito dopo due minuti e ci e' stato annullato un gol regolare. Oggi affrontiamo l'Atalanta sapendo che dobbiamo cercare di conquistare i tre punti. Fino al termine del campionato siamo "condannati" a contare i punti che ci separano dalla quartultima e annullarli. Per fare questo dobbiamo osare e mantenere un certo equilibrio in campo come abbiamo sempre fatto, anche se i risultati in alcune occasioni non ci sono stati favorevoli. La nostra espressione di gioco deve prevedere il cambio di modulo degli avversari in corso d'opera e agire di conseguenza. Se lo facciamo saremo in grado di mettere qualsiasi squadra in difficolta'. Il Crotone ha ancora tanti margini di miglioramento nel corso del campionato. I miei giocatori devono essere piu' predisposti nel confronto diretto con l'avversario e svincolarsi per poi puntare verso la porta. Rohden e' ancora in fase di recupero, Martella non si e' allenato tutti i giorni, gli altri sono in perfette condizioni. Ormai l'organico e' definito e non mi dispiace del materiale umano a mia disposizione. Chiunque gioca, inizialmente o nel corso della partita, fa la sua parte. Non e' per noi un problema giocare quattro partite a breve distanza di giorni, i giocatori sono preparati a questo. La difficolta' consiste nel recuperare le energie nel corso degli allenamenti». Parlando di qualche singolo pitagorico Nicola ha affermato: «Tonev ha delle caratteristiche che sono la velocita', crearsi degli spasti per poi effettuare il dribbling nei confronti dell'avversario. Il tutto si deve poi concretizzare in una giocata che deve coinvolgere gli altri, altrimenti rimane un'azione di gioco fine a se stessa e non per l'utilita' del risultato. Il difensore esterno Rosi sa scendere lungo la fascia ma in prossimita' dell'area avversaria deve concludere meglio sia nel tiro a rete, che nel cross. Acosty sta bene e si e' progressivamente inserito nel modulo di gioco che pratichiamo. Gli esterni stanno tutti bene, anche Nalini impiegato nel corso della partita con la Roma ha fatto bene». Chiudendo in conferenza Nicola ha rivolto un pensiero all'Atalanta: «Dobbiamo essere in grado di poter mettere in pratica il 4-4-2 e il 3-4-2-1 anche in fase di non possesso palla. Abbiamo studiato bene i nostri prossimi avversari e nel corso degli allenamenti ci stiamo preparando per affrontarli nel migliore dei modi».     

 

 

 

Letto 920 volte

Articoli correlati (da tag)

  • La logica dei numeri sulla classifica del Crotone, Molina: «Campionato e' ancora aperto»

    Serie BKT 25esima giornata│Crotone-Pescara domenica 23 febbraio ore 21 stadio “Adriatico - Giovanni Cornacchia”.

  • Armenteros suona la carica: «Contento per il gol, ma ora battiamo il Pescara»

    Prosegue la preparazione del Crotone in vista del match casalingo di domenica sera contro il Pescara.

  • Crotone doccia fredda nel finale contro la Juve Stabia: difesa impreparata su tre calci piazzati

    Serie BKT 24esima│Tre calci piazzati puniscono il Crotone. La difesa tutta da bocciare. Mister Stroppa con l’obbligo di rivederla per non compromettere l’alta classifica.

    Tabellino.

    Juve Stabia         3

    Crotone               2

    Marcatori: Forte 13°, Armenteros 23°, Benali 34°, Calò 36°, Addae 89°

    Juve Stabia (4-3-1-2): Provedel, Vitiello, Fazio, Troest, Germoni, Addae, Calò, Mallamo, Bifulco (Elia 71°- Ricci 74°), Forte, Canotto (Rossi). All. Caserta

    Crotone (3-5-2): Cordaz, Curado, Marrone, Cuomo, Gerbo (Mustacchio), Benali, Barberis, Messias, Molina (Mazzotta), Simy, Armenteros (Crociata). All. Stroppa

