Top Ad metalcarpenteria

Piove sul bagnato: frattura al quinto osso metatarsale del piede destro per Benali

Pubblicato in Stadio
Giovedì, 05 Aprile 2018 16:34

Il Football Club Crotone comunica che il calciatore Ahmad Benali, dopo un trauma a seguito di un contrasto di gioco rimediato durante la gara di ieri contro il Torino, è sottoposto a esami strumentali che hanno evidenziato la frattura al quinto osso metatarsale del piede destro. L’arto è stato già immobilizzato e si stanno valutando le strategie terapeutiche più opportune. Il centrocampista potrebbe star fermo per almeno due mesi, il che significherebbe stagione finita. La sfortuna perseguita il Crotone che aveva già perso Budimir sempre per un'altra frattura al metatarso, il terzo, anche se il croato potrebbe essere a disposizione di mister Zenga nuovamente per metà aprile.

«Siamo feriti e non morti, ma non e' possibile subire questi gol!»: la ''strigliata'' di mister Zenga nel finale di partita

Pubblicato in Stadio
Mercoledì, 04 Aprile 2018 21:11

"Siamo feriti ma non morti". Il tecnico del Crotone Walter Zenga fotografa cosi' ai microfoni di Sky l'attuale momento della sua squadra dopo la sconfitta di Torino. La squadra calabrese si e' presentata senza cinque titolari e dopo 10' Benali e' stato costretto ad uscire per un infortunio. Tuttavia, Zenga e' un po' deluso per "i due gol da calcio da fermo che mi hanno fatto arrabbiare molto, non e' possibile che una squadra come la nostra subisca questi gol. Poi Benali si e' fatto male seriamente purtroppo dopo 10' e ci gira male perche' appena e' uscito abbiamo preso gol. Abbiamo anche un po' di sfortuna, tuttavia domenica ci aspetta una gara fondamentale (contro il Bologna, ndr), occorre restare uniti, siamo feriti ma non morti. Non sono deluso perche' se trasmetto delusione diventa un casino e non va bene" ha detto l'ex portiere dell'Inter. "Lavoriamo sulle nostre prerogative, cercando di essere una squadra che sa di dover lottare fino all'ultima giornata, sapendo che queste due trasferte non ci hanno portato punti, ma abbiamo recuperato Tumminello e speriamo di recuperare anche gli altri".

 

Crotone esci dal tunnel: poker dei granata nel recupero della 27esima giornata, rossoblu' mai in partita

Pubblicato in Stadio
Mercoledì, 04 Aprile 2018 20:26

Serie A recupero 27esima giornata│Il Torino batte 4-1 il Crotone nel recupero della 27esima giornata di Serie A. I granata passano in vantaggio al 16° con Belotti, raddoppiano al 20° con Iago Falque e si portano sul 3-0 ancora con il "Gallo" Belotti che, poi, al 68°, cala anche il poker, siglando il 4-0, la tripletta personale e la rete numero 52 in granata. Al 90° Faraoni segna il 4-1 per i calabresi. In classifica il Toro si porta a 42 punti, il Crotone resta terzultimo a quota 24.

Tabellino.

Torino       4

Crotone     1

Marcatori: Belotti 16°, 36°, 67°, Lago Falque 20°, Faraoni 90°

Torino (3-4-1-2): Sirigu, Bonifazi, Burdisso, Moretti (Bongiorno), De Silvestri (Barreca), Rincon, Baselli (Obi), Ansaldi, Lago Falque, Ljajic, Belotti. All. Mazzarri

Crotone (3-5-2): Cordaz, Ceccherini, Ajeti, Sampirisi, Faraoni, Rohden (Crociata), Barberis, Benali (Zanellato), Pavlovic, Trotta (Tumminello), Simy. All. Zenga

Arbitro: Marco Guida (Torre Annunziata)

Giudici di linea: Valentino Fiorito (Salerno) – Ante Prenna (Molfetta)

Quarto giudice: Juan Luca Sacchi di Macerata

Var: Federico La Penna (Roma1) - Avar: Andrea Crispo (Genova)

Ammoniti: Faraoni, Rincon

Angoli: 5 a 3 per il Torino

Recupero: 2  minuti

La partita.

