Top Ad metalcarpenteria

Questa sera la presentazione del Crotone in piazzale Ultras. Il Comune: «Entro il 18 settembre pronto lo stadio» In evidenza

Scritto da 
Pubblicato in Stadio
Giovedì, 18 Agosto 2016 19:25

È prevista per questa sera alle ore 21.00 in "Piazzale Ultras" la presentazione dell’Fc Crotone per la stagione di serie A 2016/17. Conducono la serata Marina Presello, giornalista Sky, Massimo Proietto giornalista Rai accompagnati dal presidente del F.C. Crotone Raffaele Vrenna.Intanto proseguono i lavori d’adeguamento dello Scida. L’amministrazione comunale fa sapere che lo stadio sarà pronto per il 18 settembre in occasione dell'incontro col Palermo, valido per la quarta giornata di campionato. La conferma è arrivata da un incontro del tavolo tecnico istituito dal sindaco Ugo Pugliese, in accordo con la società calabrese, che sta seguendo l'andamento dei lavori di adeguamento dello stadio ai parametri della massima serie. Dalla riunione è emerso che si sta rispettando il crono programma dei lavori e che non ci sono, al momento, criticità che potrebbero fare slittare la conclusione dei lavori. L'unico incontro casalingo che il Crotone sarà costretto a giocare a Pescara, a causa dell'indisponibilità dello Scida, sarà dunque quello del 28 agosto con il Genoa, per la seconda giornata di campionato. I rossoblu esordiranno il 21 agosto a Bologna, mentre nel terzo turno di campionato, l'11 settembre, la squadra sarà impegnata ad Empoli.

 

 

Letto 970 volte Ultima modifica il Giovedì, 18 Agosto 2016 19:30
Stadio RossoBlu

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909  -  Email: stadio@laprovinciakr.it

Articoli correlati (da tag)

  • Contro il Monopoli superato il test tra luce ed ombre

     

     

    FcCrotone, terza amichevole contro il Monopoli termina (2-1) a favore dei pitagorici grazie al gol di Ruggiero sul finire dell’incontro. Partita piacevole e risultato incerto fino al termine.

     

    Crotone               2

    Monopoli            1

     Marcatori: Barberis 60°;  Mariano 84°; Ruggiero 92°

    Crotone (3-5-2): Cordaz, Bellodi, Spolli (Cuomo 42°), Golemic (Gomelt 61°), Rutten (Mustacchio 61°), Benali (Messias 61°), Barberis, Zanellato (Markovic 67°), Molina (Evan’s 67°), Simy (61° Nanni), Kargbo 46° Ruggiero).

    Monopoli (3-5-2): Antonino (Menegatti 46°), Ferrara (Cavallari 61°), De Franco, Mercadante, Rota (Antonacci 57°), Giorno (Mariano 70°), Hadzicosmanovic (Carannante 57°), Donnarumma (Arena 67°), Tuttisanti (Ansani 80°), Salvemini (Mendicino 71°), Cuppone (Triarico 57°).

     Arbitro: Rabilotta di Sala Consolina

     Prima vera amichevole stagionale del Crotone contro il Monopoli, formazione che affronterà il campionato di serie C, nel segno di luce e ombre come ha affermato lo stesso tecnico Stroppa a fine partita. Non poteva essere diversamente essendo trascorsi soltanto dodici giorni dall’inizio della preparazione. Da considerare, a proposito di  alcune negatività evidenziate da parte del Crotone nel coso dell’incontro, lo spessore dell’avversario avanti nella preparazione dovendo affrontare a giorni il primo turno di Coppa Italia. Ciò che non ha funzionato alla perfezione nell’undici pitagorico la fascia destra coperta da Bellodi come difensore e da Rutten primo centrocampista esterno. Tra i due si creavano ampi spazi ben sfruttati da Donnarumma. Poco incisivo il reparto offensivo dove Kargbo al fianco di Simy non ha impensierito molto la difesa ospite. Bene il trio di centrocampo con Barberis davanti al reparto basso, Zanellato e Benali a dettare i tempi delle giocate. I tre centrocampisti rappresenteranno nel corso del campionato (calciomercato permettendo) il punto forte della squadra. Nella seconda parte dell’incontro il debutto del neo pitagorico Mustacchio schierato esterno destro. Il primo gol porta la firma di Barberis che ha insaccato il pallone con una perfetta punizione dal limite. Il pareggio degli ospiti al minuto ottantaquattro con Mariano che sfrutta bene un errore difensivo del Crotone, Spolli era già uscito ed il ruolo di difensore centrale era stato occupato da Barberis. Gol del definitivo successo del Crotone al minuto novantadue con Ruggiero che di testa mette dentro il pallone dopo averlo ricevuto da Messias su calcio di punizione. Al settantesimo il pitagorico Itrak ha colpito la traversa. Il calciomercato è sempre frequentato con interesse da parte della società del Crotone e altri arrivi sono previsti nei prossimi giorni. Il commento di Stroppa a fine partita:

