SERIE A│Napoli scoppiettante e una Juve sorniona restano da sole in testa alla classifica, Inter staccata di due punti In evidenza

Scritto da 
Pubblicato in Stadio
Mercoledì, 20 Settembre 2017 23:15

Un Napoli scoppiettante e una Juve sorniona restano da sole in testa alla Serie A, approfittando della frenata bolognese dell'Inter. E' una fuga che anticipa una sfida che durera' mesi: da un lato la squadra di Sarri che in 5' segna tre gol, ribaltando il vantaggio della Lazio all'Olimpico con una dimostrazione straordinaria di forza, dall'altra il gruppo di Allegri che capitalizza un gol di Mandzukic per tenere a bada un'ottima Fiorentina. Nel primo turno infrasettimanale ricco di gol pone i presupposti di una rimonta la Roma di Di Francesco che fa poker a Benevento, sfruttando la vena di un super Dzeko (due gol e due legni), mentre con due rigori il Milan fa fuori la Spal. Salgono Atalanta e Torino con una goleada contro il Crotone e una vittoria esterna a Udine. Matri trascina il Sassuolo al successo a Cagliari, pari a Verona e Genova. Impressionante la progressione del Napoli che sonnecchia nel primo tempo in cui va sotto per una conclusione di De Vrij su assist di Immobile e con Hamsik che colpisce due pali, uno nella sua porta. Ma i ko di Bastos e De Vrij costringono Inzaghi a improvvisare una difesa con Basta e Leiva. Per il Napoli e' una pacchia: Koulibaly, Callejon e Mertens con un pallonetto alla Maradona zittiscono l'Olimpico, poi Jorginho su rigore fissa il 4-1. Sarri si prende tre punti fondamentali, mostrando un'armonia offensiva straripante. Per i partenopei, alla decima vittoria di fila, sono 19 i gol segnati in 5 partite. Per la Lazio, che termina in 10 per l'infortunio di Basta, una battuta d'arresto con molte attenuanti che nulla toglie alla sua stagione maiuscola.

Ci vuole il mestiere e il carattere per consentire alla Juventus di superare una Fiorentina in costante crescita. I bianconeri, con molte assenze, vanno in difficolta' per la fresca vena dei giovani viola. Poi, un errore difensivo di Gaspar consente a Mandzukic di sfruttare un bel cross di Cuadrado. I viola restano poi un 10 per un doppio giallo di Badelj e, anche senza le prodezze di Dybala e con un Higuain col freno a mano, arrivano tre importanti punti per Allegri. Prende sostanza la Roma che non fa mai l'errore di mollare il pallino del gioco e, al di la' degli evidenti limiti del Benevento (10 gol subiti in quattro giorni), dimostra che sta assimilando gli schemi offensivi di Di Francesco. Ottimo innesto di Gonalons, Kolarov e Bruno Peres spingono a tavoletta, ma la differenza la fa ancora Edwin Dzeko due gol, due pali e due autoreti avversarie per non fargli arrivare il pallone a botta sicura. I campani non riescono mai a fermare il possesso palla romanista, la Serie A sembra per loro un sentiero impervio. Due rigori di Rodriguez e Kessie' spianano la strada al Milan che trova parecchie difficolta' contro una Spal combattiva. Kalinic procura un rigore, Andre' Silva non trova spunti apprezzabili, ma Montella si gode il quarto posto in classifica. I rossoneri precedono la rinata Atalanta di Gasperini alla 300/a panchina che strapazza 5-1 il malcapitato Crotone: show bergamasco con Petagna, Caldara, Ilicic e una doppietta di 'Papu' Gomez, mentre i calabresi trovano il primo gol della stagione col giovane Tumminello, scuola Roma. Il Torino prepara nel migliore dei modi il derby con una vittoria per 3-2 a Udine. Emozioni, prodezze e qualche errore ma i friulani non riescono a rimediare a un errore di scuffet e a un'autorete di Halfredsson. Importante e meritata vittoria del Sassuolo a Cagliari: fa tutto l'ex Matri: un gol annullato, un rigore sbagliato e uno trasformato. Il Chievo agguanta alla distanza il Genoa che rimane invischiato nella lotta per non retrocedere. Ma non c'e' tempo per i rimpianti, nel fine settimana di nuovo tutti in campo.

