LE PAGELLE│Trotta e Budimir dialogano a meraviglia, Stoian sempre in crescita. La traversa di Chiesa "gela" il Crotone

Pubblicato in Stadio
Domenica, 29 Ottobre 2017 18:48

 Crotone (4-4-2) 

Cordaz 6: rimane immobile sulla rete subita nel finire del primo tempo. Per il resto della partita non ha passato grossi pericoli anche se è stato salvato dalla traversa su un forte tiro del bravo Chiesa.

Sampirisi 6: buon inizio, grande impegno così è stato fino all’ultimo.

Simic 6: ha dimostrato di sapere assolvere al difficile compito a lui affidatogli da mister Nicola. Si è beccato un’ammonizione unitamente a Dias a conferma della lotta svolta in campo nella parte finale della gara.

Ceccherini 6: il solito punto di riferimento della difesa pitagorica qualche sbavatura ma sicuramente da perdonare.

Pavlovic 6: si è dato un gran da fare in interdizione con Stoian e compagni. Ottimo in fase di copertura.

Nalini 6: ordinario lavoro. Anche se nel primo tempo ha lavorato tantissimo e ne ha pagato le conseguenze in fase finale di partita.

Mandragora 6: sparito dalla fase di gioco nel primo tempo. Meglio nel secondo, ha dato manforte al centrocampo.

Barberis 6: presente sempre nella fase di rilancio e interdizione, la sua posizione da collante tra difesa e attacco ormai è consolidata.

Stoian 6,5: è l’anima offensiva dei pitagorici con il vizietto di voler insistere nel dribbling. Per tutto il primo tempo sono partite del suo piede le azioni più importanti. È stato sostituto da Rhoden al 67’, importante inserimento dal momento che l’entrata di Olivera incominciava a dare seri problemi alla difesa pitagorica.

Budimir 6 (Simy s.v.):  finalmente ha trovato la via del gol e non solo ha mantenuto in maniera soddisfacente alta la squadra tenendo impegnati nella fase difensiva gli avversari.

Trotta 6,5,  (Ajeti s.v.): insieme a Stoian è stato l’uomo domenica protagonista in entrambe le reti che hanno dato la vittoria al Crotone. Peccato che ha fallito un’occasione d’oro a tu per tu con il massimo difensore dei gigliati.

All. Nicola 7

 Fiorentina  (4-3-3) 

Sportiello 6: nulla poteva fare sulle reti subite. Per il resto ordinaria amministrazione.

Laurini 6 (Barbacar s.v.): una buona partita la sua, è stato l’autore del passaggio finale che ha consentito a Benassi di accorciare le distanze con un diagonale che ha lasciato di stucco il bravo Cordaz.

Pezzella 6: tenace e attivo su ogni pallone ha sudato tanto per arginare le folate degli attaccanti crotoniati. Si è reso protagonista di un fallaccio su Budimir.

Astori 5,5: poco incisivo nel raccordo con il centrocampo, ma tutto sommato ha retto con sufficienza il polso della partita.

Biraghi 5: smarrito nel primo tempo, ha recuperato durante il corso della partita. Sostituito da Olivera (6) che più fresco ha saputo dare un buon contributo in diverse occasioni per poi finire sotto i colpi del subentrato pitagorico Rhoden.

Benassi 6: è stato l’anima del centro campo recuperando palloni e servendo i compagni: meglio di così.

Badelj 5,5: gioco duro il suo, è stato protagonista nella stessa misura di Bonassi, entrambi elementi di spicco della Fiorentina.

Veretout 6: si è dato un gran da fare per tutto l’arco della partita. Fino a l’ultimo ha fornito palloni preziosi per la ripartenza delle azioni di gioco.

Chiesa 6,5: il migliore degli ospiti e della partita si è reso protagonista di una traversa che, a fine partita, trema ancora per la potenza data al pallone di sinistro al volo.

