Sfida a distanza tra Nicola e Allegri. «Ho fiducia nei miei, non mi importa con quale formazione scenderà in campo la Juve»

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 19 Maggio 2017 18:59

Juventus-Crotone vista dal portiere Alex Cordaz e dal tecnico Davide Nicola. In forse la presenza dell’attaccante pitagorico Marcello Trotta. Il tecnico bianconero Massimiliano Allegri manderà in campo la migliore formazione.

Probabili formazioni:

Juventus (4-2-3-1): Buffon, Lichtstein, Bonucci, Chiellini, A. Sandro, Pjanic, Rincon, D. Alves, Dybala, Cuadrado, Higuain. All. Allegri

Crotone (4-4-2): Cordaz, Ferrari, Ceccherini, Martella, Rohden, Barberis, Crisetig, Nalini, Simy, Falcinelli. All. Nicola

Botta  erisposta a distanza tra il tecnico della juventus Masimiliano Allegri e quello del Crotone Davide Nicola. Qualche minuto dopo il termine della finale di Coppa Italia vinta con la Lazio, Allegri ha annunciato che contro il Crotone, i bianconeri avrebbero diputato un'altra finale, mettendo in campo i suoi uomini migliori. Oggi la replica del tecnico rossoblù alla viglia dell'atteso match che potrebbe regalare il sesto scudetto consecutivo. «Non mi interessa con quale formazione scenderà in campo la Juve, a me interessa dimostrare che chiunque sarà schierato dei miei, anche quelli che non hanno giocato molto, abbiano raggiunto la giusta maturazione per un campionato di serie A». Che tipo dipartita disputerà la Juventus, quale sarà la reazione del Crotone, in cerca di altri punti per la salvezza, lo si saprà solo con il trascorrere dei minuti domenica prossima. Al momento la vigilia della prossima sfida è oggetto di vari commenti che gratificano ciò che la squadra pitagorica sta facendo in questo scorcio di campionato. Antonello Cuccureddu, ex centrocampista della Nazionale, ex giocatore della Juve, ex allenatore della squadra pitagorica campionato serie C1 1999/2000, anno della storica promozione in serie B, ha dichiarato: «Come calciatore della massima serie sono nato con la Juventus, come tecnico non posso dimenticare la storica promozione in serie B ottenuta con il Crotone. Il mio cuore è diviso a metà tra il Crotone e la Juve, ma sono Juventino. In occasione della prossima partita non sarà facile per la squadra di mister Nicola. In ogni caso sarà sicuramente una bella partita e non mancheranno i problemi alla Juve dovendo affrontare un avversario che in questo momento è in gran forma». Il parere di Alex Cordaz, numero uno pitagorico, imbattuto da due giornate e intenzionato a rimanere tale anche dopo la partita con la Juve.

Alex, siete condannati a lottare fino all’ultimo istante dell’ultima partita per conquistare la salvezza?

La lotta non ci spaventa, sono orgoglioso di lottare per questo obiettivo e per quello che tutti stiamo facendo fino ad ora: società, allenatore, i miei compagni, i tifosi. Con grande gioia nel cuore andiamo a giocarci questa partita sapendo dell’importanza della posta in palio.

I tifosi Juventini aspettano il prossimo incontro per la grande festa?

Siamo consapevoli di giocare contro una grande squadra. Non abbiamo paura ma voglia di metterci ancora in gioco e di capire fino a che punto possiamo arrivare. Tutto questo con grande serenità.

Il Crotone nelle ultime sette partite è capolista per i punti conquistati, un po’ di rispetto per quello che state facendo lo meritate anche da parte di una grossa squadra?

Una bella striscia positiva che ha fatto ricredere tutti gli addetti ai lavori sul nostro conto. Abbiamo buttato il cuore oltre l’ostacolo, abbiamo fatto tantissimo, ci siamo abituati a questi risultati ma ancora non abbiamo fatto niente. Dobbiamo aspettare la fine dell’incontro per poi dire cosa è successo sul terreno dello Juventus Stadium.

Davide Nicola, come al solito, non si sbilancia su come ha preparato la partita ed ancora meno sull’eventuale formazione, preferisce parlare sullo stato di salute dei suoi giocatori ed ha affermato: «Indipendentemente da come stanno fisicamente, li porto tutti con me a Torino. Rimangono soltanto due partite da giocare e voglio che tutti si rendano conto di questo nostro difficile finale di stagione. Qualcuno non sarà recuperabile e quindi non potrà fare parte della formazione (il riferimentoè verso Trotta che accusa dolori alla caviglia, ndr). Da parte dei miei giocatori noto – ha affermato mister Nicola – che c’è molta gratificazione nell’andare a giocare la partita sul terreno di un grande stadio contro un grosso avversario. Il nostro obiettivo – ha continuato Nicola – dimostrare la continua crescita che stiamo facendo per quanto riguarda lo stare in campo. Ad inizio stagione sembravamo dei neo patentati che guidavamo ad una certa maniera, adesso possiamo salire su qualsiasi macchina senza commettere incidenti. Contro la Juve non dobbiamo pensare al risultato ma impedire agli avversari di farci male con le loro giocate e poi essere cinici se capita l’occasione». Ed a proposito della formazione che la Juve potrebbe schierare,

 

 

 

 

 

 

La dichiarazione d’amore di Diego Falcinelli nei confronti del Crotone: «Rifarei la stessa scelta». Le probabili formazioni di domenica

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 12 Maggio 2017 19:36

Alla vigilia del match casalingo contro l’Udinese, cruciale per la salvezza, l'attaccante Diego Falcinelli lancia una dichiarazione d’amore al Crotone: «Rifarei la stessa scelta».