    “Soddisfatto a sprazzi per come la squadra si è espressa. Ancora troppe gambe pesanti,sono troppo imballate. Il test era si più difficile, però inizialmente non abbiamo risposto bene alle difficoltà, ci siamo innervositi nel volere fare delle giocate che solitamente facciamo ma che non si riusciva a concretizzarle. Questo dipende anche dalla non buona condizione fisica. Nonostante ciò sotto porta ci siamo arrivati spesso. Dobbiamo migliorare, questo è certo, per disputare la partita sotto un altro profilo: fare girare di più la palla quando le gambe ancora non rispondono.

    Bellodi deve fare di più il difensore e stare sull’uomo. Le sue caratteristiche sono idonee per il gioco del Crotone. Rutten deve migliorare nei tempi, sia offensivi che difensivi. Ruggiero è un giocatore interessante che potrebbe rimanere anche con noi. Barberis ha giocato difensore centrale per l’assenza momentanea di altri difensori, però non bisogna mai dire mai, alcune volte può capitare, in caso di emergenza, di doverlo utilizzare in questo ruolo. Spero di avere la squadra al completo nel breve periodo. Qualcosa si sta muovendo per quanto riguarda l’attacco essendo il reparto con meno disponibili. Nell’assieme l’organico è competitivo, al netto di qualche altro arrivo”.

          

  • Stadio Ezio Scida, una ''telenovela'' che va in onda sulla città a cinque secoli dall'antico splendore...

    Stadio Ezio Scida, una telenovela che va in onda nella città dopo cinque secoli. La vicenda dello stadio Ezio Scida sembra che abbia fatto scoprire ai crotonesi le origini della città di Pitagora e su dove sorgeva che era in parte l'area attualmente occupata dalla struttura sportiva. Un'importantissima scoperta, non certo recente, che deve però avere un seguito: riportare cioè alla luce senza alcun intoppo tutto ciò che testimonia le origini di Crotone. Tradotto in pratica: abbattere parte della struttura dello stadio e iniziare a scavare. Nel quinto secolo a. C. Crotone contava oltre 300.000 abitanti, considerando il modello urbanistico di allora è facile immaginare la vastità del territorio in cui sorgeva la città di Pitagora. Ovunque si compiano scavi vengono così rinvenuti reperti archeologici. La zona antistante lo stadio Ezio Scida, quella che ospita anche la fiera Mariana, le giostre o il circo, è da sempre a disposizione per eventuali scavi. Lo stesso spazio occupato attualmente dalla struttura amovibile era disponibile fino a meno di due anni fa. Nonostante ciò nessuna istituzione, soprintendenza e ministero dei beni culturali, si sono mai preoccupati di effettuare i dovuti scavi per recuperare i reperti archeologici. Dell'antica Kroton (riportarla alla luce) si è parlato per la prima volta dicembre 2014  presso un noto locale del lungomare cittadino. Sono passati tre anni e mezzo e nessun cantiere è stato ancora aperto nonostante i 62.000.000 di euro disponibili (inizialmente i milioni di euro erano cento). Fare partire i lavori dell'antica Kroton significherebbe dare lavoro a tanti disoccupati, e Crotone di cittadini senza lavoro ne conta tantissimi. Per non parlare della bonifica o altri importanti interventi mai avviati. C'è il problema dell'Ezio Scida che deve essere liberato dalle strutture amovibili il prima possibile, questo affermano le iIstituzioni competenti. il Sindaco di Crotone, Ugo Pugliese, a tal proposito ha affermato: "Ho dato mandato agli uffici tecnici comunali di intraprendere le attività preliminari per lo smontaggio delle strutture". La domanda nasce spontanea: lo smantellamento delle strutture amovibili quando inizierà? Ed i lavori termineranno in tempo utile affinché lo stadio sia idoneo con l'inizio del nuovo campionato (serie B 24 agosto, serie A 19 agosto) affinché si eviti al Crotone di recarsi in trasferta per giocare alcune partite casalinghe? I lavori per la realizzazione del nuovo stadio, saranno una priorità immediata per l'amministrazione comunale, o si parlerà di questo nuovo stadio come da anni si sta parlando dell'antica Kroton e della bonifica? 