Risultati quinta giornata:
a Bergamo : Atalanta-Crotone 5-1
a Bologna : Bologna-Inter 1-1 (giocata ieri)
a Benevento : Benevento-Roma 0-4
a Cagliari : Cagliari-Sassuolo 0-1
a Genova : Genoa-Chievo 1-1
a Torino : Juventus-Fiorentina 1-0
a Roma : Lazio-Napoli 1-4
a Milano : Milan-Spal 2-0
a Udinese : Udinese-Torino 2-3
a Verona : Verona-Sampdoria 0-0                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           Classifica:

         P G V N P GF GS
Napoli 15 5 5 0 0 19 3
Juventus 15 5 5 0 0 14 3
Inter 13 5 4 1 0 11 2
Milan 12 5 4 0 1 10 6
Torino 11 5 3 2 0 10 5
Lazio 10 5 3 1 1 10 8
Roma 9 4 3 0 1 9 3
Sampdoria 8 4 2 2 0 6 4
Atalanta 7 5 2 1 2 9 7
Fiorentina 6 5 2 0 3 8 7
Cagliari 6 5 2 0 3 4 6
Bologna 5 5 1 2 2 4 7
Chievo 5 5 1 2 2 5 8
Sassuolo 4 5 1 1 3 3 8
Spal 4 5 1 1 3 3 8
Udinese 3 5 1 0 4 7 8
Genoa 2 5 0 2 3 5 9
Verona 2 5 0 2 3 1 11
Crotone 1 5 0 1 4 1 11
Benevento 0 5 0 0 5 1 14
- Roma e Sampdoria una partita in meno.                                                                                                                                                                                                                                                                       Marcatori:
di calcio di Serie A dopo la quinta giornata:
- 8 reti: Dybala (1 rigore-Juventus).
- 6 reti: Icardi (3-Inter); Immobile (1-Lazio); Mertens
(2-Napoli).
- 5 reti: Dzeko (Roma).
- 4 reti: Quagliarella (1-Sampdoria);
- 3 reti: Gomez (2-Atalanta) e Perisic (Inter); Callejon
(Napoli); Thereau (2-Udinese/Fiorentina); Belotti e Ljajic
(Torino).
- 2 reti: Petagna (Atalanta) Joao Pedro (Cagliari); Pellegri
(Genoa); Higuain e Mandzukic (Juventus); Kalinic, Kessie' (1);
Cutrone e Suso (Milan); Zielinski (Napoli); Lasagna (Udinese).
- 1 rete: Caldara, Cornelius, Cristante e Ilicic (Atalanta);
Ciciretti (Benevento); Di Francesco, Donsah, Palacio e Verdi
(Bologna); Barella e Sau (Cagliari); Bastien, Birsa, Hetemaj,
Inglese e Pucciarelli (Chievo); Tuminello (Crotone); Astori,
Badelj, Chiesa, Gil Dias, Simeone, Pezzella e Veretout
(Fiorentina); Galabinov (1) e Laxalt (Genoa); Skriniar e Vecino
(Inter); Cuadrado (Juventus); Bastos, de Vrij, Luis Alberto e
Milinkovic-Savic (Lazio); Montolivo e Rodriguez (1-Milan);
Allan, Koulibaly, Insigne, Jorginho (1), Milik, Ghoulam e Rog
(Napoli); Kolarov e Nainggolan (Roma); Caprari e Zapata
(Sampdoria); Matri (1) e Sensi (Sassuolo); Borriello, Lazzari e
Rizzo (Spal); Baselli, Iago Falque e Obi (Torino); De Paul,
Jankto e Nuytinck (Udinese); Pazzini (1-Verona).
Autoreti:
- 1: Lucioni e Venuti (Benevento); Hetemaj (Chievo); Pjanic
(Juventus); Hallfredsson (Udinese); Souprayen (Verona).