Probabili formazioni:

Crotone (4-4-2): Cordaz, Rosi, Ceccherini, Ferrari, Martella, Rohden, Crisetig, Barberis, Nalini, Trotta, Falcinelli. All. Nicola

Udinese (4-3-3): Karnezis, Widmer, Danilo, Felipe, Ali Adnan, De Paul, Badu, Kums, Jankto, Thereau, Zapata. All. Delneri

«Non mi sono mai pentito di essere arrivato a Crotone in una città che mi ha accolto con affetto e simpatia e dove ho avuto modo di fare molte amicizie» ha dichiarato Falcinelli nel corso della conferenza stampa prepartita. «Per un "nomade" qual è la vita del calciatore – ha detto l’attaccante – è importante vivere in un ambiente che ti fa sentire a tuo agio dentro e fuori dal terreno di gioco». Poi subito un cenno all’assenza per squalifica nella partita col Pescara. Il bomber pitagorico ha detto: «Da quando sono arrivato al Crotone non avevo mai saltato un incontro e ciò mi ha dato la possibilità di realizzare dodici gol. Si soffre enormemente a stare in tribuna in occasione di un incontro decisivo per la tua squadra. Poi tutto ti passa quando a fine gara i tuoi compagni hanno conquistato i tre punti». Domenica prossima, però, l’attaccante sarà nuovamente disponibile per l'incontro con l'Udinese. «Dobbiamo giocare per vincere – ha esortato Falcinelli – senza pensare ai risultati degli altri incontri. Dopo vedremo cosa sarà successo dove si gioca per la retrocessione o la salvezza. Tutta la squadra sta attraversando un ottimo momento per gioco e risultati. Il rammarico aver raccolto troppo poco pur non demeritando in molte partite. La serie A non perdona, perdi incontri per una minima distrazione. A noi è successo con le squadre d'alta classifica. Ora, nel momento clou della stagione, siamo convinti di poter recuperare i quattro punti che ci separano dalla salvezza. L'Udinese arriva a Crotone motivata al massimo per migliorare la già tranquilla posizione di classifica e questo è un punto a loro favore che noi dobbiamo annullare in corso d'opera con la dovuta concentrazione e cattiveria agonistica». Mister Nicola, tranquillo e sorridente come sempre quando parla del suo Crotone alla vigilia di ogni partita decisiva, anche questa volta non ha abbandonato il suo aplomb. «Entriamo nelle ultime partite – ha detto il tecnico rossoblù – dove, secondo me, occorre un elogio della sana follia. Non è più tempo d'appelli e dai risultati di domenica prossima già si potranno considerare importante o meno le prossime due partite. Contro l'Udinese voglio da parte dei miei giocatori la massima concentrazione senza alcuna distrazione. Volgio un’interpretazione in campo che non ci faccia perdere la nostra identità, ma che metta le nostre mente in condizione di pensare che tutto è ancora possibile a tre giornate dal termine del campionato. Domenica allo Scida incontriamo una squadra che la passata giornata ha dimostrato di essere sempre in forma, ha raccolto gli stessi punti del Crotone nel girone di ritorno, quindi una squadra che sta bene. In campo l'Udinese espime molta fisicità e gioca sempre in progressione. Sarà un bella partita che, ripeto, dobbiamo vincere».

  

Nicola tiene alta la tensione dei suoi in vista della trasferta di Pescara e reinventa la formazione per le tre assenze forzate

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 05 Maggio 2017 18:11

Serie A 35.esima giornata Pescara-Crotone probabili formazioni ed il parere sull'incontro da parte del centrocampista Andrea Barberis e mister Davide Nicola.

Probabili formazioni:

Pescara (4-3-3): Fiorillo, Zampano, Biraghi, Bovo, Fornasier,  Coulibaly, Bruno, Memushaj, Benali, Cerri, Caprari. All. Zeman

Crotone (4-4-2): Cordaz, Rosi, Ceccherini, Ferrari, Martella, Rohden, Barberis, Capezzi, Nalini, Trotta, Simy. All. Nicola

