LE PAGELLE│E' un Crotone tutto da ricostruire: i rossoblu' sono ancora sotto la sufficienza

Pubblicato in Stadio
Domenica, 20 Gennaio 2019 11:06

CROTONE (3-5-2):

Cordaz, 6 Tutti i due tempi non operoso solo un paio d’interventi alla sua nota maniera

Sampirisi, 6 Sembra riprendersi abbastanza rispetto alle ultime giornate giocate un po’ sotto tono.

Vaisanen, 6 Ha condotto una partita con grande impegno raggiungendo più degli altri colleghi di linea la sufficienza.

Marchizza, 6 Anche lui non si è risparmiato sul piano dell’agonismo.

Rohden , 5  Tecnicamente valido ma corre corre a vuoto senza reale costrutto. Al 30’ sostituito da Benali (6). Un'entrata felice da cui sono partiti i lanci giusti per un attacco che non c’è. Delusione per il giallo rimediato ed è di nuovo riposo per lui per la partita di Foggia giacché ha subito una giornata di squalifica per seconda diffida.

Barberis, 5 Un tran tran il suo che non porta da nessuna parte.

Molina, 5 Molto mobile nella parte iniziale del match, ma poi, piano piano, si è perso nel grigiore generale della partita.

Firenze, 6 Pasticcione, tira verso la porta avversaria da ogni postazione e questo è un bene, ma va quasi sempre fuori bersaglio. A lui la sufficienza perché è il solo che fa arrivare la sfera verso la porta avversaria. Al 22’ viene sostituito da Kargbo (6). Un esordio positivo che ha dato una lieve dinamicità nelle ripartenze dei pitagorici.

Martella, 6 È l’unico difensore che sa quello che deve fare sulla sua fascia laterale quello di fermare l’azione dell’avversario per poi ripartire fornendo dalla sua postazione palloni d’oro agli attaccanti crotoniati, purtroppo i suoi suggerimenti sono puntualmente disattesi.

Zanellato, 6 Elemento con ottime caratteristiche tecniche, occorre però trovare una più giusta posizione nell’interdizione con i compagni.

Simy. 6 Parte, riparte, e poi spinge, poi si muove a braccia aperte e ancora aiuta la difesa ritorna all’attacco con una tale foga che alla fine non sa nemmeno lui cosa fare. Il suo modo di muoversi attira l’attenzione degli avversari giusto per stenderlo a terra.

All. Stroppa 6 Una squadra messa in campo con un certo criterio di sistema per creare opportunità di rete, ma poi le giocate li fanno quelli che scendono nel rettangolo di gioco ed a dire il vero questo Crotone non ha le caratteristiche di un gioco consono alle esigenze di classifica e di spettacolo. Si spera che nella ricomposizione di gennaio si possa ottenere una formazione adeguata per uscire dal pantano sempre più pantano dove è andata a cacciarsi la squadra del signor Gianni Vrenna.

CITTADELLA (4-3-2-1):

Paleari, 6 Praticamente in attivo per tutte i due tempi. Poco le azioni pericolose da sventare.

Ghiringhelli, 6  La sua calma e precisione alla fine gli hanno dato ragione. Un po’ scorretto in alcune azioni.

Adorni, 6 Con un attacco asfittico come quello dei pitagorici non poteva fare che bella figura.

Diaw, 5 Molto nervoso e falloso fino al punto da rimediare il cartellino giallo. Sostituito da Panico al 20’, senza cambiare la situazione di gioco.

Cancellotti, 6 Difensore tenace ed equilibrato.

Proia, 6 Dispendioso il suo lavoro ma viene sostituito da Settembrini (6).

Iori, 6 Intercetta le folate dei rossoblù e diventa prezioso negli appoggi.

Branca, 6 Ordinata la sua posizione, svolge un sufficiente ruolo di ancoraggio con i colleghi di linea.

Siega, 6 È proprio lui al 10’ minuto che apre le danze sparando un tiro da lunga distanza verso la porta di Cordaz.

Finotto, 5 Poco incisivo all’attacco meno di più nell’aiutare a mantenere la squadra alta.

Camigliano, 5 Tanto lavoro ma senza costrutto e pure falloso, tanto per finire con la sua sostituzione da parte di Drudi (s.v.).