Non è arrivata la prestazione straordinaria, quella che fa dimenticare i precedenti risultati negativi e creano il giusto entusiasmo per guardare con più fiducia il traguardo della salvezza. Il Crotone non è riuscito a concretizzare contro il Torino nel recupero della 27esima giornata. Mister Zenga lo aveva ''predetto'' alla vigilia dell’incontro: “Continuiamo a giocare bene contro qualsiasi avversario, al netto di qualche eccezione, ma non raccogliamo punti sufficienti perché commettiamo degli errori evitabilissimi, sia in difesa, sia in attacco”. Contro i granata di mister Mazzarri (2 vittorie, 4 sconfitte nelle ultime sei giornate) gli errori non sono stati eliminati, anzi, si sono rivelati ancora più penalizzanti in fase di palle inattive. Assenti gli squalificati Capuano, Mandragora, Stoian e non potendo ancora utilizzare gli infortunati Nalini, Budimir e Simic, le novità iniziali hanno riguardato il ritorno di Rohden dopo un’assenza che durava dalla ventesima giornata, Pavlovic assente dalla partita interna contro l’Atalanta, Simy e Sampirisi. Crotone diverso fin dall’inizio dal solito 4-3-3. Ceccherini, Ajeti, Sampirisi trio davanti a Cordaz. Faraoni, Rohden, Barberis, Benali e Pavlovic in linea mediana con gli esterni Faraoni e Pavlovic a sostegno della difesa in fase di ripiegamento. Simy e Trotta, a comporre il duo d’attacco. Il Torino disegnato da mister Mazzarri ha schierato i nove/undicesimi vittoriosi a Cagliari. Le novità hanno riguardato Bonifazi, in sostituzione del difensore N'koulou, e Ljajic, al posto di Acquah. Dura esattamente sedici minuti la resistenza dei pitagorici nei confronti dei locali senza alcuna sofferenza. La capitolazione arriva in seguito a palla inattiva proveniente dalla bandierina: Cordaz respinge corto, concedendo a Belotti un invitante pallone da mettere dentro. Qualche minuto prima di subire il gol, Benali ha dovuto abbandonare il terreno di gioco per infortunio sostituito da Zanellato (prima presenza con la maglia del Crotone). Il pareggio sembrava cosa fatta dopo due minuti (18°) da parte di Trotta, ma Siricu ha respinto l’insidioso pallone calciato d'esterno sinistro dall'attaccante rossoblù. Pareggio mancato, gol subito. Il raddoppio arriva al ventesimo minuto per merito di Lago Falque che, da fuori area, fulmina Cordaz con un rasoterra alla sinistra di Cordaz. Il terzo gol è ancora merito di Belotti che lo realizza in seguito ad un’altra azione iniziata da palla inattiva. Gioca sul velluto il Torino contro un Crotone inesistente a centrocampo e in difesa, e con il duo d’attacco mai pericoloso in fase offensiva. L’unico brivido ai danni del Torino, nei primi quarantacinque minuti di gioco, lo provoca Simy che di testa manda il pallone sulla traversa. La ragnatela a centrocampo predisposta dal tecnico Zenga non ha prodotto gli effetti sperati. I centrocampisti granata hanno avuto vita facile. Silvestri, Rincon, Baselli e Ansaldi hanno sempre superato la metà campo senza particolari affanni. Il trequartista Ljajic ha continuamente fornito le punte Lago Falque e Belotti senza essere mai bloccato. Sotto la sufficienza il trio difensivo pitagorico, poco ermetico nella propria area di rigore. Un brutto Crotone nella prima parte dell’incontro. Nessun cambio di passo nella ripresa da parte del Crotone. Il Torino si preoccupa soltanto di mantenere il possesso palla, senza forzare nelle giocate. Lenti i pitagorici nel cercare di conquistare il pallone e, in fase d’attacco, soltanto qualche tiro da fuori area da parte di Trotta senza alcuna pretesa tra il cinquantesimo e il sessantacinquesimo minuto, ovvero prima del quarto gol del Torino realizzato da Belotti in ripartenza. Ottantesimo minuto annullato il gol di Ajeti per fuori gioco dello stesso giocatore. Il gol della bandiera arriva al minuto novanta e lo realizza Faraoni. Seconda quaterna subita dal Crotone sotto l’egida di Walter Zenga, dopo quella contro la Lazio. Pitagorici ancora al terzultimo posto a due lunghezze dalla Spal. Torino a ridosso dell’Europa League dopo quest’ultimo e ampio successo. Molto lavoro aspetta mister Zenga a otto partite dalla fine del campionato. La svolta per invertire la rotta dei risultati negativi non c’è stata ancora e domenica all’Ezio Scida arriva il Bologna. Parlare di sconfitta per le assenze non è il caso.   