Formazioni con le novita' annunciate per le assenze obbligate nei due schieramenti. Mister Zeman dovra' fare a meno del centrocampista Muntari squalificato e del difensore Micelivic i cui sostituti potrebbero essere rispettivamente Bruno a centrocampo e Biraghi in difesa. Nel Crotone mancheranno per squalifica il centrocampista Crisetig e l'attaccante Falcinelli e, per motivi fisici, Stoian. I piu' accreditati a prendere il loro posto Barberis sulla linea mediana, Simy in attacco, Nalini esterno sinistro. Sebbene il Crotone affronti una squadra gia' retrocessa, mister Nicola considera la partita alquanto insidiosa: «Sara' una partita non facile - ha dichiarato il tecnico - in primis perche' il Pescara intende continuare ad onorare il campionato per come sta facendo e poi perche' hanno giocatori d'esperienza per questa categoria, nonostante i pochi punti che hanno raccolto. Ma a parte la volonta' dell'avversario - ha detto Nicola - noi vogliamo continuare a lottare per concretizzare il sogno della salvezza per la citta', i tifosi, per noi stessi e quindi, per concretizzare tutto questo esiste un solo modo, tornare da Pescare con i tre punti». Nicola ha parlato anche dei problemi di formazione visti gli assenti: «E' la prima volta che abbiamo delle assenze di valore anche numericamente. Chi giochera' a Pescara ha gia' maturato un'esperienza della massima serie, ma indipdentemente da tutto voglio che in campo ci sia da parte dei miei giocatori una lucida rabbia. I sostituti non faranno rimpiangere gli assenti. Dobbiamo pero' essere piu' bravi di altre volte perche' il Pescara attacca con piu' giocatori, esprimono un gioco in verticale e fanno girare bene il pallone. Di fronte a un simile avversario dobbiamo essere bravi nell'interpretare il loro gioco ed impedirle di svilupparlo». Nicola ha parlato anche dell’impostazione tecnica data dal tecnico avversario: «Zeman mi piace come allena, ma io ho le mie idee a proposito della preparazione della squadra». Sull'arbitro del prossimo incontro, Carmine Russo, il tecnico pitagorico ha detto: «Russo non credo abbia qualcosa contro il Crotone, studio tutti gli arbitri e Russo lo ritengo un professionista serio con esperienza della serie A, uno che dell'arbitraggio ne fa uno stile di vita. Ho avuto il piacere d'incontrarlo in un convegno dell'Aia e in quella occasione ha detto molte cose importanti e apprezzabili». In sala stampa è arrivato anche il parere di Andrea Barberis, centrocampista del Crotone da piu' campionati e tra i protagonisti della storica promozione in serie A, che a proposito della salvezza ha dichiarato: «Le ultime prestazioni fatte dal Crotone autorizzano a dire che la salvezza non e' un traguardo irraggiungibile. Dobbiamo continuare a fare bene anche contro il Pescara per raccogliere i punti che ancora mancano. Sara' una partita da non sottovalutare pur trovandoci di fronte ad una squadra gia' retrocessa. Mister Zeman e' un tecnico che pretende sempre il massimo dai suoi uomini indipendentemente dalla classifica. Se saro' in campo cerchero' di dare il massimo come ho sempre fatto ogni qualvolta sono stato chiamato a fare parte della formazione. Un giocatore deve sempre cercare di migliorarsi dopo ogni partita. La preparazione settimanale la facciamo pensando che dobbiamo giocare sempre contro un forte avversario ed e' quello che stiamo facendo in previsione della prossima trasferta». 

Nicola aspetta il Milan senza timori: «Abbiamo preparato contromosse per evitare al Milan di aggredirci ai fianchi»

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 28 Aprile 2017 17:21

Crotone – Milan, squadre alla ricerca dei tre punti, ma per obbiettivi opposti. La presenza di Stoian non è sicura per motivi fisici.

Probabili formazioni:

Crotone (4-4-2): Cordaz, Rosi, Ceccherini, Ferrari, Martella, Rohden, Barberis, Crisetig, Nalini, Trotta, Falcinelli. All. Nicola

Milan (4-3-3): Donnarumma, Vangioni, Zapata, Paletta, Calabria, Deulofeu, Kucka, Mati Fernandez, Suso, Pasalic, Bacca. All. Montella

