Rossoblu' sconfitti nel match interno col Verona: da elogiare gli ultimi otto minuti giocati dal Crotone con la difesa a quattro

Pubblicato in Stadio
Sabato, 22 Settembre 2018 23:21

Serie BKT quarta giornata│Il Verona vince la sfida d'alta classifica.

Tabellino.

Crotone   1

Verona    2

Marcatori: Henderson 13°, Colombatto 56°, Firenze 79°

Crotone (3-5-2): Festa, Cuomo, Sampirisi, Marchizza, Faraoni, Rohden, Benali, Firenze, Martella (Stoian), Simy (Spinelli), Nalini. All. Stroppa

Verona (4-3-1-2): Silvestri, Almici, Caracciolo, Marrone, Crescenzi, Laribi (Ragusa), Colombatto, Henderson, Dawdovic, Tupta (Cisse), Matos (Lee). All. Grosso

Arbitro: Juan Luca Sacchi di Macerata

Assistenti: Colarossi - Formato

Quarto giudice: Vigile

Ammoniti: Caracciolo, Laribi, Faraoni,

Angoli: 8 a 5 per il Crotone

Recupero: 1 e 4 minuti

Spett. tot. 5.635 € 44.009; biglietti 1.508 € 14.036; abbonati 4100 rateo € 29.973

La partita.

La sfida tra due formazioni che annoverano nelle proprie fila giocatori di serie A e confermati dalle rispettive società anche in serie B per un'immediato ritorno nella massima categoria, non ha deluso gli spettatori. Fin dai primi minuti si è evidenziato la volontà dei contendenti di fare proprio l'incontro senza particolari tatticismi ma facendo leva sulle proprie capacità tecniche. Terreno di scontro la zona del centrocampo. Avere la meglio in questo settore del campo equivale ad un sicuro successo, al netto di qualche imprecisione offensiva. Mister Stroppa non potendo schierare tra i pali l'infortunato Cordaz, ha inserito Festa al suo posto ed ha fatto giocare inizialmente l'attaccante Simy, autore del gol vittoria a Livorno, in sostituzione di Budimir. Per motivi fisici il tecnico degli scaligeri, Grosso, ha dovuto rinunciare all'attaccante Pazzini (tre gol realizzati contro il Carpi) sostituito al centro della prima linea da Tupta e con riferimento alla formazione della precedente settimana ha lasciato fuori anche Zaccagni ed al suo posto Dawdovic. Le azioni da gol in più occasioni da una parte e dall'altra. Crotone poco reattivo in difesa sulla fascia destra con Cuomo. Il suo diretto avversario spesso lo zuperava in velocità. Nalini solita buona volontà in faze offensiva ma poco preciso nelle conclusioni. Bene ha fatto nella prima parte l'esterno destro Faraoni protagonista di ottimi cross mai sfruttati adeguatamente da Simy. Oltre la sufficienza il centrocampista Benali metronomo nelle giocate. Vantaggio del Verona al tredicesimo minuto con Henderson da fa oevole posizione. Il vantaggio favorisce gli ospiti nel possesso palla anche per poca aggressività dei centrocampisti locali. Il possibile pareggio del Crotone lo fallisce Nalini dopo un assist di Benali al minuto ventisei. Fuori Martella e dentro Stoian ad inizio ripresa.  Crotone più spigliato in fase offensiva ma dura pochi minuti. Il Verona raddoppia al minuto cinquantasei con Colombatto che mette dentro il pallone dopo respinto dal palo su tiro di Topta. Ancora una volta il reparto difensivo troppo distratto sull'azione del secondo gol. Matos Tupta, Laribi, Dawdovic, e Crescenzi sulla fascia sinistra, hanno trainato al successo la propria squadra. La sfida d'alta classifica è stata vinta dal Verona facilitato dalla non buona giornata dei pitagorici. La difesa a tre non ha retto l'urto degli attaccanti veneti fino al minuto ottanta quando la voglia dei pitagorici di pareggiare l'incontro hanno spinto sull'accelleratore. Arriva il gol di Firenze a pochi minuti dal termine che aumenta le speranze del pareggio ma nulla è successo in seguito. Da elogiare gli ultimi otto minuti giocati dal Crotone con la difesa a quattro.

 

 

 

Stroppa vuole dai rossoblu' concentrazione e rapidita': «Velocizzare le giocate e non sbagliare a centrocampo»

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 21 Settembre 2018 18:50

Serie BKT quarta giornata│Crotone-Verona senza gli infortunati Cordaz (Crotone) e Pazzini (Verona). Tutti convocati i pitagorici, anche gli infortunati. Il commento del tecnico Stroppa.