 

 

Zenga alle prese con la formazione: «Col Toro occorrera' una prestazione straordinaria». Infortunio per Niang

Pubblicato in Stadio
Martedì, 03 Aprile 2018 19:25

Serie A recupero 27esima giornata│Torino-Crotone stadio Olimpico Grande Torino mercoledì 4 aprile ore 18.30. Crotone senza gli squalificati Capuano, Mandragora, Stoian ai quali si aggiunge Nalini non ancora in perfette condizioni fisiche. Niente Crotone per M'Baye Niang. L'attaccante del Torino non e' stato convocato da Mazzarri per il recupero di campionato, in programma domani pomeriggio al Grande. Un affaticemnto muscolare in allenamento ha fermato l'attanccante.

Probabili formazioni:

Torino (4-3-3): Sirigu, De Silvestri, Nkoulou, Lyanco, Ansaldi, Baselli, Acquah, Obi, Lago Falque, Belotti, Ljajic. All. Mazzarri

Crotone (4-3-3): Cordaz, Faraoni, Ajeti, Ceccherini, Martella, Sampirisi, Benali, Barberis, Ricci, Crociata, Trotta, . All. Zenga

Arbitro: Marco Guida (Torre Annunziata)

Giudici di linea: Valentino Fiorito (Salerno) – Ante Le Prenna (Molfetta)

Quarto giudice: Juan Luca Sacchi di Macerata

Var: Federico La Penna (Roma1) - Avar: Andrea Crispo (Genova)

Il pre-partita.

Le assenze per squalifica di Capuano (difensore), Mandragora (centrocampista), Stoian (attaccante) e la indisponibilità per motivi fisici di Nalini, costringono il tecnico Walter Zenga a cambiare la formazione in tutti i reparti contro un Torino che sta attraversando un buon momento di forma. La scelta degli undici pitagorici per interrompere la striscia delle sconfitte e conquistare punti importanti in occasione del prossimo recupero è ridotta a poche variabili. In sostituzione del centrale Capuano sarà schierato l’albanese Ajeti insieme a Ceccherini e con Martella a sinistra e Faraoni a destra per completare il quartetto difensivo. Sistemata la difesa, mister Zenga sembra orientato a mandare in campo un centrocampo a quattro con Sampirisi a destra, Barberis e Benali interni, Crociata a sinistra, per una maggiore copertura nel reparto mediano. Duo d’attacco Ricci, Trotta. Indipendentemente da chi scenderà in campo, dovrà essere un Crotone che deve riprendere a fare punti per non perdere il treno del quartultimo posto. In casa del Torino, escluso l'infortunio dell'ultimora a Niamng, nessun problema per il tecnico Mazzarri a proposito della formazione, ma soltanto qualche turno di riposo concesso ai suoi a causa degli incontri ravvicinati. Il trio d’attacco Lago Falque, Ljajic e Belotti sarà in campo. A centrocampo fuori Rincon sostituito da Acquah. Novità anche in difesa con Ansaldi fuori ed al suo posto Molinari. Mister Zenga alla vigilia dell’incontro: “Non mi preoccupano i prossimi avversari per ciò che hanno fatto a Cagliari il precedente turno (vittoria 4-0 a favore dei granata, ndr) – ha dichiarato Zenga –, ma sapere se abbiamo capito gli errori commessi a Firenze e siamo in condizioni di non ripeterli nella prossima partita con un diverso atteggiamento. Subire il gol ci può stare, quello che fa male è fallire le occasioni per segnare”. Pensando al nazionale Belotti, prossimo avversario del Crotone e anche a chi, tra i rossoblù, lo dovrà controllare, mister Zenga ha affermato: “Il Torino non è solo Belotti, si tratta di una squadra che ha ottima organizzazione di gioco in tutti i reparti. La vittoria di Cagliari è la dimostrazione. Di fronte ad un simile avversario il Crotone ha i numeri per dire la sua in campo purché si comporta come in altre occasioni quando ha approcciato bene l’incontro fin dall’inizio. Abbiamo altri difficili incontri ravvicinati dopo Torino – ha detto Zenga – e pensando a questo dobbiamo curare con attenzione ogni minimo particolare. Il gol è importante, sia per il risultato, ma anche per il morale del giocatore e di tutta la squadra. Il Crotone è alla ricerca della prestazione straordinaria che ancora non è arrivata. È arrivata quasi con la Sampdoria, poteva arriva contro la Roma se avessimo messo in campo la giusta determinazione nei momenti clou”.