Crotone “forzato” a non interrompere la striscia positiva delle ultime quattro giornate per non abbandonare il sogno della salvezza. Il Milan rincorre invece l’Europa league w ha la necessità di conquistare punti dopo la sconfitta interna con l’Empoli. Si lotterà, dunque, dall’inizio alla fine dell’incontro perché gli uni non soccombano agli altri. I pitagorici ormai sono abituati a certe prestazioni e anche contro il Milan ce la metteranno tutta per conquistare un altro importante successo. Il parere di Ceccherini sul prossimo incontro e sul momento di forma che il Crotone sta attraversando. «Siamo partiti – spiega il difensore – ad inizio stagione con entusiasmo, in molti però non erano a conoscenza della serie A e questo ci ha penalizzato specie nella prima parte del campionato. Considerando cosa abbiamo fatto dopo il giro di boa, c’è tanto rammarico per non aver reagito prima alle insidie del girone. Per quanto riguarda la partita con il Milan – ha affermato Ceccherini – sarà un incontro difficile. Dobbiamo dimenticarci ciò che abbiamo fatto in precedenza contro l’Inter all’Ezio Scida e pensare che arriva una squadra arrabbiata per aver perso in casa contro l’Empoli la precedente giornata. Mister Montella avrà certamente “strigliato” i suoi per non ripetersi contro di noi. Inoltre il Milan gioca per i tre punti pensando all’Europa League».  Allora contro il Milan sarà l’incontro decisivo per la salvezza del Crotone? Ceccherini nel merito ha dichiarato: «I prossimi cinque incontri saranno tutti decisivi, non basta vincerne uno se poi non c’è un seguito ai risultati positivi. Dobbiamo recuperare cinque punti dalla quartultima e questo ci costringe a conquistare punti e ci presenteremo in campo più arrabbiati del Milan». La conquista dei punti senza interruzione è quanto chiede anche mister Nicola alla vigilia dell’incontro contro una delle migliori squadre del girone. «Tutte le squadre – ha premesso Nicola – hanno la necessità di fare punti. In particolare in quelle sfide dove ci sono ancora obiettivi da centrare e sia il Crotone che il Milan hanno questa necessità. Il Milan è una grande squadra – ha dichiarato ancora Nicola – che ha una sua identità ben precisa. Nel girone d’andata è stata anche al secondo posto insieme alla Roma e questo dimostra il suo reale valore tecnico. Sta facendo un grosso campionato e pensando al suo valore tecnico ci siamo preparati come ci prepariamo alla vigilia di ogni partita con gli stessi presupposti e la voglia di fare bene come gioco e punti da conquistare. Durante la partita cercheremo di fare risaltare i loro punti deboli per poi farle male». Contro la Sampdoria, il precedente incontro, mister Nicola ha presentato una sola novità iniziale: Nalini al posto di Stoian. Per quanto riguarda la prossima formazione Nicola ha dichiarato: «Il Crotone nel corso della stagione è tra le squadre che ha utilizzato più giocatori. I giusti interpreti sono quelli che sviluppano più gioco e danno maggiore garanzie perché hanno avuto una maggiore crescita». E per quanto riguarda i cinque diffidati del Crotone, il tecnico Nicola non dà alcun peso sulla formazione da schierare contro il Milan. «I diffidati – ha detto il tecnico pitagorico – non condizioneranno le mie scelte per quanto riguarda l’undici iniziale da mandare in campo. Ciò che m'interessa è che ci sono cinque partite al termine del campionato e i conti si fanno al termine del campionato e non sulla ipotetica disponibilità dei giocatori. Per continuare il nostro sogno salvezza, la partita importante è sempre la prossima. Tornando al Milan è una squadra molto abile che ama palleggiare e tenere il controllo della partita attraverso la gestione del pallone. Noi dobbiamo essere bravi ad interrompere le loro giocate in profondità. Abbiamo preparato delle contromosse per praticare il nostro gioco ed evitare al Milan di aggredirci ai fianchi».       

 

 

 

 

Nicola vuole concentrazione contro la Sampdoria: «Non pensiamo agli arbitri, a Genova servono punti»

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 21 Aprile 2017 19:36

Serie A 33.esima giornata Sampdoria – Crotone ne parlano il difensore Rosi e mister Nicola.

Probabili formazioni:

Sampdoria (4-3-1-2): Viviano, Bereszynski, Silvestre, Skriniar, Barreto, Dodò, B. Fernandes, Praet, Torreira, Schik, Quagliarella. All. Giampaolo

Crotone (4-4-2): Cordaz, Rosi, Ceccherini, Ferrari, Martella, Rohden, Crisetig, Barberis, Stoian, Trotta, Falcinelli. All. Nicola

Pitagorici determinati a fare punti anche in occasione della prossima trasferta e sicuri di ottenerli in considerazione del buon momento che sta attraversando il Crotone in questo finale di campionato. Le dichiarazioni del difensore destro Aleandro Rosi e del tecnico Davide Nicola alla vigilia della trasferta di Genova dove i pitagorici affronteranno la Sampdoria. Aleandro Rosi: «Siamo in una buona forma fisica e raccogliamo punti importanti contro squadre che occupano la parte alta della classifica. Questo è il frutto del ricompattamento di tutto il gruppo che vuole centrare l’obiettivo della salvezza. Nel corso della partita nessuno di noi si risparmia specie i compagni della prima linea sempre pronti a dare una mano in difesa per bloccare le azioni offensive degli avversari. La Sampdoria è una squadra forte che merita rispetto e domenica sarà ancora più difficile della precedente trasferta di Torino. Mancano sei partite al termine, noi stiamo facendo il massimo contro qualsiasi squadra rimanendo sempre compatti e umili sapendo che siamo in grado di conquistare altri punti. Contro il Torino abbiamo pagato dazio allo sforzo fisico fatto contro l’Inter ma siamo riusciti ugualmente a conquistare un punto in rimonta. Questo dimostra quanta voglia esiste in noi per combattere fino al termine della stagione». Mister Davide Nicola: «Non voglio parlare dell’operato degli arbitri ma concentrarmi sul lavoro che c’è da fare da qui al termine del campionato. Oggi è stato un venerdì duro a proposito dell’allenamento da quando sono a Crotone. Ho visto nel corso della preparazione una squadra che ha messo in essere la giusta attenzione come piace a me. Mancano sei partite ed in questo periodo non voglio che si commettano distrazioni. I punti di distacco dalla quartultima possono aumentare o diminuire ma questo non deve alterare né il lavoro nel corso della settimana, né la voglia di fare bene durante la partita. Durante il campionato ci possono essere momenti positivi e negativi. In precedenza potevamo fare anche meglio, ma quando lo abbiamo fatto non siamo stati compensati per come meritavamo in termini di punti. Ai miei giocatori chiedo sempre il massimo perché fa parte del mio Dna d’allenatore. Non temo nessun avversario, riconosco la loro qualità e cerco di preparare la partita per evitare che ci facciano male. La Sampdoria occupa il decimo posto in seguito ad un organico formato da forti giocatori in grado di competere nel difficile campionato di serie A. Il Crotone sa sempre con chi va a giocare e deve essere conscio di lottare contro tutti. Noi dobbiamo pensare alla nostra qualità e all’umiltà che sappiamo mantenere, il nostro leader è il gioco che riusciamo a mettere in campo. Tra i miei giocatori ci sono quelli che hanno giocato più degli altri, ultimamente però tutti stanno trovando spazio ed in campo mostrano le loro qualità. A questi giocatori che in precedenza non hanno giocato molto ho sempre detto che arriverà il momento in cui dovranno dimostrare quanto sono cresciuti, indipendentemente dalle partite giocate. Se faranno questo anche in seguito dimostreranno di essere giocatori di categoria. Partiamo per Genova convinti di fare qualcosa di utile come in precedenza e come dovremo fare con altri avversari d’alta classifica. Non comunico lo stato di salute dei giocatori perché non voglio dare nessun vantaggio al mio avversario ma, come detto in precedenza, è stata una settimana di lavoro intenso per meglio presentarci contro la Sampdoria».        

