Top Ad metalcarpenteria

Pitagorici in deficit tra difesa e controcampo ma superano l'Arezzo aspettando la Sampdoria In evidenza

Scritto da 
Pubblicato in Stadio
Lunedì, 12 Agosto 2019 16:18

 

 

Coppa Italia, il Crotone batte l'Arezzo e supera il secondo turno. Prossimo avversario la Sampdoria in trasferta domenica 18 agosto ore 20,45.

 

Crotone   4

Arezzo    3

 

Marcatori: Barberis 1°, Simy 6°, Borghini 10°, Belloni ( R) 16°, Zini 23°, Golemic 33°, Ruggiero 74°

Crotone (3-5-2): Cordaz, Golemic, Spolli (Gigliotti), Bellodi, Rutten Mustacchio), Barberis, Benali, Zanellato, Molina, Simy, Messias (Ruggiero). All. Stroppa

Arezzo (4-2-4): Pissardo, Luciani, Baldan, Masetti, Basit, Borghini, Foglia, Zini (Volpicelli), Rolando (Caso), Belloni (Mesina), Cheddira. All. Di Donato

 

Arbitro: Ivano Pezzato di Lecce

Assistenti: Domenico Rocca (CZ) - Valerio Vecchi (Lamezia Terme)

Quarto giudice: Daniele De Santis di Lecce

Ammoniti: Barberis, Rutten, Benali

Angoli:7 a 4 per l'Arezzo

Recupero: 5 minuti

Spettatori: 4.384 incasso € 23.025

 

È calcio ufficiale, anche se in piena stagione estiva, iniziato bene per il Crotone con il passaggio al terzo turno dopo aver sconfitto l'Arezzo. Una sfida che sul terreno dello Scida mancava dal campionato 2008/2009 serie C. Prossimo avversario dei pitagorici la Sampdoria da affrontare sul terreno del Luigi Ferraris. La preparazione pre-campionato, le quattro amichevoli, l'indisponibilità per motivi fisici d'alcuni giocatori, alla base della prima formazione ufficiale schierata da mister Stoppa fin dall'inizio. Cordaz tra i pali; Golemic e Bellodi difensori esterni, a destra il primo, a sinistra il secondo; Spolli difensore centrale; Rutten e Molina quarto e quinto di centrocampo; Simy e Messias duo d'attacco. Di Donato ha predisposto i suoi con il 4-2-4 per tenere basso il Crotone. Le previsioni del tecnico toscano non hanno sortito l'effeto sperato nei primi dieci minuti. Barberis al primo minuto e Simy al sesto hanno realizzato il doppio vantaggio. Non smobilita l'Arezzo nonostante la partenza del Crotone ed in tredici minuti mette a segno una tripletta con Borghini al decimo, l'azione iniziata da calcio d'angolo; con Belloni che realizza dagli undici metri, il fallo in area commeszo da Bellodi secondo l'arbitro ma il giocatore ha preso il pallone e non la gamba dell'avversario; al minuto ventitre è Zini a realizzarebil terzo gol per la sua squadra. Crotone poco attento in difesa e lento nei recuperi. Al minuto trentatré Golemic mette dentro il gol del pareggio per il Crotone. Con sei gol realizzati (tre per parte) si chiude la prima parte della partita. Pitagorici insufficienti in difesa e centrocampo. Bellodi e Golemic sempre in ritardo zui rispettivi avversari e poco propositivi. L'Arezzo ha saputo tenere testa al Crotone con una migliore disposizione a centrocampo. Altro Crotone nella ripresa, più concreto nella manovra offensiva e attento in difesa. Le migliore giocate con l'ingresso di Mustacchio, in sostituzione di Rutten, che ha fornito ottimi traversoni dalla sinistra per il compagno  smarcato. Azzeccata anche la sostituzione di Ruggero, al posto di Messias, in gol al minuto settantaquattro che ha significato il ritorno al vantaggio per il Crotone. Ancora molto lavoro attende mister Stroppa ed il suo staff per un Crotone formato campionato. Importante era superare il turno ed è stato fatto pur con qualche difficoltà di tenuta atletica, specie nella prima parte. Arrivederci al 18 agosto in quel di Genova contro i blucerchiati.