  • Il giorno di Stroppa: presentato il nuovo tecnico. Vrenna: «Giocheremo allo Scida, ridurremo capienza a 9.000 posti»

    Sala stampa dell’Ezio Scida sovraffollata di giornalisti e qualche tifoso in occasione della presentazione del nuovo tecnico pitagorico Giovanni Stroppa. Già conosciuto alla tifoseria locale come avversario, quando era alla guida dello Spezia (campionato serie B 2013/2014): è stato il primo e unico allenatore che la società ha sempre voluto per il prossimo campionato. Per il cinquantenne tecnico di Mulazzano (Lodi), esperto della categoria (oltre allo Spezia ha guidato il Foggia la passata stagione sfiorando i play-off), l’arrivo nella città di Pitagora è per un campionato entusiasmante che faccia divertire il pubblico. Insieme al tecnico arrivano anche quattro collaboratori: Andrea Guerra, Giuseppe Brescia, Sergio Mascherone, Fabio Allevi, oltre ai confermati Macrì e Trombino. Ivan Moschella sarà il tecnico della formazione Primavera. «Finalmente presentiamo il nuovo tecnico del Crotone – ha affermato il presidente Gianni Vrenna –, il ritardo non è per colpa nostra e nemmeno del tecnico che è stato il primo e l’unico tecnico da noi interpellato. Il ritardo è dovuto a motivi burocratici. Una volta risolti tutti i problemi, l’accordo è stato messo nero su bianco perché Stroppa fosse per due anni il nostro allenatore. Per quanto riguarda la nuova località per la preparazione pre- campionato, la scelta è caduta su Trepidò presso il Villaggio Baffa – ha affermato il presidente – e ci rimarrà fino alla vigilia della partita di Tim Cup prevista per il 5 agosto». Ed a proposito dello stadio il presidente ha dichiarato che il Crotone giocherà allo Scida riducendo la capienza a 9.000 spettatori massimo. «Terminato il campionato – ha detto Giuseppe Ursino ds – ci siamo messi subito alla ricerca del nuovo tecnico in grado di fare giocare bene la squadra, e la scelta è caduta su Giovanni Stroppa. Siamo orgogliosi d’aver ingaggiato un allenatore bravo e preparato a detta della critica sportiva nazionale». Giovanni Stroppa, emozionato per il nuovo incarico, ha dichiarato: «Grazie dell’ottima accoglienza. Quanto affermato dal presidente Vrenna e dal ds Ursino rappresentano la premessa per lavorare bene a Crotone e disputare un grosso campionato. Fare parte della famiglia Crotone è un orgoglio. Sarà mio dovere dimostrare l'utilità della mia venuta in questa famiglia la cui tradizione sportiva, presente e passata, è di primo livello. La seria A di recente, i tanti anni di serie B sono la cartina tornasole di ciò che affermo. Fin da subito voglio inculcare alla squadra il buon gioco che è alla base dei risultati positivi. L’organico in forza al Crotone è di qualità per fare bene, mi auguro che saranno confermati in molti e, sono certo, altri ne arriveranno conoscendo le ambizioni della società». Che tipo di campionato sarà quello di serie B? Stroppa ha dichiarato: «Un campionato molto livellato e lungo con diversi turni infrasettimanali che impongono un’ampia rosa e giocatori adeguati alla categoria. Per quanto mi riguarda alleno la squadra per vincere ogni incontro, poi il campo sarà giudice supremo. Amo il gioco offensivo senza trascurare la copertura difensiva. I due attaccanti centrali forti sono una scelta che preferisco». Sul fronte del calciomercato, il ds Ursino ha lasciato intendere che alcuni pezzi pregiati del passato campionato saranno ceduti. Non ha fatto nomi ma sembra si tratti di giocatori in forza al Crotone da alcuni campionati.   