 All. Venturato: 5 Ha avuto lo stesso problema di Stroppa. Schierata la squadra con una difesa a quattro si è poi allungata ed accorciata nella stessa maniera dei pitagorici. Il volume di gioco si è svolto nel solo arco dei 30 metri di distanza, dimenticando le altre misure del rettangolo di gioco. Insomma come una partita da dilettanti. A loro la palma di aver saputo girare palla meglio dei crotoniati.

 

Arbitro: Antonio Di Martino di Teramo (6) Ha sbagliato poco rispetto a quello che si vede in giro nella categoria degli arbitri.

Assistenti: Di Gioia - La Notte

Quarto giudice: Manuel Robilotta di Sala Consilina

Ammoniti: Diaw, Camigliano, Kargbo, Settembrini, Benali

 

La lenta risalita del Crotone: finisce a reti inviolate allo Scida contro il cittadella

Pubblicato in Stadio
Sabato, 19 Gennaio 2019 21:43

Serie BKT 20esima giornata | Pareggio a reti inviolate del Crotone che serve poco alla causa della salvezza. Necessita un bomber che sappia concretizzare le occasioni da gol.

Tabellino.

Crotone     0

Cittadella   0

Crotone (3-5-2): Cordaz, Sampirisi, Vaisanen, Marchizza, Rohden (Benali), Barberis, Molina, Firenze (Kargbo), Martella, Zanellato, Simy. All. Stroppa

Cittadella (4-3-2-1): Paleari, Ghiringhelli, Adorni, Diaw (Panico), Cancellotti, Proia (Settembrini), Iori, Branca, Siega, Finotto, Camigliano (Drudi). All. Venturato

 Arbitro: Antonio Di Martino di Teramo

Assistenti: Di Gioia - La Notte

Quarto giudice: Manuel aRobilotta di Sala Consilina

Ammoniti: Diaw, Camigliano, Kargbo, Settembrini, Benali

Angoli:

Recupero:

Spett. tot. 5.979 € 34.142; biglietti 1.815 € 4.075; abbonati 4.164 rateo € 30.067

La partita.

Il Crotone nuova formato interrompe la serie delle sconfitte, ma continua a non sapere vincere. L'ultima vittoria (2-1) è stata contro il Padova ottava giornata. Il cambio di qualche pedina e il ritorno del tecnico Stroppa in panchina al momento non ha sortito l'effetto sperato. La prima "finale", così il tecnico degli squali ha definito tutti i prossimi incontri del Crotone, è stata evasa per metà tra l'entusiasmo del numeroso pubblico e la consapevolezza di tutti i pitagorici, quelli scesi in campo dall'inizio e in corso d'opera, di poter ancora competere ed nel prosieguo del campionato contro qualsiasi avversario. Non tragga in inganno il risultato, i veneti hanno evidenziato qualità e agonismo come si conviene ad elementi che lottano per la promozione. La svolta in positivo dei locali, tanto conclamata per tutto il girone d'andata, è arrivata. Non è mai troppo tardi, le partite per rimettere a posto la classifica sono ancora tante. Contro il Cittadella non c'è stata la classica vittoria arrivata con il solito gol scaturito per caso, ma nemmeno in seguito ad una prestazione oltre la sufficienza dell'intera squadra. La formazione iniziale mandata in campo dal tecnico Stroppa comprendeva i sei/undicesimi che bene avevano fatto ad Ascoli nell'ultimo incontro del girone d'andata. In sostituzione di Faraoni, ceduto al Verona, è tornato Martella. Fuori il portiere Festa, dentro Capitan Cordaz. Gli altri  cambi hanno riguardato Sampirisi per Valietti, Marchizza al posto di Cuomo, ed all'ultimo momento per motivi fisici sostituito Nalini con Zanellato. Diversa formazione anche per il Cittadella rispetto a quella sconfitta in casa dal Palermo. Fuori Benedetti, Settembrini, Drupi, Panico. Dentro Diaw, Cancellotti, Proia, Camigliano. Buon Crotone nel primo tempo. Diversamente dai precedenti incontri, le distrazioni sono avvenute nell'area avversaria. In più ocasioni il Crotone poteva passare in vantaggio, con Rohden al secondo minuto e poi con Firenze al ventunesimo (il pitagorico ha cercato il numero ma ha falito il gol). Al minuto trentasei Simy calcia addosso al portiere e si ripete al quarantacinquesimo in una situazione ancora più facile. Cittadella alquanto falloso e con l'espediente della perdita di tempo da parte del portiere Paleari, e falloso con Ghiringhelli e Diaw. Crotone con Zanellato davanti alla difesa, Molina e Firenze sulle fasce, Rohden al fianco di Simy. Poche azioni da gol nella ripresa da parte dei pitagorici. La mancanza di un vero bomber tra le fila del Crotone si nota. L'ingresso di Kargbo al posto del "prosuntuoso" Firenze non cambio il potenziale offensivo. Minuto settantatre arriva per Benali il tanto atteso rientro in formazione con l'intento di elevare la spinta offensiva della sua squadra. La delusione della non vittoria col passare dei minuti blocca gli uomini di mister Stroppa si accontentano del pareggio.