Probabili formazioni:

Crotone (3-5-2): Festa, Cuomo, Sampirisi, Marchizza, Faraoni, Rohden, Benali, Firenze, Martella, Budimir, Nalini. All. Stroppa.

Verona (4-3-1-2): Silvestri, Almici, Caracciolo, Marrone, Crescenzi, Laribi, Colombatto, Henderson, Zaccagni, Gissé, Matos. All. Grosso

Tutti convocati i pitagorici per la prossima sfida sul terreno dell’Ezio Scida, anche coloro in non perfette condizioni fisiche: Barberis, Cordaz, Curado. Mister Stroppa ha voluto che tutti i suoi giocatori stessero assieme durante il ritiro. Crotone in campo senza il portiere Cordaz, Verona privo dell’attaccante Pazzini, è la nota negativa che risalta in occasione del prossimo incontro, per quanto riguarda le presenze in campo. I rispettivi allenatori non vorrebbero mai averli fuori squadra. La personalità dei due giocatori è tale che riescono a trasmettere sicurezza e fiducia ai compagni. Il sostituto di Cordaz tra i pali sarà Festa già a difesa della porta pitagorica nel terzo turno di Coppa Italia contro il Livorno. Per quanto riguarda la sostituzione dell’attaccante scaligero Pazzini, il più accreditato sembra essere Gissé. Crotone che potrebbe scendere in campo con la stessa formazione per la terza partita consecutiva. Squadra che vince non si cambia, e se la regola che afferma: non c’è due senza tre, dopo le due precedenti vittorie contro Foggia e Livorno ottenute con identica formazione, anche contro il Verona non ci dovrebbe essere nessun cambio iniziale tra gli undici pitagorici. «Bene stanno facendo tutti coloro chiamati a scendere in campo – ha affermato mister Stroppa in sala stampa – ed a proposito del Verona ha dichiarato che si tratta di una squadra che pratica un buon calcio per capacità tecnica e voglia di vincere ed assomiglia molto al Crotone.  Gli affronteremo – ha continuato Stroppa – con il giusto piglio per non interrompere la nostra serie positiva.  Sarà una bella partita in considerazione dei buoni giocatori che ci saranno in campo da una parte e dall’altra». Le tre partite ravvicinate che ci saranno in sette giorni a partire da sabato, non fanno cambiare atteggiamento a mister Stroppa per quanto riguarda l’undici da schierare, un eventuale turnover lo prenderà in considerazione dopo l’incontro col Verona. «Non penso ancora – ha detto il tecnico – alla formazione per la partita di Pescara in programma per il prossimo mercoledì, il mio pensiero è tutto concentrato nell’immediato. Domenica mattina faremo i conti di ciò che abbiamo fatto contro il Verona e prepareremo la trasferta di Pescara». Parlando dell’incontro di Livorno, della scorsa giornata, Stroppa ha detto: «Dobbiamo velocizzare le giocate a centrocampo e sbagliare meno passaggi, mettere in condizioni gli avversari di ripartire da metà campo potrebbe essere nocivo per l’incolumità della nostra porta. Occorre mettere in essere i giusti tempi nelle varie giocate». Ed a proposito di chi sta in panchina, mister Stroppa ha precisato: «Le vittorie appartengono a tutti, anche a coloro che stanno in panchina e non creano problemi, ma accettano le scelte del tecnico senza polemiche. Contro il Livorno gran parte del successo è da ascrivere a chi è entrato in corso d’opera. Di Stoian il tecnico pitagorico ha detto: «È un grosso giocatore, somiglia al mio modo di giocare quando ero in attività come calciatore. Col passare delle giornate sarà sempre più decisivo per i successi del Crotone». 

 

 

 

Crotone e Verona si ''contenderanno'' lo Scida: sabato il match che ha gia' il sapore di uno scontro per la Serie A