Letto 48 volte Ultima modifica il Lunedì, 12 Agosto 2019 16:36

Articoli correlati (da tag)

  • Coppa Italia, il Crotone batte l'Arezzo e supera il secondo turno: decisivo il gol del giovanissimo Zak Ruggiero

    Coppa Italia│ Il Crotone batte l'Arezzo e supera il secondo turno. Prossimo avversario la Sampdoria in trasferta domenica 18 agosto ore 20.45.

    Tabellino.

    Crotone   4

    Arezzo    3

    Marcatori: Barberis 1°, Simy 6°, Borghini 10°, Belloni ( R) 16°, Zini 23°, Golemic 33°, Ruggiero 74°

    Crotone (3-5-2): Cordaz, Golemic, Spolli (Gigliotti), Bellodi, Rutten Mustacchio), Barberis, Benali, Zanellato, Molina, Simy, Messias (Ruggiero). All. Stroppa

    Arezzo (4-2-4): Pissardo, Luciani, Baldan, Masetti, Basit, Borghini, Foglia, Zini (Volpicelli), Rolando (Caso), Belloni (Mesina), Cheddira. All. Di Donato

    Arbitro: Ivano Pezzato di Lecce

    Assistenti: Domenico Rocca (CZ) - Valerio Vecchi (Lamezia Terme)

    Quarto giudice: Daniele De Santis di Lecce

    Ammoniti: Barberis, Rutten, Benali

    Angoli:7 a 4 per l'Arezzo

    Recupero: 5 minuti

    Spettatori: 4.384 incasso € 23.025

    La partita. È calcio ufficiale, anche se in piena stagione estiva. Iniziata bene la stagione per il Crotone con il passaggio al terzo turno della Coppa Italia dopo aver sconfitto l'Arezzo. Una sfida che sul terreno dello Scida mancava dal campionato 2008/2009 serie C. Prossimo avversario dei pitagorici sarà la Sampdoria che ha chiesto e ottenuto di giocare il match all'Ezio Scida. La preparazione pre-campionato, le quattro amichevoli, l'indisponibilità per motivi fisici d'alcuni giocatori, era gli elementi pregiudicanti alla base della prima formazione ufficiale schierata da mister Stoppa fin dall'inizio. Cordaz tra i pali; Golemic e Bellodi difensori esterni, a destra il primo, a sinistra il secondo; Spolli difensore centrale; Rutten e Molina quarto e quinto di centrocampo; Simy e Messias duo d'attacco. Di Donato ha predisposto i suoi con il 4-2-4 per tenere basso il Crotone. Le previsioni del tecnico toscano non hanno sortito l'effeto sperato nei primi dieci minuti. Barberis, al primo minuto, e Simy, al sesto, hanno realizzato il doppio vantaggio. Non smobilita l'Arezzo nonostante la partenza del Crotone e in tredici minuti mette a segno una tripletta con Borghini al decimo, l'azione iniziata da calcio d'angolo; con Belloni che realizza dagli undici metri, il fallo in area commeszo da Bellodi secondo l'arbitro ma il giocatore ha preso il pallone e non la gamba dell'avversario; al minuto ventitre è Zini a realizzarebil terzo gol per la sua squadra. Crotone poco attento in difesa e lento nei recuperi. Al minuto trentatré Golemic mette dentro il gol del pareggio per il Crotone. Con sei gol realizzati (tre per parte) si chiude la prima parte della partita. Pitagorici insufficienti in difesa e centrocampo. Bellodi e Golemic sempre in ritardo zui rispettivi avversari e poco propositivi. L'Arezzo ha saputo tenere testa al Crotone con una migliore disposizione a centrocampo. Altro Crotone nella ripresa, più concreto nella manovra offensiva e attento in difesa. Le migliore giocate con l'ingresso di Mustacchio, in sostituzione di Rutten, che ha fornito ottimi traversoni dalla sinistra per il compagno  smarcato. Azzeccata anche la sostituzione di Ruggero, al posto di Messias, in gol al minuto settantaquattro che ha significato il ritorno al vantaggio per il Crotone. Ancora molto lavoro attende mister Stroppa ed il suo staff per un Crotone formato campionato. Importante era superare il turno ed è stato fatto pur con qualche difficoltà di tenuta atletica, specie nella prima parte. Arrivederci al 18 agosto in quel di Genova contro i blucerchiati.

