Top Ad metalcarpenteria

Palladino ringraziamenti e addio: «Lascio Crotone portandomi tante soddisfazioni, abbiamo sofferto e gioito insieme»

Pubblicato in Stadio
Martedì, 31 Gennaio 2017 17:44

Calciomercato, ufficiale Raffaele Palladino dal Crotone al Genoa. Nell'affare nessuna contropartita di giocatori (Gakpe' e Ninkovic non interessano al Crotone). Il trasferimento e' costato al Genoa 250mila euro. Il neogenoano arrivato nella citta' di Pitagora, novembre 2015, su richiesta del tecnico Juric e' stato tra i protagonisti della storica promozione in serie A. Importante il suo gol realizzato su calcio di rigore in quel di Modena che consentì al Crotone di conquistare il punto della matematica promozione. Nel campionato di Serie A Palladino e' stato impiegato in 19 partite con all'attivo due gol, contro Genoa e Pescara. La sua ultima apparizione domenica scorsa nella vittoriosa sfida-salvezza contro l'Empoli. L'attaccante, attraverso il sito internet dell'Fc Crotone, ha inviato una lettera ai tifosi. «Lascio Crotone portandomi dietro tante soddisfazioni - scrive il giocatore - la promozione in serie A, l'affetto dimostrato dai tifosi nei miei confronti. Abbiamo sofferto e gioito insieme anche nei momenti di maggiore difficolta'. Vi ringrazio di avermi accolto con affetto. Ringrazio la societa' che ha fatto di tutto per portarmi a Crotone, il tecnico Nicola, un vero professionista. La tifoseria e la citta' tutta merita la serie A. Ringrazio il ds Beppe Ursino». In precedenza avevano lasciato il Crotone Fazzi passato al Perugia, Salzano ingaggiato dal Bari, Cojocaru ceduto al Frosinone. In totale quattro uscite (Tonev interessa al Benevento) ed un solo arrivo, il centrocampista del Latina Agosty. Stasera alle ore 23.00 le ultimissime su eventuali altri arrivi nella famiglia pitagorica.  

Ciao Palladino, buona fortuna. Saltata la trattativa per Budimir, il Crotone punta tutto su Maxi Lopez del Torino

Pubblicato in Stadio
Martedì, 31 Gennaio 2017 17:38

Il Crotone saluta Palladino ceduto al Genoa a titolo definitivo. Il Genoa Cricket and Football Club comunica di aver acquisito a titolo definitivo da Fc Crotone il diritto alle prestazioni sportive dell’attaccante Raffaele Palladino, nato a Mugnano di Napoli il 17 aprile 1984. Per il giocatore si tratta di un ritorno nel club di calcio più antico in Italia, dove ha militato dal 2008 al 2011 collezionando complessivamente 66 presenze e 7 gol. Con il Grifone ha disputato la prima edizione di Europa League nella stagione sportiva 2009/10. Palladino ha sostenuto nel pomeriggio il primo allenamento con i compagni agli ordini di mister Juric. Intanto, secondo Sky sport, è saltata ufficialmente la trattativa tra Crotone e Sampdoria per riportare Budimir in Calabria. La società pitagorica punta adesso Maxi Lopez, centravanti del Torino classe '84 (ex Barcellona, Catania, Milan, Chievo e Sampdoria). Il club rossoblù ha già l'accordo col giocatore che avrebbe dato l'ok definitivo. Arriverebbe in prestito fino a giugno e ha accettato. Tuttavia, il Torino non ha dato il via libera perché non ha l'alternativa pronta. L'accordo tra le parti non c'è ancora.  L’attaccante ha collezionato otto presenze in Serie A quest'anno, nessun gol. Soltanto uno in Coppa Italia, il 18esimo in maglia granata (Maxi Lopez è al club dal gennaio 2015).

Calciomercato, primo colpo del Crotone: ufficializzato l'esterno Acosty. Palladino verso il Genoa?