Pubblicato in Stadio
Giovedì, 20 Settembre 2018 18:56

Serie BKT quarta giornata│Crotone-Verona stadio Ezio Scida sabato 22 settembre ore 15. Tour de force per tutte le squadre con tre partite nei prossimi sette giorni. Intanto, è già tempo di cambi alla guida delle panchine del Carpi e del Brescia. Le vicende giudiziarie sportive, d’altra parte, con squadre da ripescare in serie B e quindi con riflessi sulla serie C, non hanno, al momento, bloccato il campionato. Il tutto è stato rimandato al pronunciamento della sentenza prevista per il nove ottobre. Fino a quella data, di sicuro anche oltre, la serie B andrà avanti con diciannove squadre. La novità della quarta giornata è rappresentata dagli esoneri d’alcuni allenatori per i deludenti risultati ottenuti in precedenza. La pesante sconfitta (4-1) subita dal Carpi in trasferta contro il Verona, è stata la causa delle dimissioni del tecnico emiliano Ghezzi, al suo posto ingaggiato Castori. Cambio di panchina anche per il Brescia, esonerato Souzo e in sua sostituzione è stato chiamato Corini. A differenza delle precedenti, la prossima tornata sarà distribuita su tre giorni a causa del tour de force delle tre partite in sette giorni che si giocheranno a partire da venerdì con Benevento Salernitana (ore 21), chiusura di giornata domenica 23 con Padova-Cremonese (ore 21). Sabato22 ore 15 gli incontri Carpi – Brescia; Lecce – Venezia; Palermo – Perugia; Pescara – Foggia; Spezia – Cittadella; Cosenza – Livorno ore 18. La partita dello Scida tra Crotone – Verona (arbitro Juan Luca Sacchi di Macerata, coadiuvato dagli assistenti Colarossi – Formato, quarto giudice Vigile) sarà uno scontro al vertice tra due squadre retrocesse dalla serie A la passata stagione (terza retrocessa il Benevento) il cui dichiarato intento è tornare nella massima serie a fine stagione. Entrambe non stanno deludendo le attese dei propri sostenitori essendo a ridosso della capolista Cittadella. Ma per quanto riguarda il Verona non è ancora definita la vicenda dei tre punti assegnatigli per il mancato incontro col Cosenza (la partita non si è giocata a causa dell’inidoneità del manto erboso dello stadio San Vito). Entrambe reduci da due significative vittorie: il Crotone in quel di Livorno, il Verona sul proprio terreno contro il Carpi, sabato prossimo daranno vita ad un vero spareggio per rimanere in zona promozione, con la possibilità di agganciare la capolista se questa dovesse steccare a La Spezia. Vita facile gli avversari dei pitagorici non ne hanno mai avuta all’Ezio Scida, per trovare una immeritata vittoria (0-1) degli scaligeri occorre andare a ridosso del campionato 2006/2007, quando  il Verona era allenato dall’ex tecnico della Nazionale Gian Piero Ventura. Il passato campionato in serie A, il doppio confronto tra i prossimi avversari si è concluso con il pareggio a rete inviolate all’Ezio Scida (seconda giornata) e vittoria (0-3) del Crotone sul terreno del Bentegodi. Intanto procede a ritmi serrati la preparazione dei pitagorici presso il centro sportivo Antico Borgo. Come da abitudine, il tecnico Stroppa prepara la partita a porte chiuse l’antivigilia e la vigilia dell’incontro. Da notizie pervenute dalla Fc Crotone, tutto procede nel migliore dei modi per quanto riguarda lo stato di salute dei pitagorici. Di più, a proposito del Crotone, si saprà con la conferenza stampa di venerdì 21 ore 14 quando sarà presente il tecnico Giovanni Stroppa.     

Zenga ringrazia la societa' per gli acquisti: «L'obiettivo e' salvarci prima dell'ultima giornata, Cagliari altra partita fondamentale»

Pubblicato in Stadio
Domenica, 21 Gennaio 2018 17:36

"Voglio ringraziare la societa' per lo sforzo enorme di avermi portato tre giocatori tra giovedi' e venerdi'. La qualita' di Ricci e Banali e l'intelligenza di Capuano hanno fatto si' che oggi abbiamo fatto una prestazione importante, che ci ripaga dalle tre precedenti, dove avevamo fatto bene senza prendere punti". Cosi', ai microfoni di Sky, il tecnico del Crotone, Walter Zenga, commenta il rotondo 3-0 inflitto dai calabresi al Verona. "La semplicita' e' la cosa bella del calcio, fai quello che sai e fallo bene, senza inventarti niente - e' il credo dell'ex portiere di Inter e Nazionale -. Basta mettere i giocatori al posto giusto e dar loro fiducia. Domenica abbiamo un'altra partita fondamentale per noi con il Cagliari: il mio obiettivo e' uscire al piu' presto dalle secche, e' salvarci prima dell'ultima giornata. Qui ci sono giocatori che l'anno scorso hanno messo in frigo il fegato per tirarlo fuori all'ultima giornata, chi c'e' gia' passato sa cosa significa".