     

     

     

  • Oddo dopo la sconfitta di Bologna: «Calata la nostra autostima, ci vuole personalita'»

    "E' un momento in cui non siamo sereni quando la palla scotta. E quando i risultati non arrivano l'autostima cala e ci vuole gente di personalita', come Zanellato. Questo atteggiamento me lo attendo anche da altri, anche se abbiamo giocato con una squadra di A con valori superiori". Cosi' il tecnico del Crotone, Massimo Oddo, dopo la sconfitta in Coppa Italia contro il Bologna per 3-0. "Dobbiamo uscire da un momento negativo nei risultati, perche', se si toglie quella col Cosenza, abbiamo fatto sempre buone prestazioni - spiega a Raisport il mister dei calabresi - L'ultima cosa da non ricercare adesso e' il gioco, in questo momento l'unico obiettivo che mi pongo e' dare una mentalita' diversa per giocare con grinta e carattere. Vincere il campionato? Siamo a 14 punti dalla vetta a 14 giornate, e' molto lontana e l'errore che non possiamo commettere e' fare la rincorsa a quelle davanti. Dovremo giocare partita per partita, questa squadra ha valori e bisogna faccia punti per una rincorsa che deve essere stratosferica per la vetta. Ci dobbiamo scrollare di dosso il momento negativo - conclude Oddo - tornare a vincere e poi si vedrà".

     

     

  • Si ferma al Dall’Ara la corsa del Crotone in Coppa Italia: finisce 3-0 la sfida col Bologna

    Coppa Italia quarto turno│Si ferma al Dall’Ara la corsa del Crotone in Coppa Italia. Il Bologna, invece, si qualifica per gli ottavi di finale. Gli uomini di Filippo Inzaghi hanno sconfitto per 3-0 il Crotone nel quarto turno ad eliminazione diretta. Padroni di casa in vantaggio al 40' con Orsolini, nella ripresa gol di Falcinelli (11') e ancora Orsolini (22'), autore di una doppietta. Per un posto nei quarti, i felsinei, in ritiro dopo il pesante ko in campionato con la Sampdoria, sfideranno allo Stadium la Juventus.

    Tabellino.

    Bologna               3

    Crotone               0

    Marcatori: Orsolini 40°, Falcinelli 46°, Orsolini 67°

    BOLOGNA (3-5-2): Da Costa 6; Calabresi 6.5, Gonzalez 7, Helander 6.5; Mbaye 6, Poli 6.5, Nagy 7, Orsolini 8 (23'st Dzemaili sv), Djiks 6.5; Falcinelli 6.5 (30'st Okwonkwo sv), Santander 6.5 (1'st Palacio 6). In panchina: Skorupski, Santurro, De Maio, Paz, Mattiello, Danilo, Donsah, Pulgar, Krejci. Allenatore: Inzaghi 6.5

    CROTONE (4-3-3): Cordaz 5.5; Sampirisi 5, Golemic 5, Marchizza 5, Aristoteles 5 (12'st Tiripicchio 5.5); Zanellato 5, Rohden 5, Barberis 5.5; Martella 5.5, Simy 5.5 (20'st Budimir sv), Firenze 5.5. In panchina: Figliuzzi, Cuomo, Stoian, Faraoni, Crociata, Molina, Vaisanen, Valietti, Spinelli. Allenatore: Oddo 5

    ARBITRO: Sacchi di Macerata 6

    NOTE: spettatori 3.075 per 22.362 euro di incasso. Ammoniti Sampirisi, Zanellato, Curado. Angoli 6-3 per il Bologna. Recupero: 1'; 3'.

    La partita.

    Contro i felsinei si è visto il Crotone del campionato: poco gioco a centrocampo, difesa disattenta, attacco inesistente. Oddo continua a dire che il Crotone gli piace come gioca, ma se questo è il modo di esprimersi in campo, giorni ancora più bui aspettano la squadra del presidente Gianni Vrenna. La sconfitta potrebbe essere ancora più pesante per il tecnico Massimo Oddo, già in discussione per come sta guidando la sua squadra e per i risultati ottenuti dopo quattro giornate dal suo arrivo: un solo punto conquistato. Tradotto in cifre significa play-out. Con la sconfitta in Coppa Italia ora sono cinque le sconfitte consecutive. Un viatico che non può passare inosservato. La conferma dell’esonero potrebbe arrivare già nelle prossime ore. Crotone con i sei/undicesimi iniziali sconfitti a Cremona con l’aggiunta di Rohden. Debutto in assoluto del centrocampista Zanellato. Tra i pali ancora Cordaz a causa dell’indisponibilità del secondo portiere Festa, rimasto in albergo febbricitante.   