Simeone 6: forse lasciato troppo solo all’attacco, ma con quei pochi palloni giocabili, ha dimostrato di avere talento.

Eysseric 5: iniziato bene, si è perso durante la partita tant’è vero che mister Pioli ha dovuto sostituirlo con Dias (6) che ha dato più vivacità all’attacco.

All. Pioli. 6

Arbitro: Maresci di Napoli 5

PAGELLE│Rodhen e Martella portano in vantaggio i rossoblù, Cordaz ancora "paratutto": loro i protagonisti del pareggio col Toro

Pubblicato in Stadio
Domenica, 15 Ottobre 2017 18:22

Crotone(4-4-2):

Cordaz, (7) il portierone, anche questa volta, ha fatto miracoli tra i pali, dimostrandosi una sicurezza. Purtoppo ha subìto due reti a causa dei suoi difensori che in alcune fasi della partita hanno dimostrato stanchezza e imprecisione nel ripartire.

Sampirisi, (6) non era facile interrompere le azioni dei Granata, sulla sua fascia ha avuto a che fare con il migliore uomo in campo nella persona di Liajic che ha messo più volte in difficoltà la difesa pitagorica.

Ajeti, (6) è una colonna insostituibile, ha saputo reggere fino all’ultimo agli attacchi del Toro che però hanno prevalso nel gioco areo.

Ceccherini, (6) stessa cosa di Ajeti entrambi rappresentano le colonne portanti della difesa.

Martella, (6,5) è ritornato davvero quello che effettivamente vale, tanto da arrivare alla realizzazione della seconda rete che ha riacceso l’entusiasmo. Purtroppo il Torino è riuscito a pareggiare con De Silvestri lasciato in area in solitudine.

Rohden, (6,5) eccellente nell’interdizione con i suoi compagni di linea, sempre presente nelle azioni offensive più pericolose.

Mandragora, (5,5) una partita incolore che lo ha visto sempre fuori posto, o troppo avanti, o troppo indietro, fuori della traiettoria del pallone

Barberis, (6) senza infamia e senza lode ha fatto la sua parte in maniera sufficiente

Stoian (Faraoni), (7) il migliore in assoluto dei rossoblù: è un trascinatore nato e riesce a mantenere alta la linea offensiva dando respiro così sia al centrocampo che alla difesa.

Trotta (5) (Nalini (6), fisicamente a terra, ma è lui ad aprire su Rohden per la prima rete del Crotone. È stato sostituito da Nalini che ha dato più dinamicità all’attacco.

Simy (5,5) (Budimir S.). Simy si è dannato l’anima, ma ha dimostrato di non reggere il confronto con la difesa avversaria. Spesso è finito a terra, forse ha bisogno di essere aiutato a rafforzare la sua stabilità fisica.

All. Nicola 6

 

Torino(4-2-3-1):

Sirigu,(6) svolge un compito d'ordinaria amministrazione, incolpevole sulle due reti subite.

Di Silvestri, (6,5) a lui il merito della rete che ha regalato il pareggioo allo scadere dei granata con una gran girata di testa su calcio d'angolo.

N’Koulou, (6) un difensore granitico, insuperabile sui palloni alti.

Moretti, (6) la sua posizione si è rivelata molto utile al gioco di centrocampo da cui la maggiori ripartenze sono partite assieme a Molinaro.

Molinaro, (6) ottima intesa con il compagno di linea, insieme hanno fornito palloni su palloni a Baselli e Liajic

Rincon (Boye'), (5) una partita da dimenticare per lui nonostante, su quei pochi palloni giocati, abbia dimostrato un gran valore tecnico.

Baselli, (6,5) l’anima centrale del gioco di interdizione tra difesa ed attacco.

Lago Falque, (6) ottimo elemento che ha portato i granata al pareggio con una rete su cui non c’è stato proprio nulla da fare per Cordaz.