Debutto e prestazione super, Ricci: «Ci tenevo tanto a far bene, dedico questo gol a chi mi ha voluto qui a Crotone»

Pubblicato in Stadio
Domenica, 21 Gennaio 2018 17:06

"Ci tenevo tanto a far bene, dedico questo gol a chi mi ha voluto qui a Crotone". Federico Ricci 'bagna' il suo debutto con la maglia calabrese con un gol ed un assist, risultato alla fine il migliore in campo nel match vinto dalla squadra di Zenga per 3-0 contro il Verona al 'Bentegodi'. "Sono contentissimo della partita mia e della squadra - ha detto a Sky l'esterno romano, in prestito dal Sassuolo - Abbiamo conquistato tre punti importantissimi in una gara interpretata al meglio. La salvezza? Dobbiamo continuare a lavorare testa bassa, con questo atteggiamento ci toglieremo belle soddisfazioni".

Ma che bel Crotone! I rossoblu' vincono e divertono al Bentegodi: tre reti al Verona e spettacolo in campo

Pubblicato in Stadio
Domenica, 21 Gennaio 2018 16:52

Serie A 21.esima giornata tre capolavori pitagorici consegnano tre punti d’oro al Crotone. Ricci come ai tempi della promozione in serie A, torna goleador.

Tabellino.

Hellas Verona    0

Crotone            3

Marcatori: 3° Barberis, 55° Stoian, 66° Ricci

Verona (4-2-3-1): Nicolas, Ferrari, Caracciolo, Heurtaux (Pazzini), Fares, Zuculini, Buchel, Romulo, Petkovic, Valoti (Verde), Matos. All. Pecchia

Crotone (4-3-3): Cordaz, Sampirisi, Ceccherini, Capuano, Martella, Barberis, Mandragora, Benali (Crociata), Ricci (Faraoni), Trotta (Budimir), Stoian. All. Zenga                                                        

Arbitro: Gianluca Rocchi di Firenze

Coll. Di Liberatore - Tonolini

Quarto giudice: Luca Pairetto di Torino

Var: Tagliavento -  Avar: Pinzani

Ammoniti: Ricci, Ceccherini, Martella, Fares, Stoian, Capuano

Espulsi: 61° Zuculin

Angoli: 7 a 2 per il Verona

Recupero: 2 e 2 minuti

La partita.

Le mezze misure non si addicono al Crotone del tecnico Walter Zenga. Da quando dirige i pitagorici (16.esima giornata) ha accumulato due successi e quattro sconfitte. La vittoria in occasione della trasferta di Verona, arresta l’emorragia delle tre sconfitte consecutive e rilancia la squadra del presidente Gianni Vrenna oltre il terzultimo posto che significa salvezza. La partita del riscatto, così era considerata la sfida alla vigilia, è stata gestita dagli uomini di mister Zenga con la giusta grinta e attenzione di fronte ad un avversario anche reduce da tre sconfitte consecutive e con una peggiore classifica. Subito in campo i tre nuovi acquisti Capuano in difesa, Benali esterno, Ricci in attacco in sostituzione rispettivamente di Ajeti, Rohden, Budimir. Per il resto della formazione, in campo gli otto/undicesimi che avevano giocato contro il Milan prima del riposo. È stata un’ottima scelta quella operata sulla formazione da mister Zenga, soprattutto per come il Crotone ha giocato il primo tempo. Benali centrocampista e Ricci sulla fascia destra, entrambi con il compito di rafforzare il centrocampo in fase di ripiegamento, hanno messo la museruola alle pretese del Verona. Anche mister Pecchia non ha rinviato ad altra data l’utilizzo dei nuovi Petkovic e Matos inserendoli al posto di Caceres e Bessa. Altre novità in casa del Verona l’impiego di Matos in attacco e Valoti a centrocampo in sostituzione di Kean e Verde. Le mosse di Pecchia ed il nuovo modulo predisposto si sono però palesati senza alcun pericolo per il Crotone. Il pitagorico Ricci impegna Nicolas con un tiro da fuori area già al primo minuto. Il capolavoro del primo tempo lo realizza al terzo minuto Barberis che mette dentro il pallone alla destra del portiere. Gol realizzato in seguito a calcio di punizione dal limite. Primo gol stagionale del pitagorico. La punizione era stata decretata per fallo su Trotta. La qualità di Benali a centrocampo, la grinta e la tecnica sulla fascia di Ricci, le armi migliori che hanno messo sotto il Verona nella prima parte. È ancora Crotone nella ripresa nonostante l’entrata in campo di Pazzini in sostituzione di Heurtaux. Lo show di Benali a centrocampo e la prestazione dello sgusciante Ricci sulla fascia destra sono una sicurezza per il Crotone. Al minuto cinquantacinque il raddoppio di Stoian (primo gol stagionale) dopo una triangolazione con Ricci. Secondo cambio tra le fila del Verona, fuori il centrocampista Valoti alquanto lento, per fare posto a Verde. L’espulsione diretta di Zuculin, minuto sessantuno, complica la possibilità di rimonta dei veneti. La giornata si rivela clou per i pitagorici a suon di gol con la terza segnatura di Ricci che rappresenta il capolavoro del pomeriggio calcistico. Gol realizzato in ripartenza con un perfetto tiro in diagonale effettuato quando il giocatore era giunto nei pressi dell’area di rigore. Budimir rileva il bravo Trotta che ha saputo tenere alta la squadra. Mister Zenga lo aveva detto fin dal suo arrivo a Crotone, la squadra deve migliorare in qualità, se questo avverrà, la salvezza sarà un obiettivo facilmente raggiungibili. Contro il Verona la conferma che la squadra pitagorica con gli arrivi di Capuano, Benali, Ricci, ha elevato la qualità. Seconda vittoria in trasferta dopo quella di Bologna alla dodicesima giornata e primi punti conquistati fuori dallo Scida da mister Zenga da quando è arrivato nella città di Pitagora. Prossima giornata, Crotone in casa contro il Cagliari. Ed a proposito di calciomercato la società non ha escluso un altro colpo grosso a chiusura di mercato.        