La lega di Serie A comunica il calendario dei recuperi dell'ottava giornata di ritorno: si gioca 3 e 4 aprile

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 09 Marzo 2018 11:01

Tre gare al martedi' e tre al mercoledi', in attesa di stabilire la data del derby di Milano. La Lega di serie A comunica il calendario dei recuperi dell'ottava giornata di ritorno, dove sette gare sono state rinviate a seguito della tragedia che ha colpito il mondo del calcio con l'improvvisa scomparsa di Davide Astori. Martedi' 3 aprile alle 18.30 si giocheranno Atalanta-Sampdoria, Genoa-Cagliari e Udinese-Fiorentina; mercoledi' 4 aprile sara' la volta di Benevento-Verona alle 17 e Chievo-Sassuolo e Torino-Crotone alle 18.30. Due variazioni nel programma dell'undicesima giornata di ritorno, vista la richiesta formulata dall'Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive di posticipare l'orario di Chievo-Samp, a causa di un concomitante evento cittadino con grande richiamo di pubblico: la gara del Bentegodi si giochera' sempre il 31 marzo ma alle 18, anziche' alle 15; anticipata di tre ore Cagliari-Torino, inizialmente programmata alle 18. Per quanto riguarda invece la 12esima di ritorno, Spal-Atalanta slitta da venerdi' 6 a sabato 7 aprile, con calcio d'inizio alle 18.

 

Tegola per il Crotone: frattura al piede sinistro per Ante Budimir dopo un contrasto durante la rifinitura

Pubblicato in Stadio
Martedì, 06 Marzo 2018 14:15

Tegola per il Crotone. "Ante Budimir, dopo un trauma a seguito di un contrasto di gioco rimediato durante la rifinitura, al ritorno dalla trasferta piemontese e' stato sottoposto ad esami strumentali che hanno evidenziato la frattura del terzo metatarso del piede sinistro - si legge in una nota del club - L'arto e' stato gia' immobilizzato e si stanno valutando le strategie terapeutiche piu' opportune".

Infermeria affollata per mister Zenga alla vigilia della trasferta di Torino: out Stoian, Cordaz, Simic, Simy, Benali, Barberis e Rohden

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 02 Marzo 2018 18:36

Serie A 27esima giornata│Torino-Crotone stadio Olimpico domenica 4 marzo ore 15.  Zenga spera nel recupero di qualche acciaccato.

Probabili formazioni:

Torino (4-3-3): Sirigu, De Silvestri, Nkoulou, Lyanco, Ansaldi, Baselli, Acquah, Obi, Falque, Belotti, Niang. All. Mazzarri

Crotone (4-3-3): Cordaz, Sampirisi, Ceccherini, Capuano, Martella, Benali (Ricci), Barberis (Ajeti), Mandragora, Trotta, Budimir, Nalini. All. Zenga

Arbitro: Claudio Gavillucci di Latina

Giudici di linea: Pasquale De Meo (Foggia) – Valentino Fiorito (Salerno)