 

 

 

 

 

La lenta risalita del Crotone: finisce a reti inviolate allo Scida contro il cittadella

Pubblicato in Stadio
Sabato, 19 Gennaio 2019 21:43

Serie BKT 20esima giornata | Pareggio a reti inviolate del Crotone che serve poco alla causa della salvezza. Necessita un bomber che sappia concretizzare le occasioni da gol.

Tabellino.

Crotone     0

Cittadella   0

Crotone (3-5-2): Cordaz, Sampirisi, Vaisanen, Marchizza, Rohden (Benali), Barberis, Molina, Firenze (Kargbo), Martella, Zanellato, Simy. All. Stroppa

Cittadella (4-3-2-1): Paleari, Ghiringhelli, Adorni, Diaw (Panico), Cancellotti, Proia (Settembrini), Iori, Branca, Siega, Finotto, Camigliano (Drudi). All. Venturato

 Arbitro: Antonio Di Martino di Teramo

Assistenti: Di Gioia - La Notte

Quarto giudice: Manuel aRobilotta di Sala Consilina

Ammoniti: Diaw, Camigliano, Kargbo, Settembrini, Benali

Angoli:

Recupero:

Spett. tot. 5.979 € 34.142; biglietti 1.815 € 4.075; abbonati 4.164 rateo € 30.067

La partita.

Il Crotone nuova formato interrompe la serie delle sconfitte, ma continua a non sapere vincere. L'ultima vittoria (2-1) è stata contro il Padova ottava giornata. Il cambio di qualche pedina e il ritorno del tecnico Stroppa in panchina al momento non ha sortito l'effetto sperato. La prima "finale", così il tecnico degli squali ha definito tutti i prossimi incontri del Crotone, è stata evasa per metà tra l'entusiasmo del numeroso pubblico e la consapevolezza di tutti i pitagorici, quelli scesi in campo dall'inizio e in corso d'opera, di poter ancora competere ed nel prosieguo del campionato contro qualsiasi avversario. Non tragga in inganno il risultato, i veneti hanno evidenziato qualità e agonismo come si conviene ad elementi che lottano per la promozione. La svolta in positivo dei locali, tanto conclamata per tutto il girone d'andata, è arrivata. Non è mai troppo tardi, le partite per rimettere a posto la classifica sono ancora tante. Contro il Cittadella non c'è stata la classica vittoria arrivata con il solito gol scaturito per caso, ma nemmeno in seguito ad una prestazione oltre la sufficienza dell'intera squadra. La formazione iniziale mandata in campo dal tecnico Stroppa comprendeva i sei/undicesimi che bene avevano fatto ad Ascoli nell'ultimo incontro del girone d'andata. In sostituzione di Faraoni, ceduto al Verona, è tornato Martella. Fuori il portiere Festa, dentro Capitan Cordaz. Gli altri  cambi hanno riguardato Sampirisi per Valietti, Marchizza al posto di Cuomo, ed all'ultimo momento per motivi fisici sostituito Nalini con Zanellato. Diversa formazione anche per il Cittadella rispetto a quella sconfitta in casa dal Palermo. Fuori Benedetti, Settembrini, Drupi, Panico. Dentro Diaw, Cancellotti, Proia, Camigliano. Buon Crotone nel primo tempo. Diversamente dai precedenti incontri, le distrazioni sono avvenute nell'area avversaria. In più ocasioni il Crotone poteva passare in vantaggio, con Rohden al secondo minuto e poi con Firenze al ventunesimo (il pitagorico ha cercato il numero ma ha falito il gol). Al minuto trentasei Simy calcia addosso al portiere e si ripete al quarantacinquesimo in una situazione ancora più facile. Cittadella alquanto falloso e con l'espediente della perdita di tempo da parte del portiere Paleari, e falloso con Ghiringhelli e Diaw. Crotone con Zanellato davanti alla difesa, Molina e Firenze sulle fasce, Rohden al fianco di Simy. Poche azioni da gol nella ripresa da parte dei pitagorici. La mancanza di un vero bomber tra le fila del Crotone si nota. L'ingresso di Kargbo al posto del "prosuntuoso" Firenze non cambio il potenziale offensivo. Minuto settantatre arriva per Benali il tanto atteso rientro in formazione con l'intento di elevare la spinta offensiva della sua squadra. La delusione della non vittoria col passare dei minuti blocca gli uomini di mister Stroppa si accontentano del pareggio.