    Arbitro: Luca Massimi di Termoli

    Assistenti: Raspolini – Mokhtar

    Quarto giudice a bordo campo: Ivan Rabilotta di Sala Consilina

    Ammoniti: Germoni, Addae, Barberis, Marrone,Gerbo, Bifulco, Curado

    Angoli: 9 a 8 per il Crotone

    Recupero: 1 e 4 minuti

    La partita. Inizio delle ostilità da parte del Crotone che evidenza una certa difficoltà i primi quindici minuti sulla fascia destra dove Addae ha buon gioco. Il giocatore in seguito sarà alquanto falloso. Angolo al tredicesimo minuto per lo Stabia, dalla bandierina calcia Comotto che manda il pallone in area dove Forte elude la guardia di Marrone e di testa mette dentro. Ancora un calcio piazzato condanna gli Squali. La reazione del Crotone c’è ma al rallentatore. Gli stabiesi hanno sempre la meglio nei contrasti e nelle ripartenze. Cresce il Crotone con il passare dei minuti ed il segnale si ha al ventesimo quando Benali, ben servito da Messias in area di rigore, perde l’attimo per calciare a rete il pallone. Il gol del pareggio pitagorico al minuto ventitre ed è Armenteros che lo realizza da dentro l’area dopo l’assist di Simy. Adesso è tanto Crotone che trova il secondo gol con Benali al minuto trentaquattro (torna al gol il pitagorico dopo la sedicesima giornata quando realizzo una doppietta in trasferta contro il Pescara). Sembra fatta, ma un altro calcio piazzato (punizione dal limite a favore della Juve Stabia) consente a Calò dimettere dentro il pallone. Crotone punito nel primo tempo da due calci piazzati. Una lacuna che si trascina da diverso tempo. Difesa con qualche errore di troppo. Centrocampo lento nei contrasti e poco propositivo sulle fasce. In attacco molto lavoro da parte di Armenteros ma ancora una volta poca concentrazione da parte di Simy come goleador. Arrivano i primi cambi giustificati da parte di Stroppa nella ripresa. Fuori per stanchezza Armenteros e Gerbo, dentro rispettivamente Crociata e Mustacchio. Dopo i cambi Messias punta al fianco di Simy. Entrambe le squadre credono nel successo e si allungano. Cinquantesimo minuto Messias dalla bandierina manda il pallone a colpire la traversa. Il Crotone vuole la vittoria ed effettua l’ultimo cambio: fuori Molina che stava accusando qualche affanno sulla fascia sia in ripartenza, sia in ripiegamento, dentro Mazzotta che si fa subito notare con una incursione pericolosa sulla fascia sinistra. Il terzo gol a favore del Crotone realizzato da Mazzotta al minuto ottantasei annullato per presunto fuori gioco. Calci piazzati il vero pericolo del Crotone. Al minuto ottantanove in seguito all’ennesimo angolo, l’ex Addae di testa colpisce per la terza volta.   

    Il commento. Crotone, prima a scendere in campo delle tre squadre appaiate al secondo posto (le altre due Spezia e Frosinone) che sorridono guardando al risultato della partita. Gli Squali non sanno più azzannare momento giusto: quando occorre mettere in essere tutte le capacità tecnico/atletiche per uscire indenni dagli scontri e inseguire un determinato obiettivo. È stato un Crotone che ancora non ha metabolizzato il ruolo di seconda forza del campionato e come tale si è comportato anche contro la Juve Stabia. Gli uomini di mister Stroppa sul sintetico del “Romeo Menti” hanno gestito bene ogni giocata e colpito al momento opportuno.  A proposito di qualche terreno sintetico, la Lega calcio dovrebbe prendere una definitiva posizione sulla doppia qualità: sintetici o naturali? Lasciare libertà di scelta significa assenza di par condition per le molte squadre che usano terreni naturali. Tornando alla partita, il tecnico pitagorico alla vigilia dell’incontro aveva dichiarato: “il calciomercato invernale ha consentito l’arrivo di alcuni giocatori che hanno elevato la qualità della mia squadra e allungata la panchina per le dovute scelte in corso d’opera”. La formazione iniziale ha però fatto registrare una sola novità rispetto a quella iniziale che ha sconfitto la Cremonese la precedente giornata: Messias in sostituzione di Crociata. Stessa pensata da parte del tecnico locale in fatto di turnover: fuori Allievi, dentro Troest difensore centrale al fianco di Fazio e nessun altro cambio. Disposizione iniziale con Bifulco dietro le due punte Forte e Canotto. Calò mediano centrale per lasciare spazio sulle fasce a Addae e Mallamo. Crotone con la nona sconfitta è tra le squadre con più insuccessi tra chi lotta per i primi posti. Un rendimento troppo basso a girone di rirorno avanzato.              

     

  • Serie Btk, bagarre d'alta classifica: il Crotone sabato in trasferta contro la Juve Stabia

    Serie BKT 24esima giornata│Juve Stabia-Crotone sabato 15 febbraio ore 15 stadio “Menti”. Crotone con tutti gli effettivi disponibili a parte il centrocampista Zanellato. Per mister Stroppa l’imbarazzo della scelta per gli undici iniziali, anche in regione dei nuovi arrivi dopo il calciomercato invernale. Arbitro dell’incontro sarà Luca Massimi di Termoli, coadiuvato dagli assistenti di fascia Raspolini e Mokhtar, quarto giudice a bordo campo Ivan Rabilotta di Sala Consilina.

  • Parla ds Ursino: «Fischi non fanno bene, tifosi si stringano attorno alla squadra»

    Samuel Armenteros, Alberto Gerbo e Marko Jankovic: sono loro i tre rinforzi che il Crotone ha cercato e ottenuto durante il mercato di gennaio, con l'obiettivo di completare e rendere piu' forte una squadra che punta fortemente al ritorno in Serie A.

Corriere dello Sport di oggi - Zoom

Gazzetta dello Sport di oggi - Zoom

Tutto Sport di oggi - Zoom

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}