Quarto giudice: Juan Luca Sacchi di Macerata

Var: Paolo Silvio Mazzoleni - Avar: Andrea Crispo

Inizia da Torino il tour de force che il Crotone dovrà affrontare in chiave salvezza nelle prossime quattro giornate (due da disputare in casa e due in trasferta). Dopo Torino, il calendario della Serie A prevede per i rossoblù la doppia sfida casalinga contro Sampdoria e Roma e poi di nuovo lontano dallo Scida per affrontare la Fiorentina. Un passo alla volta, affermano sia il tecnico che i pitagorici: «Adesso è il momento di pensare al prossimo incontro che stiamo preparando per recuperare qualche punto perso in precedenza». Sarà la sfida della resurrezione quella che si giocherà domenica prossima tra Torino e Crotone sul terreno dell’Olimpico? Come in altre occasioni si annuncia una buona presenza di tifosi provenienti da altre città del Piemonte e della Lombardia che confluiranno a Torino per sostenere lo Squalo. Non mancano alcuni interrogativi a proposito dell’undici pitagorico che dovrà scendere in campo fin dall’inizio. Da notizie provenienti dall’infermeria sono indisponibili fisicamente Stoian, Cordaz, Simic, Simy, Benali, Barberis e Rohden. Ancora però mancano due giorni all’incontro ed i miracoli terapeutici sono possibili. In ogni caso non mancano i sostituti quali Izco, Zanellato, Pavlovic, Ajeti, Ricci. Gli ultimi due in sostituzione di Benali e Barberis se non dovessero farcela. Trio d’attacco con Nalini a sinistra, Budimir al centro, Trotta a destra. Il consueto modulo 4-3-3 che Zenga non intende cambiare. Mister Mazzarri dovrà fare a meno del difensore Burdisso squalificato al cui posto giocherà Lyanco. Conferma di Acquah a centrocampo per l’indisponibilità fisica di Rincon. Per il resto nessun altro cambio nel rispetto del 4-3-3 con De Silvestri difensore destro, Nkoulou e Lyanco difensori centrali, Ansaldi difensore sinistro. Baselli, Acquah, Obi centrocampisti. Falque, Belotti, Niang trio d’attacco. Il commento di mister Zenga sul prossimo incontro: «I gol che subiamo dipendono anche da come si difende tutta la squadra. Guardare soltanto i gol subìti significa vedere il bicchiere mezzo vuoto per eventi casuali che potremo definire “sfortuna”. Di gol su azione di gioco, la mia squadra ne ha subìto solo uno nelle ultime partite contro la Spal. Questo dimostra che la squadra si comporta in maniera positiva nel corso dell’incontro». Del Torino che ha perso le ultime due partite e rincorre l’Europa league, il tecnico pitagorico ha dichiarato: «L’auspicio di ogni squadra è quello di raggiungere determinati obiettivi, fissando una scadenza e mettendo in essere un determinato lavoro quotidiano. Poi ci sono gli imprevisti non programmabili durante la gara che fanno saltare ogni previsione. Se si vince è comunque un’ottima squadra, se si perde è stata messa in campo una pessima formazione. Ciò che conta è il risultato finale». La minima distanza che esiste tra il Crotone e la terzultima non è vista come un problema dal tecnico: «Il nostro obiettivo è la salvezza, indipendentemente dal distacco che riusciamo ad infliggere a chi ci sta dietro. Attualmente abbiamo gli stessi punti di vantaggio (uno) di quando ho preso in mano la squadra.  Con un briciolo di “fortuna” in più avevamo un’altra classifica». Sulle condizioni fisiche di qualche suo uomo mister Zenga non è preoccupato potendo contare su un’ampia rosa: «Non mancano gli acciaccati che sono aumentati dopo la partita con la Spal. Esiste la soluzione anche se Stoian, Festa, Cordaz, Simic, Barberis, Simy, Rohden, sono out. Ho la massima fiducia nei confronti di tutti». L’attaccante Nalini, tra i più in forma della squadra, sempre in campo nelle ultime cinque partite, a proposito della prossima sfida ha dichiarato: «Ogni giorno lavoriamo per fare bene contro qualsiasi avversario. Il calcio è fatto anche di momenti negativi per quanto riguarda il risultato. Non ci scoraggiamo di fronte a delle sconfitte immeritate e continuiamo a pensare al traguardo della salvezza che al momento stiamo concretizzando». Nalini attribuisce le buone prestazioni personali grazie al lavoro del tecnico: «Mister Zenga mi ha trovato la giusta posizione in considerazione delle mie caratteristiche. Contro il Torino non sarà una partita facile per il valore degli avversari. Nonostante ciò, non escludiamo la possibilità di conquistare un risultato positivo. La passata stagione abbiamo pareggiato in rimonta disputando una buona gara. Vogliamo ripeterci anche domenica prossima. È il modo migliore per dimenticare le due precedenti sconfitte». A proposito dei tifosi Nalini ha detto: «Ii nostri tifosi continuano ad incoraggiarci anche dopo qualche sconfitta e questo per noi non è poca cosa». Poi a proposito del gol che ancora non ha realizzato l’attaccante ha dichiarato: «Se realizzo la mia prima marcatura della stagione andrò ad esultare davanti alla telecamera».   