 

 

 

 

 

VIDEO│Stroppa chiede al gruppo di fare quadrato: «Da qui alla fine del campionato saranno 18 finali»

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 18 Gennaio 2019 17:25

Serie BKT 20esima giornata│Crotone – Cittadella stadio Ezio Scida sabato 19 gennaio ore 15. Tra i pitagorici scontato il ritorno tra i pali di capitan Cordaz e del difensore esterno Martella. Buone possibilità per Spolli di far parte dell’undici iniziale. Ospiti senza lo squalificato Benedetti. Pubblico delle grandi occasioni con la campagna “Porta un amico gratis”.  I venticinque convocati da mister Stroppa sono: Cordaz, Curado, Cuomo, Golemic, Rohden, Firenze, Spolli, Nalini, Benali, Figliuzzi, Tripaldelli, Tripicchio, Kargbo, Barberis, Marchizza, Molina, Zanellato, Festa, Vaisanen, Nanni, Simy, Martella, Valietti, Sampirisi, Spinelli.  

Probabili formazioni:

Crotone (3-5-2): Cordaz, Cuomo, Sampirisi, Vaisanen, Rohden, Barberis, Firenze, Molina, Martella, Nalini, Simy. All. Stroppa

Cittadella (4-3-1-2): Paleari, Chiringhelli, Adorni, Drudi, Cancellotti, Settembrini, Iori, Branca, Schenetti, Finotto, Panico. All. Venturato

Arbitro: Antonio Di Martino di Teramo

Assistenti: Di Gioia – La Notte

Quarto giudice: Manuel Robilotta di Sala Consilina

Il pre-partita.

Mister Stroppa è stato abbastanza chiaro nel presentare il prossimo incontro casalingo contro il forte Cittadella. “La classifica afferma che il Crotone al momento è in serie C. La prossima partita dovrà essere interpretata dai miei giocatori come se fosse la prima di diciotto finali. Questo deve essere ben presente in ogni gara. Grinta, lottare su ogni pallone senza mai indietreggiare nei contrasti per non concedere niente agli avversari. Solo così possiamo uscire da una difficile situazione. In noi deve albergare il motto uno per tutti, tutti per il Crotone – ha dichiarato mister Stroppa -  iniziando dal Cittadella che è una forte squadra e che verrà allo Scida per cancellare la precedente sconfitta interna contro il Palermo e quindi riprendere la risalita verso i play-off”. A proposito della formazione, il tecnico pitagorico ha dichiarato: “Sicuramente qualche novità ci sarà in conseguenza del calciomercato. Ma a parte la formazione, dobbiamo ripartire pensando a ciò che abbiamo fatto ad Ascoli fino a pochi minuti dal termine. Quella prestazione mi ha lasciato alquanto soddisfatto per come è stata approcciata e per la mentalità messa in campo. Nei minuti finali abbiamo rovinato tutto a causa di due ingenuità e questo dispiace. Si dice che gli errori aiutano a crescere, ma non si devono ripetere”. Parlando del neopitagorico, il difensore Spolli, per quanto riguarda l’apporto che può dare alla squadra, essendo in possesso di molta esperienza di serie A, Stroppa ha detto: “Innanzi tutto che possa trasmettere autostima e consapevolezza del valore collettivo e di ognuno. Giacché alla squadra è mancata la convinzione di poter dare di più. Voglio anche dire che l’attuale periodo è quello più brutto per un allenatore dovendo conciliare partenze ed arrivi di giocatori e questo potrebbe incidere sulla scelta dell’undici da mandare in campo. Chi sa di dover andare via si deconcentra e potrebbe trasmettere questa negatività a qualche altro compagno. In funzione di ciò non vedo l’ora – ha dichiarato Stroppa – che si concluda la sessione invernale del calciomercato. Mi auguro che già dalla prossima partita alberga nei miei giocatori la massima concentrazione, indipendentemente dagli eventi di mercato”.  