 

Federico Ricci torna in ''casa'' Crotone: presentato l'ultimo acquisto dei rossoblu'. Zenga concentrato sulla trasferta di Verona

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 19 Gennaio 2018 12:23

Serie A 21.esima giornata Verona – Crotone domenica 21 gennaio ore 15.00 stadio Bentegodi. Presentato alla stampa Federico Ricci arrivato al Crotone in prestito. Tra i locali assente lo squalificato Bressa.
Probabili formazioni:
Verona (4-4-2): Nicolas, Ferrari, Heurtaux, Caracciolo, Caceres, Romulo, Buchel, Cerci , Fares, Verde, Kean. All. Pecchia
Crotone (4-3-3): Cordaz, Sampirisi, Aietj, Ceccherini, Martella, Rohden, Mandragora, Barberis, Trotta, Budimir, Stoian. All. Zenga
Arbitro: Gianluca Rocchi di Firenze
Coll. Di Liberatore - Tonolini
Quarto giudice: Luca Pairetto di Torino
Var: Tagliavento - Avar: Pinzani
Tutte le squadre, indipendentemente dalla posizione che occupano in classifica, cambiano volto in occasione del calciomercato con l’arrivo di altri giocatori. Il Crotone non sta trascurando questo fatto e, dopo Capuano e Benali, è arrivato con la formula del prestito anche Federico Ricci. “Trattativa non facile da concludere - ha annunciato il dg Raffaele Vrenna – giacché il giocatore di proprietà del Sassuolo era in prestito al Genoa che non intendeva privarsene, alla fine siamo riusciti a portarlo a Crotone per consegnare a mister Zenga un altro giocatore di indiscusso valore che darà un grosso apporto per centrare la salvezza”. Intanto proseguono gli allenamenti in previsione della prossima trasferta di domenica in quel di Verona. Ed a tal proposito, spareggio salvezza può ostico non poteva esserci per Verona e Crotone in considerazione della classifica. Entrambe in zona retrocessione dovranno lottare con il “coltello” tra i denti per conquistare i tre punti e scavalcare la terzultima posizione. La società pitagorica in occasione del calciomercato invernale come già detto sta cambiando l’organico a disposizione di mister Walter Zenga. Ceduti Oliver Kragl, Andrej Kotnik, Leonardo Cabrera, ingaggiati Marco Capuano (difensore) Ahmad Benali (centrocampista) Federico Ricci (attaccante). L’intento della società con queste operazioni in entrata e uscita è quello di rendere più competitiva la squadra nella seconda parte del campionato. Contro i veneti di mister Fabio Pecchia la presenza dei nuovi, almeno inizialmente, è da escludere essendo arrivati a Crotone da qualche giorno e mister Zenga prima di inserirli in formazione vuole sincerarsi bene delle loro condizioni fisiche. Faranno però parte di coloro che siederanno in panchina. Ciò significa che i più accreditati ad affrontare i veneti saranno gli stessi undici schierati contro il Milan prima del riposo. Coppia d’attacco sarà ancora Trotta, Budimir, con Stoian a fare il pendolino come esterno sinistro e centrocampista interno per rafforzare il trio di centrocampo in fase di ripieganmento. Tra i locali una sola novità rispetto alla precedente formazione, non ci sarà lo squalificato centrocampista Bressa al cui posto sarà schierato Cerci con il compito di stare alle spalle del tridente formato da Fares, Verde, Kean. Anche mister Pecchia ha optato di portare in panchina i due nuovi attaccanti, Petrovic e Matos prelevati rispettivamente dal Bologna e dall’Udinese. Il commento di Walter Zenga a proposito dei nuovi arrivi e della partita contro il Verona. “Si riprende dopo la pausa e questa è già una buona notizia. Per quanto riguarda i nuovi arrivi sono più che soddisfatto. La società ha esaudito le mie richieste. Dovevamo elevare la qualità della squadra – ha dichiarato Zenga – e questo è avvenuto. Nel calcio occorre qualità per essere competitivi. Se ciò non esiste è un grosso handicap per centrare un certo obiettivo”. Per quanto riguarda altri eventuali arrivi mister Zenga ha dichiarato: “Nel Crotone ci sono Nalini e Tumminello che si stanno riprendendo dai rispettivi infortuni ed a breve saranno disponibili per essere anche impiegati. Se poi capita l’occasione di fare il colpo grosso prima della chiusura del mercato la società è ben disposta a farlo”. Del Verona il tecnico pitagorico ha affermato: “Giochiamo una partita difficile che non deve impedirci di fare punti, il girone di ritorno è ancora lungo e va gestito bene. I nostri prossimi avversari sono di qualità allenati da un ottimo tecnico che conosce bene la categoria. “Noi non siamo da meno – ha continuato a dire Zenga – e lo abbiamo dimostrato nelle ultime partite contro Milan, Napoli, Lazio che pur senza conquistare punti abbiamo giocato un buon calcio ed alla distanza la qualità paga sempre. Contro il Verona il trio d’attacco sarà ancora trotta a destra, Budimir centrale, Stoian a sinistra. Conferma anche per quanto riguarda il centrocampo e difesa”. Le dichiarazioni di Federico Ricci: “Felice di essere tornato al Crotone dove ho maturato come giocatore nei campionati in cui ho indossato la maglia rossoblù. Ho avuto qualche problema fisico ma adesso sono in perfette condizioni fisiche. La serie A è il campionato che tutti i calciatori vorrebbero giocare. Io la categoria l’ho conquistato sul campo con la maglia del Crotone e se sono di nuovo qui perché intendo contribuire a mantenerla”.