     

          

     

  • Presentato il neoacquisto Benali: «Volevo a tutti i costi questa maglia e ora non vedo l'ora di scendere in campo»

    "Sono pronto ad impegnarmi per aiutare il Crotone a raggiungere l'obiettivo salvezza. E' soddisfatto dell'impatto con la sua nuova squadra Amede Benali, il centrocampista inglese di origini libiche arrivato dal Pescara a rinforzare il Crotone di Walter Zenga. "Ho parlato con il mister ieri - afferma - e mi ha detto quello che vuole e si aspetta da me. Io cerchero' di fare di tutto per aiutare il Crotone". Benali spiega come e' arrivato in Calabria: "Il Crotone mi aveva cercato anche in estate, ma la cosa non si era potuta fare. Poi quando si e' riproposta l'opportunita' sono venuto di corsa perche' la societa' ha dimostrato tanta fiducia nei miei confronti. Grazie anche al presidente del Pescara che mi ha concesso la possibilita' di tornare a giocare in A". Riguardo al suo ruolo, il calciatore sottolinea la sua predisposizione a giocare in mezzo al campo. "Il mio ruolo - dice - e' sempre stato giocare in mezzo al campo. Preferisco fare la mezz'ala piu' che l'esterno anche se sono stato utilizzato in ruoli diversi e per questo sono a disposizione della squadra. Io ho sempre dato il massimo dove sono stato. Spero di poter dare qualita' al Crotone, che ha gia' calciatori validi, attraverso assist e magari gol". Benali, che racconta di essere nato a 5 minuti dallo stadio di Manchester, aggiunge di essere rimasto stregato dal calcio italiano. "Ho fatto tutti settori giovanili in Inghilterra e poi 5 anni fa sono arrivato in Italia e pensavo di stare poco. Invece mi sono trovato bene, nel calcio ed anche fuori. Volevo giocare in serie A e dopo l'anno scorso che e' andata male col Pescara, voglio vincere questa sfida con il Crotone. In Inghilterra il calcio e' meno tattico, sembra piu' una gara di basket che si gioca a livello fisico a chi fa piu' gol, mentre in Italia c'e' molta piu' tattica". Per l'arrivo di Benali le pagine social del Crotone si sono riempite di commenti entusiasti dei tifosi libici: "Loro - spiega Benali - vivono per il calcio. Somigliano per passione ai tifosi del sud Italia. Vi dovrete aspettare tanti libici che seguiranno il Crotone".

  • E' gia' ''Zenga-mania'' a Crotone: presentato il nuovo tecnico rossoblu', l'entusiamo dei tifosi