Ljajic, (7) il migliore in campo in senso assoluto ha trascinato la sua squadra nei momenti più difficili portandola ad un meritato pareggio.

Niang, (6) sullo stesso tenore di Baselli e Liajic ha dimostrato di avere una tecnica raffinata che è servito alla causa del pareggio. Da ricordare che è stato ben guardato dai difensori crotoniati.

Sadiq, (6,5) veloce e scattante reo di aver mancato una buona occasione per andare a rete.

All. Mihajlovic (6)

 

Arbitro: Paolo Valeri (Roma 2) 5,5

 

PAGELLE│Handanovic "paratutto" e salva l'Inter, Ceccherini bestia nera di Icardi che passa un brutto pomeriggio...

Pubblicato in Stadio
Sabato, 16 Settembre 2017 19:14

Crotone (4-4-2):
Cordaz 6,5: nonostante abbia subito due reti, il portierone è da ritenersi incolpevole. Anzi, sin dall’inizio ha dimostrato la sua bravura evitando un'anticipata e ingiusta capitolazione dei rossoblù.


Samprisi 6: tenace sin dal primo minuto, ha svolto il suo compito nel migliore dei modi dando sicurezza alla difesa.


Ceccherini 7 (Tumminello s.v.): ha completamente annullato Icardi che non ha toccato palla per tutto l’arco della partita.


Ajeti 7 (Cabrera 6): ha dimostrato sicurezza e tempestività, rafforzando il reparto difensivo in maniera soddisfacente. Sostituito da Cabrera al 66’.

Martella 6,5: protagonista di un ottimo calcio di punizione. La sua crescita di partita in partita dimostrerà tutto il suo valore che potrà esprimere anche nella massima categoria.


Rohden 6, (Faraoni 6): occasione d’oro buttata alle ortiche per malinteso con Budimir. Si è dato un gran da fare per tutto il resto della partita.


Barberis 6, la sua calma gli permette di dialogare in maniera concreta con i compagni del suo reparto.


Mandragora 6, nel momento buono spreca un ottima occasione per andare a rete. Sicuramente avrebbe dato una svolta diversa al risultato finale della partita. Per lui, però, un primo tempo da dimenticare.


Stoian 6,5, troppo sulla palla insiste un tantino in più nei suoi dribbling, però c’è da aggiungere che fa godere la sua ottima tecnica. Serve un pollone d’oro a Ceccarini che di testa impegna il bravissimo portiere Handanovic protagonista di una strepitosa parata.


Tonev 6, inizia il dialogo con Stoian ma man mano si è spento. Occasione importante persa presentatosi da solo davanti al portiere non riesce a concludere.


Budimir 6. Un primo tempo di scarso valore ma subisce un brutto fallo ad opera di Miranda. Un combattente che riesce a tenere la squadra alta ma ancora non gli vengono forniti palloni giocabili per andare a rete.


All. Nicola. 6,5

 

Inter (4-2-3-1):
Handanovic (7,5), Una vera e propria sicurezza tra i pali. Il migliore in campo.


Skriniar 6,5, un forte difensore a servizio della partita. All’ 82’ riesce addirittura a mette in rete, dopo un batti e ribatti in area rossoblù, e porta in vantaggio la sua squadra.


Miranda 6, forte e tenace difensore. Brutta entrata su Budimir nel corso del secondo tempo. Un fallo da dimenticare.


Dalbert 6,  (Nagatomo 6) tecnicamente dotato, buona intesa con i compagni di linea.


Candreva 5, Le sue folate sortiscono interesse per i compagni però il suo lavoro è stato vanificato per la buona difesa del Crotone.


BorjaValero 6, indomito per tutto l’arco della partita è riuscito nell’intento di servire preziosi palloni ai suoi compagni di linea. Molto concreto nel finale.


Gagliardini 5,5 (Vecino 5), ha dimostrato di avere una buona mentalità rivestire un ruolo di regista. Spalletti ha deciso di sostituirlo al 55” con il fresco Vecino.