Il Crotone adesso crede nella remuntada: la società chiede la vicinanza dei tifosi in aereo per la trasferta di Torino

Pubblicato in Stadio
Mercoledì, 12 Aprile 2017 19:04

Serie A 32.esima giornata Torino-Crotone stadio olimpico sabato 15 aprile ore 15. Torino senza Molinaro, Castan, Iturbe ai quali si aggiunge lo squalificato Acquah. Nessuna assenza forzata tra i pitagorici, futti disponibili.

Probabili formazioni:

Torino(4-3-3): Hart, Zappacosta, Moretti, Rossettini, Barreca, Lukic, Benassi, Baselli, Ljajic, Belotti, Lago Falque. All. Mihajlovic

Crotone(4-3-3): Cordaz, Rosi, Ceccherini, Ferrari, Martella, Rohden, Crisetig, Barberis, Stoian, Trotta, Falcinelli. All. Nicola

Arbitro: Daniele Doveri di Volterra

Coll. Matteo Passeri - Claudio La Rocca

Quarto giudice: Gianmattia Tasso di La Spezia

Add.1 Paolo Tagliavento Add.2 Livio Marinelli

Sette partite al termine che rappresentano la volata finale per la salvezza di Crotone ed Empoli. Quest'ultima puo' contare adesso soltanto su tre punti di vantaggio nei confronti della squadra di mister Nicola. Il finale di campionato assegna a entrambe le squadre tre partite casalinghe e quattro in trasferta. Tra le mura amiche i toscani riceveranno la visita del Sassuolo, Bologna, Atalanta ed in trasferta dovranno affrontare Fiorentina, Milan, Cagliari, Palermo. I pitagorici sul terreno amico dell'Ezio Scida se la dovranno vedere con Milan, Udinese, Lazio mentre fuori casa faranno visita al Torino, Sampdoria, Pescara e Juventus. I due prossimi incontri, Crotone ed Empoli, li giocheranno in trasferta ed i risultati di queste due partite potebbero gia' dire chi ha piu' titoli per rimanere nella massima serie. Per mister Nicola la prossima trasferta di Torino sara' un felice ritorno a casa anche se da avversario. Campionato 2005/2006, con la maglia granata l'attuale tecnico pitagorico mise a segno contro il Mantova il gol della sicura promozione del Torino in serie A. Sabato prossimo dovra', invece, fare lo sgambetto alla sua ex squadra per incamerare altri punti salvezza. Per la terza volta l'undici che scendera' inizialmente in campo dovebbe essere lo stesso. L'arma vincente sarà l'entusiasmo e la voglia di tutti, da parte di chi gioca e chi dovra' subentrare in corso d'opera, per confermae che non c'è due senza tre ed il Crotone contro il Torino cerca la terza vittoria consecutiva. Mister Mhajlovic dovrà fare a meno del difensore sinistro Molinaro, del centrocampista Acquah squalificato, dell'attaccante Iturbe. I piu' quotati a prendere il posto degli assenti dovrebbero essere Barreca difensore sinistro, Lukic centrocampista esterno, Lago Falque punta esterna. Il Torino dopo l'ultimo successo (2-3) esterno in quel di Cagliari cerca la conferma a spese del Crotone e si affida come sempre al suo bomber Belotti con all'attivo 24 gol (1 rig.) realizzati fino ad ora. Il compito di bloccarlo sara' affidato sicuramente a Ceccherini che bene ha fatto contro Icardi dell'Inter tant'è che il neroazzurro e' stato innoque l'intera partita. Potrebbe essere anche un'altra giornata felice di Falcinelli che con nundici centri tallona l'alta classifica dei goleador. In occasione della prossima trasferta di Torino, la Societa' metterà a disposizione per itifosi che vorranno recarsi a vedere la partita all'olimpico alcuni posti sull'aereo utilizzato dalla squadra. L'offerta è limitata ad alcune decine di posti e comprende: partenza venerdì 14 aprile ore 12.30 dallo stadio Ezio Scida di Crotone con trasferimento aeroporto Lamezia Terme in pullma GT, volo charter a/r Lamezia Terme - Torino Caselle, in compagnia della squadra. Trasferimento aeroporto Lamezia Terme Crotone. Un gadget firmato FcCrotone. L'offerta che ha un costo di 200 € per ciascuna persona non comprende: trasferimento dall'aeroporto di Torino Caselle al centro citta' nella giornata di venerdì 14 aprile, vitto e alloggio tutto quanto non indicato in questo comunicato. Per prenotare il posto è possibile recarsi nella sola giornata di domani, giovedi 14, presso la sede Fc Crotone di Via Ercole Scalfaro n.13 dalle ore 9.00 - 13.00/15.00 - 20.00 

Un solo dubbio per mister Nicola: Mesbah o Martella. Nell’Inter l’unica assenza certa quella di Gagliardini per infortunio

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 07 Aprile 2017 17:04

Crotone – Inter domenica 9 aprile ore 15 stadio Ezio Scida. Un solo dubbio per mister Nicola: Mesbah o Martella. Nell’Inter l’unica assenza certa quella di Gagliardini per infortunio.