Crotone-Verona le pagelle: attaccanti poco incisivi, portieri a riposo...

Pubblicato in Stadio
Lunedì, 28 Agosto 2017 17:29

Crotone (4-4-2):

6 Cordaz, poco impegnato dagli avversari per tutto l’arco della gara, resta una sicurezza per il reparto difensivo.

6 Faraoni, regge molto bene la sua area annullando le poche incursioni del suo avversario. (31' st Crociata 6)

6 Cabrera, nei momenti di difficoltà il suo apporto è stato di grande aiuto ai suoi compagni.

6 Sampirisi, ha coperto la sua fascia nel migliore dei modi.

6 Martella, conferma le sue qualità dando un buon apporto al centrocampo

7 Ajeti ottimo il suo debutto in campionato.

6 Mandragora, elegante nel gioco combattivo fino all’ultimo. Nel finale subisce un duro colpo alle ginocchia.

6 Barberis, molti dei suoi interventi hanno permesso d’interrompere l’offensiva degli avversari. Protagonista di un tiro lambendo il legno della porta avversaria.

6 Stoian, Si sa dotato di raffinata tecnica ma si attarda nei dribbling rallentando il gioco. Viene sostituito nel seconda fase di gioco per ragione fisiche. (22' st Kragl 6)

6 Trotta, sempre presente ma impreciso nelle conclusioni. (35' st Simy 6)

6 Budimir, Particolarmente attivo nella prima fase spesso in tandem con trotta ma spento nella parte finale della partita

All. Nicola 6

Verona (4-3-3):

6 Nicolas, ha subito qualche spauracchio ma nulla d’importanza, per il resto da notare un salvataggio pericoloso da lunga distanza.

5,5 Souprajen, ha dato il suo apporto in maniera concreta.

5,5 Caceres, anche lui come gli altri suoi colleghi ha retto la difesa della propria porta.