    Trio difensivo con Sampirisi a destra, Golemic centrale, Marchizza a sinistra, ma con l’apporto di Martella in fase di ripiegamento. Conferma di Aristoteles a centrocampo con Zanellato e Barberis centrali. Esterno destro Rohden, Firenze al fianco di Simy in attacco, ma con il compito di spaziare anche sulla fascia sinistra. Locali con la coppia d’attacco Falcinelli, Santander. Giocate timide a centrocampo da parte del Crotone, ma senza subire il gioco avversario. Primo tempo con diverse azioni nelle rispettive aree. Già al secondo minuto il primo tiro in porta da parte dell’ex Falcinelli. Sei minuti dopo è il centrocampista Poli a cercare il gol con un tiro da fuori area. Il Crotone si fa vedere con un traversone rasoterra al decimo minuto effettuato da Rohden bloccato da Da Costa a terra. Martella dalla sinistra effettua un debole traversone. La migliore occasione per passare in vantaggio sui piedi di Zanellato al minuto ventisette, ma il pitagorico da dentro l’area calcia il pallone a lato con il portiere fuori causa. Minuto trentasei un perfetto tiro di Santander è deviato in angolo da Cordaz. Lo svantaggio del Crotone arriva al minuto quaranta per merito di Orsolini che da posizione angolata fulmina Cordaz. L’azione che ha consentito il vantaggio del Bologna in seguito ad un pallone perso da Rohden lungo la fascia destra ed il mancato contrasto di Barberis in area di rigore nei confronti del marcatore. Nessuna reazione da parte degli uomini di Oddo nei minuti finali. La disfatta arriva fin dall’inizio della ripresa quando il Bologna mette in evidenza un diverso approccio alla partita senza nessun contrasto da parte degli ospiti. Il raddoppio arriva al minuto cinquantasei per merito di Falcinelli che capitalizza al meglio di testa una punizione di Orsolini. Lo stesso esecutore della punizione triplica il risultato al minuto sessantasette, ma dove era Martella? Si conclude la corsa dei pitagorici in Coppa Italia.   

    Dopo Bologna il Crotone osserverà due giorni di riposo. Riprenderà ad allenarsi venerdì, sabato e domenica. Lunedì, 10 dicembre, altra giornata di riposo per gli squali. Martedì allenamento a Crotone ed a seguire trasferimento a Steccato di Cutro fino a sabato quando farà ritorno nella città di Pitagora per la rifinitura in vista del prossimo incontro di campionato con il Venezia del tecnico Walter Zenga. La società pitagorica tiene a precisare che non si tratta di un ritiro punitivo, ma messo in atto per preparare nel migliore dei modi e con tranquillità la prossima partita sul terreno dell’Ezio Scida.

     

     

  • Coppa Italia│Trasferta del Crotone a Bologna, Oddo: «Ci serve un risultato per il morale»

    Seconda trasferta consecutiva per il Crotone nel giro di pochi giorni. Dopo Cremona, i pitagorici sono attesi dal Bologna per il match che vale l'accesso agli ottavi di finale della Coppa Italia. Partita secca, chi passa il turno affrontera' la Juventus. La squadra di Oddo ha svolto questa mattina la seduta di rifinitura sul campo sportivo comunale "Soprani" di Fabbrico (Reggio Emilia): solo Crociata non ha preso parte alla sessione, a causa di una gonalgia, e le sue condizioni saranno valutate nei prossimi giorni.

    Il tecnico pitagorico, Massimo Oddo, ha presentato la gara contro il Bologna: "I risultati non arrivano ma io sono molto fiducioso. Sono sincero: dopo la gara contro il Cosenza mi ero preoccupato un po', poi nell'ultima gara abbiamo ed ho verificato che si e' trattato solo di un incidente di percorso. E' vero che siamo tutti scontenti, ma dobbiamo continuare con la stessa determinazione messa in campo nell'ultima partita, dobbiamo continuare a lavorare bene come stiamo facendo e sicuramente i risultati arriveranno. Dobbiamo pensare gara dopo gara, abbiamo bisogno di un risultato che dia morale e ci faccia credere ancora di piu' in quello che stiamo facendo".

Corriere dello Sport di oggi - Zoom

Gazzetta dello Sport di oggi - Zoom

Tutto Sport di oggi - Zoom

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}