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 27 Gennaio 2017 14:25

La Società FC Crotone annuncia un nuovo acquisto: Maxwell Acosty è ufficialmente un calciatore rossoblù. Venticinque anni, originario del Ghana, Maxwell è un’ala destra veloce e possente. Può giocare anche con grande efficacia come punta centrale o come ala sinistra. Vanta 115 presenza in Serie B con 11 gol e un’esperienza specifica anche in Serie A con le maglie di Chievo e Fiorentina. Per lui pronto un contratto triennale. Il calciatore raggiungerà immediatamente il resto della squadra. L’accordo è stato stipulato e concluso dal Club Manager Raffaele Vrenna, recatosi a Milano per seguire personalmente le trattative di mercato. Intanto, Ivan Juric, tecnico croato del Genoa, starebbe invece pensando al suo ex compagno di squadra proprio al Genoa (tra il 2008 ed il 2010) che ha allenato lo scorso anno a Crotone: Raffaele Palladino. L’esterno campano a Genova tornerebbe volentieri anche perché, secondo quanto riporta Gianluca Di Marzio sul proprio sito internet, oltre all'ingaggio come calciatore per i prossimi due o tre anni, il Genoa gli potrebbe offrire a fine carriera anche un contratto come collaboratore tecnico.

                                                                                                                                                                

Crotone pronto a giocarsi tutto nella trasferta di Milano. Palladino: «Siamo in crescita e possiamo competere con tutti»

Pubblicato in Stadio
Giovedì, 01 Dicembre 2016 17:31

Serie A 15.esima giornata, Milan – Crotone domenica 4 dicembre ore 12.30 stadio San Siro Meazza. La vicecapolista Milan e la penultima Crotone apriranno la domenica calcistica all’ora di pranzo (12.30). Sarà un incontro che risveglierà nella mente dei tifosi la prima storica sfida ufficiale tra le due squadre avvenuta martedì primo gennaio 2015 in occasione del quarto turno di Tim Cup. Lo storico evento, la forza dell’avversario, la grandezza dello stadio più importante d’Italia, non crearono allora alcuna timidezza ai pitagorici che affrontarono i più quotati avversari (guidati allora dal tecnico Mihajlovic) con il giusto piglio, fecero sì che la vittoria ottenuta dal Milan avvenisse sul finire del secondo tempo supplementare. A distanza di un anno, la sfida si ripete e questa volta sarà ancora più avvincente perché sul palcoscenico della serie A. Molti giocatori già avversari lo scorso anno potrebbero essere della prossima partita fin dall’inizio o in corso d’opera: Donnarumma, De Sciglio, Calabria, Suso, Poli, Locatelli, Bonaventura, Montolivo, Bacca, Adriano, Niag (Milan). Cordaz, Ferrari, Barberis, Martella, Palladino, Stoian, Capezzi (Crotone). Sarà anche una sfida nella sfida tra Lapadula ed i difensori pitagorici pensando al campionato di serie B della passata stagione. Allora l’attaccante rossonero militava nel Pescara e tra andata e ritorno bucò tre volte la porta del Crotone. Al termine di quel campionato di B Lapadula realizzò 27 gol piazzandosi al primo posto nella graduatoria dei marcatori. Contro l’Empoli, la scorsa giornata, ha messo a segno due dei quattro gol realizzati dal Milan e questo dimostra con quanta attenzione, se sarà in campo, dovrà essere controllato dai difensori rossoblù dall’inizio alla fine della partita. Mister Nicola potrà disporre nuovamente di Claiton, Nalini, ma non di Tonev operato al menisco, così come non è certa la presenza del difensore Mesbak uscito per infortunio nel corso della partita interna contro la Sampdoria. E per quanto riguarda il prossimo incontro abbiamo raccolto il parere dell’attaccante Palladino e del portiere Cordaz.

Palladino: «Il Milan è una grossa squadra costruita da un ottimo allenatore con giocatori bravi che in campo fanno la differenza. Stanno disputando un campionato da vice leader e lottano per lo scudetto alla pari della Juventus. Domenica prossima sul terreno del Meazza dobbiamo continuare a dimostrare che siamo in crescita e che possiamo competere contro tutti. Dobbiamo arrivare alle vacanze natalizie con qualche punto in più da conquistare sia in casa, sia in trasferta. Fisicamente stiamo bene ed è molto importante. Il calcio italiano è pieno di insidie e sorprese e questo ha un notevole significato a proposito del risultato finale di qualsiasi incontro. È un peccato che nelle ultime partite abbiamo perso nei minuti finali tanti punti, ma non è una nostra caratteristica, è dovuta al fatto che ci deconcentriamo verso la fine pensando che ormai è fatta per quanto riguarda la vittoria. In ogni caso siamo la squadra che ha più possibilità di salvezza rispetto alle altre che stanno in fondo alla classifica».