6 Ferrari, merita la sufficienza per aver contrastato in maniera adeguata le folate centrocampisti pitagorici.

5 Fares, si è adeguato al ritmo della partita. (22 st Valoti 5)

6 Romulo, prezioso il suo apporto in interdizione con gli altri difensori veronesi.

6 Zaculini, ordinato nella manovra in regia con gli altri.

6 Cerci, Tecnicamente dotato ma pochi palloni giocati nel secondo tempo viene sostituito da Pazzini. (17' st Pazzini 5)

5,5 Buchel, giocatore elegante dotato di una calma che lo ha reso molto utile alle manovre del gioco, anche se molto lente per la verità. Bravo nell’anticipare l’avversario. Sostituito al 77’ da Valori. (32' st Zaccagni 5)

5 Verde, Spento in fase offensiva ha registrato qualche momento di stanca ma tutto sommato ha fatto la sua parte.

6 Bessa. Partito bene nella prima fase si è spento nel corso della parte finale

All. Pecchia 6

 

Arbitro: Marco Guida di Torre Annunziata 6

Coll. Sergio Ranghetti (Chiari) – Marco Zappatore (Taranto)

Quarto giudice: Antonio Di Martino di Giulianova

Addetti alla VAR: Tagliavento - Forneau

Primo punto nel campionato di Serie A per il Crotone: finisce però a reti inviolate lo scontro col Verona

Pubblicato in Stadio
Domenica, 27 Agosto 2017 23:09

Serie A seconda giornata, pareggio a reti inviolate tra Crotone e Verona. Partita senza acuti. Un minuro di raccoglimento per le vittime del terremoto di Ischia.

Tabellino.

Crotone  0

Verona   0

Crotone (4-4-2): Cordaz, Faraoni (Crociata), Cabrera, Sampirisi, Martella, Ajeri, Barberis, Mandragora, Stoian (Kragl), Trotta (Simy), Budimir. All. Nicola

Verona (4-3-3): Nicolas, Caceres, Ferrari, Zuculin B, Suprayen, Romulo, Buchel (Zaccagni), Bressa, Cerci (Pazzini), Fares (Valoti), Verde. All.Pecchia

Arbitro: Marco Guida di Torre Annunziata

Ass. Sergio Ranghetti (Chiari) - Marco Zappatore (Taranto)

Quarto giudice: Antonio Martino di Giulianova

Addetti alla VAR: Tagliavento - Forneau

Ammoniti: Verde, Martella,

Angoli: 3 a 2 per il Verona

Recupero: 4 minuti nella ripresa

Spettatori 9.158 € 156.478,00

La partita.

Conquistare il primo risultato positivo sul terreno dell'Ezio Scida e cancellare lo zero in classifica, era l'obiettivo che i pitagorici si erano prefissato alla vigilia della sfida contro il Verona. Al termine dei novantaquattro minuti, non cade l'imbattibilità esterna dei veneti che dura da otto giornate. Il Crotone non incamera i primi tre punti stagionali dopo una prestazione collettiva appena sufficiente. Qualche assenza forzata e le non perfette condizioni fisiche evidenziate da alcuni pitagorici scesi in campo, hanno influito sul risultato finale. "Una formazione alla fine riusciremo a comporla, aveva detto alla vigilia dell'incontro mister Nicola con riferimento ad eventuali assenze". Squalificato Ceccherini, non recuperabili fisicamente l'attaccante Tonev e l'esterno Nalini, stop di Rohden e Izco durante la rifinitura, dentro Sampirisi, Ajeti (debutto in campionato). Rispetto alla prima giornata anche mister Pecchia ha presentato una diversa formazione senza Heurtaux, Zaccagni ed ancora fuori Pazzini inizialmente in panchina. Gli undici schierati in perfetta sintonia fin dall'inizio dettano i tempi delle giocate. Trotta e Budimir in più occasioni hanno graziato il portiere avversario. L'occasione netta sui piedi di Mandragora. Al minuto quinto il pitagorico dopo aver ricevuto in area l'assist da Trotta non è riuscito a mettere dentro il pallone. Verona poco incisivo in area del Crotone e distratto in difesa. Un giocatore come Pazzini deve essere in campo fin dall'inizio. Il vantaggio il Crotone continua a cercarlo anche nei minuti iniziali della ripresa. L'occasione si presenta almminuto cinquantadue in seguito ad una punizione dal limite per fallo di Fares, per l'occasione ammomito. Dagli sviluppi della punizione Budimir colpisce bene di testa ma manda il pallone fuori. Il gol il Crotone lo realizza con Trotta al minuto sessantatre annullato per carica al portiere. L'ingresso in campo di Pazzini ravviva le giocate degli ospiti essendo il giocatore punto di riferimento dei compagni. Le sostituzione operate dal tecnico Nicola non hanno elevato l ritmo delle giocate pitagoriche. Kragl, Crociata, Simy nulla di trascendentale. L'uomo squadra nel Crotone ancora non esiste. Il punto conquistato fa classifica e contro il Verona giunto nella città di Pitagora con l'intento di uscire imbattuto dallo Scida non è da sottovalutare. Mister Nicola ha ancora molto da lavorare per portare i suoi uomini ai ritmi del campionato.