Tripletta di Simy alla Primavera: Zenga continua a preparare il match di domenica in trasferta a Torino

Pubblicato in Stadio
Giovedì, 01 Marzo 2018 20:17

Allenamento pomeridiano per il Crotone di Walter Zenga che continua a preparare il match di domenica in trasferta a Torino. Zenga ha diviso il gruppo in due: lavoro di recupero fisico per la maggior parte dei titolari di domenica contro la Spal; partitella di allenamento (due tempi da 40 minuti ciascuno) contro la Primavera per il resto della rosa. Per la cronaca, sono state 10 le reti messe a segno dalla prima squadra: tripletta per Simy, doppiette per Budimir e Ajeti e un gol a testa per Crociata, Trotta e Zanellato. Per quanto riguarda l'infermeria Ricci migliora e ha giocato qualche minuto della partitella mentre da valutare sono le condizioni di Rohden, uscito malconcio a circa 15 minuti dalla fine. Presenti alla seduta anche Ceccherini e Mandragora (che e' andato anche a segno nel test contro la Fiorentina Primavera) tra i protagonisti nei giorni scorsi dello stage della Nazionale Italiana di Di Biagio. Di ritorno da Coverciano, i due calciatori del Crotone hanno parlato ai microfoni di Fctv: "E' stata sicuramente una bellissima esperienza perche' la Nazionale lascia sensazioni e ricordi bellissimi, ma ora la nostra testa e' solo al campionato e al prossimo avversario, il Torino".

 

Tim cup, Crotone gia' al lavoro per l'incontro di giovedì col Genoa: allenamento in palestra prima della partenza da Torino

Pubblicato in Stadio
Lunedì, 27 Novembre 2017 20:53

Tim Cup: il quarto turno tra Genoa e Crotone si disputerà giovedì 30 novembre allo stadio Ferraris alle ore 21. Arbitro sarà Gianluca Manganiello di Pinerolo assistito da Alberto Santoro di Messina e Emanuele Prenna di Bisceglie. Qurto giudice Antonello Balice ci Termoli. La sfida numero due a distanza di dieci giorni tra i tecnici Nicola (Crotone), Ballardini (Genoa). Al momento conduce uno a zero il tecnico ligure essendosi aggiudicato (0-1) sul terreno dello Scida l'incontro della tradicesima giornata. Pensando al prossimo impegno mister Nicola non ha perso tempo e, subito dopo l'incontro della quattordicesima giornata in quel di Torino contro la Juventus, ha sottoposto i suoi ad un intenso allenamento presso la struttura del ritiro di Torino. Allenamento in piscina per chi ha giocato, palestra per gli altri. La squadra è rientrata a Crotone nel pomeriggio di lunedì e da martedì allenamenti presso la struttura dell'Antico Borgo. Casualità degli accoppiamenti di Tim Cup, se il Crotone supera il quarto turno dovrà affrontare la Juventus.