 

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Letto 764 volte Ultima modifica il Mercoledì, 20 Settembre 2017 23:40
Stadio RossoBlu

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909  -  Email: stadio@laprovinciakr.it

Articoli correlati (da tag)

  • Calcio si riparte! Dal 20 giugno riprende il campionato di Serie A: stessa data probabile per la Bkt

    Calcio: si riparte dopo lo stop prolungato di tre mesi causa il contagio Covid-19. Il 20 giugno ripresa campionato, il 13 giugno le partite di Coppa Italia. Stesse date anche per la serie B. Il pitagorico Rutten rescinde consensualmente il contratto con la società.

  • Serie A pronta a tornare in campo, Serie B in difficolta'. Cuomo ricorda l'esordio al San Paolo

    La serie A pronta a ripartite, il ministro Spadafora ancora cauto sulla data, alcuni presidenti di serie B si dichiarano impossibilitati a rispettare il protocollo imposto alla serie A, ma vogliono che il campionato riprenda. Il giovane difensore pitagorico Cuomo all’attenzione di molte squadre.

  • La Serie A vuole ripartire, il ministro Spadafora frena: domani incontro con la Figc

    Le società di serie A hanno dato il loro “Ok” alla ripresa del campionato, a patto che dal Governo arrivi il via libera. Per “effetto domino” anche la serie B dovrebbe terminere la stagione, ma il ministro Spadafora frena e al Tg2 dichiara: «Al momento non do per certo né la ripresa degli allenamenti il 4 maggio né del campionato».  

  • Arriva il deferimento del Chievo che alimenta le speranze del Crotone per un possibile ripescaggio in serie A

    Il Crotone presenta il nuovo allenatore, Giovanni Stroppa, proprio nel momento in cui arriva la notizia del deferimento del Chievo, che alimenta le speranze della squadra rossoblu' di un possibile ripescaggio in serie A. I calabresi hanno concluso lo scorso campionato al terz'ultimo posto, con 35 punti, mentre i veneti sono arrivati tre posizioni piu' sopra, a quota 40. "Abbiamo appreso la notizia del deferimento del Chievo - ha detto il presidente del Crotone, Gianni Vrenna - e staremo attenti a quello che accadra'. Riserveremo attenzione a questa storia molto piu' che alle vicende del Parma perche' in questo caso siamo tirati direttamente in ballo noi. Approfondiremo subito la notizia".

     

  • Zenga: «Gol annullato contro il Cagliari e’ stato cruciale per la retrocessione, non ho ancora smaltito la rabbia»

    "Non ho ancora smaltito la rabbia per la retrocessione. Oggi leggevo l'intervista di Tagliavento, il suo piu' grosso errore non e' stato su Muntari ma contro di noi. Li' non c'era la Var. In Crotone-Cagliari, e non ho nulla contro il Cagliari, il gol che ci ha annullato a partita finita, controllando anche il video e' stato cruciale. Non ho nulla contro il Cagliari, ma e' stato un errore determinante, ci ha tolto due punti che potevano essere fondamentali. La Var e' uno strumento utile, li' ha sbagliato prima il guardalinee e poi soprattutto l'arbitro che va a rivedere e annulla lo stesso". Lo ha dichiarato l'ex allenatore del Crotone Walter Zenga, intervenuto ai microfoni di Radio Sportiva. "Anche a Verona col Chievo ci hanno annullato un gol dubbio: ma li' era a inizio gara, col Cagliari al 93esimo. Abbiamo fatto di tutto, non potevamo fare di piu' per salvarci. Ce la porteremo dietro per tanto tempo purtroppo, l'amarezza non si puo' smaltire. Crotone merita di stare in Serie A per calore, per affetto e anche per sportivita': mi dispiace che la mia presenza abbia accostato questa squadra alla Serie B" ha detto Zenga, ancora amareggiato per l'epilogo con la squadra calabrese. "Perche' non sono rimasto anche in B? Ci sono delle problematiche che non possono essere spiegate in pubblico, e poi dopo una retrocessione e' giusto cambiare. Una nuova avventura? Devo trovare la controparte e spero ci sia presto. Lavorare e' l'antidoto migliore per smaltire la rabbia. Contatti non ne ho avuti con nessuno, non lo so cosa succedera', l'esonero dalla Samp e quello al Wolverhampton mi hanno dato la forza per cambiare".

     

Corriere dello Sport di oggi - Zoom

Gazzetta dello Sport di oggi - Zoom

Tutto Sport di oggi - Zoom

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}