Probabili formazioni:

Crotone (4-4-2): Cordaz, Rosi, Ceccherini, Ferrari, Martella (Mesbah), Rohden, Crisetig, Capezzi, Stoian, Trotta, Falcinelli. All. Nicola                                                                  

Inter (4-2-3-1): Handanovic, D’Ambrosio, Medel, Miranda, Ansaldi, Kondogbia, Brozovic, Candreva, Banega, Perisic, Icardi. All. Pioli

Pochi dubbi per i due tecnici a proposito del prossimo incontro della 31.esima giornata sul terreno dell’Ezio Scida. In casa pitagorica nessuna defaillance per motivi fisici o squalifiche, tutti disponibili. L’unica incognita che si porta dietro mister Nicola è l’impiego di Martella o Mesbah nel ruolo di quarto difensore sinistro. Per il resto della formazione la conferma dei dieci/undicesimi è scontata, compresa la presenza del bomber Falcinelli che a Verona è uscito anzitempo per un taglio al ginocchio. Tra i neroazzurri non ci sarà di sicuro il centrocampista Gagliardini (distorsione al ginocchio) per la cui sostituzione mister Pioli sembra essere orientato su kondogbia al fianco di Brozovic per confermare il duo di centrocampo. Rimane in piedi anche il ballottaggio tra Ansaldi e Murillo per quanto riguarda il ruolo di difensore sinistro. Andrea Nalini, attaccante pitagorico proveniente dalla Salernitana serie B, nove presenze nell’attuale campionato, nessun gol realizzato fino ad ora, a proposito della prossima sfida ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

Nalini, i tifosi attendono i tuoi gol...

Li aspetto anch’io, sono a disposizione della squadra e del tecnico e quando mi fa giocare cerco di dare il massimo.

Che difficoltà stai incontrando in questo campionato?

A Crotone sono stato accolto bene, è un ottimo ambiente familiare che ti fa sentire a proprio agio. Il salto di categoria l’ho risentito un po’, ma adesso ho ridotto il gap grazie a mister Nicola che ci fa lavorare bene durante gli allenamenti.

Arriva l’Inter di Icardi, come ti sei preparato per quest’incontro?

Personalmente non conosco Icardi, è un campione temibile. Dobbiamo contrastare lui e la sua squadra con il giusto entusiasmo. Credo nella vittoria del Crotone.

Se sarai in campo e lo sarà anche Icardi, cercherai la sfida a distanza per il gol?

Al momento sono distante un miglio dalle qualità tecniche di Icardi. Mi farebbe già tanto piacere riuscire ad imitarlo in alcune giocate. In queste partite, dove l’avversario è più forte nei singoli e nel complesso, è uno stimolo in più per aumentare la forza del contrasto.

In quale zona del campo ti piace giocare?

Ho sempre fatto l’esterno destro in uno schieramento a quattro ma anche come seconda punta se il mister me lo chiede. Giocando sulla fascia mi esalto di più con palloni che mi arrivano in profondità. Il Crotone attuale sta dimostrando nell’assieme di essere una formazione di serie A in grado di competere contro tutti. Rispettiamo l’Inter ma non abbiamo paura.

 

Mister Nicola per quanto riguarda la prossima partita con l’Inter:

“Incontriamo una squadra che non è quella che abbiamo affrontata nel girone di andata. Allora erano reduci da un periodo non positivo che aveva provocato l’esonero del tecnico. Contro di noi hanno giocato la partita della “resurrezione” che hanno vinto negli ultimi sette minuti per nostri errori. La prossima Inter è una squadra che ha inanellato molti successi in campionato. Sono in difficoltà per quanto riguarda la Champions League ma questo è altro discorso. L’Inter non la deve scoprire il Crotone. Dobbiamo essere consapevoli delle nostre forze e mettere in campo ciò che di buono sappiamo fare come a Verona contro il Chievo. Chiederò ai miei uomini di essere sempre lucidi ed in partita dall’inizio alla fine, in particolare evitare di distrarci in difesa. Il Crotone ha un finale di campionato molto duro che ci impone di non mollare. Contro l’Inter sarà una partita molto difficile non soltanto dal versante tecnico/tattico ma soprattutto dal versante psicologico. Il Crotone dovrà essere quasi perfetto al cospetto di un avversario di qualità. I cinque punti di distanza dalla quartultima li dobbiamo annullare nelle prossime giornate e questo implica non mollare contro chiunque”.          