Spolli in formazione fin dall’inizio nel reparto difensivo una soluzione possibile, come pure la presenza del centrocampista Benali. Il dubbio di un eventuale loro impiego dipenderà dalla tenuta atletica del difensore, mentre per  quanto concerne il centrocampista pende sulla sua testa la spada di Damocle della diffida. Un inconveniente che potrebbe fare desistere mister Stroppa dall’utilizzarlo per non farlo incorrere in qualche squalifica in caso d’ammonizione. Il pensiero del tecnico è anche rivolto al prossimo anticipo di venerdì in quel di Foggia dove, da ex, vuole conquistare i tre punti. In casa del Cittadella due sole le novità annunciate da mister Venturato. Il posto dello squalificato difensore Benedetti potrebbe essere occupato da Cancellotti, l’altra novità riguarderebbe l’uscita di Siega per Schelotti che sarebbe schierato alle spalle del duo d’attacco Finotto, Panico.                

 

 

 

 

La societa' chiama i tifosi a raccolta per il match interno col Cittadella e lancia la campagna ''Porta un amico gratis''

Pubblicato in Stadio
Mercoledì, 16 Gennaio 2019 17:41

Il Football Club Crotone chiama a raccolta i suoi tifosi per la sfida contro il Cittadella di sabato 19 gennaio alle ore 15 allo Stadio Ezio Scida. La campagna “#portaunamicogratis” prevede che chiunque sia abbonato o acquisti un biglietto per la suddetta gara, potrà avere un tagliando gratis per un’altra persona. L’iniziativa è valida per tutti i settori dello Stadio e anche per i biglietti ridotti. Per gli abbonati basterà recarsi al Ticket Point di via G. Di Vittorio muniti di abbonamento e copia del documento in corso di validità della persona che si intende invitare gratis alla partita. Per chi acquista un biglietto vale la stessa procedura, occorrerà recarsi al Ticket Point di via G. Di Vittorio e munirsi copia del documento in corso di validità della persona che si intende invitare alla partita e si riceverà il tagliando gratuito al momento dell’acquisto. La promozione è valida solo presso il Ticket Point di via G. Di Vittorio e fino ad esaurimento della disponibilità dei posti. Il Ticket Point sarà aperto Giovedì 17 e Venerdì 18 Gennaio dalle 9:30 alle 13:00 e dalle 15.30 alle 19:00; Sabato 19 Gennaio dalle 9:30 in poi.

Intanto, nella sessione in programma questa mattina al centro sportivo, gli squali, dopo la consueta colazione di gruppo, hanno svolto riscaldamento e possessi palla sul campo “B” dell’Antico Borgo, e lavoro tattico sul campo “A”. Domani si replica con una sessione mattutina a porte chiuse, sempre al centro sportivo.

Prima giornata amara per il Crotone: rimedia un secco 3-0 contro il Cittadella, per Stroppa c'e' ancora da lavorare

Pubblicato in Stadio
Domenica, 26 Agosto 2018 23:47

Serie B, prima giornata amara per il Crotone. Per mister Stroppa c’è ancora molto da lavorare per presentare una squadra competitiva.

Tabellino.

Cittadella            3

Crotone               0

Marcatori: Scappini 3°, Schenetti 49°, Strizzolo 89°

Cittadella (4-3-1-2): Paleari, Chiringhenlli, Adorni, Drudi, Benedetti, Settembrini, Iori, Branca (Proio), Schenetti, Scappini (Strizzolo), Finotto (Panico). All. Venturato

Crotone (3-5-2): Cordaz, Sampirisi, Golemic, Marchizza, Faraoni (Spinelli), Molina (Martella), Benali, Rohden, Firenze, Simy (Stoian), Nalini. All. Stroppa

Arbitro: Niccolò Baroni di Firenze

Coll. Valerio Vecchi (Lamezia Terme) – Filippo Bercigli (Valdarno)

Quarto giudice: Daniele Amabile di Vicenza

Ammoniti: Iori, Drudi,

Espulso: Golemic

Angoli: 7 a 6 per il Crotone

Recupero: 1 e 4 minuti

La partita.