 

 

 

 

Crotone-Verona: pitagorici senza Ceccherini (squalificato) e Tonev (motivi fisici). Dubbi anche per Rohden e Nalini

Pubblicato in Stadio
Venerdì, 25 Agosto 2017 19:12

Serie A seconda giornata Crotone-Verona stadio Ezio Scida domenica 27 agosto ore 20.45. Pitagorici senza il difensore Ceccherini (squalificato) e l’attaccante Tonev per morivi fisici. Dubbi anche per Rohden e Nalini. Tra gli ospiti incerta la presenza di Pazzini (disaccordo con il tecnico) e Ferrari.

Probabili formazioni:

Crotone (4-4-2): Cordaz, Faraoni, Cabrera, Sampirisi, Martella, Rohden, Barberis, Mandragora, Stoian, Trotta, Budimir. All. Nicola

Verona (4-3-3): Nicolas, Souprajen, Caceres, Valoti, Heurtaux, Romulo, Zaccagni, Buchel, Bessa, Verde, Cerci. All. Pecchia

Arbitro: Marco Guida di Torre Annunziata

Coll. Sergio Ranghetti (Chiari) – Marco Zappatore (Taranto)

Quarto giudice: Antonio Di Martino di Giulianova

Addetti alla VAR: Tagliavento - Forneau

L’ultima volta di Crotone-Verona all’Ezio Scida è stata in occasione della dodicesima giornata del campionato di serie B 2012/2013. Fu un incontro infrasettimanale (martedì 30 ottobre ore 20.45) terminato in parità (3-3). Gli ultimi due gol, uno per parte, realizzati al 90° e 93° rispettivamente dallo scaligero Juanito e dal pitagorico Maiello. Lo scorso campionato Crotone e Verona, neopromosse rispettivamente in serie A e B, furono ancora avversari sul terreno del Bentegodi per evadere il terzo turno di Tim Cup. Ha avuto la meglio (2-1) la squadra veneta. Domenica prossima, le due compagini saranno di nuovo avversari sul terreno dello Scida, ma per la prima volta nella massima serie. Entrambe si portano dietro la sconfitta casalinga subìta nella prima giornata con tre gol al passivo contro Milan e Napoli. Non chiamiamolo scontro da ultimo posto, il campionato è ancora all’inizio ed il Crotone ha molto da recriminare per ciò che è accaduto contro il Milan a proposito dell’espulsione di Ceccherini dopo appena due minuti di gioco. Domenica il difensore non sarà in campo essendo squalificato. Al suo posto potrebbe esserci Sampirisi. Assente, ma per motivi fisici, l’attaccante Tonev e questo lascia spazio alla conferma del duo d’attacco Trotta-Budimir, con qualche chance per Simy. Altre novità non sono da escludere a centrocampo a causa delle non buone condizioni fisiche di Rohden. In ogni caso mancano ancora due giorni all’inizio dell’incontro per un eventuale recupero degli acciaccati. Tra gli ospiti esiste il caso sorto tra Pazzini ed il tecnico Pecchia. Il giocatore contro il Napoli è subentrato in corso d’opera e dopo aver realizzato il rigore ha reagito in modo polemico nei confronti del suo allenatore. Domenica Pazzini dovrebbe partire ancora dalla panchina, se il giocatore accetterà di sedersi. Altri indisponibili tra le fila del Verona Bianchetti, Brosco, Ferrari, Zuculini. Alla vigilia del prossimo incontro con il Verona mister Davide Nicola ha dichiarato: «Domenica non mancheranno le assenze, sono parecchie, ma alla fine riusciremo ad allestire la formazione da mandare in campo contro un avversario di tutto rispetto». Per quanto riguarda il difensore centrale Ajeti, non ancora utilizzato in campionato, il tecnico ha affermato che «si tratta di un giocatore da scoprire, essendo arrivato con una preparazione diversa a causa dell’infortunio». Problemi esistono per l’esterno Nalini per un suo eventuale impiego non essendosi allenato l’intera settimana.

Pagina 2 di 2

Seguici su

Redazione

Indirizzo: Uffici e Redazione 88900 CROTONE (KR) Via San Francesco, 6 Pal.8

Tel: +(039) 0962.1920909 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stadio RossoBlù - Supplemento alla testata La Provincia Kr di Antonio Carella|FONDATO NEL 1994


Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}