PAGELLE│Rodhen e Martella portano in vantaggio i rossoblù, Cordaz ancora "paratutto": loro i protagonisti del pareggio col Toro

Pubblicato in Stadio
Domenica, 15 Ottobre 2017 18:22

Crotone(4-4-2):

Cordaz, (7) il portierone, anche questa volta, ha fatto miracoli tra i pali, dimostrandosi una sicurezza. Purtoppo ha subìto due reti a causa dei suoi difensori che in alcune fasi della partita hanno dimostrato stanchezza e imprecisione nel ripartire.

Sampirisi, (6) non era facile interrompere le azioni dei Granata, sulla sua fascia ha avuto a che fare con il migliore uomo in campo nella persona di Liajic che ha messo più volte in difficoltà la difesa pitagorica.

Ajeti, (6) è una colonna insostituibile, ha saputo reggere fino all’ultimo agli attacchi del Toro che però hanno prevalso nel gioco areo.

Ceccherini, (6) stessa cosa di Ajeti entrambi rappresentano le colonne portanti della difesa.

Martella, (6,5) è ritornato davvero quello che effettivamente vale, tanto da arrivare alla realizzazione della seconda rete che ha riacceso l’entusiasmo. Purtroppo il Torino è riuscito a pareggiare con De Silvestri lasciato in area in solitudine.

Rohden, (6,5) eccellente nell’interdizione con i suoi compagni di linea, sempre presente nelle azioni offensive più pericolose.

Mandragora, (5,5) una partita incolore che lo ha visto sempre fuori posto, o troppo avanti, o troppo indietro, fuori della traiettoria del pallone

Barberis, (6) senza infamia e senza lode ha fatto la sua parte in maniera sufficiente

Stoian (Faraoni), (7) il migliore in assoluto dei rossoblù: è un trascinatore nato e riesce a mantenere alta la linea offensiva dando respiro così sia al centrocampo che alla difesa.

Trotta (5) (Nalini (6), fisicamente a terra, ma è lui ad aprire su Rohden per la prima rete del Crotone. È stato sostituito da Nalini che ha dato più dinamicità all’attacco.

Simy (5,5) (Budimir S.). Simy si è dannato l’anima, ma ha dimostrato di non reggere il confronto con la difesa avversaria. Spesso è finito a terra, forse ha bisogno di essere aiutato a rafforzare la sua stabilità fisica.

All. Nicola 6

 

Torino(4-2-3-1):

Sirigu,(6) svolge un compito d'ordinaria amministrazione, incolpevole sulle due reti subite.

Di Silvestri, (6,5) a lui il merito della rete che ha regalato il pareggioo allo scadere dei granata con una gran girata di testa su calcio d'angolo.

N’Koulou, (6) un difensore granitico, insuperabile sui palloni alti.

Moretti, (6) la sua posizione si è rivelata molto utile al gioco di centrocampo da cui la maggiori ripartenze sono partite assieme a Molinaro.

Molinaro, (6) ottima intesa con il compagno di linea, insieme hanno fornito palloni su palloni a Baselli e Liajic

Rincon (Boye'), (5) una partita da dimenticare per lui nonostante, su quei pochi palloni giocati, abbia dimostrato un gran valore tecnico.

Baselli, (6,5) l’anima centrale del gioco di interdizione tra difesa ed attacco.

Lago Falque, (6) ottimo elemento che ha portato i granata al pareggio con una rete su cui non c’è stato proprio nulla da fare per Cordaz.

Ljajic, (7) il migliore in campo in senso assoluto ha trascinato la sua squadra nei momenti più difficili portandola ad un meritato pareggio.

Niang, (6) sullo stesso tenore di Baselli e Liajic ha dimostrato di avere una tecnica raffinata che è servito alla causa del pareggio. Da ricordare che è stato ben guardato dai difensori crotoniati.

Sadiq, (6,5) veloce e scattante reo di aver mancato una buona occasione per andare a rete.

All. Mihajlovic (6)

 

Arbitro: Paolo Valeri (Roma 2) 5,5

 

Pagina 1 di 2

Corriere dello Sport di oggi - Zoom

Gazzetta dello Sport di oggi - Zoom

Tutto Sport di oggi - Zoom

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}