Cordaz: «Andiamo a San Siro per conquistare punti e non per fare una semplice apparizione. Sapevamo che in serie A non era come in B specialmente all’inizio essendo il Crotone una squadra inesperta della massima categoria. Attraverso il gioco e l’entità che abbiamo trovato nelle ultime giornate siamo in grado di risalire la classifica. Oltre Lapadula, che tutti noi già conosciamo per quello che ha fatto nel passato campionato, occorre tenere d’occhio anche gli altri componenti del Milan che sono pericolosi in ogni momento. Il campionato è ancora lungo e occorre giocarlo partita dopo partita a testa bassa contro chiunque fino al termine. Conquistare punti a San Siro sarebbe importante ma è ancora più importante ciò saremo capaci di fare nello scontro diretto con il Pescara all’Ezio Scida».

Per quanto riguarda le altre partite della quindicesima giornata saranno evase ancora una volta in quattro giorni con orari diversi per soddisfare le esigenze di SKY. Venerdì 2 dicembre in campo Napoli – Inter ore 20,45. Alla stessa ora, ma sabato 3 dicembre, sarà la volta di Juve – Atalanta.
Domenica 4 dicembre (ore 15.00) il derby capitolino Lazio-Roma; Pescara-Cagliari; Sampdoria-Torino; Sassuolo-Empoli; (ore 20.45) Fiorentina-Palermo (i rosanero saranno diretti dal nuovo tecnico Corini, De Zerbi esonerato). Lunedì 5 dicembre giù il sipario sulla quindicesima giornata dopo gli incontri Chievo-Genoa (ore 19.00) e Udinese-Bologna (ore 21.00).

 

 

 

Palladino ci crede: «Lo stadio e il calore dei nostri tifosi ci mancano, ma ci sono ancora 31 partite da disputare»

Pubblicato in Stadio
Mercoledì, 05 Ottobre 2016 20:10

Serie A, si riprende il 16 ottobre, ma il Crotone continua ad allenarsi a ritmi sostenuti. Raffaele Palladino crede nella risalita della squadra. Il rompete le righe per qualche giorno da parte del Crotone non c’è stato in coincidenza degli impegni della Nazionale maggiore. Anzi, mister Nicola ha intensificato il lavoro con la ripresa degli allenamenti (mercoledì 5). Sul terreno di località Margherita tutti presenti (tranne Mesbak) e motivati nell’attesa di tornare a giocare per i tre punti. La classifica dice che il Crotone è ultimo con un solo punto, un'attenta analisi delle prestazioni fatte dai rossoblù nelle sette partite autorizza ad affermare che qualche punto in più lo avrebbe meritato ed ora si parlerebbe del Crotone come una squadra in grado di conquistare il traguardo della salvezza. Come dice Raffaele Palladino nell’intervista che segue, ancora mancano trentuno partite che tradotte in cifre equivalgono a novantatre punti ed il Crotone è in grado di conquistare i punti della salvezza. «Stiamo lavorando bene – ha affermato Palladino - e la sosta arriva proprio per recuperare qualche acciacco fisico e prepararci bene per la prossima trasferta di Sassuolo. Il giudizio sul rendimento del Crotone deve essere commisurato a quello della prestazione di Cagliari con qualche accorgimento sul profilo della determinazione poiché paghiamo ancora dazio a qualche ingenuità. Nel complesso stiamo facendo dei miglioramenti partita continui, anche se moderati, dopo la partita di Bologna. Abbiamo un solo punto in classifica ma non siamo molto distanti dalle altre squadre che occupano la parte bassa. Il Pescara ha conquistato tre soli punti sul campo e l’Empoli ha vinto soltanto contro di noi. Il bicchiere lo dobbiamo considerare mezzo pieno. Sapevamo di affrontare un campionato difficile e sconosciuto a diversi della Rosa. Non dobbiamo mollare, ma impegnarci a crescere partita dopo partita. Io ci metterò del mio per dare sempre il massimo, i miei compagni sono determinati ed in febbrile attesa per la prima vittoria. Ho disputato molti campionati di serie A e partite come quelle di domenica scorsa persa immeritatamente contro il Cagliari ne ho giocate molte. Sono rimasto a Crotone perché credo nella salvezza. Non voglio mai perdere e, quando accade, anche durante gli allenamenti, m'innervosisco. Ho sofferto tanto a stare lontano dalla serie A e dopo esserci tornato voglio rimanerci. Mi dispiacerebbe veramente tanto perderla, perché ciò non avvenga metto in campo tutta la mia professionalità a disposizione dei ragazzi. Mi sento un crotonese per come sono trattato dai tifosi e per come mi hanno accolto fin dal primo giorno. Quest'affetto deve essere contraccambiato. Lo stadio e il calore dei nostri tifosi ci stanno mancando».