 

 

 

I convocati del Crotone per la trasferta di Napoli: le probabili formazioni che schiereranno i tecnici Sarri e Nicola

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 10 Marzo 2017 18:38

Mister Nicola ha reso noto i 23 convocati per la trasferta di Napoli in programma domenica 12 marzo ore 15. Prevista un’ampia partecipazione di tifosi pitagorici sulle gradinate del San Paolo per sostenere i loro beniamini nell’incontro che potrebbe rappresentare l’ultima chance per continuare a sperare nella salvezza. I 23 convocati per la partita di domenica sono: Cordaz, Festa, Viscovo (portieri). Cuomo, Dussenne, Ferrari, Martella, Mesbah, Sampirisi (difensori). Acosty, Capezzi, Crisetig, Barberis, Nalini, Rohden, Sulijc (centrocampisti). Borello, Falcinelli, Kotnik, Simy, Tonev, Trotta (attaccanti). Non convocati i tre difensori Rosi, Ceccherini (squalificati) Claiton infortunato. Inizialmente non dovrebbe fare parte degli undici che scenderanno in campo l’attaccante Simy, motivi tecnici, per fare posto ad Acosty in coppia con Falcinelli. Tra i partenopei non sarà disponibile per infortunio il difensore Tonelli, ma  per effetto del turnover annunciato dal tecnico Sarri non saranno della partita anche Hysaj, Albiol, Gnoulam, Diawara, Insigne. In sostituzione degli assenti Maggio sarà schierato difensore destro, Maksimovic centrale al fianco di Koulibaly, Strinic esterno sinistro, Milik attaccante in mezzo a Collejon e Mertens. Invariato il reparto mediano con il trio Rog, Jorgigno, Hamsik.

Probabili formazioni:

Napoli (4-3-3): Reina, Maggio, Maksimovic, Koulibaly, Strinic, Rog, Jorgigno, Hamsik, Collejon, Milik, Mertens. All. Sarri

Crotone (4-4-2): Cordaz, Sampirisi, Dussenne, Ferrari, Martella, Rohden, Capezzi, Crisetig, Acosty, Stoian, Falcinelli. All. Nicola

 

 

 

Crotone alla ricerca dei primi punti in serie A: le probabili formazioni del match con l'Empoli

Pubblicato in Stadio
Sabato, 10 Settembre 2016 18:16

La terza giornata del campionato serie A tra Empoli e Crotone stadio si disputerà al Carlo Castellani lunedì 12 settembre alle ore 20.30. I rossoblù sono alla ricerca dei primi punti storici nella massima serie. Dubbia la presenza di Simy per motivi fisici. Toscani senza lo squalificato Laurini, l’ex Maiello e potrebbe non recuperare l’attaccante Maccarone

Probabili formazioni:

Empoli (4-3-2-1): Pelagotti, Zambelli, Bellusci, Barba, Buchel, Cosic, Mauri, Croce, Saponara, Pucciarelli, Gilardino. All. Martusciello

Crotone (3-4-3): Cordaz, Ceccherini, Claiton, Ferrari, Rosi, Rohden, Crisetig, Martella, Tonev, Falcinelli, Palladino. All. Nicola

Arbitro: Paolo Valeri (Roma 2)

Coll. Preti - Bindoni

Quarto giudice: Alfonso Marrazzo (Tivoli)

Add. 1 Claudio Gavillucci – Add. 2 Gian Luca Manganiello

Due sconfitte e tre pareggi il bilancio degli ultimi cinque confronti in serie B tra Empoli e Crotone. Nel campionato 2009-2010, terza giornata, ci fu la vittoria (3-1) dei toscani con gol di Saudati (28°), Antonazzo (78°), Coralli (92°), per il Crotone a segno Cutolo (61°). Successivamente finì con tre pareggi (0-0) – (1-1) – (0-0) rispettivamente nei campionati 2010/2011 – 2011/2012 – 2012/2013. Nella stagione 2013/2014 l’ultima volta di Empoli – Crotone, l'incontro è terminato (3-1) in favore dei toscani grazie alla doppietta di Maccarone (19° e 35°) e gol di Verdi (92°), il Crotone a segno con Cataldi (52°). Lunedì prossimo le due squadre saranno di nuovo avversarie e questa volta in serie A nel posticipo della terza giornata. La sfida è già uno spareggio per lasciare l’ultima posizione che entrambe occupano a zero punti. In occasione della prossima trasferta mister Nicola potrà disporre anche di Falcinelli e Trotta (attaccanti); Mesbak (difensore); Crisetig (centrocampista); Cojcaru (portiere) ingaggiati dal Crotone qualche ora prima della chiusura del calciomercato. Non è scontata la presenza di tutti i sopracitati rossoblù tra gli undici che scenderanno inizialmente in campo, di sicuro ci sarà quella di Falcinelli in attacco (Simy non è in perfette condizioni fisiche) e di Crisetig a centrocampo. Trotta invece dovrà vincere la concorrenza del nazionale bulgaro Tonev. Insieme con loro dovrebbero essere schierati il portiere Cordaz, il difensore esterno destro Ceccherini, i difensori interni Claiton a destra e Ferrari a sinistra, l’esterno destro Rosi, il centrocampista Rohden, l’esterno sinistro Martella, l’attaccante Palladino. Mister Martusciello non potrà disporre del difensore Laurini squalificato, del centrocampista ex rossoblù Maiello per motivi fisici e per lo stesso motivo incerta la presenza dell’attaccante Maccarone. Altre incertezze che il tecnico empolese si porta dietro è la scelta tra Dioussi – Mauri; Buchel - Croce. Così mister Nicola in conferenza stampa a due giorni dall’incontro: «Abbiamo allargato la rosa con elementi validi che fanno al caso del Crotone. Siamo numericamente consistenti per affrontare il campionato. Il gruppo è definitivo, ora dobbiamo continuare a crescere. Per quanto riguarda le gerarchie a proposito degli inserimenti (dualismo tra chi era già a Crotone e chi è arrivato a chiusura del calciomercato, ndr) le determino io e poi sarà il campo a stabilire l’idoneità della scelta. Trotta ha delle ottime qualità come punta centrale e seconda punta. Crisetig ha esperienza e tecnica per stare in serie A. Dal versante della preparazione atletica non siamo secondi a nessuna squadra, ma durante la partita dobbiamo correre meglio senza sfilacciarci nei momenti clou. Contro il Genoa abbiamo pagato dazio per questo motivo. In serie A si è puniti al minimo errore. L’Empoli è una squadra con più campionati nella massima serie ed ha elementi come Gilardino e Maccarone che fanno la differenza. I nostri prossimi avversari sono pericolosi negli attacchi in profondità. Li abbiamo studiati e preparate anche le contromosse. Chi avrà più aggressività per l’intera partita potrà conquistare i tre punti. Il sostegno della nostra tifoseria ci manca. È una tifoseria matura e noi dobbiamo dimostrare che si possono fidare della loro squadra».   