D’Ambrosio 5, (Ranocchia) da registrare un brutto fallo su Stoian per il resto della partita ordinaria amministrazione.


Joao Mario 5,5, fallisce un’occasione clamorosa per un disimpegno maldestro di Aieta.


Perisic 6, bellissima apertura ma i suoi compagni non riescono a mettere a frutto la sua idea. Al 92’ regala il raddoppio ai sui tifosi arrivati numerosi allo stadio Ezio Scida


Icardi 5. Primo e secondo tempo da dimenticare per il bomber annullato nella rete di Ceccarini e Ajeti.


All. Spalletti. 7

Crotone-Verona le pagelle: attaccanti poco incisivi, portieri a riposo...

Pubblicato in Stadio
Lunedì, 28 Agosto 2017 17:29

Crotone (4-4-2):

6 Cordaz, poco impegnato dagli avversari per tutto l’arco della gara, resta una sicurezza per il reparto difensivo.

6 Faraoni, regge molto bene la sua area annullando le poche incursioni del suo avversario. (31' st Crociata 6)

6 Cabrera, nei momenti di difficoltà il suo apporto è stato di grande aiuto ai suoi compagni.

6 Sampirisi, ha coperto la sua fascia nel migliore dei modi.

6 Martella, conferma le sue qualità dando un buon apporto al centrocampo

7 Ajeti ottimo il suo debutto in campionato.

6 Mandragora, elegante nel gioco combattivo fino all’ultimo. Nel finale subisce un duro colpo alle ginocchia.

6 Barberis, molti dei suoi interventi hanno permesso d’interrompere l’offensiva degli avversari. Protagonista di un tiro lambendo il legno della porta avversaria.

6 Stoian, Si sa dotato di raffinata tecnica ma si attarda nei dribbling rallentando il gioco. Viene sostituito nel seconda fase di gioco per ragione fisiche. (22' st Kragl 6)

6 Trotta, sempre presente ma impreciso nelle conclusioni. (35' st Simy 6)

6 Budimir, Particolarmente attivo nella prima fase spesso in tandem con trotta ma spento nella parte finale della partita

All. Nicola 6

Verona (4-3-3):

6 Nicolas, ha subito qualche spauracchio ma nulla d’importanza, per il resto da notare un salvataggio pericoloso da lunga distanza.

5,5 Souprajen, ha dato il suo apporto in maniera concreta.

5,5 Caceres, anche lui come gli altri suoi colleghi ha retto la difesa della propria porta.

6 Ferrari, merita la sufficienza per aver contrastato in maniera adeguata le folate centrocampisti pitagorici.

5 Fares, si è adeguato al ritmo della partita. (22 st Valoti 5)

6 Romulo, prezioso il suo apporto in interdizione con gli altri difensori veronesi.

6 Zaculini, ordinato nella manovra in regia con gli altri.

6 Cerci, Tecnicamente dotato ma pochi palloni giocati nel secondo tempo viene sostituito da Pazzini. (17' st Pazzini 5)

5,5 Buchel, giocatore elegante dotato di una calma che lo ha reso molto utile alle manovre del gioco, anche se molto lente per la verità. Bravo nell’anticipare l’avversario. Sostituito al 77’ da Valori. (32' st Zaccagni 5)

5 Verde, Spento in fase offensiva ha registrato qualche momento di stanca ma tutto sommato ha fatto la sua parte.

6 Bessa. Partito bene nella prima fase si è spento nel corso della parte finale

All. Pecchia 6

 

Arbitro: Marco Guida di Torre Annunziata 6

Coll. Sergio Ranghetti (Chiari) – Marco Zappatore (Taranto)

Quarto giudice: Antonio Di Martino di Giulianova

Addetti alla VAR: Tagliavento - Forneau

Pagina 4 di 4

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}