 

 

 

 

Palladino: 13 gol in 3 amichevoli. Doppietta anche ieri dell'attaccante nella partita in famiglia

Pubblicato in Stadio
Lunedì, 25 Luglio 2016 13:04

Venti giorni ancora e poi Crotone in campo (13 agosto) per la prima uscita ufficiale della Tim Cup il cui sarà essere una tra Hellas Verona, Foggia e Pontedera. Sul terreno dell'Hotel la Fattoria in Moccone la preparazione procede a ritmi sostenuti sotto le direttive del tecnico Nicola e di Stoppino per quanto riguarda la preparazione atletica. Le prime amichevoli, sempre in quel di Moccone, hanno evidenziato un Crotone ben affiatato in tutti i reparti pur considerando il valore tecnico alquanto modesto degli avversari. In evidenza piu' degli altri l'attaccante Palladino con tredici gol in tre partite. Al momento le varie formazioni messe in campo dal tecnico sono state un mix tra "vecchi' rossoblu' e nuovi arrivi. Cordaz, Claiton, Cremonesi, Ferrari (difensori), Salzano, Di Roberto, Capezzi, Barberis, Zampano Martella (centrocampisti), Stoian, Torromino, De Giorgio, Palladino (attaccanti) tutti protagonisti della promozione in serie A stanno evidenziando grande impegno per non farsi "scalzare" dai nuovi arrivati Ceccherini, Sampirisi, Nalini, Mazzarani, Tonev, Simeon (Simy). La concorrenza e' l'anima del commercio e nel calcio lottare per conservare il posto in squadra piace al tecnico che puo' contare su giocatori sempre motivati. L'ultimo dei tre test effettuati a Moccone nella giornata di domenica 24 luglio e' stato un incontro tra Crotone A e Crotone B che il tecnico ha voluto per constatare l'effettivo livello di preparazione raggiunto da tutti. Due tempi di tenta minuti ciascuno che ha visto di fronte le seguenti formazioni:

Crotone rossoblu': Cordaz, Ceccherini, Claiton, Ferrari, Sampirisi, Capezzi, Salzano, Martella, Tonov, Palladino, Stoian.

Crotone gialli: Festa, Zampano, Barberis, Bruno, Fazzi, Foresta, Mazzarani, Di Roberto, Nalini, Tripicchio, De Giorgio.

Hanno vinto i rossoblu' con la doppietta realizzata da Palladino che si sta confermando sempre piu' goleador di razza nella versione voluta da mister Nicola. All'incontro non ha preso parte l'attaccante Simeon (Simy) essendo arrivato a Crotone da qualche giorno. Ma in questo momento i tifosi piu' che parlare del valore della squadra (sono contenti di come sta procedendo il calciomercato) sono preoccupati per i lavori dello stadio Ezio Scida che ancora non iniziano per quanto riguarda la tribuna e la curva sud. In queste condizioni, affermano, se l'inizio dei lavori ritarda ancora quando si potra' giocare all'Ezio Scida? L'incontro di Tim Cup del 13 agosto sara' disputato lontano da crotone, la seconda di campionato contro il Genoa in programma all'Ezio Scida il 28 agosto difficilmente si potra' disputare sul terfeno amico. A questo punto la domanda nasce spontanea: riuscira' il Crotone a giocare all'Ezio Scida qualche partita di serie A? Il sogno della serie A e' divenuto realta'. Il sogno dello stadio a norma per la massima serie diventera' mai una realta'?     

(Foto: Raffaele Palladino)

Bentornato Raffaele Palladino! L'attaccante vestirà ancora la maglia rossoblù per altri due anni