Il Crotone non ha fretta di tornare in serie A se è come dimostrato dopo la pesante sconfitta subita nella prima di campionato. Mister Stroppa alla vigilia dell’incontro aveva affermato: “il Crotone deve conquistare punti in ogni partita indipendentemente dalla forza dell’avversario”. Sul terreno del Tombolato contro il Cittadella, formazione accreditata nel gruppo delle squadre che si contenderanno la promozione, i pitagorici non hanno rispettato le consegne del tecnico ed inanellato la prima sconfitta stagionale accreditandosi come squadra che deve ancora lavorare se vuole tornare nella massima serie. La formazione iniziale messa in campo dal tecnico pitagorico non comprendeva l’infortunato centrocampista Barberis per intervento chirurgico al menisco mediale sinistro, al suo posto schierato Molina. Altro assente l’esterno difensore Martella (quinto di centrocampo) sostituito da Firenze. Assente inizialmente anche il centrocampista interno Stoian per fare posto a Rohden. Confermato il duo d’attacco Nalini, Simy. Mister Venturato ha ridato fiducia alla coppia d’attacco Scappini, Finotto autori dei tre gol segnati all’Empoli in Coppa Italia. Assente il difensore Cancellotti rimpiazzato da Benedetti. Tre minuti ed il Crotone è già in svantaggio. Dalla sinistra Pinotti, indisturbato per la mancanza di una marcatura, crossa per la testa di Scaffini che non ha problemi a mettere dentro il pallone. Per tutto il primo tempo non c’è stata altra azione di rilievo da parte dei locali. C’è stata, in compenso, tanta confusione a centrocampo ed in attacco da parte degli ospiti. L’assenza di Barberis si sta rivelando decisiva per quanto concerne le impostazioni e le ripartenze. Molina ha dimostrato di non essere ancora un buon sostituto. Benali ha sbagliato troppi appoggi. In attacco Simy è riuscito a divorarsi gol fatti. Nalini, Firenze, Rohden, ancora distanti  dal rendimento che hanno avuto in serie A la passata stagione. Questo il Crotone visto nel primo tempo contro il Cittadella. Mister Stroppa ha dovuto sprecare molto fiato per richiamare Molina e Firenze ad una più corretta posizione in campo. Ancora fatali al Crotone i primi minuti della ripresa. Schenetti al quarantanovesimo raddoppia con un perfetto diagonale dalla sinistra ed anche in questa occasione la difesa pitagorica assente. L’ingresso in campo di Martella al posto di Malina, Stoian in sostituzione dell’inesistente Simy, non cambia il corso della partita. Poche ripartenze offensive in grado di mettere sotto pressione gli avversari, centrocampo annebbiato nelle manovre, difesa poco ermetica per la mancanza del sostegno dei centrocampisti esterni. Si aspettava un Crotone più preparato sotto la guida dei veterani Nalini, Sampirisi, Faraoni, Benali, Rohden, Simy, ed invece non hanno dato il giusto apporto come si conviene a giocatori da serie A. Cittadella sulla scia della passata stagione: squadra attenta in difesa ed aggressiva nei minuti iniziali con il duo Scappini, Finotto e con l’aggiunta di Strizzolo mai domi in fase offensiva, tant’è che nei minuti finali lo stesso Strizzolo ha messo a segno il terzo gol. Crotone tutto da rifare per quanto concerne tenuta atletica e schemi di gioco.             

Crotone domenica all'esordio nel campionato di Serie B col Cittadella. Stroppa: «Voglio la giusta concentrazione fin dalla prima partita»