   

 

 

L'approccio determinato del Crotone per la prima di serie A. Il mister Nicola: «A Bologna voglio i 3 punti»

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 19 Agosto 2016 19:25

Il tanto atteso debutto del Crotone nella massima serie è alle porte e miglior palcoscenico dello stadio Dall’Ara non poteva esserci per questo primo, importantissimo esame. L’intera Emilia è la residenza per lavoro, o studio di migliaia di crotonesi che in occasione del prossimo incontro invaderanno le varie gradinate dello stadio per sostenere la squadra del cuore. Non solo dall’Emilia, sugli spalti del Dall’Ara ci sarà anche la presenza di tantissimi tifosi rossoblù provenienti da altre Regioni del Nord. Sarà festa grande contro un avversario già conosciuto in serie B in più occasioni i cui risultati finali sul terreno del Dall’Ara sono stati anche favorevoli ai pitagorici. Stagione 2005/2006 vittoria (1-2) del Crotone, stesso risultato (1-2) campionato 2014/2015, vittoria del Bologna (2-0) stagione 2006/2007. In occasione della prossima sfida sarà l’inizio di un'altra storia che le due squadre vorranno iniziare a scrivere a proprio favore. Il Crotone si porta dietro l’eliminazione dalla Tim Cup per opera del Verona mentre il Bologna ha superato il turno battendo (2-0) il Trapani. In occasione della prossima sfida entrambi i tecnici non schiereranno la stessa formazione vista in Tim Cup. Nel Crotone tornano disponibili Sampirisi e Capezzi e nel Bologna potrebbe debuttare il centrocampista Dzemaile neo acquisto. Ex di turno sarà il portiere Mirante, i difensori Gastaldello e Maietta, il centrocampista Crisetig. Tra i rossoblù certo l’impiego di Samy in attacco.

Mister Nicola in conferenza stampa: «Vogliamo i primi tre punti contro un avversario che si è salvato dalla retrocessione la passata stagione ed è guidato da un ottimo allenatore. Noi – ha affermato Nicola – abbiamo lavorato assiduamente nel corso della preparazione. In campo sarà schierata - ha detto il tecnico rossoblù -una formazione che comprenderà i confermati e qualche nuovo arrivato, quelli che hanno più minuti nelle gambe. I miei giocatori dovranno essere capaci di approcciare l’intera partita senza alcuna pausa. Dovranno essere in grado di saper soffrire minuto dopo minuto. Il gruppo a mia disposizione ha qualità morale, fisiche, tecniche per competere contro tutti. Contro il Bologna cerco di recuperare chi non ha giocato in Tim Cup a Verona. Palladino sarà impiegato nel ruolo di esterno non essendo una punta centrale, il suo utilizzo in questo ruolo per necessità, ora è arrivato Simy e sarà lui l’attaccante, anche se, al momento, accusa un po’ di ritardo con la preparazione. La mia squadra non deve sentirsi inferiore a nessun avversario e con il passare delle giornate deve scoprire i propri valori e da questo versante deve essere aiutata da tutto l’ambiente che la circonda. Il Crotone può contare su una solida difesa che da sicurezza e questo rappresenta un valore aggiunto per affrontare il Bologna che ha qualcosa in più potendo contare su giocatori che conoscono da più campionati la serie A».

Le probabili formazioni: Crotone: Cordaz, Ceccherini, Claiton, Ferrari, Tonev, Capezzi, Barberis, Martella, Stoian, Samy, Palladino; All. Nicola. Bologna: Mirante, Kraft, Gastaldello, Maietta, Masina, Taider, Nagy, Donsah, Verdi, Brienza, Di Francesco; All. Donadoni.
Arbitro: Claudio Gavillucci di Latina Coll. De Pinto (Bari) – Liberti (Pisa). Quarto giudice: Di Vuolo (Castellammare di Stabia)   

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}