Pubblicato in Stadio
Giovedì, 07 Luglio 2016 16:58

L’estro e il genio di Raffaele Palladino vestiranno ancora la maglia rossoblù e, questa volta, per altri due anni. Continua a tappe forzate il potenziamento della squadra pitagorica in previsione del prossimo campionato di serie A. Dopo l’arrivo dell’attaccante esterno Nalini dalla Salernitana e del difensore Ceccherini dal Livorno, unitamente alla conferma dei centrocampisti Capezzi e Fazzi attraverso la formula del riscatto, il duo Gianni Vrenna – Giuseppe Ursino (rispettivamente amministratore delegato e direttore sportivo), hanno “regalato” ai tifosi pitagorici quella che sarà la ciliegina sulla torta per la prossima stagione: Raffaele Palladino. Arrivato al Crotone nel dicembre 2015 dal Parma, il numero 14 rossoblù ha subito evidenziato simpatia per la città e per i tifosi. Non poteva essere diversamente per un giocatore meridionale (nato a Napoli il 1984) e cresciuto calcisticamente tra le fila di molte società italiane della massima serie tra cui la Juventus e con alcune presenze nella Nazionale maggiore. Palladino è stato alle dipendenze anche dell’attuale tecnico della Francia Deschamps quando il francese allenava la Juventus in serie B, campionato 2006/2007, in quell’occasione fu anche avversario del Crotone. Con la maglia rossoblù ha debuttato alla diciannovesima giornata (19 dicembre 2015) in quel di Latina, l'incontro è poi terminato in parità (2-2). In campo si è fatto notare per la sua classe, fornendo assist importanti ai suoi compagni nell’area avversaria. Non solo rifinitore, Palladino è stato anche uomo gol importante ai fini della promozione in serie A. La doppietta messa a segno alla trentesima giornata contro l’Ascoli ha permesso al Crotone di prendere il largo nei confronti delle inseguitrici. Ancora in gol contro il Pescara alla trentaduesima giornata. Il suo peso agonistico, Palladino, lo ha consacrato a Modena quando ha messo dentro dal dischetto il pallone del pareggio che ha significato promozione matematica in serie A. La società pitagorica ha così deciso di non lasciar andare via un giocatore con queste caratteristiche. Attorno a lui, la società intenderà costruire la squadra del prossimo campionato. Con il Crotone Raffaele Palladino ha firmato un contratto biennale con scadenza 30 giugno 2018. Il curriculum di Palladino afferma che è un’ala sinistra di grande esperienza. Potente e versatile, ha giocato anche come punta centrale e seconda punta, militando in carriera nelle linee di Benevento, Juventus, Salernitana, Livorno, Genoa, e Parma. Totali presenze in serie A 176 e 22 gol; in serie B 86 presenze con 27 marcature. Presenze anche in Coppa Italia, Europa League. Con la maglia azzurra nell’Under 21 di Claudio Gentile e nella Nazionale Maggiore tre presenze sotto la guida tecnica di Donadoni. In vista dell’immediato ritiro Palladino raggiungerà al più presto il resto della squadra.

 

Sabato la presentazione del nuovo tecnico Davide Nicola. Calciomercato che intanto va a rilento...

Pubblicato in Stadio
Martedì, 05 Luglio 2016 17:52

Quando mancano pochi giorni al ritiro di Moccone previsto sul finire della prossima settimana, la società pitagorica è in piena attività per consegnare al nuovo tecnico Davide Nicola la rosa al completo o quasi. Intanto, per sabato prossimo, presso la struttura del Best Western Hotel San Giorgio so terrà la presentazione alla stampa del tecnico Davide Nicola nato a Luserno San Giovanni (Torino) il 5 marzo del 1973. Come già detto in precedenza si tratta di un allenatore giovane e vincente, avendo lui conquistato la serie A con il Livorno. Poi, con la stessa squadra, è stato tecnico nella massima serie. In serie B ha anche diretto il Bari. Sul versante del calciomercato poche sono ancora le operazioni in entrata e uscita. La politica della società, rivelatasi sempre vincente negli anni, è procedere con oculatezza nel trasferire o ingaggiare giocatori. Al momento, esiste la certezza del trasferimento dell’attaccante Ante Budimir alla Sampdoria. In entrata l’ingaggio del ventiseienne attaccante esterno Andrea Nalini proveniente dalla Salernitana e dalla Fiorentina riscattati i centrocampisti Capezzi e Fazzi. In uscita, invece, le richieste da parte di diverse società della massima serie nazionale ed anche estere, sono numerose e riguardano in particolare i difensori Martella, Ferrari, Claiton, elementi di cui difficilmente la società si priverà, stando alle dichiarazioni del presidente Vrenna, per non smantellare l’intelaiatura della squadra che ha vinto il campionato. In entrata o è forse meglio dire conferma, quella di Raffaele Palladino che in questi giorni è in continuo contatto con la società per trovare l’accordo sulla continuità del rapporto con il Crotone anche per la prossima stagione.

 

 

 

  

 

Corriere dello Sport di oggi - Zoom

Gazzetta dello Sport di oggi - Zoom

Tutto Sport di oggi - Zoom

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}