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 24 Agosto 2018 19:11

Serie B prima giornata│Cittadella-Crotone, stadio Tombolato domenica 26 agosto ore 21. Pitagorici con l’intento di conquistare i primi tre punti. Sicuro assente Barberis, lesione menisco mediale del ginocchio sinistro. Sarà sottoposto ad intervento chirurgico presso Villa Stuart a Roma. Budimir ha ripreso ad allenarsi col gruppo, ma non farà parte della formazione. Gli altri tutti in perfette condizioni fisiche e idonei per scendere in campo. Raggiunto il numero di 1.500 abbonati nei primi tre giorni.
Arbitro: Niccolò Baroni di Firenze
Coll. Valerio Vecchi (Lamezia Terme) – Filippo Bercigli (Valdarno)
Quarto giudice: Daniele Amabile di Vicenza
Serie B al via senza alcun ritardo dalla data d’inizio. Il rinvio della stagione chiesto dall’Aia (Associazione calciatori) dietro la minaccia dello sciopero, per il mancato ripescaggio di alcune squadre, non c’è stato. La prima quattro giorni della 87esima edizione della serie B inizia, dunque, con diciannove compagini per un totale di nove partite e questo significa che a turno ognuna dovrà effettuare il riposo settimanale. Venerdì 24 agosto anticipo tra Brescia – Perugia ore 21 (arbitro Pezzuto) trasmessa in diretta su Rai 2. Sabato 25 con inizio alle ore diciotto: Cremonese – Pescara (Ros); Salernitana – Palermo (Abbattista); Venezia – Spezia (Pillitteri). Domenica 26 gli incontri: Verona – Padova ore 18 (Fourneau); Ascoli – Cosenza ore 21,00 (Volpi); Foggia – Carpi ore 21,00 (Dionisi). Chiusura di giornata lunedì 27 ore 21,00 con Benevento – Lecce (Sacchi). Il Crotone sarà impegnato sul terreno del Tombolato in quel di Cittadella domenica 26 (ore 21) contro un avversario che ha dimostrato in Coppa Italia il suo valore superando i primi due turni a spese del Monopoli e dell'Empoli. Per i pitagorici, nuovi e confermati, un solo obiettivo dichiarato: l’immediato ritorno in serie A. Non più una possibile salvezza come gli anni passati, ma essere protagonisti fin dall’avvio di stagione pur incontrando una forte formazione. Cordaz, Sampirisi, Faraoni, Martella, Rohden, Barberis, Stoian, Benali, Nalini, Simy, già in rossoblù la passata stagione in serie A, non hanno dimenticato d’aver perso la massima categoria per colpa di errori arbitrali e, anche, per qualche evitabilissimo risultato negativo e ci vogliono tornare dalla porta principale. Mister Stroppa che conosce bene i prossimi avversari per averli affrontati lo scorso campionato, a proposito della preparazione per la sfida del Tombolato ha detto: “Finalmente ho potuto vedere l’attaccante Budimir allenarsi con la squadra e questo mi ha fatto enorme piacere. È un giocatore che sta crescendo per l’utilità del Crotone. Per quanto riguarda il centrocampista Berberis perdiamo una pedina importante. Il giocatore era un leader per come sapeva mantenere il giusto equilibrio nell’intera partita. Contiamo di riaverlo disponibile dopo la sosta del campionato. Il resto della squadra sta crescendo e si vede che ha dell’altra qualità da esprimere”. Con riferimento alle precedenti sfide tra Stroppa e il Cittadella terminate a favore dei veneti, il tecnico pitagorico ha dichiarato: “Nessuna rivincita, ogni partita e campionato ha una sua storia. Di sicuro ho però due pensieri: affrontiamo una squadra forte, nonostante si sia rinnovata con qualche giocatore, in grado di mantenere ottimo agonismo e capacità di sapere soffrire per tutta la partita. Ed avendo superato, come noi, i primi due turni di Coppa Italia, vuole continuare a rimanere imbattuta nelle gare ufficiali”. “Di fronte a ciò – ha detto mister Stroppa – dobbiamo scendere in campo con la giusta concentrazione fin dalla prima partita per fare punti”. Per quanto riguarda le squadre candidate alla promozione, il tecnico ha affermato: “La serie B di solito candida le squadre retrocesse quali leader del girone, al netto di qualche sorpresa che potrebbe essere qualche neo promossa. Il calciomercato è stato fatto bene da diverse squadre con l’intento di ben figurare. Il Crotone possiede un buon equilibrio in ogni reparto, non ci sono al momento giocatori che si evidenziano più degli altri per qualità, c’è molta omogeneità tra i reparti e questo lo ritengo un fatto positivo. Per rimanere sempre in zona alta, dobbiamo fare punti in ogni partita, quantomeno non avere pause di più partite per quanto riguarda il risultato positivo, ed il Crotone è in grado di farlo”.

Pagina 2 di 2

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}