    È già Zenga-mania. Centinaia di tifosi, questo pomeriggio, assiepati nella curva sud Giorgio Manzulli dell’Ezio Scida per salutare il nuovo tecnico rossoblù che siederà sulla panchina del Crotone dopo l’addio di Davide Nicola. Zenga ha portato l’entusiasmo che serviva dopo la parabola burrascosa delle ultime settimane del Crotone che conta ancora di una posizione in classifica confortante. Il primo contatto di Zenga è stato con i tifosi della curva sud che lo hanno accolto con un tifo da serie A come se fosse una partita casalinga. Appena fatta la sua entrata in campo, scoratato dallo staff tecnico e dai fotografi, mister Zenga è stato accolto dalla curva con due cori abbastanza chiari: «Vogliamo gente che lotta» e «Resteremo in serie A». Giunto quindi ai piedi della curva, mister Zenga piacevolmente impressionato dal calore della "Manzulli" ha esclamato all'indirizzo del presidente Gianni Vrenna: «La passione c'e'». Quindi la conferenza stampa di presentazione con lo stesso presidente e il ds Beppe Ursino. «Sono nel posto giusto – ha detto Zenga -. Negli ultimi due anni le cose per me, da tecnico, non sono andate bene perché mi sono trovato a dirigere squadre che avevano dei problemi. A Crotone ho trovato una famiglia che intende fare bene in serie A per centrare l'obiettivo della salvezza, non vedo l'ora di cominciare. Per allenare la squadra mi avvalgo del personale che ho trovato. Ringrazio mister Nicola per ciò che ha lasciato a Crotone e sarei felice di ripetere la sua "impresa". Ho il coraggio di accettare qualsiasi sfida in ogni parte del mondo e questo mi ha consentito di parlare quattro lingue e mia moglie parla anche l'arabo. Ho visto insieme a Benny Carbone la partita Bologna-Crotone e ci siamo resi conto del buon organico della squadra che allenerò. Dopo Bologna, è stato un Crotone diverso. Non cercavo un contratto, ma un'opportunità e il presidente Vrenna mi ha dato questa opportunità. Per quanto riguarda il modo di giocare non stravolgero' ciò che ho trovato ma dovro' cambiare il modo di pensare dei miei giocatori di fronte all'avversario». «A farci scegliere Walter Zenga e' stato il suo entusiasmo. Cinque minuti al telefono sono stati sufficienti». Con queste parole il presidente del Crotone calcio, Gianni Vrenna, ha presentato ufficialmente il nuovo allenatore del Crotone, Walter Zenga, pochi minuti dopo la firma che lega l'ex portiere dell'Inter e della nazionale ai colori rossoblu' fino alla fine di giugno. Insieme al presidente c'e' anche il direttore sportivo Peppe Ursino, che ha chiarito «Zenga e' stato la nostra prima scelta». Walter Zenga sara' in panchina a Sassuolo. Ma, naturalmente, non interverra' sulla scelta dei calciatori da mandare in campo. «Un solo giorno non e' sufficiente - dice in conferenza stampa pochi minuti dopo aver firmato il contratto - a intervenire sulla squadra dal punto di vista tecnico-tattico. Mi fido ciecamente del lavoro fatto dai miei nuovi collaboratori. Io posso solo parlare alla squadra per trasmetterle determinati concetti». La partita e' delicata, la squadra deve riassorbire lo choc di un cambio assolutamente imprevisto ed e' dunque lecito pensare «ad una situazione - dice Zenga - magari un po' destabilizzata dagli scossoni di questa settimana». Il Crotone ritrova in attacco Budimir, al rientro dalla squalifica. Molto in dubbio, per contro, l'impiego di Nalini, uscito malconcio dalla partita contro l'Udinese. Al suo posto potrebbe rientrare Rohden. Probabile formazione (4-4-2): Cordaz; Sampirisi, Ceccherini, Ajeti, Martella; Rohden, Mandragora, Barberis, Stoia; Trotta, Budimir. Ex portiere di Inter e Nazionale, detto uomo ragno, nato a Milano il 28 aprile 1960, Zenga è dunque il nuovo tecnico pitagorico fino a giugno 2018. Con il calcio che conta Walter Zenga ha allenato Catania, Palermo, Sampdoria. Non solo squadre italiane, ma anche all'estero, ha guidato National Bucarest, Stella Rossa, Dinamo Bucarest. Con la Steaua Bucarest ha vinto il campionato romeno (2004/2005) ed un altro campionato l'ha vinto con la Stella Rossa. Un tecnico esperto chiamato dalla società pitagorica per ricostruire una squadra che nelle ultime partite aveva smarrito la via della vittoria. Ad affiancare Zenga come secondo allenatore Benny Carbone (nato il 14 agosto 1971 a Bagnara Calabra) ex attaccante dai piedi buoni oggi tecnico di provata esperienza già alla guida del Pavia, Varese, Vallee d'Aosta, Pro Sesto, Ternana. Insomma, il presidente Gianni Vrenna e suo figlio il dg Raffaele, hanno inteso portare sulla panchina del Crotone una coppia di tecnici che, sicuramente, non deluderà le attese dei tifosi e della società.

     

Corriere dello Sport di oggi - Zoom

Gazzetta dello Sport di oggi - Zoom

Tutto Sport di oggi - Zoom

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}